Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 05 Febbraio 2023

Istituto S. Anna e Coni i…

Feb 02, 2023 Hits:144 Crotone

Al Nautico laboratori con…

Gen 26, 2023 Hits:339 Crotone

Parte il progetto "M…

Gen 21, 2023 Hits:433 Crotone

Virtuosità tecnica, liris…

Gen 21, 2023 Hits:418 Crotone

La pizza Crotonese a Sanr…

Gen 07, 2023 Hits:736 Crotone

Maria Taglioni: è' tornat…

Gen 07, 2023 Hits:721 Crotone

Per gli "Amici del t…

Gen 07, 2023 Hits:745 Crotone

PMI DAY 2022: Studenti in…

Gen 07, 2023 Hits:690 Crotone

Obama tifa Renzi: il "Sì" al referendum aiuterà l'Italia

Obama, accogliendo Renzi al suo arrivo alla Casa Bianca con la moglie Agnese, ha lodato il premier italiano. "Buongiorno, e' l'ultima visita e cena di Stato che faccio da presidente. Abbiamo tenuto il meglio per la fine", ha esordito il presidente americano. Con l'Italia "patti chiari e amicizia lunga", ha aggiunto

"Mi considero italiano onorario", ha detto Obama ricordando i suoi viaggi in Italia con Michelle. "Amiamo il vino, il cibo, Sophia Loren", ha tenuto a sottolineare Obama. "Sono particolarmente grato per la partnership con il mio buon amico Matteo Renzi", ha detto Obama, "guardatelo: e' giovane, e' bello, ha lanciato una visione di progresso che non affonda le sue radici nelle paure della gente ma nelle loro speranze".

Renzi dal canto suo ha risposto esprimendo grande stima: "Con te, Mister Presidente, la storia si e' fatta". Dopo questa accoglienza in pompa magna c'è stata tra i due leader una calorosa stretta di mano nello studio ovale e un bilaterale.

"Paolo Gentiloni è uno dei migliori colleghi che si possa avere ed è un amico": lo ha detto il capo della diplomazia americana John Kerry durante il pranzo al Dipartimento di Stato con il premier Matteo Renzi, al quale hanno partecipato lo stesso Gentiloni e il vicepresidente Joe Biden. Al tavolo principale anche Susan Rice, consigliera per la sicurezza nazionale, l'ex segretario di Stato Colin Powell - con cui Gentiloni si è intrattenuto a lungo - e altri membri del governo Usa come il ministro dell'Energia Ernest Moniz e stretti collaboratori di Obama, come Valerie Jarrett.

"Sta facendo le riforme in Italia, a volte incontra resistenze e inerzie ma l'economia ha mostrato segni di crescita, anche se ha ancora tanta strada da fare", ha detto il presidente americano alla Casa Bianca dopo il bilaterale tra i due leader. Il Sì al referendum del 4 dicembre può "aiutare l'Italia verso un'economia più vibrante" ma Renzi, ha proseguito Obama, "deve restare in politica" a prescindere dal risultato del voto poiché rappresenta "una nuova generazione di leader non solo in Italia ma in Ue e nel mondo". "Non ci sarà nessun cataclisma se vince il No", ha poi commentato Renzi.  Il presidente americano, ribadendo la sua gratitudine per la forte alleanza con l'Italia, ha anche rivolto un pensiero ad Amatrice e alla ricostruzione post-terremoto. 

"Penso - ha aggiunto - che l'Europa possa e debba fare di più. L'Italia considera l'esempio americano come il punto riferimento per questa battaglia". Obama ha poi detto che "Matteo ha ragione quando dice che l'Italia ha mantenuto la sua parole rispetto all'Ue sulle riforme e l'Ue deve trovare il modo per crescere più rapidamente". Renzi ha affermato di accettare le regole Ue "talvolta un po' a malincuore. Vorremmo regole diverse ma finché non cambiano le rispettiamo".

I due leader hanno parlato anche di politica estera. Quella di "Mosul sarà una lotta difficile" ma "l'Isis sarà sconfitta", ha detto Obama. "Mentre qualcuno sceglie l'odio e la cultura dell'intolleranza, noi vogliamo scommettere sulla libertà, sulla nostra identità e i nostri ideali", ha ribattuto Renzi. Il presidente americano ha anche ringraziato l'Italia "per il suo ruolo chiave nella coalizione contro l'Isis".

La coppia presidenziale ha poi offerto a Renzi ed alla moglie Agnese la 'State dinner', massimo omaggio che l'amministrazione Usa riconosce ai capi di Stato e di governo. Un assist a Renzi anche in vista dell referendum di dicembre che il capo del governo italiano ha valorizzato portando con se' alcuni simboli del Belpaese, da Benigni ad Armani, da Giusi Nicolini a Bebe Vio. 

Agnolotti di patate dolci con burro e salvia, insalata di zucca, braciole di manzo con colatura di rafano e friarielli. E' un omaggio a piatti italiani, rivisitati con verdure dell'orto della Casa Bianca, il menu' che lo chef Mario Batali ha servito nella cena di stato offerta da Barack e Michelle Obama al premier Matteo Renzi e alla moglie.

I colori caldi dell'autunno, bouquet rosa e gialli, abbelliranno i tavoli del dinner che e stato svolto sotto una tenda sul prato sud della Casa Bianca. Una location ideale per queste giornate estive a Washington.

Nel suo brindisi alla cena di Stato, Renzi ha a sua volta reso omaggio a Barack Obama accostandolo ad un ''maestro del Rinascimento'' che lavora con gli allievi della sua bottega per migliorare il mondo, e aggiungendo che la moglie Michelle è ''allo stesso livello" dopo i suoi discorsi nella campagna presidenziale. "Ci hai dato l'opportunita' di lavorare insieme a te per migliorare il mondo e pensare ad un futuro come ad un luogo di speranza'', ha detto rivolgendosi al presidente Usa, ringraziandolo per il suo ''servizio" in questi otto anni. E ribadendo che Italia e Usa ''condividono a tavola vino e cibo cosi' come condividono gli stessi valori''.

Il premier ha ringraziato ancora Obama per questo ''incredibile onore e privilegio'' e scherzato su una seconda, futura cena nella sua citta', dopo che Obama avra' terminato il suo mandato: ''possiamo organizzare una visita a Firenze, andare agli Uffizi, di fronte al David, e poi fare non una cena di stato ma andare in una osteria per vedere se i pomodori italiani sono piu' buoni di quelli dell'orto di Michelle''.

Sull' 'orto di Michelle' ha scherzato anche Roberto Benigni, raccontando di avere consigliato alla First lady di coltivare "il cavolo nero perche' lei non capisce molto di cavolo. Siccome io sono di origini contadine le ho consigliato il cavolo nero nero che cresce in Toscana''. E sulla cena ha fatto una sintesi nel suo consueto stile: ''E' stata una cosa bellissima, ci siamo parlati, abbracciati, scambiati emozioni'', ha riferito ai cronisti durante la cena, sottolineando tra le sensazioni piu' forti quella dell'amicizia e di ''stare di fronte a due persone irripetibili, straordinarie: ci si sente contemporanei di qualcuno''.

Benigni, accompagnato dalla moglie Nicoletta Braschi, ha riferito che una figlia degli Obama ''ha visto 20 volte il suo film 'La vita e' bella': mi ha fatto molto piacere''. Poi ha elencato gli altri ospiti italiani di un evento ''al quale non si poteva dire di no''. 

Intanto il centrodestra e compatto "Il referendum è un test politico per Matteo Renzi". Lo affermano compatti Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini che si sono incontrati questa mattina ad Arcore per definire una linea comune in vista del voto del prossimo 4 dicembre.

"La prova referendaria ha anche un indubbio valore politico, poiché attraverso di essa il presidente del Consiglio, il terzo premier consecutivo non eletto dagli italiani, cerca una legittimazione che non merita, visti i fallimenti del suo governo in ogni settore, dall’economia all’occupazione, dalla politica internazionale alla sicurezza dei cittadini, al contrasto all’immigrazione clandestina", dicono i tre leader del centrodestra al termine del vertice.

Un incontro per ribadire "la ferma opposizione di tutto il centrodestra a un progetto di riforma che non risolverebbe nessuno dei problemi del Paese, né in termini di efficienza né di contenimento dei costi, mentre produrrebbe un preoccupante deficit di democrazia limitando la possibilitàdi espressione di voto degli italiani e determinando il serio rischio di consegnare ad una ristretta minoranza di sinistra il controllo dell’esecutivo e degli organi di garanzia".

I leader di Forza Italia, Fratelli d'Italia e Lega Nord hanno anche parlato della strategia da tenere dopo il referendum in caso di vittoria del No. L'idea è quella di dare vita "ad una nuova fase costituente per una riforma che, realizzi alcuni obbiettivi fondamentali: elezione diretta del Capo dello Stato, un vero federalismo, il dimezzamento del numero dei parlamentari e del loro costo".

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI