Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 17 Agosto 2017

Si infiamma la polemica verso la manifestazione della Lega a Napoli

Continua la bagarre in vista della visita del leader della Lega a Napoli, in programma l’undici marzo prossimo. E intanto piovono nuovi attacchi da parte del sindaco Luigi De Magistris che accusa Salvini di dichiarazioni “criminali e nazifasciste”.

Che la manifestazione leghista a Napoli avrebbe comportato proteste e polemiche era più che prevedibile. Come riporta il quotidiano il Giornale : Tutto è esploso quando il consigliere comunale Eleonora De Majo, eletta nelle fila della civica di De Magistris ha ingaggiato un durissimo scontro con Salvini dopo i fatti di Bologna in cui l’ha bollato come “bastardo”. A ciò, Salvini ha replicato tacciandola di maleducazione e affermando che il suo comportamento le faceva pena e non paura.

La visita di Salvini a Napoli, in programma l’11 marzo, potrebbe far presagire incidenti di piazza. Il pericolo di scontri è concreto. E a evidenziarlo sono gli stessi militanti dei centri sociali. «Non assicuriamo un corteo pacifico in occasione della venuta di Salvini qui a Napoli - ha detto Pietro Spaccaforno del Centro sociale Insurgencia - speriamo in un corteo colorato e partecipato, ma che abbia anche un senso di conflitto verso chi porta odio nelle città italiane». 

Come riporta il Corriere del Mezzogiorno i centri sociali stanno preparando la loro accoglienza a Matteo Salvini.Secondo Pietro Spaccaforno, esponente di Insurgencia : "Proviamo a connotarla rispetto a un andazzo nazionale che strizza l’occhiolino a Le Pen e a Trump e ad alcuni personaggi ambigui come Salvini e la sua Lega. De Magistris ha dichiarato quello che pensa la pancia della città e cioé che Salvini e i suoi non sono benvenuti”.

La risposta del leader della Lega non si è fatta attendere. «Leggo che i centri sociali di Napoli si stanno riunendo per decidere come evitare che il razzista Salvini venga a Napoli. Beh, non lo evitate. Io ci vengo, poi se ci sono proteste pacifiche siamo in democrazia, ma se pensate di farmi paura avete sbagliato». 

Infatti il sindaco s’è espresso, qualche giorno fa, in termini durissimi nei confronti del leader della Lega: “Noi faremo valutazioni sull’iniziativa che avrebbe annunciato Matteo Salvini. Le sue affermazioni sono di evidente impronta nazifascista, parlare di pulizia di massa e di prendere le persone strada per strada evoca comportamenti di natura criminale, oltre che razzista. Napoli è la capitale della Quattro Giornate, prima città d’Europa che con una rivolta di popolo prese a calci nel sedere l’esercito più potente del mondo, perciò metteremo in campo le iniziative adeguate rispetto alle provocazioni di Salvini”.

Alle accuse di De Magistris, proprio il leader della Lega aveva risposto dal suo profilo di Facebook: “Il sindaco insiste ancora su di me. Da vero democratico quale sono, l'11 marzo a Napoli, le porte del Teatro Mediterraneo saranno aperte anche per il sindaco. Non ho certo paura delle minacce e degli insulti di un chiacchierone di sinistra”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI