Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 22 Aprile 2021

Qualche giorno fa, presso la Sala Stampa dello Stadio Olimpico di Roma, e stata la conferenza stampa per presentare, in anteprima, il nuovo brano “A.MA.MI.” prodotto da “The Best” di Nino Capobianco - Tribute Band “Abba the Best” che rievoca lo storico gruppo svedese, canzone volutamente ritmata e dedicata ai valori della legalità, al rispetto tra le persone e all'esaltazione dell'amore e la pace senza discriminazioni, con l'obiettivo di destinare buona parte dell’incasso delle vendite del cd ad organizzazioni non lucrative di utilità sociale e no profit.   

A rinforzare questo importante messaggio, la Società Sportiva Lazio guidata dal Presidente Claudio Lotito e l’Associazione ARGOS Forze di Polizia (Ambasciatori di Pace – del Fair Play e della Legalità)  hanno aderito all'invito ed e rappresentata dai Segretari di Presidenza Nazionale Gianluca Guerrisi e Fausto Zilli, un connubio di sport e sicurezza che uniti con la musica rappresenteranno una miscela “magica” per  infondere nei cittadini e nei giovani soprattutto, quel senso civico e di rispetto per le regole che sono alla base del tessuto democratico di ogni paese e territorio.

Al centro della conferenza stampa, e stato un dibattito, animato dall’Osservatorio sulla Sicurezza e Legalità dell’Associazione ARGOS Forze di Polizia tra le tematiche tanto attuali della violenza sulle donne e violenza di genere condotto dall'Avvocato Vittorio Palamenghi, un focus diretto ad informare, riflettere e formare, per una sempre più necessaria riconquista dei rapporti civili e l’abbattimento alle reticenze di denunce agli organi previsti di tutela, ai casi patiti di stalking, minacce, vessazioni e aggressioni di vario genere, preludi di episodi più gravi e irrecuperabili.

Al termine del meeting sono state consegnate delle importanti distinzioni di merito per l'impegno sociale e umanitario, l’Ambasciatore della Buone Azioni e il Cuore d’Oro, massime espressioni premiali del Dipartimento Eventi e Attività Sociali dell’Associazione ARGOS Forze di POLIZIA in collaborazione con il maestro orafo Giovanni Pallotta.

Ha presentato e ha condotto conferenza l'attrice Anna Falchi tra gli spiccano nomi di personaggi delle istituzioni e della televisione come il Senatore Maurizio Gasparri, il Vice Presidente del Consiglio della Regione Lazio Giuseppe Emanuele Cangemi, il Vice Presidente della Commissione Urbanistica alla Regione Lazio Fabrizio Ghera, Avv. Vito Cozzoli Presidente e Amministratore Delegato di Sport Salute S.p.A., Suor Paola, l'allenatore della Lazio Women Carolina Morace, il calciatore della prima squadra della S.S. Lazio Francesco Acerbi, lo storico giornalista sportivo della RAI “Tutto il Calcio Minuto per Minuto” Ezio Luzzi, Antonella Lualdi, Antonella Interlenghi, Daniela Fazzolari, Linda Batista e altri...

 

 

Appuntamento mercoledì 24 marzo alle 17.30 su piattaforma Zoom e in diretta Facebook Prima delle tre iniziative in attesa del pronunciamento su candidatura Unesco ‘Cerca e cavatura del tartufo in Italia’ La comunità del tartufo, coordinata dall’Associazione Nazionale Città del Tartufo (Anct), dà il via a una serie di appuntamenti che caratterizzeranno il periodo di attesa rispetto alla decisione del Comitato intergovernativo Unesco relativamente alla candidatura italiana “Cerca e cavatura del tartufo in Italia: conoscenze e pratiche tradizionali” per l’iscrizione nell’elenco dei beni immateriali dell’umanità. Sono tre gli appuntamenti in calendario due dei quali si svolgeranno sicuramente online, mentre per il terzo c’è la speranza che a ridosso dell’estate possa svolgersi in presenza con tutte le cautele del caso. “Codice sensoriale del tartufo”, il titolo dell’iniziativa che aprirà il programma e che si svolgerà mercoledì 24 marzo alle 17.30 su piattaforma Zoom e si potrà seguire anche tramite diretta Facebook dalla pagina ufficiale Associazione Nazionale Città del Tartufo. Il webinar si propone di dare i primi rudimenti rispetto all’analisi sensoriale del Tartufo nero pregiato con la speranza che i territori raccolgano l’invito per riproporre questo tipo di corso a livello locale e formare un gruppo territoriale di esperti che possa qualificare le azioni programmate nella filiera del tartufo. Durante il collegamento, nella fase introduttiva verranno trattate tematiche generali sul tartufo, per passare poi alla descrizione del processo di valutazione sensoriale, avvalendosi della comparazione tra tartufi a tre gradi di maturazione: immaturi, buoni e marcescenti. Sarà un confronto coordinato a distanza da Isabella Gianicolo del Centro Studi Tartufo di Alba che guiderà tre esperti di comunicazione enogastronomica all’approccio sensoriale del Tartufo Nero. Una sorta di evento zero, dunque, che si potrà replicare dal Nord al Sud Italia nei territori legati al tartufo per formare panel di esperti che sappiano valutare il pregiato fungo e apprezzarlo nelle sue peculiarità. “Nonostante la pandemia e il clima non favorevole a svolgere attività divulgative – ha spiegato Michele Boscagli, presidente dell’Anct –le Città del Tartufo hanno deciso di investire in questo ambito per qualificare maggiormente gli addetti al settore e avvicinare un più ampio pubblico a un mondo, quello del tartufo, avvolto da un’aura di mistero, e rendere invece più conosciute le sue specificità”. Per quanto riguarda gli altri eventi in programma, le date sono ancora in via di definizione, mentre le tematiche sono state individuate. Il secondo appuntamento sarà incentrato sul cane da tartufo, il suo addestramento e il benessere animale in genere; il terzo, riguarderà la biodiversità ambientale e alimentare legate all’ambiente tartufigeno e al prodotto tartufo. Julia-Sandra Virsta 24 marzo 2021 Foto: Direttore Antonella Brancadoro

 

Nazareno Caputo, Phylum, Aut Records.

La parola "Phylum" assume significati alquanto variabili a seconda che venga riferita alla zoologia e botanica (categoria d'insieme, riferibile a un dato gruppo tassonomico) oppure alla etnologia e linguistica (sistema di lingue apparentate fra loro in genere non raggruppabili a causa dei ridotti caratteri comuni).
Se la si riferisce alla musica, come ha fatto il vibrafonista lucano Nazareno Caputo nel proprio album d'esordio, appunto Phylum, editato da Aut, viene da chiedersi se vi prevalgano gli elementi di aggregazione oppure quelli di distinzione.
La musica del trio che oltre al leader annovera il contrabbassista Ferdinando Romano ed il batterista Mattia Galeotti è illustrata nella nota di presentazione come frutto "di una ricerca musicale focalizzata sugli elementi strutturali, timbrici, melodici della musica (...) brani che contengono elementi morfologici molto diversi tra loro e risultati estetico-stilistici riconducibili ai più variegati linguaggi, uniti indissolubilmente dalla comune origine e appartenenza alla stessa idea musicale, allo stesso phylum".
Il percorso è delineato in nove "diramazioni" su mixaggio e registrazione di Stefano Amerio di ArteSuono. La prima, "Preludio-Creazione" è il Filo d'Arianna che marca l'ordine rispetto al labirintico caos. A seguire in "Adi" è la triade (di rapporti fra note) a mettere in correlazione logica, non cronologica, gli "eventi" dei successivi "Dulce" e "Abside". Con "Adam R." (Rainer) il nano che divenne gigante guadagna gli onori della cronaca musicale nel simboleggiare la crescita inarmonica e incontenuta delle cellule. 
Infine "Postludio-Dissoluzione", che subentra ad altre tre tracce di spiccata "filía" nel senso di affinità, mette in musica il "mancamento" della forma e l'insufficienza nella consistenza, non materica. Il disco, maturato da Caputo in un'intensa gestazione jazzistica, sta a dimostrare quanto la musica possa "infilarsi" nelle complesse pieghe del mondo per produrre, al momento giusto, good (vibraphonic) vibration.

Sade Mangiaracina, Madiba, Tūk Records.

La pianista siciliana Sade Farida Mangiaracina presenta, per i tipi musicali della Tūk Records, Madiba, album inciso unitamente agli affiatati partner che rispondono ai nomi di Marco Bardoscia, contrabbassista, e Gianluca Brugnano, batterista.
Madiba era il nomignolo tribale di Nelson Mandela al quale il lavoro, interamente composto dalla pianista, è dedicato. È un racconto, per capitoli jazz, della vicenda, politica ed umana, del leader sudafricano, ideato sul presupposto che la musica non possa essere avulsa dalla realtà e dal tempo storico. Già il 2018 il disco "Le mie donne", prodotto dalla medesima etichetta discografica, era stato avvisaglia del suo saper sintonizzarsi su forti identità della nostra epoca, in quel caso femminili. L'aver ora scelto Madiba come ispirazione intende abbracciare una personalità simbolo nel campo della difesa dei diritti civili e della ripresa (sud)africana.
Sul piano strettamente musicale il suo trio non fa il verso a Soweto blues o similia per rimanere ancorato a binari jazz.
Tutto scorre in modo fluidamente originale anche nei momenti in cui l'oud dell'ospite Ziad Trabelsi conferisce una certa etnicità al sound in tre delle otto tracce totali, esattamente We Have a Dream, 27 Years e Forgiveness.
Nella dedica che la pianista fa agli artisti ed alle maestranze dello spettacolo che durante lockdown e pandemia hanno avuto il coraggio di stringere i denti, sembra avvertirsi, subcutanea, la sofferenza di una forma indolore di "prigionia". Quindi, nel ricordare il detto di Mandela "non giudicatemi per i miei successi ma per tutte quelle volte che sono caduto e sono riuscito a rialzarmi" si coglie l'anelito al ritorno alla normalità "sapendo che l'arte e la musica illumineranno di nuovo tutto".
Il messaggio mandeliano permea sia le due Letter from A Prison che gli altri brani "in tema" alla sua vicenda, a partire da Madiba e Winnie.
Nell'insieme l'ascolto trasmette un senso di rinascita per il tramite di una musica che, smussati gli spigoli di una storia tormentata ma dagli esiti positivi, vi si rispecchia riverberandone appieno le varie tonalità.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI