Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 29 Febbraio 2024

Presentato il Premio Nazi…

Feb 21, 2024 Hits:360 Crotone

Prosegue la formazione BL…

Feb 20, 2024 Hits:331 Crotone

Si firmerà a Crotone il M…

Feb 14, 2024 Hits:548 Crotone

Le opere del maestro Affi…

Feb 07, 2024 Hits:673 Crotone

Il patrimonio della …

Gen 24, 2024 Hits:1056 Crotone

Book Baby Boom: inizia un…

Gen 19, 2024 Hits:1146 Crotone

Alla Frassati inaugurata …

Nov 07, 2023 Hits:2479 Crotone

Book Baby Boom: una nuova…

Ott 25, 2023 Hits:2730 Crotone

Cooperazione di difesa Turchia-Gran Bretagna, il vero "Marmo" ma non il Partenone

Se ieri e oggi l'argomento principale dell'attualità è l'annullamento dell'incontro Mitsotakis-Sunak a Londra, una mossa britannica chiaramente "maleducata e inaspettata", torniamo indietro di qualche giorno. Il 23 novembre, invece, ad Ankara, dove è stato firmato un accordo tra i ministri della Difesa britannico e turco, Grant Shapps e Yasar Guler, sulla "cooperazione in materia di difesa". Che, a prima lettura, sembra piuttosto formale, da quelle concluse di volta in volta tra paesi amici, soprattutto all'interno della NATO.

Pertanto, l'accordo, di logica generale e "quadro", prevede una più stretta cooperazione tra le industrie della difesa dei due paesi, la ricerca di ulteriori esercitazioni congiunte nel Mediterraneo e l'esplorazione di azioni di sicurezza congiunte in Medio Oriente e Nord Africa.

Il ministro turco, tuttavia, ha precisato nelle sue dichiarazioni che la cooperazione riguarda anche il caccia nazionale Kaan, così come l'Eurofigher, due importanti piani della Turchia per il suo rinforzo aereo. Uno "stabile", cioè Kaan, che è considerato il grande "investimento nazionale" e l'altro, per gli Eurofighter, come soluzione provvisoria per l'aeronautica turca, sulla strada ben nota che segue, cercando alternative se e quando non otterrà gli F-16 dagli Stati Uniti.

Il coinvolgimento del Regno Unito nello sviluppo di Kaan non è piccolo, poiché aveva iniziato a lavorare con BAE Systems nel 2017 per contribuire alla progettazione. Ha poi attraversato una fase di congelamento, ma di recente si è piuttosto rafforzato. Un'altra grande azienda britannica, Rolls Royce, aveva costituito nel 2017 una joint venture (TAEC) con l'azienda turca Kale Arge, con l'obiettivo di produrre un motore per il Kaan. Anche in questo caso abbiamo avuto un ritardo, principalmente a causa di una spaccatura politica tra Turchia e Gran Bretagna, a causa del coinvolgimento della prima in Siria, ma ancora una volta c'è stato un riscaldamento da qualche parte nel 2022.

E naturalmente non dimentichiamo la nota azienda corazzata turca FNSS, che è una joint venture tra la turca Nurol e la BAE Systems (quest'ultima con il 49%). I due gruppi avevano un'altra joint venture nel settore della tecnologia aerospaziale, la BNA, dalla quale la BAE si ritirò.

La Gran Bretagna ha approvato esportazioni di difesa verso la Turchia per un valore di 1,6 miliardi di sterline dal 2016, mentre ci sono già 146 licenze speciali di esportazione (per vari prodotti) sempre verso la Turchia, che rimangono "aperte" (cioè lo stesso prodotto può continuare a essere esportato senza revisione). Allo stesso tempo, ci sono diverse "licenze generali di esportazione" aperte, che possono includere una varietà di materiali ciascuna. Quindi, sebbene ci sia stato un congelamento britannico delle nuove licenze, dal 2019 come dicevamo, a causa del coinvolgimento turco in Siria (un embargo informale sui sistemi di difesa), alla fine del 2021 questo è stato revocato.

La dimensione politica della convergenza

Naturalmente, per essere onesti e per non cadere nei cliché sugli "inglesi filo-turchi", molti paesi hanno a volte collaborato con la Turchia in materia di difesa, hanno avviato insieme programmi di sviluppo, hanno stipulato accordi di difesa. Israele era un tempo uno dei principali partner di Ankara, offrendole velivoli senza pilota, aggiornamenti per carri armati (gli M-60 che andavano al livello Sabra) e aerei (i Phantom turchi che divennero una versione "Terminator" con esperienza IAI). Allo stesso modo, la Germania ha cooperato in modo significativo con Ankara con grandi vendite di armi e produzione locale (ad esempio i sottomarini T214 che la Turchia sta ora costruendo), la Spagna che ha contribuito a costruire la portaelicotteri Anadolu, a quanto pare gli Stati Uniti con enormi vendite pari al 60% delle importazioni turche per la difesa, il Canada, la Repubblica Ceca, la Francia, la Repubblica Ceca La Russia con l'S-400 e così via.

Oggi, tuttavia, la cooperazione tra Gran Bretagna e Turchia nella tecnologia della difesa è ampia ed è stata rilanciata, mentre è anche "pressante" nei mercati turchi, ad esempio i trasporti A400 dell'aeronautica militare turca, che sono in parte prodotti in Gran Bretagna. C'è anche una frequente presenza di caccia e navi britanniche nelle esercitazioni turche, in un ottimo clima di comunicazione. E con il nuovo accordo, la cooperazione può essere ulteriormente estesa mettendo sul tavolo gli Eurofighter, anche se questi rimangono un'opzione difficile e costosa poiché la Germania persiste nella sua disputa sulla loro vendita alla Turchia.

All'inizio di quest'anno, si è parlato anche di un possibile interesse turco per l'acquisizione delle fregate britanniche T23, alcune delle quali sono in fase di ritiro, ma anche questa rimane più una "discussione generale". Come soprattutto nella Marina, la Turchia ha tutti i suoi maggiori cantieri navali, pubblici e privati, che lavorano febbrilmente su nuove costruzioni di navi da guerra di progettazione nazionale, quindi non c'è alcuna logica per acquisire tecnologia straniera di seconda mano e completamente diversa (anche se mai per dire... mai).

Dove vogliamo arrivare? Che la Turchia, da un lato, segua un proprio approccio geopolitico, con una forte divergenza di opinioni dai suoi "partner" europei all'interno della NATO, spesso anche offensiva (abbiamo visto Erdogan in Germania distribuire di recente insinuazioni velenose, che sono discutibili se i tedeschi se lo ricorderanno a lungo). D'altra parte, cerca alleanze e intese speciali e bilaterali, non solo difensive, naturalmente, ma molto più ampie, politicamente, economicamente, di investimento, sulla migrazione, sul turismo, ecc. Lì, ovviamente, si sente di più la parte "difensiva", se attuata con un buy/sale/joint venture.

Quindi la convergenza di Gran Bretagna e Turchia è moderna, ha valore e può offrire alla Turchia una via d'uscita dai problemi critici di difesa tecnologica che si trova ad affrontare, ma anche servirla nella propria estroversione geopolitica, trovando un alleato di tipo occidentale in Medio Oriente e nel Mediterraneo. Perché non come contropartita alla cooperazione greco-francese, che ora ha un aspetto difensivo, ma soprattutto una percezione politica di allineamento.

Azzardiamo un'ipotesi: che forse l'aiuto britannico sia anche un "appeasement" indiretto di Ankara con la tacita approvazione degli Stati Uniti. Che da un lato digrigna i denti in Turchia ma forse anche... indica la strada per Londra, per trovarvi conforto nell'"abbraccio occidentale". Ovvero, un'alternativa alla sincronizzazione con Mosca ma anche alla ricerca di un percorso completamente autonomo. Quindi l'intesa turco-britannica potrebbe avere un retroterra politico molto più ampio di qualsiasi questione di difesa.

Le sculture del Partenone come spiegazione

Visto che siamo passati al campo delle valutazioni, dissociamoci anche dall'interpretazione data all'annullamento di ieri dell'incontro dei due primi ministri, K. Mitsotakis e R. Sunak. Apparentemente inelegante, persino offensivo, in contrasto con la tradizione diplomatica britannica, che aderisce alle formalità. Ma anche essenzialmente questa cancellazione è stata fatta senza motivo! Come stentiamo a credere che Rishi Sunak, avendo in testa un volume incredibile di problemi, migrazioni, economici, sviluppi internazionali, sicurezza, Medio Oriente, Ucraina, attirando investimenti stranieri, abbia trovato tempo e "nervi" per essere infastidito, perché il Primo Ministro greco ha espresso in un'intervista alla BBC, le nostre posizioni fisse, corrette e ben note sulle Sculture del Partenone!

Ripetiamo che le interpretazioni che circolano non ci sembrano convincenti. Come, ad esempio, Sunak ha reagito in questo modo per "radunare l'opinione pubblica britannica intorno a sé". Le sculture, tuttavia, non sono né un tema attuale né importante per la società britannica, tranne ovviamente in alcuni circoli accademici. A volte se ne discute perché è interessante e ha ramificazioni, ma non è qualcosa che farà "vibrare" l'opinione pubblica locale, soprattutto oggi che si toccano temi molto diversi e scottanti, il lavoro, la casa, i redditi, l'accuratezza, l'ordine pubblico.

Inoltre, il fatto che il primo ministro greco abbia visto il leader dell'opposizione britannica, Keir Starmer del Labour, non può irritare Sunak, dal momento che si tratta ancora di un tipico incontro di un leader straniero con funzionari statali in Gran Bretagna. Qui, anche l'annuncio di Maximos sull'incontro con Starmer non fa menzione delle Sculture, che sono state discusse.

Sottolineiamo anche il contrario: che Sunak aveva tutte le ragioni per vedere Mitsotakis. Poiché le gravi questioni comuni sono molte e devono essere discusse, principalmente la questione migratoria che in Gran Bretagna è diventata la prima linea, ma anche quella ucraina, mediorientale, la prospettiva di una politica di sicurezza comune e molte altre. Quindi il primo ministro britannico potrebbe facilmente ... Avrebbe dato la classica risposta che la questione "non riguarda il governo di Sua Maestà, ma è una questione che riguarda il British Museum, che si autogoverna". In pratica, Sunak, come ogni persona precedente nella sua posizione, non è formalmente "offeso" dalla richiesta greca, poiché afferma che la questione non lo riguarda nemmeno.

Allora, quale scultura, quale "marmo" è stato quello che ha fatto il danno? Il Partenone? La cooperazione anglo-turca che si giudicava dovesse essere "annunciata" in modo poco elegante ai greci? Ma anche questo non sembra convincente, ripetiamo, la diplomazia britannica è di alto livello e si astiene da tale rozzezza. A meno che non si tratti di un atteggiamento davvero afasico e infantile di Sunak, che ha ignorato tutti i suoi obblighi istituzionali e i suoi consiglieri.

Accadde qualcos'altro, che non è rinunciabile, e la Cariatide fu trovata reciprocamente conveniente al British Museum, per caricarli anche sulla sua testa. Ora che gli inglesi stanno raccogliendo il testimone delle reazioni e delle fughe di notizie, come verrà approvata la legislazione che vieta l'esportazione dei marmi? In altre parole, come se il tempo tra Grecia e Gran Bretagna si fosse congelato, tutte le altre cruciali questioni bilaterali e internazionali fossero state cancellate, e rimanesse solo il dibattito sulle sculture. Tuttavia, se la versione ufficiale è vera, è impressionante: la refurtiva di Elgin "ruba" così facilmente la scena e produce politica nel 2023!

 

Fonte Ptisi / author Christos G. Ktenas
traduzione :  G.Labrinopoulos

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI