Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 19 Aprile 2018

Una farsa sul sociale, il cui tessuto si snoda in un mondo esasperato che dilaga, ma che di reale apparentemente non ha nulla, eppure esiste con aspetti fuorvianti. 
La protagonista Salomè da Silva, si cala attraverso alcuni monologhi che interpreta spolverando accenti di varie regioni intaliane ed anche stranieri nelle vesti di un assemblage di caratteri femminili stravaganti e paradossali, che come con un telecomando cambiano velocemente  luogo e tempo, come sta appunto accadendo nella società mondiale, dove ormai connettendosi alla rete si accede ad un universo senza tempo né con  uno spazio definito.

Sempre sorridendo con grande ironia, la regia di #Social J Mente Pericolosa, ha voluto far comprendere con estrema leggerezza le direzioni che, si intraprendono con l'uso smodato dei social network e le annesse dipendenze da disconnessione; mettendo in evidenza l'insorgenza di una serie di atteggiamenti e comportamenti atipici che tutta la società sta facendo sempre più proprie, confondendo appunto la realtà che vive veramente, con quella più assurda che è appunto la virtuale.

All’interno della farsa irrompono dei veri e propri cortometraggi.

Spicca tra i personaggi una performance di danza, dove Salomè da Silva sulle note di Alejandro (Lady Gaga) indossa un costume bondage.  

Il cantante Marcello No, quasi fosse uno youtuber, entra in questo spazio temporale illusorio, tra reale e virtuale, con due suoi singoli live e brevi interventi legati all’uso quotidiano che si fa dei post su Facebook: quasi la musica sopravvivendo all'algido tecnologico resti l'unico collante di questi universi estremi.

#Social J Mente Pericolosa è un testo ideato da Francesca Berger e scritto a quattro mani con Salomè da Silva. La Berger che è anche regista dello spettacolo teatrale, ha voluto inserire all’interno della messa in scena dei veri e propri corti, che rappresentano il suo piccolo debutto cinematografico, i corti da lei diretti sono stati girati con la sua troupe di videomaking in location sia in esterni che in interni; proprio in uno di questi ha voluto sfruttare ulteriormente tutte le poliedriche capacità della protagonista, che si esibirà anche in una coreografia pop, in un brano canoro, nell’interpretazione di un accenno al grande teatro ed anche a quello più commerciale di satira. Francesca Berger che nasce attrice di prosa e insegnante di recitazione è alla sua terza regia teatrale (Psycoroscopia, L’eco della Traviata, #Social J Mente Pericolosa), già autrice, scrittrice e memorialista/giornalista per note testate,  conosce benissimo il mondo della rete, per la quale già scriveva prima della nascita dei social, rientra dopo un assenza forzata di quattro anni, stacanovista infaticabile ha curato personalmente anche scene e costumi. 

Francesca Berger nasce come attrice di prosa, tra l’altro due lavori per la regia di Mico Galdieri, poi accanto a Valeria Valeri ed Antonella Steni, legata anche al mondo del Jet Set e dell’arte in più circostanze, entra in quel mondo accanto a Gil Cagnè curando con lui e Biagio Arixi le PR Vip, entra dall’89 nel mondo della fotografia, come produttrice, organizzatrice, nonché talent scout di Gerald Bruneau, occupandosi di questo redige la sua prima intervista a Gian Maria Volontè, dal 94 si dedica definitivamente alla scrittura, con testi teatrali e un romanzo, accede nel 1999 al mondo giornalistico, collaborando con le sue importanti esclusive a Sean e Micheline Connery, il caso Francesca Vacca Graffagni per settimanali quali CHI, L’Oggi, in seguito cura i servizi speciali per EUROPECONOMY, e intorno al 2000 inizia a scrivere per la rete che ha visto nascere, anche ideando il primo Annuario degli attori telematico in Italia ‘’Memorandum…’’, così come redige uno dei primi siti di personaggi come quello di Diego Gullo; cura Uffici Stampa e in particolare per il Teatro dei Coronari diretto da Lello Scarano, nota organizzatrice di eventi e manifestazioni come Donna Loka e il Castiglione Music Fest, nel  frattempo insegnando nella sua scuola di recitazione per due anni, nel 2010 debutta con la sua prima regia teatrale - PsychOroscopia-,nel 2012 con L’Eco della Traviata; segue dal 2013 al 2016 un periodo di fermo per cause di forza maggiore perché colpita come fu per Lamberto Sposini. 

Salomè da Sillva:

è figliastra di Helmut Berger, ancora marito della madre, Salomè è nata a Roma, figlia dello sport e dell’arte, in quanto nata dalla relazione tra la il padre ex asso del calcio brasiliano poi passato alla Lazio Joao Batista da Silva e la madre Francesca Berger

La protagonista e coautrice dell’opera è Salomè da Silva che debuttò in una Fiction della Rai ‘’Lui e lei’’, con Vittoria Belvedere, Enrico Mutti, regia di L. Mannuzzi (ruolo: protagonista di puntata), la ritroviamo sempre in Rai in vari ruoli, tra i quali 2010: Ho sposato uno sbirro 2, regia di Giorgio Capitani (ruolo: protagonista di puntata), protagonista di cinque corti cinematografici tra i quali ‘’ In itinere’’, regia di Andrea Natale (pluripremiato) per il quale nel 2016 prende la Nomination come miglior attrice protagonista ed unica italiana al Rome Web Awards e ‘’Realtà istantanee’’, regia di Luca Menasci.

 

In teatro, tra gli altri,  debutta giovanissima protagonista con Diego Gullo nel 2002 ‘’Salomè di Oscar Wilde, regia di Diego Gullo; nel 2011 protagonista di Psycoroscopia regia di Francesca Berger .

Testimonial anche di vari commercials tra cui  Coca Cola, regia di Greg Jordan, Flector-Bayer, regia di Richard D’Alessio, Samsung Wave 3, regia di Theresa Wingert e nel 2016 anche ACQUA FONTE ESSENZIALE di BOARIO.

Doppiatrice in film come: Doppiaggio/Dubbing Adjustment bureau regia di George Nolfi, Battleship, regia di Peter Berg, Savages, regia di Oliver Stone, Into darkness-Star Trek, regia di J.J. Abrams, Beautiful la fiction.

Ha seguito studi e frequentato corsi in Italia e all’estero, tra i quali: , Seminario di Training e Script Analysis, diretto da Michael Margotta, Cinecampus RomaLazioFilm Commission (Master Tecniche Cinematografiche), e Actor Studio’s stage.

Ha studiato danza classica con Diana Ferrara, Sabrina Mariannetti e tuttora studia allo IALS con  Giancarlo Stiscia

Dal marzo 2015 al maggio 2017 sceglie di fare un’esperienza di redazione che la vede anche in video come valletta/microfonica nel ‘’Maurizio Costanzo Show’’.

Riccardo Fassi, pianista, tastierista, compositore, arrangiatore. Fondatore, fra le varie attivitá, della Tankio Band con la quale progetta e incide un primo tributo a Frank Zappa con la Splasc(h) nel 1995. Nel mezzo di una discografia ricca di 23 titoli, oltre al brillante Serial Killer, e all'originale lavoro sulla musica di Eric Dolphy, si situa ora l'album The Return Of The Fat Chicken (Alfa Music) con una selezione di brani che abbracciano vari periodi dai primi anni '70 ai '90, ripresi ed arrangiati con l'apporto di ospiti prestigiosi. Ne parliamo direttamente col musicista.

Due dischi su Frank Zappa. Una bella impresa su un autore complesso: innovativo, sicuramente, difficile da catalogare solo nel rock o nel jazz, nella fusion o nell'orchestrale moderno. Oltretutto ci sono radici blues e senso di teatralitá non indifferenti. E scrittura. Son tempi duri per gli specialisti di settore, gli etichettatori di mestiere, musicale s'intende.

Tra i 2 dischi ci sono 20 anni di distanza. Il progetto nacque negli anni 90 quando Zappa era ancora vivo, per il fatto che ho sempre avuto interesse per la sua musica e intendevo arrangiare dei brani per orchestra jazz con lo stile e la formazione di quegli anni. Poi la morte del maestro avvenuta nel  1993 ha trasformato il progetto in un tributo ad un musicista scomparso. Ma se fosse rimasto in vita mi sarei comunque occupato della sua musica.  La Tankio Band da allora ha sempre eseguito brani di Zappa, oltre a mie composizioni e a progetti diversi come quello su Eric Dolphy, o sulla interessante musica di Fabio Morgera. Il nuovo progetto su Zappa , è stato concepito nel 2015 come una naturale evoluzione di questo work in progress. Ho pensato che si sarebbe potuto invitare Napoleon Murphy Brock ed altri ospiti importanti per ampliare la tavolozza espressiva,  che comprende la parte teatrale , musicale e multistilistica di Zappa. Tutto ciò è molto diverso dal primo disco di anni fa che era solo strumentale ed orchestrale. Ovviamente siamo diversi e suoniamo molto diversamente da 20 anni fa , ma siamo sempre molto convinti e determinati della validità della musica di Zappa, che oggi è importante proporre , anche per arrivare alle nuove generazioni che non hanno avuto modo di vedere Zappa dal vivo. Quindi è una missione culturale proporre Zappa oggi, e questo è lo scopo del nuovo disco.

Zappa sperimentatore! Vogliamo approfondire questa tua esperienza nel suo solco? E soprattutto come spieghi la sua vitalitá e attualitá?

Ho iniziato ad ascoltare Zappa da ragazzo, ed essendo la sua musica uno dei miei riferimenti principali, è stato naturale arrangiare la sua musica per orchestra. Lui usava spesso i fiati, e medio-grandi organici, come la big band nel disco Grand Wazoo, e il suono della Tankio Band mi è sembrato molto adatto a questo tipo di musica. L'attualità della musica di Zappa si spiega col fatto che essendo lui molto avanti 40 anni fa , come concezione generale della musica , tecnica compositiva , ed apertura multistilistica, è stato raggiunto in parte  dalla cultura contemporanea, che lui aveva in qualche modo intuito. La sua musica è un complesso di opere molto differenti tra loro , dove succedono tante cose diverse, e ci vuole molto tempo per approfondire il senso e cogliere la sua visione complessiva. La sua attualità consiste anche nella assoluta originalità di tanti brani , e nella forza espressiva, giunta a noi inalterata.

A proposito di Napoleon Murphy Brock, che ha collaborato per più di 12 anni con Zappa, la sua presenza è stata illuminante? In che modo? E altri musicisti?

Fondamentale è stata la presenza del grande Napoleon Murphy Brock , che essendo uno dei più importanti collaboratori di Zappa, ha contribuito in modo notevole alla realizzazione del nuovo progetto . Col contributo di Napoleon , il progetto ha acquisito la parte vocale e teatrale della musica di Zappa, che ha sempre avuto una importanza notevole nell 'opera del maestro. Napoleon mi ha spiegato il senso dei testi, la genesi di alcune song, il modo in cui Zappa lavorava durante le prove e tanti dettagli che hanno contribuito ad approfondire ulteriormente il mio approccio alla musica di Zappa. Nel nuovo lavoro inoltre ci sono ospiti internazionali come Alex Sipiagin , grande trombettista russo-americano con cui collaboro da oltre 10 anni, e alcuni fantastici musicisti che hanno suonato con me in tante e diverse situazioni come: Antonello Salis, Gabriele Mirabassi, Ruben Chaviano e  Mario Corvini . Sono molto soddisfatto della collaborazione con i produttori di Alfa Music Fabrizio Salvatore e Alessandro Guardia, e ringrazio in modo particolare Federico Solari , che ha organizzato il primo evento con Napoleon Murphy Brock, rendendo possibile questa nuova collaborazione.

Parliamo della Tankio Band. Hai contagiato i musicisti in modo totale anche su questo nuovo progetto?

I musicisti della Tankio Band  sono coinvolti da sempre nei progetti che facciamo, perchè io scrivo sempre tenendo presente il suono dei musicisti. Si sente chiaramente che questa musica li ha coinvolti.

Zappa ha lontane origini siciliane, di Partinico. A Palermo suonò nel 1982, lo ricorda il film Summer 82 When Zappa Came To Sicily, del regista Salvo Cuccia. Pensi che questa sua ascendenza abbia avuto nella sua musica una qualche influenza? Magari nella bellezza dei temi melodici? 

Zappa è nato in USA , ma la famiglia italiana aveva forti legami con la cultura italiana, e sicuramente , questo è stato il suo background ed ha avuto una grossa influenza nella sua formazione.

Volendolo affiancare a qualche jazzista, in termini di similitudine, potresti farmi qualche nome? Io avevo pensato a Joe Zawinul e, per il chitarrismo a Jimi Hendrix...

Essendo un personaggio veramente unico, sembra veramente difficile accostarlo a qualcuno. Dopo di lui alcuni hanno subito la sua influenza come arrangiatori-compositori per esempio John Zorn che in un ambito diverso, esprime una apertura a 360 gradi ed un atteggiamento multistilistico soprattutto  nel gruppo Naked City che sembra uno Zappa punk . Oppure Django Bates che è ugualmente imprevedibile e spiazzante. Zappa fu in qualche modo influenzato da Strawinky, Mingus e Varese. Trovo che anche  Spike Jones, con le sue musiche beffarde da cartoni animati, negli anni 50 abbia qualcosa di Zappa e anche le rare incisioni della big band di Sauter- Donegan , visibili in qualche straordinario video anni 50 su youtube.  Nonostante ciò alcuni dischi di Zappa si allineano ad un certo jazz elettrico che può avere punti di contatto con Zawinul, Weather Report mentre nel solismo alla chitarra vi è una vena più vicina al rock ed in questo il riferimento alle sonorità di Hendrix è certamente naturale !

Il brano più zappiano, insomma più indicativo della sua personalita'?

Trovo Florentine Pogen che abbiamo inciso nel nuovo cd un brano molto rappresentativo di Zappa. Tra l'altro fu scritto per Napoleon che lo interpreta con grande determinazione mettendo in campo tutta la sua forte espressività !

Un tuo pensiero sul lavoro di Zappa con Boulez?

E' un bel lavoro, che esprime l'ambizione di Zappa nel suo versante più contemporaneo. Boulez lo apprezzava molto !

C'è chi non crede nella rivisitazione dei grandi musicisti del secolo passato da parte del  jazz. Cosa risponderesti?

Oggi abbiamo tante cose del passato che ci circondano, ed è naturale che qualcuno ci ritorni e voglia interpretarle, secondo l'idea che il jazz non è un genere musicale , ma un dispositivo che combina composizione ed improvvisazione in modo sempre diverso , a secondo della cultura e del luogo da cui è partita l'idea. Il jazz oggi è ovunque: in Italia , in India, in Africa , in Australia e ognuno può inventarsi un suo mix.  Resta comunque di primaria importanza comporre nuove musiche e proiettarsi in avanti inventando nuove soluzioni. Questo è comunque il futuro della musica : creare idee, immaginare nuovi suoni e colori.

 

Resi noti i nomi delle premiate e del premiato della XXVIII Edizione del Premio Minerva Anna Maria Mammoliti che si terrà Giovedì 30 Novembre, alle 19.30, a Roma, presso la Sala della Protomoteca in Campidoglio con il Patrocinio di: Senato della Repubblica, Camera dei Deputati, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Regione Lazio e Roma Capitale.Per la sezione “Donne nel Mondo” quest’anno riceveranno il prestigioso riconoscimento, una preziosa spilla raffigurante la Dea Minerva disegnata dal Maestro Renato Guttuso nel 1983: All’Impegno Politico Fatma ŞAHIN, Sindaco di Gaziantep; Ai Diritti Umani e Civili May CHIDIAC, giornalista libanese e Fondatrice della ONG May Chidiac Foundation.

Le premiate italiane: All’Impegno Sociale Fiorella TOSONI, fondatrice dell’Associazione “Andrea Tudisco” Onlus che opera con l’obiettivo di tutelare il diritto alla salute dei bambini; Alla Carriera Paola BALDUCCI, Avvocato Penalista e attualmente componente laico del CSM; Alla Cultura Cinzia ROMANI, critica cinematografica e scrittrice;

Alla Dirigenza Luciana LAMORGESE, Prefetto di Milano; Alla Competitività e Innovazione Angelita LUCIANI, dirigente responsabile di settore ricerca industriale, innovazione e trasferimento tecnologico della Regione Toscana; Educational Giulia MINOLI, project manager della Onlus CO2; Allo Sport per il sociale Fabrizia D’OTTAVIO, ex ginnasta;

Alla Ricerca Scientifica Chiara DI MALTA, giovante ricercatrice dell’Istituto Tigem (The Telethon Institute of Genetics and Medicine) di Napoli.

Quest'anno, il Premio all'Uomo è stato assegnato a Filippo GRANDI, Alto commissario dell'Agenzia dell'Onu per i rifugiati, UNHCR.

La Giuria della XXVIII  edizione, presieduta da Elisabetta BELLONI, Ambasciatore, Segretario generale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale,è composta da: Maria ANTEZZA, Deputata - Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza e agricoltura; Maria CONTENTO, Dirigente Generale Presidenza del Consiglio; Gaetano COSCIA, Direttore Rapporti Istituzionali e CSR Vodafone; Maria CRISCUOLO, Presidente e Fondatrice di Triumph Group International; Maria Bianca FARINA, Presidente Fondazione ANIA; Gianni LETTA; Giovanni MALAGÒ, Presidente del Coni; Olga MAMMOLITI SEVERI,Presidente de “Il Club delle Donne”; Simonetta MATONE, Sostituto Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Roma; Elisabetta MUSCOLO, Esperta in relazioni economiche internazionali e manager relazioni istituzionali Invitalia; Simone OVART, Presidente UN Women Comitato Italia; Carla RABITTI BEDOGNI, Presidente APF - Organismo per la tenuta dell’Albo Promotori Finanziari; Isabella RAUTI, Presidente della Onlus internazionale Hands Off Women (HOW); Marina ROTILI, Partner Ernst & Young Financial Business Advisors; Eugenio SANTORO, Presidente Fondazione San Camillo-Forlanini e Presidente Emerito Società Italiana di Chirurgia ;Pierluigi SEVERI, Presidente di Minerva; Valeria TERMINI, Componente dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas e membro del Comitato di Esperti della Pubblica Amministrazione delle Nazioni Unite (CEPA);Beatrice TRINCHESE MARZANO,Presidente dell’Associazione ONLUS “nuovArmonia”;Daniela VALENTINI, Senatrice – Componente Commissionne della Difesa, Agricoltura e produzione agro-alimentare tutela e promozione dei diritti umani; Daniela PaolaVIGLIONE, Docente Master LUISS Economia e Istituzioni dei Paesi Islamici- membro OTM-OsservatorioTutti Media.

Primo premio al femminile in Italia, istituito nel 1983, il Premio Minerva, in oltre un quarto di secolo, ha fatto emergere una “Holding dei Saperi” femminili trasversale alle sue tante categorie,:dall’Uguaglianza di Genere  all’Imprenditoria, dai Diritti Umani e Civili alla Scienza, alle Arti e all’Impegno sociale. Tra le premiate del passato: Simone Veil, Nilde Iotti, Inge Feltrinelli, Piera Degli Esposti, Letizia Moratti, Margherita Hack, Paola Levi Montalcini, Nouzha Skalli, Elvira Sellerio, Lina Wertmüller, Monica Vitti, Livia Pomodoro, Safia Al Souhail, Lina Ben Mhenni, Khadija CherifRoza Otunbayeva, Joyce Aluoch

Come da tradizione, ad aprire la serata sarà il Premio Internazionale What’s Up Giovani Talenti, giunto ormai alla XI Edizione. Presieduto da Riccardo SEVERI,il premio “giovani” nasce con l’intento di valorizzare i nuovi talenti di domani. I premiati di quest’anno sono: Brett Michael INNESPremio What’s Up alla REGIA. 34 anni, regista, nato a Johannesburg. Il suo film “Sink”, presentato dalla critica locale come ‘film di rottura che impone nuovi standard al cinema sudafricano’, riceve 8 nominations ai SAFTA, i premi per il cinema e la televisione assegnati in Sudafrica, aggiudicandosene cinque.

Nadia SHAULOVA, Premio What’s Up alla MODA. Stilista e artista russa, è nata a Mosca nel 1990. E' fondatrice del progetto “Social Fashion” al quale ha deciso di dedicare la propria vita, utilizzando la creatività e la moda come strumento per costruire, diffondere e “indossare” la pace.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI