Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 03 Marzo 2024

L'I.C. Papanice investe i…

Mar 01, 2024 Hits:184 Crotone

Presentato il Premio Nazi…

Feb 21, 2024 Hits:452 Crotone

Prosegue la formazione BL…

Feb 20, 2024 Hits:422 Crotone

Si firmerà a Crotone il M…

Feb 14, 2024 Hits:641 Crotone

Le opere del maestro Affi…

Feb 07, 2024 Hits:731 Crotone

Il patrimonio della …

Gen 24, 2024 Hits:1112 Crotone

Book Baby Boom: inizia un…

Gen 19, 2024 Hits:1202 Crotone

Alla Frassati inaugurata …

Nov 07, 2023 Hits:2531 Crotone

Confedilizia: potenziare il sostegno agli affitti commerciali

“L’on. Luigi Marattin, relatore sul decreto rilancio, riferisce che la maggioranza sta cercando in queste ore un accordo con l’opposizione – fra l’altro – sulla questione degli affitti commerciali.

Auspichiamo che questo confronto possa concludersi con un potenziamento del credito d’imposta del 60 per cento previsto dall’articolo 28 attraverso un incremento delle mensilità interessate (attualmente circoscritte a marzo, aprile e maggio). L’esperienza di queste prime settimane dopo la riapertura, infatti, dimostra perfettamente come la ripresa delle attività sia molto rallentata.

E’ urgente, inoltre, emanare il previsto provvedimento dell’Agenzia delle entrate per consentire la cessione del credito, in primis al locatore.

 Il credito d’imposta è comunque una misura finalizzata ad attenuare le difficoltà nel periodo più critico. In aggiunta, come abbiamo detto a Villa Pamphilj durante gli Stati generali, c’è bisogno di interventi per accompagnare la ripresa, come la riduzione della tassazione sui redditi da locazione, la cui gravosità rappresenta un ostacolo decisivo allo sviluppo delle attività commerciali.

La via maestra, per raggiungere questo obiettivo, è prevedere una cedolare secca per tutti i contratti di locazione ad uso non abitativo. In alternativa, potrebbe essere introdotta – in analogia con quanto efficacemente in essere per gli affitti abitativi “concordati” – una cedolare del 10 per cento, accompagnata da un abbattimento del 25 per cento dell’Imu, in caso di riduzione del canone del 20-25 per cento rispetto a quello previsto in contratto.

E’ indubbio che le attività economiche si salvano se si salvaguardano le imprese e le famiglie che svolgono l’importantissima funzione economica e sociale dell’affitto.  

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI