Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 23 Maggio 2019

Le "Madonne nere…

Mag 21, 2019 Hits:141 Crotone

Il Cardinale Menichelli b…

Mag 14, 2019 Hits:444 Crotone

La Pallamano Crotone chiu…

Mag 14, 2019 Hits:453 Crotone

Cerrelli a Catanzaro con …

Mag 11, 2019 Hits:625 Crotone

I ragazzi della Frassati …

Mag 09, 2019 Hits:591 Crotone

La D'Ettoris Editori al S…

Mag 08, 2019 Hits:696 Crotone

Alla Fondazione D'Ettoris…

Mag 08, 2019 Hits:615 Crotone

Gerardo Sacco realizza cr…

Mag 07, 2019 Hits:608 Crotone

Parlare con Nino o intervistarlo e sempre molto divertene, Ci siamo visti  stamattina nel mio ufficio alla Stampa Estera per fare una intervista presentarlo al suo pubblico attraverso il Corriere del Sud.

Ho conosciuto Nino in una trasmissione dove ero ospite per parlare della mia squadra del cuore la Roma e d'allora siamo diventati amici.

Nino Tortorici e nato ad Agrigento il 14 marzo 1972, sotto il segno zodiacale dei Pesci – il cui vero nome all’anagrafe è Antonino – ha sempre sognato di ritagliarsi uno spazio nel mondo dello spettacolo. Grazie alla sua spiccata simpatia e ad un talento travolgente, in poco tempo è riuscito a raggiungere il suo obiettivo. Per quanto riguarda la sua vita privata, Nino è davvero molto riservato. 

Non ha mai voluto condividere sui social quel che riguarda la sua quotidianità o la sua situazione sentimentale. 

Non sappiamo se ha una moglie o una fidanzata, oppure se è ancora single. 

Sul suo profilo Instagram, d’altronde, ci sono principalmente foto e video dei suoi siparietti comici. 

Come hai iniziato Nino la tua brillante carriera? 

Ho iniziato presso una radio locale, dove lavorava mio cognato, e ben presto mi sono fatto conoscere. 

Nel 2000 ho iniziato ai microfoni di RTL 102.5, poi a Radio 2. 

Nel corso degli anni ho intervistato numerosi personaggi famosi, come ad esempio Fiorello. 

E in televisione come sei arrivato?

Il mio debutto in televisione è datato 2010: in quell’anno ha partecipato a Ciao Darwin 6, svolgendo diversi ruoli nella sezione del programma intitolata

E poi?

E poi sono andato ad Avanti un altro  grazie alla scia di un altro personaggio, l’Alieno, interpretato da Leonardo Tricarico. 

Anche dopo l’uscita di scena di quest’ultimo, io – alias il Cognato dell’Alieno – continuo ad avere grande successo. 

E prima ad arrivare alla radio e alla tv cosa facevi?

Da ragazzo ho lavorato per dieci anni come animatore turistico facendo la imitazione di Raffaella Carrà. Ho una grande passione per la musica e ogni anno, d’estate, pubblico la mia hit 

Nel 2015 ho ottenuto grande successo con Il ballo dei supereroi...

Parlami di Avanti un’altra trasmissione che seguo da 7 anni e lo sai che mi sta nel cuore. 

Nel 2015, sfruttando le mie capacità, ho partecipato ai casting per entrare a far parte del Minimondo di Avanti un altro. 

Poco dopo ho ricevuto la splendida notizia: Paolo Bonolis mi voleva in studio, nelle vesti del Cognato dell’Alieno. E così ho iniziato a lavorare su Canale 5, ottenendo grande notorietà.

Cosi Il Salottino del game show di Canale 5 si arricchisce di giorno in giorno con la comicità del mio amico Nino. 

Grazie Nino Tortorici per la tua intervista, salutami Miss Claudia e il mini mondo.

Dal 9 al 14 aprile 2019, in occasione della 58esima edizione del Salone del Mobile di Milano, ARCIPELAGO, progetto imprenditoriale dedicato all'innovazione nel settore culturale con la finalità di incoraggiare il dialogo tra Arte e Impresa, in collaborazione con Les Garçons de la rue, presenta la mostra Frange, incentrata sul lavoro dell’artista francese Aurélie Mathigot e sulle sue collaborazioni con il mondo del design. Ospitata presso gli spazi del barber shop Tonsor Club e del salone di bellezza Les Garçons de la ruel’esposizione propone una serie di opere ibride, tipiche della produzione dell’artista, il cui filo conduttore è, letteralmente, quello di una matassa da cucito. Essa gioca sulla connessione tra gli universi dei due soggetti: l’arte del ricamo di Mathigot e l’arte del taglio dei professionisti di Les Garçons de la Rue, dipanando il senso del termine “frangia” sia nel versante dell’ornato tessile sia in quello delle acconciature.

Aurélie Mathigot è nota per i suoi Volumes, sculture in corda, lana e cotone realizzate adoperando la tecnica dell'uncinetto; in esse oggetti di uso comune sono inglobati dalle trame tessili e perciò sottratti al loro ordinario e funzionale impiego. Rappresentare l'oggetto, privato del suo significato originario, conduce a invertire il canone del consueto e costringe l’attenzione a riconsiderare le cose comuni, banali del nostro quotidiano. Ceramica, legno e tessuto si intrecciano, scultura e tessitura si abbracciano, si intersecano e si confrontano dando vita a opere di straordinaria eccentricità estetica.

La mostra propone una selezione delle creazioni di Mathigot focalizzata sui lavori derivati dalle collaborazioni con svariati brand. Per Astier de Villatte Mathigot ha ricoperto alcune ceramiche (piatti, bicchieri, ciotole) con ricami crochet di corda dura, delle quali ha poi ricavato un calco. Da questo prototipo originale gli artigiani di Astier de Villatte riproducono a mano ogni pezzo, che così si definisce a metà strada tra la serie e l’esemplare unico. Con PoParis!, azienda specializzata nella produzione di tappeti,  l’artista  ha avviato una ricerca sulle pratiche di fabbricazione di questi ultimi che è sfociata in un dialogo tra i diversi modi di lavorare differenti materie tessili. Dopo aver identificato la tecnica di nodi più vicina al suo lavoro di crochet, Mathigot ha ideato i modelli di alcuni esemplari, poi realizzati in Albania dalle mani esperte di donne che si tramandano da generazioni una particolare tradizione autoctona dell’annodatura. Per Macon&Lesquoy, marchio rinomato per le originali spille, Mathigot ha cucito a mano un modello ispirato ad una sua opera da cui ne è derivata una serie a tiratura limitata di soli 200 pezzi. Dalla collezione di Livette la Suissette l’artista ha preso la materia a lei più familiare, ovvero il lino, ricamando sopra a cuscini ed altri elementi d’arredo delle vistose frange. Per l’eclettico brand parigino Merci Mathigot ha realizzato un pezzo unico assemblando stoffe di diversa foggia, colore e spessore. Pezze di lino, strofinacci fatti di ortica e corpose frange imbevute in tinte naturali si combinano in un’installazione dall’effetto altamente scenografico.

Assieme al ricamo, l’altro fuoco dell’ellisse della traiettoria artistica di Mathigot è la fotografia. La serie Photos Brodées si compone di istantanee stampate su tela, in seguito ricamate in specifici punti con materiali estranei, quali cotone, lana, perline, al fine di intensificare certe aree dell'immagine. Da superfici inizialmente piatte, tali opere si dinamizzano grazie al movimento dato dall’eterogeneità delle componenti aggiunte, spiazzando la percezione con un’impressione di trompe-l'oeil  e istituendo un doppio coinvolgimento, visivo e tattile, che assieme all’occhio attira anche la mano.

Per Aurélie Mathigot la creazione di un rapporto con un luogo o un oggetto si concretizza di fatto in un’operazione di tessitura. Che si tratti di ricoprire determinate porzioni della rappresentazione fotografica di un paesaggio o di costituire una trama più o meno fitta intorno ad un oggetto di uso quotidiano, se c'è qualcosa che per Aurélie Mathigot deve rimanere presente in tutte le forme del suo lavoro è questa tessitura come metafora del legame, sentito quale mezzo di comunicazione potenzialmente illimitato.
L'arte dell’intrecciare offre quindi qualcosa di più della semplice attività oggettiva di tessere, si tratta di inventare una relazione: "si può arrivare a chiedersi se il rapporto del narratore con la sua materia, la vita umana, non sia essa stesso una relazione artigianale. Se il suo compito non consista proprio nel lavorare la materia prima delle esperienze vissute - le proprie e quelle degli altri - in un modo solido, unico e utile”.

Aurélie Mathigot ha esposto in molti prestigiosi musei internazionali, come il Centre Pompidou, il Palais de Tokyo, la Galerie Yvon Lambert, il Musée MAC/VAL di Vitry sur Seine, la Saatchi Gallery di Londra e la Galleria Rossana Orlandi di Milano. Lavora moltissimo con il Giappone, dove collabora attivamente con numerosi designers.

Una compilation pianistica a marchio DOP dove P sta Puglia, e dove, con un pò di fantasia, il Tavoliere può funzionare da ideale scacchiera piatta su cui "giocare" jazz.
Sono bianchi e neri, i tasti, come gli scacchi, quelli di sei pianoforti schierati, in senso figurato - non siamo a Gold Diggers 1935 - con altrettanti players. 
L'idea della label, la leccese Dodicilune, di un disco a sei facce come Playing Chess Keyboard (libera traduzione: suonando/giocando (su) una tastiera di scacchi) è ispirata, dunque, al rapporto musica-scacchi. Si ha notizia di Ravel, Prokofiev, Casella, Morricone, fra i jazzisti Braxton come ottimi scacchisti. Eppoi Chess è il musical di Tim Rice, quello di Jesus Christ Superstar ed Evita!
Ciò per dire che l'affinitá fra le due passioni-attivitá, quella estetica e quella "sportiva", ha dei precedenti di lusso. 
La novitá dell'album allora qual'è? Sta nel veder interpretati da alcuni artisti di diversa generazione due brani musicali a testa di compositori del 900, sviluppati con l'intelligenza creativa propria dei migliori scacchisti. Secondo Kahn gli "scacchi si giocano con la mente non con le mani". Il pianismo pure, parte anzitutto dalla testa, poi, seguendo delle regole più o meno flessibili, fa sí che si azionino le dita. 
Ad esibirsi sulla "scacchiera vivente" sono qui più di due playmakers: Domenico Cartago, Gianni Lenoci, Eugenio Macchia, Bruno Montrone, Mirko Signorile, Danilo Tarso. Detta cosí, potrebbe sembrare una partita a sei. In realtá, ed è una differenza, è una finta sfida nata per restare patta. Il raffronto è sugli approcci stilistici e sulle mosse da fare per giungere ad un risultato che può essere geniale e/o armonico, aperto o arroccato, arrembante o chiuso. Giudice inappellabile, il Gusto di chi ascolta.
Roberto Ottaviano, direttore artistico della associazione Il gioco del jazz che compartecipa alla produzione, sottolinea "il canto lirico di Signorile e Cartago, le evoluzioni bop di Montrone e Macchia fino alle costanti ed imprevedibili sorprese cromatiche di Tarso e Kenoci". Si potrebbe aggiungere che la scelta dei brani ed il relativo riarrangiamento rivela molto delle personalitá stilistiche a confronto. È cosí che Round Midnight diventa un Notturno per Signorile mentre Evidence nelle mani leggere di Tarso si conteporaneizza; che Pinocchio viene rivisitato da Macchia spoglio dall'aura davisiana mentre Freight Trane viene ricondotto da Montrone in contesti più schiettamente jazzistici; che Enfant Eyes secondo Cartago ci riporta a sensibilitá evansiane mentre Bag's Groove è intrisa di quelle visioni che hanno accompagnato su vari schermi il concertare di Lenoci.
Il jazz in fondo è uno scacco alla routine, un "matto" al prevedibile, ed il disco che ne contiene estratti è un brevetto all'inventiva, un marchio di qualitá delle capacitá rese al massimo di espressivitá. Non solo, secondo Siegbert Tarrasch "gli scacchi, come l'amore e la musica, hanno il potere di rendere gli uomini felici".

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI