Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 29 Febbraio 2024

Presentato il Premio Nazi…

Feb 21, 2024 Hits:357 Crotone

Prosegue la formazione BL…

Feb 20, 2024 Hits:328 Crotone

Si firmerà a Crotone il M…

Feb 14, 2024 Hits:545 Crotone

Le opere del maestro Affi…

Feb 07, 2024 Hits:670 Crotone

Il patrimonio della …

Gen 24, 2024 Hits:1053 Crotone

Book Baby Boom: inizia un…

Gen 19, 2024 Hits:1143 Crotone

Alla Frassati inaugurata …

Nov 07, 2023 Hits:2476 Crotone

Book Baby Boom: una nuova…

Ott 25, 2023 Hits:2727 Crotone

'Aumentati i rimpatri. Grande rischio terrorismo in Europa'

"Non vedo grandi problemi al trilogo, i legislatori non sono sulla stessa linea ma l'atmosfera è serena, sono fiduciosa che raggiungeremo un accordo".
Lo ha detto la commissaria europea agli Affari Interni, Ylva Johansson, arrivando al Consiglio Internazionale dell'Ue e Bruxelles.
"Abbiamo poi rafforzato significativamente la nostra azione sui rimpatri e oggi illustrerò ai ministri cinque misure concrete".
"Con il deterioramento della situazione nel Medio Oriente e l'arrivo delle festività c'è un grande rischio di attacchi terroristici in Europa e questo sarà uno dei putni più importanti affrontati oggi dal Consiglio: aggiungiamo 30 milioni di euro per la protezione dei luoghi di culto", ha aggiunto la commissaria Johansson.

Intanto Hamas potrebbe aver tentato di trarre profitto dall'assalto del 7 ottobre contro Israele, sfruttando la conoscenza anticipata dell'attacco per vendere allo scoperto società israeliane nei giorni precedenti al massacro.
A sostenerlo è uno studio pubblicato sulla rivista Ssrn da Robert J.

Jackson Jr. della New York University School of Law e Joshua Mitts della Columbia Law School, secondo cui i trader che apparentemente avevano conoscenze approfondite hanno guadagnato miliardi di dollari.

"Abbiamo documentato un picco significativo nelle vendite allo scoperto nel principale ETF (fondo scambiato in borsa) di società israeliane giorni prima dell'attacco di Hamas del 7 ottobre", afferma lo studio. "Le vendite allo scoperto quel giorno hanno superato di gran lunga quelle avvenute durante numerosi altri periodi di crisi, tra cui la recessione seguita alla crisi finanziaria, la guerra Israele-Gaza del 2014 e la pandemia di Covid-19. Allo stesso modo, abbiamo identificato aumenti delle vendite allo scoperto prima dell'attacco in decine di società israeliane quotate a Tel Aviv", continua il documento.

Intanto il parlamento di Ankara ha approvato l'estensione del mandato per inviare soldati turchi in Libia per altri 24 mesi, a partire dal 2 gennaio del 2024, e la decisione è stata pubblicata nella gazzetta ufficiale.

Citando "preoccupazione per la Libia e per l'intera regione" a causa del fatto che "nel Paese non si possano ancora tenere elezioni" e non sia possibile avere un cessate il fuoco permanente, l'assemblea parlamentare turca ha deciso di rinnovare il mandato per l'invio di truppe per continuare "a fornire sostegno formativo e di consulenza che contribuirà alla sicurezza della Libia", riferisce la tv di Stato Trt.

Il mandato per inviare truppe in Libia era stato approvato per la prima volta dalla Turchia nel 2020 ed è stato successivamente sempre rinnovato anche se con questa decisione il parlamento turco ha per la prima volta esteso il mandato per un periodo di 24 mesi

Il Cremlino ha confermato che il presidente Vladimir Putin si recherà domani in visita in Arabia Saudita e negli Emirati arabi uniti.Al centro dei colloqui, tra l'altro, il conflitto israelo-palestinese e il mercato del petrolio.Lo riferiscono le agenzie russe.Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha confermato anche che giovedì, il giorno dopo le visite di Putin in Arabia Saudita e negli Emirati, il presidente riceverà al Cremlino il suo omologo iraniano, Ebrahim Raisi.

Accordo fatto fra i governi di Londra e Kigali per tentare di salvare il contestatissimo piano Ruanda - sul trasferimento in Africa a scopo dissuasivo di quote di migranti sbarcati illegalmente in Gran Bretagna e in attesa di risposta a richieste di asilo nel Regno - bocciato il mese scorso dalla Corte Suprema di britannica.

La firma, preannunciata ieri, è stata messa oggi nella capitale ruandese da James Cleverly, ministro dell'Interno della compagine di Rishi Sunak, e dalla sua controparte locale. Il nuovo accordo prevede tra l'altro l'invio di avvocati britannici nel Paese africano, in funzione di garanti delle tutele minime e dei diritti essenziali assicurati dalla normativa del Regno a coloro che dovranno esservi trasferiti. La speranza dell'esecutivo Tory è che questo basti ad aggirare le obiezioni dei giudici. Il testo aggiornato, secondo Cleverly, "risponde alle preoccupazione della Corte" offrendo fra l'altro una garanzia scritta sul fatto che "il Ruanda non espellerà verso altri Paesi nessuna delle persone trasferite nel quadro del partenariato" bilaterale con Londra.

Fonte ansa e varie agenzie

 

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI