Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 25 Maggio 2019

Fondazione D'Ettoris: in …

Mag 23, 2019 Hits:169 Crotone

il nuovo romanzo di Mario…

Mag 23, 2019 Hits:183 Crotone

Alleanza Cattolica: …

Mag 23, 2019 Hits:170 Crotone

Le "Madonne nere…

Mag 21, 2019 Hits:245 Crotone

Il Cardinale Menichelli b…

Mag 14, 2019 Hits:535 Crotone

La Pallamano Crotone chiu…

Mag 14, 2019 Hits:539 Crotone

Cerrelli a Catanzaro con …

Mag 11, 2019 Hits:717 Crotone

I ragazzi della Frassati …

Mag 09, 2019 Hits:671 Crotone

I passeggeri bloccati negli aeroporti o i cui bagagli sono stati smarriti possono adesso utilizzare un'applicazione per smartphone per controllare i loro diritti immediatamente e nell'aeroporto stesso. Appena in tempo per le vacanze, la Commissione europea ha inaugurato un'applicazione per smartphone che copre i trasporti aerei e ferroviari e funziona con quattro piattaforme mobili: Apple iPhone e iPad, Google Android, RIM Blackberry e Microsoft Windows Phone 7. L'applicazione è disponibile in 22 lingue della UE ed è attualmente utilizzabile per i trasporti aerei e ferroviari, mentre nel 2013 sarà estesa ai trasporti marittimi e su autobus quando entreranno in vigore i corrispondenti diritti dei passeggeri.

Siim Kallas, Vicepresidente della Commissione europea e Commissario responsabile per i Trasporti, ha dichiarato: "Quanti di noi sono rimasti bloccati in un aeroporto con la frustrazione di sentirci dire che non abbiamo diritti che invece sappiamo di avere! Con questa applicazione milioni di viaggiatori potranno accedere facilmente alle informazioni corrette sui loro diritti di passeggeri nel momento esatto in cui ne hanno necessità, ossia di fronte a situazioni impreviste."

Quando un viaggio non va come previsto, spesso si trasforma in un'esperienza stressante. Se un volo viene cancellato, un hotel di un viaggio organizzato non corrisponde alle informazioni pubblicizzate o l'orario di un treno viene modificato, la situazione diventa molto più facilmente gestibile se il passeggero conosce i suoi diritti.

L'applicazione spiega i diritti del passeggero per ogni potenziale problema. Ad esempio, se un volo viene cancellato e l'imbarco al passeggero viene rifiutato di conseguenza, quest'ultimo può ottenere un risarcimento tra 125 e 600 euro. Anche nel caso in cui il bagaglio venga danneggiato a seguito di un incidente si può avere diritto ad un risarcimento. È inoltre utile sapere che le compagnie aeree e ferroviarie sono obbligate a fornire informazioni trasparenti riguardo ai prezzi e ad assistere i passeggeri a mobilità ridotta.

Se si ha l'impressione che i propri diritti non siano stati rispettati, l'applicazione fornisce anche informazioni sulle persone da contattare per presentare un reclamo.

Nel caso di un'emergenza su larga scala, come ad esempio la crisi causata dal vulcano islandese nel 2010, l'applicazione può anche comunicare informazioni e consigli di viaggio da parte della Commissione europea.

L'applicazione è parte della campagna della Commissione Your Passenger Rights At Hand (I tuoi diritti di passeggero in mano)

Il termine tournedos è composto da due parole francesi: tournee (che può essere tradotto con voltare) e dos (dorso). Definisce in cucina quella parte del manzo ottenuta dal penultimo quinto del filetto; sono fette quasi rotonde e spesse, del peso di circa 100 gr. Non devono essere battute, ma semplicemente appiattite leggermente col palmo della mano, giusto per rendere la rotondità delle fette il più possibile regolare. Affinché possano mantenere la forma tondeggiante, devono essere legati per il perimetro con del filo.

 

Ingredienti per 4 persone:

4 tournedos di manzo,

3 cucchiai d’olio extravergine;

una noce di burro;

250 grammi di funghi;

mezzo bicchiere di brandy;

un cucchiaio di passata di pomodoro;

un mestolo di brodo di carne (o dado);

50 grammi di olive nere;

sale quanto basta;

pepe nero macinato.

 

Preparazione:

in una padella mettete a riscaldare il burro e l’olio; preparate i tournedos legandoli ben stretti al perimetro; fateli poi rosolare nell’olio e burro caldissimi, salate, pepate e manteneteli da parte al caldo. Nel sugo della padella aggiungete i funghi che avrete tritato in precedenza, fateli insaporire, aggiungete quindi il rum ben caldo e infiammatelo; appena il rum si sarà spento aggiungete la passata di pomodoro diluita in un mestolo di brodo, salate e aggiungete un pizzico di pepe macinato. Aspettate che il sughetto si sia ristretto di circa la metà ed aggiungete i tournedos giusto il tempo di insaporirsi. Potete adesso posarli sul piatto di portata, versarci sopra il sughetto e aggiungeteci sopra un cucchiaio circa di olive nere tagliuzzate.

Il termine apparve per la prima volta negli Stati Uniti, dove fin dalla metà del 1800, ogni barista aveva l'abitudine di ornare variamente le bevande in modo da attirare maggiormente l'attenzione e l'interesse dei propri clienti. Si trattò inizialmente di un fatto puramente folkloristico esterno, destinato poi ad estendersi ai gusti ed agli aromi della stessa bevanda. In Europa la moda dei cocktail ebbe inizio negli anni venti, e da qui si diffuse rapidamente in tutto il resto del mondo. Come bevanda, il cocktail non è altro che una miscela di due o più prodotti alcolici, arricchita da succhi di frutta e variamente aromatizzata e decorata. Agli inizi tale miscela veniva fatta in modo molto elementare, senza alcuna precisa regola, secondo la disponibilità degli spiriti e degli aromi, secondo i gusti dei consumatori e gli usi locali. Oggi, tutta la materia non è più lasciata alla libera iniziativa del barista - anche se la sua fantasia non fa mai difetto - ma è stata per così dire codificata, regolamentata, dando vita a ricette che fissano la quantità e qualità degli spiriti, quali i frutti e gli aromi da impiegare. Oltre al modo da seguire per la preparazione e la presentazione dei cocktail. Così, tanto a Roma che a New York, Los Angeles e Tokyo, il consumatore potrà chiedere il suo cocktail preferito, certo di essere servito sempre della stessa bevanda.

Ed ecco due ricettine:

 

Gilmet

 

Dose per un bicchiere

1 cucchiaino abbondante di zucchero;

succo di mezzo limone;

3 cubetti di ghiaccio;

1.1/2 oz (45 ml.) di gin dry

Soda ghiacciata

 

Preparazione:

In un tumbler (bicchiere alto e stretto) mettete 1 cucchiaino di zucchero, aggiungete il succo di mezzo limone, mescolate bene, aggiungete 3 cubetti di ghiaccio e poi il gin dry; completate riempiendo il bicchiere con soda ghiacciata; mescolate con un cucchiaio e servite.

 

Sidecar

Dose per un bicchiere

Ghiaccio tritato;

Succo di mezzo limone;

¾ oz (23 ml.) di Cointreau;

1.34 oz (53 ml.) di brandy

 

Preparazione:

In uno shaker aggiungete ghiaccio tritato, succo di mezzo limone, il Cointreau, il brandy. Agitate bene, versate in un bicchiere da cocktail e servite.

 

 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI