Login webmaster  
 
Utenti online
10 utente(i) online (9 utente(i) in Articoli)

Menu
Il sito web del "Il Corriere del Sud" è stato rinnovato ed è raggiungibile all'indirizzo http://www.corrieredelsud.it
Il presente sito non è più aggiornato ma è mantenuto per consentire la consultazione di vecchi articoli.
Articoli :: Informazione regionale :: Puglia

Bari - Due strade per due sindaci


Nelle mattinate di Sabato 31 gennaio e di Sabato 9 Febbraio 2009 con due distinte cerimonie svoltesi presso la Sala Consiliare in Palazzo di Città , la Civica Amministrazione Comunale ha ufficializzato l'intitolazione di due strade alla memoria di Vitantonio Lozupone e di Vito Rosa. Entrambe, per la toponomastica, saranno ubicate ( in attesa del nulla osta prefettizio poichè il provvedimento della Giunta Comunale ha valore di provvisorietà) nel Territorio della Prima Circoscrizione Palese - Santo Spirito. L' individuazione nella stessa necessita, nella relativa motivazione, di doverose spiegazioni storico-locali che si esporranno lungo queste righe. La precedenza va a Vitantonio Lozupone. Convinto degasperiano, cattolico fervente, fu eletto Consigliere Provinciale nel 1956 e divenne nello stesso anno Presidente della Provincia di Bari. Manterrà questo incarico sino al 1960.
Fondatore della DC in Terra di Bari ricoprirà il ruolo di Sindaco di Bari dal 1962 al 1964.
Sostenuto dalla prima Maggioranza e dalla prima Giunta organica del Centro-Sinistra composta da DC, PSI, PSDI, PLI, PRI tracciò un indimenticabile biennio nella Storia Contemporanea del Capoluogo. Bari conobbe un periodo di modernizzazione e di espansione senza precedenti in virtù della competenza che faceva, del Lozupone un Ingegnere esperto in opere pubbliche. Applicò quel connubio progresso-sviluppo tanto caro alla linea nazionale del neonato Centro-Sinistra inventato, agli inizi degli anni 60
dall' On. Aldo Moro del quale Vitantonio Lozupone fu uno stretto amico e collaboratore.
Si procedette così alla realizzazione di numerose opere pubbliche che per loro collocazione risultano essere contigue col Territorio Palesino e Santo Spiritese.
Eccezzion fatta per il Sacrario dei Caduti di Oltremare considerata la notevole distanza poichè ubicato a Japigia, contribuì allo sviluppo dell'Edilizia popolare col nascente Rione San Paolo, all'ampliamento dello Stadio della Vittoria, alla realizzazione della Tangenziale e della Nuova Zona Industriale. Si dimise nell'estate del 1964 a seguito delle vicende legate all'ammodernamento della Stazione Ferroviaria e delle competenze relative alle nascenti Aziende Municipalizzate. A rendere ulteriormente prestioso il riconoscimento tributato al Territorio della Prima Circoscrizione circa l'intitolazione di una strada a Vitantonio Lozupone è l'aver ricoperto dal 1946 al 1954 l'incarico di Sindaco di Giovinazzo.
Nel medesimo Comune limitrofo a Santo Spirito fondò nel 1954 l'omonima Polisportiva.
Vitantonio Lozupone un nostro " cittadino" e " amico " ? Considerate le note sopra menzionate si direbbe proprio di Sì. La continuità nell'opera politica tracciata e avviata da Lozupone verrà proseguita da Vito Rosa. Già Senatore della Repubblica fu Presidente
dell' ASI ( l' Area di Sviluppo Industriale di Bari) pensata proprio dal compianto Sindaco.
Come Lozupone anche Rosa fu Sindaco di un importante Comune barese: Canosa di Puglia in cui nacque nel 1921 e ricoprendo l'incarico di Primo Cittadino dal 1946 al 1954.
Stretto collaboratore, anch'egli di Aldo Moro, fu fra i pochissimi uomini politici a partecipare ai funerali privati dello Statista di Maglie celebrati pochi giorni dopo il rinvenimento del suo cadavere a Roma in Via Caetani il 9 maggio 1978. Vito Rosa fu sopratutto il Presidente della Società di Mutuo Soccorso a Palese nel 1983. Fu l'ultimo dei numerosi incarichi ricoperti ( si ricorda anche quello di Sottosegretario della Marina Mercantile in uno dei Governi presieduti da Giulio Andreotti) prima della morte avvenuta a Zurigo il 9 Febbraio 1990. Per la vocazione tipicamente marinara di Palese - Santo Spirito che lo vide combattente in Mare durante il Secondo Conflitto Mondiale e per l' incarico ricoperto a Palese, Vito Rosa alla pari di Vitantonio Lozupone può essere considerato a tutti gli effetti un palesino e al tempo stesso un santospiritese ad honorem.
<< Roma - Da Rembrandt a Vermeer Sardegna, Sinistra ko, vince Cappellacci >>
Trackback
  • URL: http://www.corrieredelsud.it/site/modules/article/view.article.php?c36/4207
  • Trackback: http://www.corrieredelsud.it/site/modules/article/trackback.php?4207
Rate
10987654321
API: PM Email PDF Bookmark Print | RSS | RDF | ATOM
Copyright© Nicola Zuccaro & Il Corriere Del Sud
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.

Sei il visitatore n.