Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 28 Settembre 2021

Andare a letto tardi ogni sera fa male

La sindrome da sonno posticipato (DSPS, Delayed Sleep Phase Syndrome) è un disturbo del ritmo circadiano del sonno, un problema nella capacità di addormentarsi e avere picchi di veglia appropriati alla società in cui si vive, con le alterazioni che riguardano anche i ritmi circadiani della secrezione ormonale e della temperatura corporea. Chi soffre di questo disturbo solitamente non riesce a dormire sino alle prime ore del mattino e ha grosse difficoltà a risvegliarsi ad orari adeguati. Spesso queste persone hanno comunque una certa regolarità nell'orario di sonno e dunque se lasciati dormire assecondando le proprie esigenze interne, hanno una buona qualità di sonno ed un risveglio spontaneo. È per loro estremamente difficile andare normalmente a scuola o seguire un comune orario lavorativo. Se si autoimpongono uno schema di sonno più in sintonia con i ritmi della società (per esempio andare a dormire alle 23 e svegliarsi alle 7) vanno incontro a deprivazione di sonno, infatti, per quanto siano stanchi e assonnati, non riusciranno mai ad addormentarsi così presto, ne deriva che l'unico modo per alzarsi presto è rinunciare a buona parte delle proprie ore di sonno. Se non si riposa il giusto numero di ore di cui si ha bisogno, si manifesterà inevitabilmente un'eccessiva sonnolenza diurna. Questo disturbo solitamente si sviluppa in età scolare o durante l'adolescenza. Normalmente scompare in seguito, alla fine dell'adolescenza, ma a volte può persistere per tutta la vita. Formalmente descritto per la prima volta nel 1981 dal dottor Elliot D. Weitzman, viene spesso interpretato impropriamente quale insonnia cronica, disturbo psicologico o scarsa disciplina. Al momento della diagnosi bisogna fare attenzione ad operare una distinzione fondamentale tra i pazienti con una condizione reversibile, e quelli con una condizione irreversibile. Chi possiede una cattiva igiene del sonno (per esempio sottoporsi a intense fonti luminose come i tablet prima di coricarsi, andare a letto tardi) potrebbe manifestare sintomi simili nel breve termine, ma, applicando opportuni cambiamenti alla propria routine per un periodo sufficientemente lungo (dalle 2 settimane a un mese), è in grado di riallineare la fase del sonno con i ritmi civili e di ritrovare un sonno ristoratore. Il sonno posticipato reversibile sta diventando sempre più comune per via di recenti fenomeni sociali, come l'uso intensivo di pc, smartphone e tablet prima di coricarsi e l'abitudine di andare a letto tardi la sera; dunque, se un paziente presenta un sonno posticipato, nella maggior parte dei casi ricadrà in questa categoria. Il sonno non è come una banca, in cui ciò che si perde la sera lo si recupera la mattina o, peggio, nel fine settimana; il sonno per essere efficiente ha bisogno di essere collocato in un ritmo sonno-veglia che sia il più costante possibile e anche il più possibile allineato alle variazioni della luce ambientale. Un sonno poco efficiente predispone a una lunga serie di disturbi psichiatrici, gastrointestinali e cardiovascolari. Il discorso è diverso per il vero paziente affetto da sindrome del sonno posticipato, infatti quest'ultimo, nonostante tutti gli sforzi di volontà e i cambiamenti nello stile di vita, non è in grado di riallineare pienamente i propri ritmi, la sua è una condizione quasi irreversibile. Per cui in fase di diagnosi è innanzi tutto necessario imporre al paziente un forte cambiamento nello stile di vita, assicurarsi che lo segua, e in base alla risposta a tale terapia comportamentale classificarlo in una delle due categorie. In caso di reale sindrome da sonno posticipato si può ricorrere, oltre che all'igiene del sonno, anche alla luminoterapia, la cui efficacia è però molto variabile e limitata.(FONTE: Wikipedia). "Ma la pandemia è stata anche un grande fattore scatenante per la il “DSPS ", affermano gli scienziati, "perché molti potevano scegliere i propri orari di lavoro. E un programma giornaliero irregolare, lo stile di vita e le abitudini alimentari rendono solo DSPS più facile. Per questo è importante essere vigili su questo”. I ritardi del sonno non sono comuni solo tra gli studenti, ma anche tra gli insegnanti e le persone che lavorano la sera. E durante la pubertà, un periodo turbolento per molti, quasi tutti soffrono di DSPS, rivelano gli specialisti del sonno. Il problema principale per le persone con DSPS è che vogliono tornare al loro vecchio schema quando cercano di addormentarsi a orari normali. Sfortunatamente, la DSPS ha conseguenze ancora più grandi della semplice mancanza di sonno. La depressione, la paura di fallire e i problemi di concentrazione non sono rari dopo la DSPS. Annelies Smolders: “Il tuo orologio biologico ha completamente perso il conto ed è anche il sistema che regola altri ormoni, come il nostro umore. Ha quindi un enorme impatto su tutto il nostro corpo”. "Il problema più grande per le persone con RSPS è che vogliono tornare al loro vecchio regime se cercano di addormentarsi a orari normali", avvertono. “Vogliono andare di nuovo a letto tardi perché, essendo una persona serale, sono più produttivi di notte. Questo è qualcosa che si vede soprattutto tra gli studenti, in quanto possono permettersi di andare a letto tardi più dei lavoratori. Si può capire, ma gli esperti consigliano loro comunque di andare a letto a intervalli regolari, qualche giorno prima dell'inizio della lezione o prima che debbano alzarsi per qualcos'altro. Ma c'è anche una buona notizia: solo perché è genetica non significa che non puoi fare nulla. Fortunatamente, ci sono soluzioni. "Ma devi perseverare", dice la dottoressa Annelies Smolders, specialista in malattie del sonno. “Altrimenti ricadi nel tuo vecchio schema e devi ricominciare da capo, e questo può essere frustrante”. Se la fase del sonno è decisamente interrotta, l'esperto del sonno raccomanda aiuti esterni, come la melatonina, in modo che i nottambuli riacquistino il sonno la sera. “Non è un sonnifero, è il nostro ormone del sonno che puoi assumere sotto forma di pillola. È una soluzione rapida, ma è un ottimo modo se qualcuno sta avendo un sonno molto irregolare. ” I sonniferi, e quindi non gli ormoni specifici del corpo, dovrebbero essere evitati! Un altro buon modo è la terapia della luce, di cui la specialista è lei stessa una grande fan. Ci sono sveglie che non solo emettono suoni, ma imitano anche la luce del giorno. "Ma se vuoi davvero liberarti della DSPS, è meglio acquistare un paio di occhiali per la terapia della luce", afferma Annelies Smolders. “Questi sono occhiali con due lenti diverse che puoi cambiare e sganciare. Ci sono occhiali a luce blu che ti fanno tornare vigile e occhiali arancioni che migliorano il sonno”. I buoni occhiali per la terapia della luce non sono economici, ma vale la pena investire per il resto della tua vita. La luce blu nei nostri computer e smartphone ti impedisce di dormire. La luce intensa induce il tuo cervello a pensare che sia la luce del giorno, il che ti tiene sveglio. “Spesso è vista come una cosa negativa, ma in realtà è una luce sana e vigile. La luce blu fa male solo la sera, perché disturba il nostro bioritmo. Ecco perché ti consiglio di indossare questi occhiali al mattino quando vuoi iniziare la giornata senza intoppi. Le lenti arancioni fanno il contrario, bloccando la luce blu. Va bene per la sera.» I buoni occhiali per la terapia della luce evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, non sono economici e spesso costano tra i 100 e i 200 euro. "Ma questo è per il resto della tua vita", dice Annelies Smolders. Quindi vale la pena investire se lavori molto al computer o hai problemi a dormire.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI