Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 23 Settembre 2021

Santa Severina - Il trio …

Set 10, 2021 Hits:904 Crotone

Le Colonne d’Oro di Affid…

Ago 02, 2021 Hits:2646 Crotone

Maslow: non sapevo di ess…

Lug 13, 2021 Hits:2212 Crotone

Al Ministro Franceschini …

Lug 05, 2021 Hits:2161 Crotone

A Santa Severina Chopin e…

Giu 25, 2021 Hits:1739 Crotone

Michele Affidato insignit…

Giu 25, 2021 Hits:1368 Crotone

Scaramuzza: concluso un p…

Giu 25, 2021 Hits:1278 Crotone

Scaramuzza: si è svolto a…

Giu 19, 2021 Hits:1528 Crotone

Nella terza edizione del premio Rota, il riconoscimento intitolato al grande compositore (barese d'adozione) viene assegnato quest'anno anche al musicista e compositore Claudio Simonetti. “Nino Rota l'ho sempre reputato tra i più grandi compositori in assoluto; sono felice, pertanto, di questo riconoscimento a lui intitolato, e poi rivedro’ nell'occasione anche un caro amico come Pino Donaggio, e sono doppiamente onorato di prendere il premio nella stessa serata in cui verrà assegnato anche a lui, in occasione dei suoi 80 anni” – ha dichiarato entusiasta Simonetti. 

Claudio nasce a San Paolo, in Brasile, il 19 febbraio 1952, ma all'età di 11 anni si trasferisce in Italia con la sua famiglia, per poi iscriversi al Conservatorio Santa Cecilia di Roma con il fine di studiare composizione e pianoforte. Compositore, arrangiatore, tastierista e produttore, è tra i musicisti italiani che hanno lasciato maggiormente il segno nell'immaginario collettivo, sia in patria che all'estero. 

Una lunghissima carriera come componente e come fondatore di band rock come Il ritratto di Dorian Grey ed Oliver che poi, dopo la colonna sonora di Profondo Rosso nel 1975, cambierà nome per diventare Goblin. Attualmente, la sua formazione, i Claudio Simonetti's Goblin, sono da lui capeggiati e comprendono Cecilia Nappo (bassista), Federico Maragoni (batterista), Daniele Amador (chitarrista). Figlio di Enrico Simonetti, è conosciuto al grande pubblico soprattutto per aver composto molte colonne sonore di pellicole italiane e americane, tra cui gli indimenticabili successi per i film di Dario Argento. Ha scritto colonne sonore anche per George A. Romero, Ruggero Deodato, Sergio Martino, Lucio Fulci, Lamberto Bava, Castellano & Pipolo e Salvatore Samperi. 

Il Maestro Simonetti e la sua straordinaria band eseguiranno una scaletta composta da classici della discografia cinematografica horror, come Profondo Rosso, Suspiria, Phenomena, Tenebre (solo per citarne qualcuno). Ad aggiungere una notevole suggestione visiva ai live, intrisi di intense atmosfere musicali che la band da sempre riesce a creare, sono anche le scene proiettate dei film.Grazie a Lisa Bernardini per l'invito a il Corriere del Sud.

 

 

 

 

 

 

 

Due giorni di successo quelli del “mattone del cuore” . La suggestione di racconti di vita e di esperienze di solidarietà. La seconda e conclusiva serata della "Canzone del cuore" è stata questo e tanto altro. In una cornice straordinaria come quella del teatro di villa Bertelli gremito completamente fino alla capienza consentita dalle norme anti Covid (circa mille persone) e ribollente di entusiasmo e voglia di divertirsi. Ma anche di aiutare chi soffre perché il progetto solidale del "Mattone del cuore", ideato dalla onlus Olimpiadi del cuore di Paolo Brosio, grazie al supporto di Attilio Lo Po’,  manager dello stesso : si pone in questi anni di attività proprio questo obiettivo: aiutare chi è meno fortunato grazie alla sensibilità delle grandi star che hanno partecipato anche a questo appuntamento il cui ricavato va alle famiglie in difficoltà post Covid, ai progetti sociali di amministrazioni pubbliche e diocesi e alla realizzazione del posto di primo soccorso per tutte le etnie e tutte le religioni nei luoghi delle apparizioni mariane dell'Erzegovina. Fondamentale il ruolo nell'organizzazione anche della Nazionale Italiana Cantanti che a favore del progetto ha messo a disposizione il numero solidale 45527.

 La lunga giornata conclusiva dell'evento versiliese è iniziata con l'aperitivo al tramonto allo stabilimento balneare Alpemura di Veronica e Andrea Bocelli. Qui gli ospiti  sono arrivati a bordo di una carrozza francese di fine Settecento. Da lì sono scesi Al Bano, Anggun, Stjepan Hauser, Enrico Ruggeri, Fausto Leali, Luisa Corna, Paolo Vallesi, Jo Squillo accolti dal padrone di casa, il collega Andrea Bocelli, al pari degli altri cantanti che hanno partecipato alla manifestazione: Federica Carta e Mydrama, Pago, Jo Squillo.

Poi tutti al teatro di villa Bertelli dove un pubblico caloroso attendeva uno spettacolo che stato pari alle grandi aspettative, riscuotendo applausi a scena calorosi. Anche perché si è partiti col botto. Paolo Brosio, animatore di tutta l'iniziativa che è stato affiancato sul palco da Miriana Trevisan, Elisabetta Gregoraci, Matilde Brandi, Cecilia Capriotti e Canada Dominique Santos Santana che nella prima serata grazie all’aiuto della sua mentore Maria Chiara Petrone é riuscita a portare sul palco insieme a Brosio la sua testimonianza di vita, fatta di sofferenza nelle vie del Brasile ad una vita totalmente differente in Europa. Grazie a questa testimonianza la giovane modella e dj brasiliana CANANDA DOMINIQUE  ha aiutato un'asta benefica di ciabattine prodotte proprio dai bambini meno fortunati delle favelas brasiliane.

 

 

 

 

Tra i premiati spiccano i nomi di Mihajlovic, Edberg, Bonini e Oliva. Il Premio speciale dedicato a Paolo Rossi assegnato a Tardelli e Muller.   Parte il countdown per il XXV Premio Internazionale Fair Play – Menarini che, questa mattina, è stato presentato ufficialmente a Roma, presso la sede nazionale di Confagricoltura, da anni partner della manifestazione. Nell’illustre cornice di Sala Serpieri, sono stati svelati il programma e le novità dell’edizione 2021, oltre ai nomi dei premiati che, il prossimo 1° settembre, riceveranno l’ambito riconoscimento dedicato al fair play e all’etica sportiva durante la cerimonia di gala a Castiglion Fiorentino. Un’edizione quella di quest’anno che punta in alto, sia in termini di emozioni che di qualità, per festeggiare in modo speciale il venticinquennale della kermesse, nata nel 1997 con l’obiettivo di celebrare i grandi valori dello sport. “Agricoltura e sport sono strettamente connessi tra loro e i valori del fair play sono, da sempre, la nostra sostenibilità – spiega il presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti – L’agricoltura è, infatti, un settore rispettoso dell’ambiente, dei valori storico culturali e delle persone, perché se non avessimo rispetto per la terra e per i nostri agricoltori non avremmo cibo. L’agricoltura è un allenamento duro e costante, un lavoro di squadra e un sistema che genera eccellenze, assicurando salubrità e alta qualità a beneficio di tutti i consumatori.”     Nell’anno della vittoria azzurra agli Europei di calcio, e con i Giochi Olimpici di Tokyo sempre più vicini, la XXV edizione del Premio Fair Play-Menarini potrà contare su un parterre di campioni e personaggi sportivi di grande rilievo che, attraverso le loro storie e i loro esempi, racconteranno il lato sano e appassionato dello sport mondiale. Principale novità di quest’anno sarà, infatti, il Premio speciale nella categoria “Modello per i giovani”, dedicato alla memoria del grande campione Paolo Rossi: un doveroso riconoscimento che, questa mattina, è stato presentato dal comitato organizzatore del premio insieme alla moglie di “Pablito”, Federica Cappelletti, e che sarà assegnato a due importanti personalità del mondo calcistico come Marco Tardelli e Hans-Peter Muller. E proprio dall’Olimpo del Pallone, arriveranno a Castiglion Fiorentino a ritirare il premio anche l’allenatore del Bologna, Sinisa Mihajlovic il tecnico della Nazionale sammarinese, Massimo Bonini, l’olandese Patrick Stephan Kluivert, Eleonora Maria Goldoni, giovane attaccante del Napoli Calcio Femminile e l’ex arbitro Pierluigi Collina. Al loro fianco, figureranno leggende dello sport come il coach ed ex tennista svedese, Stefan Edberg, lo “Sparviero” del pugilato Patrizio Oliva, e Pierluigi Marzorati, bandiera storica della Pallacanestro Cantù. E poi, ancora, tanti sportivi simbolo delle più diverse discipline come l’allenatore ed ex judoka aretino, Matteo Marconcini, la nuotatrice ungherese da record, Katinka Hosszu, e il canottiere Romano Battisti. Il Premio speciale dedicato al ricordo di Franco Lauro, nella categoria “Narrare le emozioni” sarà invece consegnato alla giornalista sportiva di Mediaset, Lucia Blini.  Importante, inoltre, il sodalizio con il Centro sportivo Fiamme Gialle che anche, per questa edizione, riconferma il premio “Studio e sport”, categoria che andrà, su segnalazione dell’Ufficio scolastico della provincia di Arezzo, a una studentessa che avrà ottenuto buoni risultati agnostici accompagnati da un ottimo rendimento scolastico.   Al fianco del premio in veste di title sponsor, c’è il Gruppo Farmaceutico Menarini che, da nove anni, lega il proprio nome ai valori dell’etica e del fair play promossi dalla manifestazione. “La XXV edizione del Premio Fair Play – Menarini sarà anche l’occasione per celebrare, attraverso i valori dello sport, l’enorme sforzo che operatori sanitari, ricercatori, volontari e tutti coloro che sono impegnati in prima linea stanno compiendo per uscire da questa terribile pandemia – ha dichiarato Ennio Troiano, Direttore Global Risorse Umane Menarini – In questo periodo, tanto atteso, di ripartenza ci auguriamo che i valori del fair play, fondati sulla condivisione di principi che rappresentano la vera essenza dello sport, siano il faro che ci guidi nell’affrontare le sfide del futuro”.   Sostenuto anche dal main sponsor Consultinvest, l’edizione del venticinquennale del Premio Fair Play – Menarini torna a mettere in calendario un programma con tutti i crismi: una tre giorni di iniziative ed eventi collaterali che avrà inizio lunedì 30 agosto a Castiglion Fiorentino con una partita di calcio a favore della ricerca, in memoria di Chiara e Fabrizio Meoni, a cui prenderà parte anche la squadra calcistica della Federazione Nazionale degli Infermieri, e con il talk show “I campioni si raccontano”. Martedì 31  agosto sarà, invece, la volta della Cena di Gala, organizzata dal Title Sponsor Menarini nella magica cornice fiorentina di piazzale Michelangelo, durante la quale avverrà la consegna del simbolo “L’essenza del fair play”. Infine, mercoledì 1° settembre, nella suggestiva piazza del Municipio di Castiglion Fiorentino, andrà in scena l’emozionante Cerimonia di premiazione, condotta ancora una volta da Lorenzo Dallari e Rachele Sangiuliano, e trasmessa in diretta televisiva alle ore 20.30 su Sportitalia, media partner dell’evento. “Siamo orgogliosi di ospitare, per il nono anno consecutivo, il Premio Internazionale Fair Play -Menarini – illustra Mario Agnelli, sindaco di Castiglion Fiorentino, - una manifestazione che si fa portabandiera di valori sani, duraturi nel tempo e in grado di guardare al futuro. Un ideale, quello del fairplay, che ha permesso a Castiglion Fiorentino di crescere come comunità diventando ambasciatore di quei principi di etica e rispetto che dovrebbero diventare delle regole non scritte da seguire sempre, nello sport come nella vita quotidiana”.   Presente alla conferenza stampa anche la vicepresidente vicario del Coni, Silvia Salis che ha preso la parola subito dopo il videomessaggio girato dal presidente Giovanni Malagò: “Lo sport italiano sta vivendo un momento esaltante che ci ha permesso di capire come il fair play abbia un ruolo fondamentale non soltanto nel processo di accettazione delle sconfitte, ma anche nella gestione delle vittorie. Il fair play è un seme che il Premio Fair Play – Menarini, proprio come il Comitato Olimpico, cerca di gettare e coltivare da sempre, soprattutto in un’ottica educativa nei confronti delle giovani generazioni.”     Di seguito le categorie e i premiati del XXV Premio Internazionale Fair Play – Menarini: Marco Tardelli e Hans-Peter Mueller – Premio speciale Paolo Rossi, categoria “Modello per i giovani” Sinisa Mihajlovic – categoria “Sport e salute” Massimo Bonini – categoria “Fair play” Pierluigi Collina – categoria “Valori educativi dello sport” Eleonora Maria Goldoni – categoria “Fair play e solidarietà” Patrick Stephan Kluivert – categoria “Valori sociali dello sport” Stefan Edberg – categoria “Carriera nel fair play” Pierluigi Marzorati – categoria “Una vita per lo sport” Matteo Marconcini – categoria “Promozione dello sport” Patrizio Oliva – categoria “Sport e vita” Katinka Hosszu – categoria “Personaggio mito” Romano Battisti – categoria “Lo sport oltre lo sport” Lucia Blini – Premio speciale Franco Lauro, categoria “Narrare le emozioni” Premio Speciale Fiamme Gialle “Studio  e Sport”   Seguici sui social media: Facebook: @PremioFairPlayMenarini - Twitter: @PremioFairPlay - Instagram: @premiofairplay_menarini YouTube: Premio Internazionale Fair Play Menarini Hashtag ufficiali: #FairPlayMenarini #PremioFairPlayMenarini #XXVFairPlayMenarini  Julia-Sandra Virsta Roma-15 luglio

 

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI