Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 11 Luglio 2020

Salvini: 'Serve una cabina di regia'

Chiedo di andare domani in Parlamento per ascoltare, modificare, suggerire, emendare, collaborare. La storia insegna: in Gran Bretagna, durante la Seconda Guerra Mondiale, visto che c'era un nemico, il virus di allora si chiamava nazismo, si istituì un gabinetto di guerra dove tutti furono coinvolti e tutti fecero la loro parte, tutti furono ascoltati, finita la guerra ci si dimise, si andò a votare e il popolo scelse". Così Matteo Salvini a Rtl 102.5.

"Oggi conto di avere, a nome di tutto il centrodestra, una risposta per un incontro positivo e costruttivo. La nostra voglia è quella di collaborare, di metterci a disposizione, di andare in Parlamento che è il nostro luogo di lavoro, come il supermercato per le cassiere. Di ascoltare in Parlamento i ministri, il Presidente del Consiglio, di poter fare suggerimenti, proposte migliorative".  

In queste ore si sente molto parlare di Mes e di Eurobond, o meglio Covidbond. Oltre alle misure già messe in campo dall'Unione, il Movimento 5 Stelle concorda rispetto all'eventuale emissione di bond europei che consentano la suddivisione del rischio e la distribuzione solidale del debito, appoggiandosi al bilancio europeo. Ma non accetteremo mai che quei bond si trasformino in una forma di condizionamento, anche indiretta, sulle scelte di politica economica del nostro Paese, o penalizzanti per i nostri titoli».

«Non siamo disposti ad accettare l'idea di emissione di titoli 'senior', cioè di titoli che prevedono priorità assoluta nel rimborso, perché metterebbero sotto forte pressione i nostri Btp, sollecitando lo spread e condizionando profondamente il nostro Paese. Se dietro le varie proposte di utilizzo del Mes si dovesse annidare questa strategia, noi ci opporremo sia all'emissione di titoli 'senior' sia a qualunque forma di condizionalità».

«Questa emergenza non riguarda solo l'Italia, ma è comune a tanti Paesi europei e del mondo. Un'emergenza che ha drammaticamente svelato tutta la fragilità di quegli strumenti che erano stati pensati dalle economie forti per controllare le politiche economiche dell'Unione. Stiamo affrontando una crisi globale: o ci salviamo tutti insieme, o affonderemo tutti insieme. Mi auguro che questo sia chiaro a tutti. E se qualcuno pensa di riuscire a salvarsi da solo, non andrà lontano. Mi fa sinceramente piacere, infine, che anche il presidente dell'Europarlamento David Sassoli abbia riconosciuto quanto le condizionalità del Mes siano state spesso odiose. Occorre trovare nuovi strumenti, più efficaci e condivisi. Solo così riusciremo a costruire insieme la migliore comunità europea possibile, che metta finalmente al centro i diritti e le esigenze dei cittadini». Lo scrive su Facebook il capo politico del Movimento 5 Stelle Vito Crimi, facendo riferimento a un appello pubblicato sulla rivista Micromega e rivolto ai vertici della UE e alla BCE.  
 
"Tutti litigano sulla chiusura delle fabbriche: sindacati contro industriali, governo contro regioni. Ma la vera sfida dell'Italia è chiarirsi bene su come e quando RIAPRIRE. Nulla sarà più come prima: ci giochiamo tutto. Spero che il Parlamento possa almeno discuterne COVID19". Così su Fb il leader di Iv Matteo Renzi.

"Le misure restrittive introdotte ci costringono a modificare le nostre più consolidate abitudini di vita. Incidono sulle nostre libertà più amate. Stiamo vivendo un esperimento del tutto inedito nelle democrazie occidentali. Stiamo seguendo un percorso graduale e condiviso per resistere a questa emergenza, senza stravolgere i nostri valori, rispettando i nostri presidi democratici. Teniamo costantemente informate le forze di opposizione e in questi giorni sarò in Parlamento per riferire in dettaglio". Lo dice in un'intervista a La Stampa il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Quando finirà questa crisi? "È presto per dirlo. Questi saranno i giorni più difficili perché non abbiamo raggiunto la fase più acuta del contagio e i numeri cresceranno ancora. Siamo in attesa, nei prossimi giorni, degli effetti delle misure adottate", aggiunge il premier. "Lo avevo detto da subito che non si sarebbero visti nell'immediato". "Molto dipende dal comportamento responsabile di ciascuno di noi: se tutti, e ribadisco tutti, rispettiamo i divieti, se ognuno fa la propria parte, usciremo prima da questa prova difficilissima".

La notizia è che da martedì Camera e Senato saranno riuniti. Comicia l'iter del decreto Cura Italia in commissione Bilancio a Palazzo Madama, Salvini e Meloni dedichino il loro tempo a migliorare i provvedimenti per gli italiani, invece che a raccontare fake news. Il Parlamento fa il suo lavoro".Lo afferma il capogruppo dei senatori Pd Andrea Marcucci

Intanto come sottolinea il Giornale, il Nyt inchioda il sedicente avvocato del popolo: "Venerdì, gli stretti collaboratori di Conte hanno concesso un’intervista al premier a condizione che potesse rispondere alle domande per iscritto. Una volta inviate le domande, tra cui ve ne erano alcune in merito alle prime dichiarazioni del Primo Ministro, si sono rifiutati di rispondere". Ecco, non proprio una bella figura. Anzi.

Nell’articolo, dunque, si legge: "La tragedia che l’Italia sta vivendo rappresenta un monito per gli altri Paesi europei e per gli Stati Uniti, dove il virus sta arrivando con la stessa velocità. Se l’esperienza italiana ha qualcosa da insegnare è che le misure per isolare le aree colpite e per limitare gli spostamenti della popolazione devono essere adottate immediatamente, messe in atto con assoluta chiarezza e fatte rispettare rigorosamente".

Cosa che nel Belpaese non è avvenuta: è passato sostanzialmente più di un mese dalla nascita del focolaio di Codogno alla serrata del Paese, scrive il giornale, che comunque continua a rimanere parziale, visto che sono ancora decine le categorie di attività "essenzial" che hanno il diritto di rimanere aperte. "Nei primi fondamentali giorni dell’epidemia, Conte e altri alti funzionari hanno cercato di minimizzare la minaccia, creando confusione e un falso senso di sicurezza che ha permesso al virus di diffondersi", scrive il New York Times, e nel pezzo si legge anche: "Nonostante siano state attuate alcune delle misure più restrittive al mondo, all’inizio del contagio, il momento chiave, le autorità italiane annaspavano tra queste stesse misure, cercando di salvaguardare le libertà civili fondamentali e l’economia del Paese".

Quindi, il Nyt parla di opportunità mancate e passi falsi, che l'Italia sta pagando in toto: "Nei suoi tentativi di interrompere il contagio, adottati uno per volta, (isolando prima le città, poi le regioni, quindi chiudendo il Paese in un blocco intenzionalmente permeabile) l’Italia si è sempre trovata un passo indietro rispetto alla traiettoria letale del coronavirus". E ancora: "Anche dopo aver deciso di ricorrere a un blocco generale per sconfiggere il virus, il governo italiano non è riuscito a comunicare l’entità della minaccia con una forza sufficiente a convincere gli italiani a rispettare le norme, formulate in modo da lasciare grande spazio ai fraintendimenti nella popolazione". Fraintendimenti che continuano, alla pari dei passi falsi (mediatici e non) del premier, a farla da padrone.

Intanto in una nota congiunta i parlamentari del Movimento 5 Stelle delle commissioni Affari Esteri di Camera e Senato dichiarano :    Rivolgiamo un accorato appello alla comunità internazionale, Stati Uniti in testa, per l'adozione di una moratoria umanitaria delle sanzioni economiche che impediscono ai governi di diverse nazioni di fronteggiare adeguatamente l'emergenza Coronavirus, provocando morte e sofferenza evitabili e creando focolai pericolosi per tutto il mondo. Vanno immediatamente sospese le sanzioni nei confronti dell'Iran, in piena crisi pandemica, della vicina Siria, già in ginocchio per la guerra e a rischio ecatombe in caso di contagio, del Venezuela, dove i casi sono in rapido aumento, di Cuba, che nonostante l'embargo si prodiga per aiutare altri Paesi come l'Italia, e anche della Corea del Nord, dove il regime nega un contagio che non sarebbe in grado di fronteggiare».

 
 
 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI