Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 25 Aprile 2019

Dall’11 al 13 ottobre 2018 tornano gli ARCHMARATHON AWARDS, il Premio internazionale di architettura ideato da Publicomm, che quest'anno sarà ospitato nella magnifica cornice di Palazzo Mezzanotte a Milano. La prima giornata, l’11 ottobre, sarà a porte chiuse e dedicata al b2b fra Studi internazionali e sponsor. Nei giorni 12 e 13, invece, si entrerà nel vivo dlel’award con una successione molto serrata di interventi e in un’atmosfera davvero internazionale.

Questa edizione, la terza nella versione worlwide e quinta includendo anche le edizioni di Beirut (2015) e Miami (2016), propone numeri da record:

- ben 55 studi candidati provenienti da 23 Paesi nel mondo

- 8 giudici che rappresentano 4 continenti, precisamente: Luca Molinari (Italia), Gary Chang (Cina), Lesley Lokko (Sudafrica), Rozana Montiel (Messico), Cherubino Gambardella (Italia), Evgeniya Murinets (Russia), Massimiliano Cecconi (Italia) e Matteo Spinelli (Italia).

- 8 Guest Lectures

- 16 crediti formativi distribuiti nei due giorni dell'evento

- oltre 600 progetti candidati all'Open Call di giugno, provenienti da tutto il mondo.

L’edizione milanese di quest’anno focalizza l’attenzione sui migliori progetti internazionali d’architettura e di interior design, selezionando quelli che si sono distinti nel biennio 2016-2018.


I progetti candidati verranno suddivisi in 16 categorie e da quest’anno raggruppati in 2 macro-categorie: ARCHITECTURE ed INTERIOR DESIGN.

Gli studi selezionati saranno presenti all’evento milanese, per raccontare il proprio progetto di fronte alla giuria e ad un folto pubblico di architetti, interior designers e developers.

L’evento prevede l’assegnazione di 16 premi (uno per categoria) e l’assegnazione del premio OverAll, ovvero al progetto migliore in assoluto, che quest’anno raddoppia.

La giuria designerà, infatti, un Overall Award nella macro-categoria Architecture e uno nella macro-categoria Interior.
La cerimonia di premiazione è prevista durante l’Awards Gala Dinner, che si terrà la sera del 13 ottobre.

ARCHMARATHON AWARDS 2018 – STUDI CANDIDATI

AURORA ARQUITECTOS + FURO              Portugal                       HOTEL & LEISURE

WEE STUDIO                                                China                          HOTEL & LEISURE

TSH DESIGN EXPERIENCE TEAM  The      Netherlands                 HOTEL & LEISURE

POOL LEBER ARCHITEKTEN                     Germany                     ART & CULTURE

VERMILION ZHOU DESIGN GROUP          China                          ART & CULTURE

PROGETTO CMR                                          Italy                            ART & CULTURE

BLANKPAGE ARCHITECTS                        Lebanon                      RELIGIOUS BUILDINGS

MAROUN LAHOUD ARCHITECTE             France                         RELIGIOUS BUILDINGS

ENOTA                                                          Slovenia                      RELIGIOUS BUILDINGS

JOSÉ LUIS MUÑOZ ARCHITECTURE         Spain                           PRIVATE HOUSING

LIVERANI-MOLTENI ARCHITETTI            Italy                            PRIVATE HOUSING

TEMPESTA TRAMPARULO                         Switzerland                 PRIVATE HOUSING

MIMARLAR VE HAN TÜMERTEKIN          Turkey                        WORKSPACES

CANALI ASSOCIATI                        Italy                            WORKSPACES

KAAN ARCHITECTEN                                 Netherlands                 WORKSPACES

FRIGERIO DESIGN GROUP                         Italy                            WORKSPACES

JAJA ARCHITECTS                                      Denmark         LANDSCAPE & INFRASTRUCTURE

 LUIS MACHUCA & ASSOCIADOS Spain               LANDSCAPE & INFRASTRUCTURE

ARQUITECTOS                                            

GROUPE 3 ARCHITECTES                          Morocco          LANDSCAPE & INFRASTRUCTURE

MVRDV                                                         Netherlands     LANDSCAPE & INFRASTRUCTURE

2B.GROUP                                                    Ukraina                       BARS & RESTAURANTS

ARCHITECTURE BUREAU DA                   Russia                         BARS & RESTAURANTS

PETER PICHLER ARCHITECTURE             Italy                            BARS & RESTAURANTS

BURO KLK                                                   Austria                        BARS & RESTAURANTS

STUDIO MARCO PIVA                                Italy                            HOTEL & LEISURE LUXURY

LISSONI ARCHITETTURA                           Italy                            HOTEL & LEISURE LUXURY

ZAHA HADID ARCHITECTS                       UK                              HOTEL & LEISURE LUXURY

BLAKSTAD HAFFNER ARKITEKTER        Norway                       EDUCATIONAL BUILDINGS

OPEN ARCHITECTURE                               China                          EDUCATIONAL BUILDINGS

NOERO ARCHITECTS                                  South Africa               EDUCATIONAL BUILDINGS

ATELIER(S) ALFONSO FEMIA                    Italy                            EDUCATIONAL BUILDINGS

STUDIO DC10                                               Italy                            WORKSPACES INTERIOR

D/DOCK                                                        Netherlands                 WORKSPACES INTERIOR

DEGW                                                           Italy                            WORKSPACES INTERIOR

CLAUDIO SILVESTRIN ARCHITECTS       UK                              PRIVATE HOUSING INTERIOR

VUDAFIERI-SAVERINO PARTNERS          Italy                            PRIVATE HOUSING INTERIOR

RAMÓN ESTEVE ESTUDIO                         Spain                           PRIVATE HOUSING INTERIOR

MAURIZIO LAI ARCHITECTS                     Italy                            COMMERCIAL RETAIL

SENSELAB                                                    Italy                            COMMERCIAL RETAIL

FRANCISCO PARDO ARQUITECTO           Mexico                                   COMMERCIAL RETAIL

+ AMEZCUA                                                

PARK ASSOCIATI                                        Italy                            COMMERCIAL RETAIL

PEIA ASSOCIATI                                          Italy                            SPORT

LOT-EK                                                         USA                            SPORT

KOSMOS ARCHITECTS                               Russia                         SPORT

ABALO ALONSO ARQUITECTOS              Spain                           HEALTHCARE & HOSPITALS

EL EQUIPO MAZZANTI                               Colombia                    HEALTHCARE & HOSPITALS

REITSEMA & PARTNER ARCHITECTS      Netherlands                 HEALTHCARE & HOSPITALS

PIETRO CARLO PELLEGRINI

+ PORTOGHESI + CASAMONTI                  Italy                            RETROFITTING

+ CUCURULLO + NICOSIA                        

VECTOR ARCHITECTS                                China                          RETROFITTING

ARCHEA ASSOCIATI                                   Italy                            RETROFITTING

TABANLIOGLU ARCHITECTS                    Turkey                        RETROFITTING

5468796 ARCHITECTURE                           Canada                    MIXED USE&RESIDENTIAL BUILDINGS

MEI ARCHITECTS AND PLANNERS          Netherlands MIXED USE&RESIDENTIAL BUILDINGS

URKO SANCHEZ ARCHITECTS                  Kenya          MIXED USE&RESIDENTIAL BUILDINGS

PIUARCH                                                      Italy             MIXED USE&RESIDENTIAL BUILDINGS

 

E’ sana, vigorosa, non inferiore al miele imetteo. Niente di meglio produce la mia Cavelle, il Villaggio paterno reso famoso del mio ingegno. Lì sono nato e quali siano i miei costumi ed il mio talento te lo dirà questa dolce uva che ti mando”. Con queste parole Giannantonio Campano, l’eminente umanista nato nel 1429 a Cavelle, piccolo villaggio di Galluccio, accompagna il dono di uve locali al  Cardinale di Pavia Jacopo Ammannati.

Davvero salubri e intonsi i luoghi del comprensorio di Galluccio, comune in provincia di Caserta ai piedi della falda sud orientale del Monte Camino, in cui è situato il Podere Don Giovanni.

Nei giorni scorsi,  presso l'azienda vitivinicola Podere Don Giovanni si è celebrata la partnership fra due produttori campani, Podere Don Giovanni e Cantine Mediterranee, che unendosi vogliono aumentare la loro penetrazione nel mercato, soprattutto estero.

Il sindaco di Galluccio, Francesco Lepore, intervenendo all’incontro con gli addetti al settore,  ha sottolineando come con la sua giunta sta puntando alla valorizzazione dell’enogastronomia del territorio: “Proprio in questi giorni  - ha detto il sindaco - si sta svolgendo la Sagra dell’uva, che si concluderà  con il concerto di Enzo Avitabile, per valorizzare il prodotto vino e la gastronomia del paese. Puntiamo sull’accoglienza in un territorio incontaminato con un paesaggio collinare bellissimo”.

La conferenza stampa di presentazione è stata moderata da Luigi Farina di spaghettitaliani.com, dove è stato illustrato il progetto che porterà a breve alla costituzione di un nuovo brand.

L’agronomo Salvatore Martino, ha illustrato le origini del Podere Don Giovanni: “Il Podere nasce nel 2008, quasi dal nulla, dalla volontà del Dr  Giovanni Severino. Oggi siamo arrivati ad avere una superficie di circa 10 ettari fra uliveti e vigneti. La produzione di vino si basa sull’Aglianico e sulla Falanghina, secondo il disciplinare del Galluccio DOC, cercando di sfruttare al massimo la vocazione del territorio. L’impianto del vigneto venne concepito, sin dal 2008, con l’obbiettivo di produrre vini di alta qualità, con vigneti con alta densità d’impianto; 5.200 piante per ettaro, producendo poca uva per ogni ceppo, per aumentarne la qualità. Le olive sono di una varietà locale, per rispettare il più possibile le caratteristiche del territorio vulcanico, visto che ci troviamo ai piedi del vulcano spento di Roccamonfina.  Da qualche anno - ha concluso Salvatore Martino - si produce olio biologico e da quest’anno anche il vino sarà bio”.

Giovanni Severino, proprietario del Podere Don Giovanni ha così commentato: “Dopo 10 anni di produzione pensavo che era arrivato il momento di chiudere l’azienda. Ma l’incontro con Vincenzo Napolitano di Cantine Mediterranee  mi ha fatto tornare sui mei passi aprendo nuove prospettive che mi rendono molto fiducioso”.

Vincenzo Napolitano, proprietario di Cantine Mediterranee,  una delle poche aziende italiane a produrre vini che hanno la certificazione ebraica “kosher”,  ha anticipato gli obbiettivi delle due aziende: “La partnership che è nata  si riassume con una sola parola, rete, che è l’unico mezzo che può aiutare le piccole e medie aziende ad arrivare a dei mercati che non potrebbero raggiungere da sole. Noi facciamo parte della rete di imprese Mercati Italiani, che ha l’obbiettivo di proporre agli imprenditori un vasto paniere di prodotti, in tal modo con un solo interlocutore riescono a reperire contemporaneamente diversi tipi di prodotti, agevolandolo anche la logistica, visto che si può così ridurre la quantità di prodotti acquistati".  Vincenzo Napolitano ha così concluso: "Le nostre produzioni sono complementari fra di loro, quella di Cantine Mediterranee è prettamente vesuviana e beneventana, mentre quella di Podere Don Giovanni è casertana, con i vigneti autoctoni del Galluccio DOP, quindi rientra nel concetto di rete di cui parlavo prima. Come progetto futuro abbiamo intenzione di fondere i due marchi, creando un unico brand, con un restyling delle etichette. Per lanciare questa nuova realtà  parteciperemo a manifestazioni in Europa e in altri continenti, per rafforzare la nostra presenza all’estero, che ci vede già oggi presenti in Cina, Taiwan, Nord Europa, Africa, Stati Uniti  e da poco anche in India”.

L'Azienda Cantine Mediterranee porta avanti dal 1946 la volontà di dare seguito ad una antica tradizione vinicola familiare e con l’entusiasmo e la passione ha consolidato negli ultimi 10 anni anche la sua introduzione sui mercati internazionali. Cantine Mediterranee tende a valorizzare i vini tipici della Campania, con particolare riguardo all’area vesuviana, al Sannio beneventano e all’Irpinia: culle di antiche tradizioni  vitivinicole da cui si ricavano vini famosi in tutto il mondo.

Podere Don Giovanni è una azienda vitivinicola ed olivicola, fondata circa 20 anni fa dalla famiglia Severino, tra boschi secolari di castagni e deliziosi borghi medievali, ci si perde in un’oasi di tranquillità, scoprendo, poco a poco, scenari indimenticabili e sospesi nel tempo. Lungo sentieri e piccoli borghi, si possono ammirare straordinarie testimonianze storiche, che raccontano di un passato fatto di fede e d’ingegno architettonico. Il Podere è alle pendici del vulcano spento di Roccamonfina e dello storico borgo medievale di Sipicciano. Castagneti, oliveti secolari coltivati secondo il protocollo biologico e vigneti fanno da cornice ad un panorama unico, che comprende il golfo di Gaeta e la storica abbazia di Montecassino.

Dopo la presentazione è stata effettuata la visita all'azienda Podere Don Giovanni  che si è conclusa con un happening finale, dove alcuni volontari si sono prestati alla pigiatura dell'uva con i piedi nei tini.

I numerosi presenti hanno brindato con i vini delle due aziende sulla terrazza del Podere Don Giovanni a cui è seguito un ricco buffet preparato dallo Chef Antonio Arfè, della Gastronomia Arfè, con l’aiuto dello Chef Vincenzo Patricelli, con i prodotti offerti da alcune aziende partecipanti alla rete Mercati Italiani.

Un soggiorno nel Salento permette di riconciliarsi con se stessi dal momento che sono a disposizione spiagge quasi deserte e mare  cristallino a perdita d’occhio. In questa terra fortunata baciata dal sole si può passeggiare tra gli ulivi secolari, alcuni dei quali risalenti all’epoca romana, o scegliere come itinerario le città d’arte e le Grandi Feste di tradizione che chiudono la stagione estiva. Sono proprio questi i contenuti di un’offerta turistica  per l’autunno nel Salento presentata nei giorni scorsi nel corso di un educational dal  tema:  “Settembre nel Salento, Grandi Feste di tradizione e vendemmia del Negroamaro” organizzato dalla giornalista Carmen Mancarella, direttrice della rivista di turismo e cultura del Mediterraneo Spiagge, la cui parte operativa è stata curata dall'agenzia Losurdo Viaggi di Rutigliano, grazie ad un finanziamento dell’assessorato alle Industrie turistiche e culturali, diretto da Loredana Capone attraverso PugliaPromozione, nell’ambito del Programma operativo regionale Fesr-Fse 2014-2020 “Attrattori culturali, naturali e turismo”.

 I riti nel Salento, con le statue dei Santi portate in processione e le luminarie, vestono di colori le piazze. La fede si traduce in momenti intensi e spettacolari, nel silenzio della sera le città conservano la loro teatralità. Seguire gli abitanti di tutto il paese  e assistere alle lente processioni,  non può che commuovere alla vista di tanta fede.

 A Melendugno - che vuol dire portatore di dolcezza -la processione è per il Protettore,  San Niceta, un Santo arrivato dall’Oriente, martire del IV secolo che si rifiutò di tornare al paganesimo e il cui culto venne “importato” dai mercanti Veneziani, che intessevano intensi scambi commerciali con il Salento e la Puglia.

Il comune è una ridente cittadina che con il suo vasto territorio si distende lungo la costa salentina dove sventola la Bandiera Blu. Importanti per l’economia turistica sono le marine di Torre dell’Orso, San Foca, Roca Vecchia e Sant’Andrea. Nel centro storico, caratteristiche sono le case a corte di origine medievale mentre numerosi sono i frantoi ipogei, a testimonianza della floridità dell’economia agricola. A Copertino, a pochi chilometri di distanza, la festa è in onore di San Giuseppe da Copertino, che quanto era in estasi si sollevava da terra,  nato in una stalla proprio di fronte alla chiesa, viene venerato in tutto il mondo quale Protettore dell’aviazione e degli studenti. Il Santo, al secolo Giuseppe Maria Desa, mai avrebbe potuto pensare in vita che avrebbe assunto tale ruolo, lui che venne rifiutato da alcuni Ordini per «la sua poca letteratura» (aveva dovuto abbandonare la scuola per povertà e malattia), venne accettato dai Cappuccini e poi dimesso per «inettitudine». Qui la notte è stata vinta dalle luminarie di Marianolight che hanno rischiarato a giorno Copertino costringendo grandi e bambini a tenere il naso all’insù per lo stupore creato da  milioni di lampadine multicolori. Le  luminarie pugliesi sono esportate in tutto il mondo, come la danza della pizzica salentina, portando un pezzetto di Salento nei grandi eventi e facendo  diventare l’illuminazione un’arte  trasformando  le grandi feste di tradizione in eventi collettivi.

Per quanti vorranno  concedersi un meritato riposo, una passeggiata in riva al mare a Porto Cesareo e quello che ci vuole. Si potrà fare un giro in barca fino all’isola dei conigli dove è stata istituita l’area marina protetta che arriva fino a Nardò, una delle poche che ha realizzato la mappatura dei fondali. La città è famosa per la via delle pescherie, definita unica al mondo. Come tutte le terre del sud anche il Salento con la sua vocazione vitivinicola ha una sua personalità da rispettare e da interpretare, da capire e da valorizzare. E nel Salento l’enoturista in autunno può prendere parte alla vendemmia o andare alla scoperta dei grandi vini, degustandoli direttamente in cantina.

La Cantina Conti Zecca di Leverano, in provincia di Lecce, e fra le aziende più antiche che meglio raccontano l’eccellenza della terra salentina con i colori, i profumi e i sapori di una delle tradizioni agricole più importanti e ricche del territorio nazionale. La storia della famiglia Zecca risale ad oltre cinquecento anni, provenienti da Napoli, si dedicarono alla produzione viticola, accrescendo le proprietà e sviluppando il commercio in circuiti sempre più ampi, oggi anche verso il Giappone. Una storia di qualità fondata sui vitigni autoctoni Negroamaro, Primitivo, Malvasia Nera e Bianca coltivati con cura nelle quattro tenute di famiglia: Cantalupi, Donna Marzia, Saraceno e Santo Stefano. Nel Salento, da sempre una terra magica,  il sole vi bacia tutto l’anno, il fascino dell’arte, l’ottima cucina mediterranea e l’ospitalità sincera accolgono il turista in un paesaggio da sogno, dove antichi ritmi diventano musica contemporanea nella Notte della Taranta.

" Abbiamo stimolato le imprese turistiche pugliesi a elaborare itinerari e percorsi che ruotano intorno al cibo e al paesaggio rurale, declinati con le bellezze naturali e le produzioni locali tipiche, l'archeologia e le arti creative (teatro, fotografia, musica) - commenta l'Assessore alle Industrie turistiche e culturali della Regione, Loredana Capone - le proposte sono tante e tutte molto interessanti, innovative e creative e promuovono il life style pugliese. In questo modo abbiamo animato il territorio della Puglia con una offerta turistica di qualità fondata su cultura, cibo e sport, garantendo una buona accoglienza ai turisti che abbiamo invogliato a venire anche fuori dalla stagione balneare".

Il Salento fa dunque perno sui valori dell’accoglienza, dell’ospitalità e della qualità, nell’ottica dello sviluppo sostenibile, durevole e integrato.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI