Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 26 Novembre 2022

Le 4 Stagioni di Vivaldi …

Ott 29, 2022 Hits:1235 Crotone

La Maschera d’Argento di …

Ott 29, 2022 Hits:1271 Crotone

Marco Vincenzi virtuoso e…

Ott 21, 2022 Hits:1547 Crotone

Affidato realizza il nuov…

Ott 04, 2022 Hits:2249 Crotone

Successo per il pianista …

Set 30, 2022 Hits:2653 Crotone

Confindustria Crotone ha …

Set 23, 2022 Hits:2723 Crotone

Kiwanis insieme all'Unice…

Set 20, 2022 Hits:2493 Crotone

Santa Severina - Tre gior…

Set 15, 2022 Hits:3529 Crotone

Giarratana - Una pioggia colorata per onorare san Bartolomeo

San Bartolomeo 2013 ancora la sciuta

 

Una pioggia colorata. E un grido che esce dal cuore a sovrastare tutti: “Patronu”. Mentre un’onda umana si muove come se fosse animata da un’unica persona. Soprattutto quando discende le ripide scalinate della basilica. Non sono mancati i momenti suggestivi, emozionanti, carichi di fede e allo stesso tempo folkloristici. Di certo tra quelli più significativi in terra di Sicilia. Tutto questo, e molto altro, nella tradizionale “Sciuta” di San Bartolomeo Apostolo che, come ogni anno, si è consumata sabato scorso a Giarratana a mezzogiorno in punto, tra una folla di fedeli, in numero ancora più consistente rispetto al recente passato, che ha applaudito l’evento più atteso. Il simulacro del Patrono, spinto da una selva di mani, è venuto giù, è proprio il caso di dirlo, dopo l’uscita dalla chiesa di San Bartolomeo con un fragore di mortaretti e un diluvio di “nzaiareddi”, le caratteristiche strisce in carta di vari colori, con il rosso a predominare. Poi, più volte, lo stesso simulacro ha reso onore al tempio che lo ospita tutto l’anno con la movenza caratteristica, avanti e indietro, che ne determina l’andatura prima di dare il via alla processione. Per qualche minuto tutta Giarratana si è fermata e si è concentrata dinanzi all’edificio di culto che ospita il Patrono. La “Sciuta” è la tradizione religiosa che meglio raffigura il carattere forte e determinato dei giarratanesi. Ad anticipare il momento dell’uscita, il rullare dei tamburi di Giarratana, preceduto dal suono delle trombe egiziane. Poi, l’apoteosi. La tradizionale “Sciuta” è stata salutata da manifestazioni di giubilo. Quindi, la processione ha preso il via seguendo il tradizionale percorso cittadino caratterizzato, tra l’altro, dalla visita della chiesa di Sant’Antonio Abate.

San Bartolomeo 2013 attendendo la Sciuta

 

La solenne concelebrazione di questa mattina è stata presieduta, alla presenza, tra gli altri, del parroco, don Gino Ravalli, e di don Pippo Occhipinti, dal vescovo della diocesi di Ragusa, mons. Paolo Urso. “E’ un momento bello per la comunità di Giarratana – ha detto il vescovo – perché rappresenta un momento di grande aggregazione, di grande festa, di grande gioia. Ed è importante che la gente percepisca che la festa si fa insieme, soprattutto con chi vive momenti di difficoltà. Non ci può essere felicità in uno e tristezza nell’altro. Ecco perché nei momenti di festa dobbiamo stimolare il senso della solidarietà e della vicinanza nei confronti di tutti. E poi dobbiamo chiederci se noi siamo veramente persone in cui non c’è falsità. Perché quando Gesù incontra Natanaele, che la tradizione dice essere lo stesso Bartolomeo, afferma: “Ecco un uomo in cui non c’è falsità”. Se noi vogliamo essere devoti di San Bartolomeo, dobbiamo essere uomini e donne senza falsità”. Alla cerimonia religiosa di questa mattina erano presenti le massime autorità civili, tra cui il sindaco Lino Giaquinta, i componenti della Giunta municipale, i consiglieri comunali, il sindaco di Monterosso, Paolo Buscema, e il vice sindaco di Chiaramonte Gulfi, Laura Turcis. Presenti anche i componenti della comunità S. Nicolò-Ss. Salvatore di Militello Val di Catania che hanno donato, al termine della santa messa, una targa ai componenti del comitato di San Bartolomeo.

San Bartolomeo 2013 un'altra fase della Sciuta

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI