Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 31 Ottobre 2020

Finalmente un docufilm su…

Ott 30, 2020 Hits:143 Crotone

Grande, un giovanissimo p…

Ott 30, 2020 Hits:124 Crotone

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:1154 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1614 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:1130 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1834 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2597 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:2096 Crotone

Amici di san Rocco: Il Santuario luogo tra terra e cielo

FRATEL COSTANTINO E VESCOVO FARINA

Fratel Costantino e il vescoco Farina

Carissimi amici e devoti, la vita dei santuari scorre lungo l’anno liturgico, da esso attinge la linfa vitale che sgorga dalla Sacra Liturgia, ne sperimenta e ne presenta l’efficacia, accompagna i pellegrini attraverso le celebrazioni, le manifestazioni e i pii esercizi alle sorgenti inesauribili della Parola di Dio, dei Sacramenti, specialmente dell’Eucaristia e della Riconciliazione. L’esortazione contenuta nel codice di diritto canonico dei principali compiti che deve svolgere un santuario dice: “Nei santuari si offrono ai fedeli con maggior abbondanza i mezzi della salvezza annunciando con diligenza la Parola di Dio, incrementando opportunamente la vita liturgica soprattutto con la celebrazione dell’Eucaristia e della Penitenza, come pure coltivando le sane forme della pietà popolare” (can. 1234 §1). Tra i mezzi della salvezza che ci vengono indicati il primo giustamente riguarda la Parola di Dio. Sappiamo che Maria e i Santi sono “Beati” perché hanno ascoltato la Parola di Dio, l’hanno accolta con fede e l’hanno custodita nel loro cuore. Sono Beati perché hanno creduto! Un santuario deve essere il luogo della Parola che viene proclamata soprattutto nella Sacra Liturgia ma anche nelle varie forme della pietà popolare. Perché al posto del solito ricordino non portate dal santuario la parola di Dio e l’esempio dei Beati ad un amico o familiare? Maria, San Rocco e tutti i Santi nei santuari mentre ascoltano le suppliche e le lodi, accolgono le lacrime e le pene dei fedeli, si propongono come modello di vita cristiana e sembra che chiedano con delicatezza la disponibilità e la cortesia di ascoltarli, perché anche loro vogliono dirci una parola. E’ quella che pronunciò Maria e quella che pronunciarono molti Santi “Sono la serva del Signore, si compia in me la sua volontà”. Sono queste le parole che devono risuonare sulle nostre labbra e nel nostro cuore. Come si può venerare veramente la Vergine Maria, San Rocco e tutti i Santi senza sentire vivo il desiderio di imitarli facendo attenzione alla Parola di Dio che loro hanno accolto in modo esemplare? Nei santuari accorrono tantissimi fedeli, di ogni genere; la Sacra Liturgia, la celebrazione Eucaristica come anche le forme della pietà popolare possono essere veicolo della Parola di Dio non soltanto verso i credenti ma anche verso quelli che credenti non sono, verso quelli che non sanno bene se ci credono o no, come ancora verso quei molti che frequentano in santuario sentendolo come terra di libertà. Amici cari e devoti della grande famiglia degli Amici di San Rocco, il santuario è luogo di passaggio, luogo dell’inizio e della fine, la clinica spirituale, il pronto soccorso in cui si va per ricuperare le forze, per sentirsi in compagnia della Madre Celeste e dei Santi nostri amici e fratelli maggiori che prendendoci per mano ci accompagnano all’incontro con Cristo Gesù. Poi si torna a casa! Mettiamoci tutti alla scuola della Parola, che ci spezza il pane della vita per il nostro pellegrinaggio terreno, come ci ricorda il sinodo dei vescovi. Vi invito a visitare i santuari mariani e di tutti i Beati, specialmente la Chiesa di San Rocco che è in Roma, il santuario diocesano di San Rocco che è in Capriati a Volturno (CE) e tutti i luoghi intimamente legati all’Associazione Europea Amici di San Rocco. Ricordandovi tutti nelle mie povere preghiere vi saluto con affetto in Cristo Gesù, Maria e San Rocco.

Associazione Amici di San Rocco

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI