Login webmaster  
 
Utenti online
15 utente(i) online (15 utente(i) in Articoli)

Menu
Il sito web del "Il Corriere del Sud" è stato rinnovato ed è raggiungibile all'indirizzo http://www.corrieredelsud.it
Il presente sito non è più aggiornato ma è mantenuto per consentire la consultazione di vecchi articoli.
Articoli :: Informazione regionale :: Calabria

Crotone - Applausi scroscianti per Giusy Caruso


Crotone - Applausi scroscianti per Giusy Caruso
Applausi calorosissimi, sono stati quelli che il numeroso pubblico convenuto nell’Auditorium del Liceo Musicale “O.Stillo” di Crotone , per assistere al recital della pianista Giusy Caruso, Domenica 13 dicembre, ha tributato meritatamente all’artista.
Applausi calorosi sia per la caratura tecnica che l’artista ha evidenziato, ma soprattutto per la coerenza interpretativa e la sensibilità con la quale ha affrontato le opere proposte.
Due grandi a confronto, avremo potuto intitolare il concerto.
Chopin e Liszt: due romantici che forse senza volerlo hanno fatto al storia del grande pianismo.
Chopin che nel suo vellutato cristallino nascondeva una virilità sempre presente, che la portò come artista e come uomo a recitare una parte quasi unica per l’epoca in cui visse, dando una tinta aristocratica all’armonia del romanticismo.
Liszt invece, come amava definirsi “metà francescano e metà tzigano” fu un virtuoso unico al mondo che seppe donare tutto se stesso “Fortuna, credito, amore e musica” .
Due anime così diverse ma così unite da un unico amore, l’arte , la musica che Giusy Caruso ha saputo mirabilmente interpretare.
Pianismo brillante e ricco di una tenuta sonora non comune quello che l’artista ha saputo trasmettere nelle opere presentate che comprendevano: F. Chopin: “Trois Nocturnes op. 9” - “Trois Valses op. 64” - “Fantasia - Improvviso op.66” ,F. Liszt: Gran Valzer Brillante da “Lucia” e “Parisina” (Donizetti) - “Année de pèlerinage” – “Deuxième année: Italie n° 7” – “Après une lecture du Dante”(Fantasia Quasi Sonata). Sonorità ora vellutata, ora ricca di grandi impasti sonori quasi a voler ricreare una grande orchestra sinfonica attraverso il pianoforte.
Una capacità di immedesimarsi nei meandri più riposti dell’animo dei due artisti proposti cogliendone anche le sfumature più nascoste.
La Caruso ha saputo veramente, da artista completa, scavare all’interno delle opere facendone emergere il vero animo che le aveva create.
Veramente una bella serata all’insegna degli avvenimenti da ricordare.
Il pubblico non né stato da meno nel cogliere l’evento e ricambiare l’artista con, come dicevamo, applausi calorosi e sentiti.

Mariarosa Romano
<< Catania - Non si placano le polemiche sulla discarica a Ramacca >>
Trackback
  • URL: http://www.corrieredelsud.it/site/modules/article/view.article.php?c39/13593
  • Trackback: http://www.corrieredelsud.it/site/modules/article/trackback.php?13593
Rate
10987654321
API: PM Email PDF Bookmark Print | RSS | RDF | ATOM
Copyright© a cura della redazione & Il Corriere Del Sud
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.

Sei il visitatore n.