Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 21 Maggio 2019

Le "Madonne nere…

Mag 21, 2019 Hits:40 Crotone

Il Cardinale Menichelli b…

Mag 14, 2019 Hits:377 Crotone

La Pallamano Crotone chiu…

Mag 14, 2019 Hits:379 Crotone

Cerrelli a Catanzaro con …

Mag 11, 2019 Hits:549 Crotone

I ragazzi della Frassati …

Mag 09, 2019 Hits:529 Crotone

La D'Ettoris Editori al S…

Mag 08, 2019 Hits:591 Crotone

Alla Fondazione D'Ettoris…

Mag 08, 2019 Hits:562 Crotone

Gerardo Sacco realizza cr…

Mag 07, 2019 Hits:553 Crotone

da sin., Carpinelli, Ippolito,Wilhelmer

 

Si è svolta a Roma una interessante tavola rotonda nel corso della quale è stato presentato lo studio ‘Viaggiare slow per vivere l’ambiente’, sul rapporto tra il cosiddetto Slow Tourism, ovvero il ‘turismo lento’e il benessere psico-fisico, realizzato da Luna Carpinelli, psicologo clinico e di comunità, in collaborazione con l’Ente Nazionale Austriaco per il Turismo, l’operatore turistico Four Seasons Natura e Cultura e paginemediche.it.

Si tratta di una disamina interessante ed accattivante sulle dinamiche proprie dello Slow Tourism e delle correlazioni con il benessere fisico e psicologico degli degli utenti di tale formula. Durante l’incontro, è stato realizzato un collegamento web in cui numerosi bloggers commentavano la tematica attraverso Twitter. Lo studio e i contenuti sviluppati saranno oggetto di una campagna di comunicazione/divulgazione su www.paginemediche.it. Gli internauti che ‘visitino’ la campagna, hanno la possibilità di scaricare un coupon dedicato contenente un’offerta speciale per un viaggio in Austria, paese all’avanguardia nella predisposizione di servizi ed infrastrutture per un turismo accessibile e non invasivo. Non per niente, secondo Quality of Life Survey/Mercer Consulting Group,dal 2008 Vienna si classifica ai vertici tra le città con la miglior qualità di vita al mondo.

Per ‘Slow Tourism’, letteralmente ‘turismo lento’ s’intende un modo di viaggiare che rivolge l'attenzione al particolare. Si tratta quindi di viaggiare attraverso itinerari meno frequentati, lungo i quali l’anima dei luoghi e delle culture locali emerge in modo autentico, sentito, e non frettoloso, senza compromessi con la massificazione dell’offerta turistica che tutto uniforma, comprime. Essere un viaggiatore “lento” significa sostenere e dar valore all’ambiente che ci circonda. Lo “slow tourism” sta sempre più diffondendosi, ricercando relax, contatti con la natura, con uno stile di vita che esuli dai ritmi frenetici della quotidianità. acquisendo anche bagaglio di emozioni attraverso un viaggio realmente coinvolgente e gratificante.

E’ un turismo che prevede collegamenti reali e significativi con le persone, i luoghi, la cultura, il cibo, il patrimonio e l'ambiente. Ecco il decalogo del turista ‘lento’ come suggerisce lo studio della Carpinelli:

 

  1. Scegli con cognizione la destinazione e informati sul luogo che stai per visitare.
  2. Progetta la vacanza presso operatori turistici cui stanno a cuore la comunità ospitante e l’ambiente.
  3. Sii aperto alle esperienze offerte dal luogo che ti ospita con curiosità, voglia di conoscere e di sorprenderti.
  4. Muoviti anche fuori dai circuiti tradizionali della destinazione, prendendoti la libertà di fare soste e deviazioni, assecondando i tuoi ritmi.
  5. Stabilisci un contatto autentico con le persone con cui condividi il viaggio e con la gente che vive nei luoghi della tua destinazione.
  6. Adattati agli usi e ai costumi locali e attieniti alle regole del posto.
  7. Rispetta le norme comportamentali che regolano l’attività e il rispetto del patrimonio naturalistico e storico-culturale.
  8. Stai attento a non lasciare segni del tuo passaggio e a conoscere l’impegno eco-friendly delle strutture e dei servizi che utilizzi.
  9. Acquista prodotti e souvenir che valorizzino le identità territoriali.
  10. Al rientro, ritagliati del tempo per riflettere sull’esperienza vissuta, sulle persone incontrate e sulle cose viste.

 

Gli operatori turistici più sensibili, e Four Season è all’avanguardia tra questi, predispongono un’offerta di proposte che si inserisce in questa filosofia del viaggio, rendendo fruibili esperienze di vita anche economicamente attraenti.

 

Nunzio Malzone, business development manager di paginemediche.it ha presentato l’iniziativa seguito da Brigitte Wilhelmer, Responsabile Centro Sud Italia Ente Nazionale Austriaco per il Turismo con la proiezione del video “L’Austria”. Successivamente, Andrea Giorgi, Responsabile di Four Seasons Natura e Cultura ha commentato la proiezione del video “Lo slow tourism” , con una informativa sulle specificità di questa tipologia, in costante crescita, di segmento turistico, su cui l’operatore romano presenta annualmente un ventaglio di offerte nel suo catalogo. L’intervento della psicologa Carpinelli, ad illustrazione della sua ricerca, ha concluso l’incontro cui è seguito un dibattito tra i partecipanti.

 

Hanno concluso il corso con lo stesso entusiasmo con cui l’avevano iniziato, e una certezza in piu'! I primi fortunati partecipanti al corso “Il gelato Smartfood” hanno espresso un evidente apprezzamento per il corso appena concluso. A gennaio altre due sessioni, la prima delle quali in lingua inglese, dedicata ai gelatieri non italiani.

 

Il corso “Il gelato Smartfood” è stato possibile grazie all’intuizione di Donna Brown, affermatissima lifestyle designer, scrittrice e appassionata di cucina, e alla collaborazione tra Carpigiani Gelato University e SmartFood (un progetto dell’Istituto Europeo di Oncologia di Milano – IEO - finalizzato a individuare, negli alimenti di origine vegetale, i composti dotati di un ruolo benefico per la salute, e a educare i consumatori ad un’alimentazione salutare e preventiva).

 

Il corso risponde alla recente e sempre più frequente richiesta di alimenti con specifiche caratteristiche, sia per quanto riguarda la selezione degli ingredienti e della materie prime, sia per la qualità nutrizionale del prodotto: cibo più salutare ma senza rinunciare al gusto! Anche il settore del gelato rimane al passo coi tempi e modella la propria offerta per farla gustare a tutti quanti.

 

Ho avuto un’ottima impressione del corso,” dice un corsista “Carpigiani Gelato University offre sempre più spesso programmi prospettici che guardano all’innovazione e al futuro, e' utile poterne far parte. Il gelato Smartfood è sicuramente un canale su cui investire e lo svilupperò nella mia gelateria, istruendo anche il mio staff. Per il prossimo corso, consiglierei di sviluppare maggiormente l’aspetto di promozione e comunicazione di un prodotto tanto salutare quanto difficile da far comprendere. La sfida di portare i consumatori a chiedere un gelato buono per il palato e al contempo per la salute è ancora aperta".

 

Nella mia gelateria (Oleggio, Novara) eravamo già orientati verso un'ideologia di gelato per il benessere psico-fisico. La scorsa estate avevamo ampliato la nostra offerta con frullati e centrifugati, riscuotendo un notevole successo. Ci piacerebbe importare le conoscenze acquisite in questi giorni su quel tipo di prodotto.” Commenta una corsista “Il corso è stato in sé molto buono anche se aumenterei l’attenzione su tipologie di clienti e alimenti particolari, come il latte di soia.”

 

Il corso “Il gelato SmartFood” ha fornito le conoscenze di base necessarie per sviluppare una linea di gelati con specifiche caratteristiche salutari, rigorosamente certificate da SmartFood, con un’attenzione particolare alla qualità nutrizionale delle materie prime e alle tecniche di preparazione del gelato. Ciò ha permesso agli operatori di offrire al consumatore un’alternativa più sana dal punto di vista nutrizionale, e allo stesso tempo di mantenere uno stretto legame con la tradizione gastronomica classica. Sono state proposte ricette pensate da Donna Brown in collaborazione con Gianpaolo Valli, docente Senior della Carpigiani Gelato University. Le lezioni sono state condotte dallo stesso Gianpaolo Valli e da Lucilla Titta, nutrizionista della Fondazione Istituto Europeo di Oncologia.

 

Il corso appena terminato è stato tenuto in lingua italiana ma il prossimo, il 23 e 24 gennaio 2014, sarà in lingua inglese, sempre presso la sede centrale della Carpigiani Gelato University di Anzola dell’Emilia (Bologna). E’ rivolto a gelatieri esperti che desiderino ampliare la gamma dei gusti offerti al pubblico, ma anche ad aspiranti gelatieri che intendono conoscere le novità più rivoluzionarie nel settore del gelato.

Realizzato appena dopo il Sigep (Fiera di Rimini, 18-22 gennaio 2014), il secondo appuntamento de “Il gelato Smartfood” rappresenta un’ottima opportunità per ampliare le conoscenze dei gelatieri di oggi e domani.

 

DONNA BROWN

Canadese di nascita, italiana di adozione, si occupa da più di vent’anni di lifestyle. I suoi lavori spaziano dalla decorazione floreale all’arredamento d’interni, dal paesaggismo al design e al benessere, ma il suo primo amore è la cucina. Autodidatta e cuoca appassionata, ama lasciarsi ispirare dalle culture di tutto il mondo. Ha condotto una serie di puntate per il programma Natale a casa Brown su Gambero Rosso Channel, scrive libri di decorazione e cucina e collabora con testate specializzate. Appare regolarmente sul programma Detto Fatto su RAIDue con Caterina Balivo, è una firma del nuovo sito dedicato al food di RCS, "Leifoodie". Il suo primo libro di lifestyle, Food & Flowers (Mondadori), di grande successo, è stato tradotto in quattro lingue.

La collaborazione con la IEO ( Fondazione Istituto Europeo di Oncologia) e la formazione presso la Carpigiani Gelato University, le ha dato lo spunto per studiare un gelato salutare in maniera quanto mai attiva e che, allo stesso tempo, fosse il più buono possibile, poiché tale alimento è prioritariamente legato all'allegria, alla felicità e ai momenti di condivisione.

 

IEO

Per poter ottenere una ricerca sempre di altissima qualità e serietà non bastano l’esperienza e la dedizione dei singoli ricercatori, ma è necessario anche garantire a questi ultimi la possibilità concreta di lavorare a livelli sempre più alti. Per questo motivo, l’Istituto Europeo di Oncologia è affiancato dalla Fondazione IEO, ente senza scopo di lucro attiva nella raccolta fondi. Per lo IEO e la sua Fondazione, la lotta ai tumori si concretizza in tre modi:

· l’attività clinica concentrata nelle tre aree di Prevenzione e Diagnosi, Chirurgia e Cure mediche;

· la ricerca sperimentale che da noi ha priorità assoluta;

· la formazione, cui da sempre diamo la massima importanza.

La certezza di riuscire a dare sempre un importante impulso alla lotta di uno dei mali più gravi dei nostri tempi, che ora grazie ai numerosi passi avanti della ricerca non è più incurabile, si traduce in numerose speranze in più per tutte le persone che ogni anno vengono colpite da questa malattia, che solo in Italia sono 270.000.

 

Carpigiani Gelato University è oggi riconosciuta a livello internazionale come fucina dei gelatieri di successo. La mission è educare alla cultura del gelato artigianale di qualità. Dalla sua nascita nel 2003, ha quasi triplicato le iscrizioni. Nell’ultimo anno accademico 2012-13 sono stati organizzati in tutto il mondo oltre 600 corsi in 10 lingue, oltre 15.000 le docenze totali. La sede principale è ad Anzola dell’Emilia (Bologna), ma la formazione avviene in altre 12 sedi nel mondo. Da settembre 2013 e per tutto l’anno accademico ‘13-‘14, è attivo il nuovo percorso formativo “Diventa Gelatiere”, della durata di 4 settimane e caratterizzato da una massiccia implementazione di lezioni pratiche.

P1420949

Rachele e Damiano

 

Il giorno delle nozze è il giorno dei dettagli: dall’abito al bouquet, dalla macchina al ristorante, dall’anello alla torta nuziale, dall’acconciatura alla bomboniera, dal fotografo ai festeggiamenti, tutto ciò che adorna e completa il momento del fatidico sì deve essere magico, sublime, emozionante, per far diventare perfetto il giorno della coronazione di un sogno e della promessa eterna. Mentre alcune coppie si affidano al successo di un’evento classico, altre provano ad osare con idee più innovative. Altre ancora, come Rachele e Damiano, coppia calabrese che convolerà a nozze il prossimo agosto, puntano tutto sull’originalità e si sposano ‘con gli sponsor’. L’idea arriva direttamente dall’America, dove negli anni passati la crisi ha fatto aguzzare l’ingegno di alcune coppie che, in cambio di un aiuto economico, offrivano alle aziende pubblicità. L’idea innovativa si sta diffondendo anche in Italia, dove sono stati già celebrati alcuni matrimoni. Così, anche Rachele, 27enne di Rosarno e Damiano, 33enne di Cittanova, hanno deciso di rompere e sfidare la tradizione e di immergersi in questo mare di novità.

Ma che cos’è esattamente un matrimonio con lo sponsor? Per addentrarci nel vivo dei preparativi lo abbiamo chiesto direttamente ai futuri sposi calabresi durante un’intervista:

«L’idea del matrimonio con sponsor arriva dagli Stati Uniti, dove si è ampiamente diffusa. Negli ultimi anni ha avuto successo anche in Francia e finalmente sta diventando un fenomeno anche in Italia, grazie alle prime temerarie coppie che hanno deciso di portare avanti la loro iniziativa di organizzare un matrimonio con lo sponsor! Per sposarsi con lo sponsor occorre trovare delle aziende che vogliano fare da sponsor in cambio di pubblicità. La sponsorizzazione consiste nel dare visibilità ai nostri Sponsor, a tutti coloro che quindi saranno disposti a partecipare all'evento, reso pubblico tramite Facebook, Twitter, blog, sui giornali, rassegna stampa, ecc.. a cui tutte le persone potranno prendere parte e seguirci fino al giorno del nostro matrimonio. Daremo le nostre recensioni e opinioni personali dei servizi che ci verranno offerti cosicché chi deve sposarsi possa avere da noi delle informazioni utili e dei consigli per le scelte del loro matrimonio. Quante volte ci si ritrova a cercare su internet le opinioni e le recensioni sui servizi per il matrimonio? In generale, credo che lo facciamo tutti. Noi offriremo questo a tutte le coppie che intendono sposarsi, grazie agli sponsor del nostro matrimonio.»

La futura sposa, spiegando da dove è nata l’idea per le loro nozze, racconta:

«Volevamo rendere partecipi quante più persone possibile al giorno del nostro sì, così per caso, mentre ero alla ricerca di qualcosa di originale, ho scoperto su internet le coppie di sposi con sponsor e sono rimasta letteralmente folgorata! Quindi ho proposto subito l'idea a Damiano, al quale è subito piaciuta anche se era un po’ scettico, ma sarebbe stato sicuramente qualcosa di originale che avrebbe reso unico il nostro matrimonio.»

Qual è stata la reazione di amici e famiglia?

«Famiglia subito favorevole all'iniziativa, sicuramente dei gran sostenitori! Ne siamo veramente felici. Gli amici all'inizio si chiedevano il perché di tutta la pubblicità intorno al nostro matrimonio e quando poi abbiamo spiegato di cosa si trattava ci hanno detto che siamo stati geniali. Alcuni amici sono scettici al riguardo, ma non per l'iniziativa in sé, piuttosto perché credono che qui in Calabria sia difficile portare avanti un evento di questo genere e che le aziende non ne capiscano la portata. E' un evento che incuriosisce davvero tanto. Soprattutto interessa conoscere i risultati che otterremo e sono in tanti già a seguirci sulle nostre pagine social: Facebook, Twitter e sul nostro blog.»

Quali sponsor fino ad ora parteciperanno al vostro matrimonio e quali altre aziende del settore nozze volete contattare?

«Ad oggi abbiamo già quattro sponsor. Avremo il nostro servizio fotografico da Foto D'autore di Antonino Bevacqua che è davvero un artista in questo campo; Fair Store, un sito di vendita on line, ci fornirà un bellissimo cake topper personalizzato; PaìdiaEvent&Wedding Planner, come weddingplanner, ci sta dando un grande aiuto per organizzare un matrimonio originale come il nostro; EfferreCommunication ci offrirà servizi social e di comunicazione, pubblicità su web e media.Cerchiamo Sponsor per tutto quello che riguarda il matrimonio, niente in particolare. Ci può contattare chiunque ci voglia sponsorizzare! Alcune aziende rispondono piuttosto bene a questa nostra iniziativa, altre non ne comprendono il valore. Ma chiunque ci sponsorizza avrà sicuramente dei vantaggi!»

Come avete intenzione di continuare la vostra "caccia allo sponsor”?

«Ci sposeremo ad Agosto 2014. Speriamo che in molti leggendo della nostra iniziativa si offrano di farci da sponsor. Di sicuro anche noi ci presenteremo personalmente alle aziende spiegando la nostra iniziativa. Siamo certi sarà una ricerca con esito positivo.»

Siete la prima coppia in Calabria. Cosa consigliereste alle coppie future desiderose di seguire le vostre orme?

«Siamo certi che il matrimonio con sponsor ha un futuro e siamo a disposizione per dare consigli a tutti coloro che vorranno seguire il nostro esempio. Sicuramente non è facile, le cose da fare in un normale matrimonio sono già tante, un matrimonio con sponsor richiede maggior tempo e impegno. Ma bisogna crederci e i risultati ci saranno immancabilmente. La nostra forza è la determinazione. Non ci si deve mai scoraggiare!»

Rachele e Damiano hanno creato un blog(http://matrimonioconsponsorcalabria.blogspot.it/)e una pagina Facebook (https://www.facebook.com/SposiConSponsorInCalabria) dove creano visibilità al loro evento e dove è possibile seguire i loro preparativi fino al giorno del matrimonio.

Antonella Nano

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI