Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 28 Marzo 2020

La biblioteca Pier Giorgi…

Mar 09, 2020 Hits:771 Crotone

Recital della violoncelli…

Feb 18, 2020 Hits:1299 Crotone

I gazebo della Lega sul l…

Feb 14, 2020 Hits:1499 Crotone

Al Lucifero celebrata la …

Feb 11, 2020 Hits:1123 Crotone

I premi di Affidato al 70…

Feb 10, 2020 Hits:1186 Crotone

Cerrelli: con la Lega Cro…

Feb 08, 2020 Hits:1212 Crotone

AI Tecnici dell’AKC Greco…

Gen 31, 2020 Hits:1462 Crotone

Barbuto e Corrado (M5S): …

Gen 21, 2020 Hits:1597 Crotone

Un riconoscimento che arriva da lontano. La Calabria Society, tra le associazioni più importanti di calabresi nel mondo, ha premiato Miss Calabria Annalisa Alfieri e Miss Eleganza Myriam Melluso (vincitrice degli altri due titoli nazionali di Miss Linkem e Miss Social) nell’ambito dell’annuale manifestazione che organizza al Surf Club on the Sound di New Rochelle, a New York.

Le reginette in carica hanno pertanto avuto la possibilità di giungere in America e ritirare il premio in qualità di ambasciatrici della bellezza calabrese. Oltre a loro, la Carli Fashion Agency di Linda Suriano e Carmelo Ambrogio ha ricevuto una targa di merito per l’attività di valorizzazione e promozione dei territori che svolge da ben sei anni consecutivi a Sud Italia.

Tra i premiati dall’associazione presieduta da Domenico Procopio, che nelle scorse edizioni ha insignito persino l’ex sindaco di New York Rudolph Giuliani, anche altre eccellenze calabresi, distintesi nei rispettivi campi professionali.

Grande l’entusiasmo degli esclusivisti regionali di Miss Italia Calabria, che hanno dichiarato: «Ringraziamo il presidente dell’associazione Domenico Procopio e tutti i suoi soci per averci invitato, il trustees Costantino Fragale per l’accoglienza che ci ha riservato e il nostro Andrea De Iacovo, speaker radiofonico e conduttore delle selezioni regionali, che ci ha accompagnato in questa magica avventura. Siamo davvero orgogliosi di essere stati scelti per rappresentare la Calabria in America e di aver ritirato un premio così importante. Ci auguriamo che questo sia il primo passo per ulteriori e future collaborazioni».

A Taormina Gourmet si discute anche di prospettive sul futuro, di turismo, di patrimonio artistico e culturale. Non sono solo i temi del food&wine ad appassionare il pubblico della settima edizione della manifestazione, ma anche numeri e dati sul futuro del sud Italia, illustrati e commentati da grandi esperti dell’imprenditoria, della politica e dell’economia italiana: tra questi Oscar Farinetti, patron di Eataly, il sindaco di Taormina Mario Bolognari, il presidente della Fondazione Unesco Sicilia Aurelio Angelini in un incontro moderato da Fabrizio Carrera, in occasione della premiazione del concorso Sud Top Wine.

Il sindaco Mario Bolognari è partito da una considerazione supportata dai numeri: “Delle 60 mila aziende biologiche italiane il 60% si trovano nel mezzogiorno ed il 13% in Sicilia, regione che detiene il primato nazionale - ricorda il sindaco - Anche il mondo del vino mostra un salto di qualità. Se i volumi di produzione annuale al Sud rimangono più o meno invariati, da 10 anni a questa parte si sono decuplicati i dati relativi alle etichette Dop. Questi dati ci dicono che dobbiamo creare imprenditori attraverso la valorizzazione di ciò che di più prezioso ha il sud in questo momento: il capitale umano. La verità è che nessuno ha il coraggio di intraprendere la propria attività e molti giovani competenti hanno difficoltà a trovare una collocazione in Italia”.

Angelini, presidente della Fondazione Unesco Sicilia, è convinto che la forza del brand Italia e la sua consapevolezza possa fare la differenza nel mondo: “Il Sud ce la può fare? La risposta è sì. La società è cambiata, la gente del sud è cambiata ed è sempre più consapevole che non c’è al mondo brand più forte dell’Italia. Attraverso la presa di coscienza di questa generazione il cambiamento arriverà”. Un commento poi sugli attuali siti UNESCO in Sicilia: “Il patrimonio della Sicilia è pari a quello di tutto il sud Italia. Tra i siti che funzionano c’è sicuramente la Palermo arabo normanna e le Cattedrali di Cefalù e Monreale, mentre stentano a decollare le Eolie, la Val di Noto e l’Etna in parte, poiché in questi territori non c’è ancora una sufficiente promozione del territorio”.

In conclusione il commento di Oscar Farinetti: “Il sud ce la farà. Dipende dal tempo e dai suoi cicli ma dipende soprattutto dalle persone”. 

Secondo Farinetti sono due i sogni realizzabili per il sud Italia: raddoppiare le esportazioni e raddoppiare il turismo. “La prima meta desiderata al mondo per i viaggi all’estero è l’Italia che, però, è solo sesta nella classifica dei paesi più visitati. Cosa c’è di mezzo?” chiede al pubblico Farinetti. Un attimo di silenzio, poi la risposta: "Ci sono gli italiani, c’è la loro pigrizia”. All’incontro è seguita la premiazione del concorso Sud Top Wine con i vincitori annunciati dal presidente della commissione di giuria, Daniele Cernilli. Trentanove i vini premiati, provenienti da Sicilia, Calabria, Campania, Puglia e Basilicata.

 

ECCO I PREMIATI

DOC ETNA BIANCO

Doc Etna Bianco N'Ettaro 2018 - Masseria Setteporte

Doc ETNA BIANCO 2018 - Travaglianti

Doc Etna Bianco Affiu 2018 - Eredi di Maio Superiore

DOC ETNA ROSSO

Doc Etna Rosso Badalarc' 2015 - Spuches

Doc Etna Rosso Riserva Zottori Noto 2015 - Cottanera

Doc Etna Rosso Piano dei Daini 2016 - Tenute Bosco

ROSSI DA NERO D'AVOLA (DOC SICILIA E ALTRE DOC)

Doc Eloro Fontanelle 2014 - Curto

Doc Sicilia Nero d'Avola Donnatà 2018 - Alessandro di Camporeale

Doc Sicilia Nero d'Avola Azhar 2017 - Summanera

DOC SICILIA GRILLO E CATRRATTO

Doc Sicilia Grillo Lalùci 2018 - Baglio del Cristo di Campobello

Doc Sicilia Grillo Vigna di Mandranova - Alessandro di Camporeale

Doc Sicilia Grillo Timpa 2018 - Feudo Montoni

BIANCHI SICILIANI (VARIE DOC)

Doc Sicilia Zibibbo Rajah 2018 - Gorghi Tondi

Doc Sicilia Insolia 2018 - Feudo Principi di Butera

Doc Monreale Catarratto Lu Bancu 2018 - Feudo Disisa

ROSSI SICILIANI (VARIE DOC)

Doc Faro Oblì 2015 - Tenuta Enza La Fauci

Docg Cerasuolo di Vittoria Poggio di Bartolone 2017 - Poggio di Bartolone

Docg Cerasuolo di Vittoria 2016 - Tenuta Bastonaca

DOCG TAURASI

Docg Taurasi Riserva Vigna Cinque Querce 2011 - Salvatore Molettieri

Docg Taurasi Vigna Cinque Querce 2012 - Salvatore Molettieri

Docg Taurasi 2014 - Macchie S. Maria

DOCG GRECO DI TUFO

Docg Greco di Tufo Giallo d'Arles 2018 - Quintodecimo

Docg Greco di Tufo 2018 - San Paolo Claudio Quarta

Docg Greco di Tufo Terre degli Angeli 2018 - Terredora

DOCG FIANO DI AVELLINO

Docg Fiano di Avellino contrada Sant'Aniello 2014 - Vigne Guadagno

Docg Fiano di Avellino Excinere Resurgo 2018 - Terredora

Docg Fiano di Avellino 2018 - Vesevo

DOC AGLIANICO DEL VULTURE E DOCG AGLIANICO DEL VULTURE SUPERIORE

Docg Aglianico del Vulture Superiore Da Ginestra 2015 - Grifalco

Doc Aglianico del Vulture Titolo 2017 - Elena Fucci

Doc Aglianico del Vulture Grifalco 2017 - Grifalco

ROSSI PUGLIESI A BASE PRIMITIVO

Es Red 2015 - Gianfranco Fino

Doc Gioia del Colle Primitivo Chakra 2017 - Giovanni Aiello

Doc Primitivo di Manduria Raccontami 2016 - Vespa

ROSSI PUGLIESI A BASE DI NEGROAMARO

Silver Serie Vigne Vecchie 2015 - Vigneti del Salento

Zacinto 2018 - Masseria Cuturi

Selvamara 2016 - Cantine Due Palme

ROSATI

Doc Etna Rosato 2018 - Travaglianti

Contessa Filomarino 2018 - Tenute Girolamo

Doc Sicilia Rosato Donna Grazia 2018 - Gurrieri

Il recente album del pianista napoletano Antonio Fresa - Piano Verticale - ha un titolo che incuriosisce.
È un richiamo allo strumento in copertina, al pianoforte verticale effettivamente utilizzato? O è una scelta tecnico musicale, connessa al tipo di improvvisazione orizzontale o verticale (basata cioè su progressioni di accordi che utilizzino una sola o più scale)? Che sia invece legato ad un fatto audio cioè al tipo di percezione sensoriale?
La risposta sta ... nell'ascolto del disco, edito da The Writing Room, nella verticalizzazione dei suoni intesa come "espandersi" minimale di emozioni, un ventaglio di e-motion in ascesa crescente come in Inner Life a cui partecipano il vibrafonista Marco Pacassoni, il violinista Armand Priftuli e Stefano Jorio al cello. Dopo il solo di Fra sette anni eccolo affiancato dal flautista Ninon Valder in Cinque, score del documentario firmato da Stefano Incerti. Giá perché trattasi di musica connessa spesso a movies, come la successiva Mio padre, scritta per Core & Sang del regista Lucio Fiorentino, ospite il sassofonista Raffaele Casarano con The Writing Room String Ensemble ed El Campo, composta per un film di Hernan Belon.
Il brano Hanami è preceduto da Ispirazione, con la tromba "soffiata" di Luca Aquino, e seguito da Perdita, in chiusura, scrittura per L'antico presente, una short series di Fiorentino, dove oltre ai ricordati Pritfuli e Jorio, si affianca Pino Navelli alla viola. 
Primo step di una trilogia, il cd é prodotto colto di epidermica sensibilitá, scava dentro, a-scende e tra-sale con sussulti impercettibili, intensi, solari.
Per la cronaca Antonio Fresa ha prodotto con i Gatos do Mar, per RadiciMusic Records, il loro nuovo disco, La sindrome di Wanderlust. La formazione, di matrice campana, con la vocalist Annalisa Madonna, Gianluca Rovinello all'arpa e Pasquale Benincasa alle percussioni, produce una musica intrisa di mediterraneo, dolcemente affetta dai sintomi di quella "malattia del viaggiatore" che li porta a scoprire nuovi percorsi alla ricerca di quel che si è, delle radici di ciò che si è stati, in uno sperimentare vagabondo vocal-strumentale che naviga come onda sonora fra le amate sponde. Una rotta che porta a Mashalaima, isola (che non c'è) dove si attua la fusione di tutte le musiche del mondo, su una zattera che zigzaga idealmente da Violeta Parra a Cesaria Evora, fra Catania e il Parco Marino della Gaiola di Napoli, ospitando diversi musicisti "naufraghi" : il clarinettista Pino Ciccarelli, il fisarmonicista Luigi Esposito, Arcangelo Michele Caso al cello, il trombonista Attila Mahovics, il vocalist Roberto Colella e, fra gli altri ancora, tornando ab initio, il summenzionato Antonio Fresa.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI