Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 21 Agosto 2019

La Biblioteca Frassati co…

Lug 24, 2019 Hits:856 Crotone

Taormina Film Fest: il ma…

Lug 08, 2019 Hits:3312 Crotone

A Nicole Kidman il "…

Lug 02, 2019 Hits:1325 Crotone

Maria Taglioni: 11 diplom…

Giu 24, 2019 Hits:1381 Crotone

Giuseppe Castagnino nomin…

Giu 14, 2019 Hits:1674 Crotone

Giornate Internazionali d…

Giu 13, 2019 Hits:2108 Crotone

La Carpigiani Gelato University : “Gelati a basso indice glicemico

Gelato Revolution per il nuovo anno accademico della Carpigiani Gelato University. La Scuola di gelateria più famosa e frequentata del mondo già dall’autunno è pronta a sorprendere. Mercoledì 8 ottobre, alle 10.30, via al primo appuntamento con i webinar, seminari da seguire sul web, dedicati ad approfondimenti specifici su ricette e preparazioni con i maestri gelatieri della Scuola con base ad Anzola Emilia (Bologna). Il calendario di formazione online prevede un appuntamento al mese fino al 2015, e offre un ingresso innovativo nel goloso mondo del gelato: ovunque ci si trovi, si può frequentare le lezioni di esperti del settore di fama internazionale.. Ottenuta l’approvazione, basta collegarsi all’indirizzo ricevuto via email e si può seguire la lezione. Inoltre, è possibile interagire con il docente in tempo reale utilizzando la chat. Gianpaolo Valli sarà il primo maestro ad accompagnare gli studenti “virtuali” nel mondo dei sorbetti di frutta l’8 ottobre alle 10.30 con il primo appuntamento gratuito.

Tra le novità dei corsi “tradizionali” con lezioni frontali e pratica in laboratorio è sicuramente da segnalare la due giorni di formazione in programma il 27 e 28 ottobre dedicata ai “Gelati a basso indice glicemico”, un corso rivoluzionario che svela i segreti per avvicinare i diabetici al mondo del gelato senza effetti collaterali. Il corso, rivolto a chi ha già esperienza nel settore o è già in grado di bilanciare le ricette, rompe il tradizionale schema che abbina il gelato ad un alto contenuto di zuccheri e propone metodi alternativi di lavorazione per ridurre l’indice glicemico delle preparazioni. Da oggi, anche chi soffre di diabete può gustare un buon gelato senza preoccupazioni per la propria salute!

Ecco una dichiarazione di Gianpaolo Valli, docente senior alla Carpigiani Gelato University che ha sviluppato questo nuovo corso.

"Lo stato dell'arte, al momento, parlando del rapporto gelato-diabete, fa sì che nella stragrande maggioranza dei casi in gelateria non si trovino prodotti adatti ai diabetici. Qualcuno ha ideato ricette a basso contenuto zuccherini ma si tratta di rare eccezioni. Il consiglio per chi soffre di diabete, sempre dopo aver avuto il benestare del proprio medico di fiducia, è di ricavare un piccolo spazio per il gelato all'interno della propria dieta. L'importante è essere consapevoli che una coppetta di gelato da 100 grammi comprende tra il 17% e il 22% di zuccheri aggiunti. Un altro suggerimento? Chiedere al gelatiere di fiducia se fa uso di polioli. Attenzione soprattutto ai sorbetti di frutta: in tali ricettazioni gli zuccheri aggiunti rappresentano una percentuale più alta, dal 25% al 32%. La buona notizia è che i docenti di Carpigiani Gelato University stanno preparando per l'Anno Accademico 2014/15 un corso molto innovativo, dedicato ai gelatieri in attività che vogliono specializzarsi proprio nella creazione di gusti di gelato privi di carboidrati solubili. Possiamo anticipare che le ricette presentate durante tale corso si caratterizzeranno per l'uso di polioli (o sugar-alcohol) e potrebbero soddisfare il palato di tutti i diabetici. Per una questione strutturale, i gelati hanno un contenuto di carboidrati solubili necessario ad abbassare il punto di congelamento e quindi a creare piccoli cristalli di ghiaccio, responsabili della setosità e della cremosità del prodotto finale".

La Carpigiani Gelato University, la scuola più prestigiosa per la formazione dei gelatieri di successo con dieci sedi nel mondo, aveva già avviato un percorso antesignano di approfondimento sul tema “Gelato e benessere” in collaborazione con l’Università di Bologna – Polo di Rimini, e realizzato diverse collaborazioni internazionali, da quella con la Wisconsin University a quella con la Fondazione IEO per il progetto “Smart Food”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI