Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 07 Dicembre 2019

"Lasciateci giocare"

“LASCIATECI GIOCARE”… è l’appello che ogni bambino vorrebbe rivolgere al proprio genitore, per essere libero di “giocare a pallone” o a qualsiasi altro sport, senza lo stress di dover diventare un campione ad ogni costo. A.P.A.S., in collaborazione con la ASD Junior Team, ha deciso di farsi portavoce di questo messaggio e di portare avanti un progetto “speciale” basato proprio su questo, per attirare l’attenzione sul “gioco”, inteso come unione e divertimento, un valore educativo che, troppo spesso, i genitori perdono di vista. Il progetto prenderà il via domenica 17 aprile 2016, a partire dalle ore 10.00, come ci ha informato Diana Stefani Presidente  del Accademia per le Arti per le Scienze e per lo Sport attraverso la trasmissione Orazi e Curiazi di Antonio de Bartolo alla Cold tv, dove lei e ospite fissa e con Corriere del Sud presente, con una giornata all’ insegna del divertimento e dello sport, che si svolgerà presso il Centro Sportivo “Jubileum” in Via di Castel Giubileo n. 61. A scendere in campo ben 16 società sportive del Lazio.

Più di 300 bambini (maschi e femmine) nati tra il 2007 e il 2009 giocheranno a pallone, non a calcio, solo per divertirsi, proprio come tanti campioni facevano alla loro età. E infatti non mancheranno tanti tifosi vip ed ex calciatori che ce l’hanno fatta e che porteranno la loro esperienza a questi ragazzi e spiegheranno l‘importanza del divertimento, del rispetto per l’avversario e dello studio. Sport, gioco e divertimento, quindi, per una giornata senza vincitori, nè vinti: una domenica dedicata tutta ai ragazzi, ma anche ai loro genitori che, a pochi metri, saranno impegnati in tornei di Beach e di Bubble Soccer. L’evento prenderà il via alle ore 10, per terminare intorno alle ore 16. Il pranzo sarà offerto a tutti i partecipanti da “Pepe Catering”. Prog

“Accademia per le Arti per le Scienze e per lo Sport” (A.P.A.S.) è una ONLUS che, ispirata da principi di solidarietà, opera da molti anni in collaborazione con le Istituzioni, elaborando progetti mirati a promuovere iniziative culturali e sportive, esclusivamente a sfondo benefico, con l’obiettivo di incentivare soprattutto i mondi giovanili e offrirgli così opportunità e prospettive, intervenendo in situazioni di difficoltà e disagio sociale. Il “Tour per la Solidarietà“, in particolare, nasce con l’obiettivo di promuovere lo sport come stile di vita sano, creando delle occasioni in cui i giovani possano riscoprire la gioia di “stare insieme” senza differenze e distinzioni, in ambienti ricreativi più sani, in modo da trasmettere alle nuove generazioni dei valori fondamentali per una loro adeguata crescita e formazione, primo fra tutti il rispetto e la tutela nei confronti degli altri, soprattutto i soggetti più deboli.

Per questo motivo, oltre alle scuole calcio, sono coinvolte sempre anche le case famiglia e i centri antiviolenza, mettendo così a contatto i ragazzi che vivono e praticano lo sport con tanti altri che, invece, vivono purtroppo situazioni di difficoltà e, spesso, sono emarginati nelle scuole, nei quartieri in cui vivono e nei gruppi sociali di appartenenza. Contestualmente alle iniziative, infatti, cerchiamo di offrire solidarietà e sostegno a tanti bambini che vivono in condizioni precarie, offrendo loro anche un sostegno materiale. Durante ogni manifestazione, infatti, sono raccolti materiali utili da donare alle case famiglia che li ospitano, visto che le necessità sono purtroppo numerose, molteplici e urgenti.

Dopo una serie di eventi a sostegno della campagna CISONANCHEIO avviata l’anno scorso per promuovere, in particolare, lo sviluppo degli sport femminili in Italia, contrastando ogni forma di discriminazione e violenza, il “Tour per la Solidarietà“ prosegue ora in maniera più capillare, lanciando la campagna LASCIATECIGIOCARE, che ha l’obiettivo di sostenere e incentivare tutti i settori sportivi giovanili, promuovendo i valori dello sport, oltre che ai bambini, alle bambine e ai diversamente abili, anche e soprattutto ai genitori e, in generale, a tutti gli adulti che si occupano di formazione sportiva e che, troppo spesso, per la voglia di vincere a tutti i costi, perdono di vista un elemento fondamentale: lo sport deve essere prima di tutto un divertimento per i ragazzi e, quindi, per primi, devono cercare di non condizionare mai i piccoli atleti nel loro percorso e, ad esempio, quando una bambina chiede di poter praticare il calcio, piuttosto che fare danza, è giusto che sia sostenuta e non ostacolata nella sua scelta.

 

 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI