Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 23 Settembre 2021

Santa Severina - Il trio …

Set 10, 2021 Hits:904 Crotone

Le Colonne d’Oro di Affid…

Ago 02, 2021 Hits:2646 Crotone

Maslow: non sapevo di ess…

Lug 13, 2021 Hits:2212 Crotone

Al Ministro Franceschini …

Lug 05, 2021 Hits:2161 Crotone

A Santa Severina Chopin e…

Giu 25, 2021 Hits:1739 Crotone

Michele Affidato insignit…

Giu 25, 2021 Hits:1368 Crotone

Scaramuzza: concluso un p…

Giu 25, 2021 Hits:1278 Crotone

Scaramuzza: si è svolto a…

Giu 19, 2021 Hits:1528 Crotone

L'associazione Vignaioli in Grottaferrata, in collaborazione con la Città di Grottaferrata e le associazioni Ristoratori in Grottaferrata e Gustati Grottaferrata, è lieta di invitarLa all’evento “Vigne, Oliveti e Cucine Aperte” del 19 e 20 giugno, dalle ore 10 alle ore 19.00.

L'estate è ormai alle porte e chi non pensa a ritagliarsi momenti piacevoli, piccole pillole di felicità durante i fine settimana, che consentano di allontanarsi, per alcuni istanti, dal complicato periodo appena trascorso? Ecco che vi offriamo due giorni di pausa, lontani dal caos, in cui potrete immergervi in un ambiente di relax, storia, natura ed eccellenza enogastronomica, in cui avrete anche l'opportunità di approfondire la cultura del vino e il lavoro dei Vignaioli in Grottaferrata.

Poter degustare vini e oli evo di grande qualità, nel luogo di pregio in cui vengono prodotti, proprio nel momento in cui i loro profumi si diffondono con maggiore intensità nell'area del vigneto e dell'oliveto, diventa un'esperienza che non si dimentica.

Per l'occasione, le sei cantine associate, Agricola Capodarco, Castel de Paolis, Emanuele Ranchella, Gabriele Magno, La Torretta, Villa Cavalletti, apriranno i propri vigneti e uliveti a turisti enogastronomici, wine lovers, olive oil lovers, operatori del settore e a chiunque abbia voglia di vivere una bella esperienza, in un ambiente naturale e storico unico. Le visite alle aziende saranno offerte gratuitamente.

L'associazione “Vignaioli in Grottaferrata” nasce dalla forte unione di sei storie di vino dalle diverse sfumature, sei vignaioli e produttori legati dalla passione per un territorio speciale: Grottaferrata.

Una terra vulcanica, dal clima mite, feconda e generosa, ricca di storia, arte e sacralità. Un terroir unico, che offre gli elementi essenziali e preziosi per produrre uva eccezionale e vini di pregio, dai profumi, sentori e caratteri sorprendenti e vari.

L’esperienza sarà arricchita dall’assaggio dei prodotti d'eccellenza delle cantine, della gastronomia tradizionale a km 0 del territorio e dalla cucina golosa dei ristoranti che aderiscono all'iniziativa.

Avrete la possibilità, presso alcune delle aziende associate, di consumare all'ombra degli olivi, tra i filari o in cantina, golosi pranzi non solo tipici, ma anche espressione della vera cucina tradizionale e storica della ristorazione del territorio, a cura delle associazioni Ristoratori in Grottaferrata e Gustati Grottaferrata. Un’occasione unica!

Sarà attivo un servizio di navetta tra le aziende, per raggiungere più comodamente.

Data l’emergenza pandemica, purtroppo ancora in corso, con la collaborazione e l'attenzione di tutti la visita a “Vigne, Oliveti e Cucine Aperte” si svolgerà in assoluta serenità e senza rischio per la salute di ospiti e operatori. Al vostro arrivo troverete infatti spazi all’aperto, ambienti sanificati, gel igienizzanti per le mani disponibili e ampi spazi in cui mantenere le distanze di sicurezza sarà semplicissimo.

 

La meta italiana più ambita e desiderata per questa estate? Un solo nome, una sola isola, un solo paradiso tricolore: la Sardegna. Una delle più grandi isole del Belpaese è da sempre il sogno estivo per eccellenza, di italiani e non. Quest’anno, come lo scorso anno del resto, sarà la destinazione preferita delle vacanze al mare per chi non vuole rinunciare alla bellezza del paesaggio, al mare cristallino, alla tradizione e alla cultura senza allontanarsi dallo Stivale.

Anche se c’è da dire che la Sardegna è bella sempre, durante tutto l’anno con le sue molteplici destinazioni. Da nord a sud uno spettacolo infinito che la rendono perfetta per l’organizzazione delle vacanze in modi diversi, in base alle proprie esigenze. Un viaggio local alla scoperta di un posto nello specifico o dei tour che permettono di scoprire alcuni degli angoli più prestigiosi del gioiello sardo, dal mare all’entroterra.

L’isola si adatta a tipologie di vacanze diverse. Non solo mare, sole, spiaggia, tintarella e tuffi dalle calette. Anche tanto sano sport in barca a vela con immersioni diverse ogni giorno, buon cibo e tanta storia e cultura da assaporare passo dopo passo. Quando? In estate da giugno ad agosto, anche durante le festività come Ferragosto, ma anche nei momenti più tranquilli come settembre.

Insomma, se per i tuoi viaggi in Sardegna ti affidi a Tramundi, il tour operator online, ci sono così tante alternative diverse che è difficile anche scegliere. I professionisti che vi lavorano sono esperti nei viaggi di gruppo e riescono a confezionare degli itinerari local per farti toccare con mano la cultura e le mille sfaccettature di un luogo così magico. Prova l’esperienza di fare la spesa in dialetto sardo o addentrarti in uno dei Nuraghi più famosi. Come? Seguendo le indicazioni della guida che Tramundi mette a disposizione.

I tour in Sardegna permettono di visitare angoli diversi dell’Isola. Per gli amanti del surf, otto giorni nei luoghi più selvaggi per godersi l’adrenalina delle onde alte con lo sfondo delle spiagge più belle. Oltre il mare, per chi vuole scoprire la Sardegna controcorrente, c’è il viaggio alla scoperta della Barbagia, la zona montuosa più vasta della regione. Un mondo meraviglioso fra paesaggi storici, storie di artigiani e antiche tradizioni. Continuando, oltre le classiche mete, puoi scoprire la Sardegna più autentica e genuina, con un trekking nella terra degli antichi pastori locali lungo il SI CAI. Ovviamente non mancano i tour in mare, da quello tra Corsica e Sardegna a quello della Costa Smeralda alla Gallura fino ad un itinerario che abbraccia le zone più belle dell’isola.

Una lastra contenente tredici pesci fossili (Diplomystus), risalente al periodo Cretaceo libanese (145,5 - 65,5 milioni di anni fa), è stata restituita al Console Generale del Libano a Milano, dott. Khalil MOHAMAD, dal Magg. Francesco PROVENZA, Comandante del Nucleo Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale di Monza.

Gli accertamenti erano stati avviati dopo che l’Opera Diocesana Istituto San Vincenzo di Milano, Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto, aveva consegnato al Nucleo monzese la lastra proveniente da un lascito testamentario di una signora svizzera, deceduta a Milano.

Le prime investigazioni condotte dai militari del Nucleo brianzolo specializzato hanno consentito di appurare che il fossile non era presente nella “Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti”, il più grande database di opere d’arte rubate al mondo gestito dal Comando TPC, all’interno del quale sono censiti oltre un milione e trecentomila beni da ricercare.

Gli accertamenti volti a verificare l’autenticità dei fossili sono stati affidati al Dipartimento di Scienze della Terra “A. Desio” dell’Università degli Studi di Milano.

I fossili, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Monza, sono stati restituiti allo Stato di appartenenza.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI