Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 05 Dicembre 2021

Il Grinta, un film che alimenta il coraggio

Crotone - Nel film "Il  Grinta" il personaggio è una ragazzina di nome Matty
che ha 14 anni, è orfana di padre e decide di trovare l'assassino
che lo uccise. Ciò che mi ha colpito di Matty è con quanta
determinazione cerca l'assassino, inoltre mi ha colpito il carattere
che ha: riesce a relazionarsi con persone adulte rispondendo con
arroganza e con presunzione e li corregge se sbagliano nel
parlare. Matty per trovare l'assassino ingaggia uno sceriffo molto
rozzo e arrogante che è un tipo dal grilletto facile e per questo
motivo veniva chiamato Il Grinta. Il Grinta però aveva un cuore
tenero. Durante la ricerca dell'assassino il rapporto tra lo sceriffo
e Matty si stava ispessendo sempre di più infatti lo sceriffo mise a
rischio la propria vita per salvare quella di della ragazzina: Matty
era stata morsa da un serpente e bisognava al più presto portarla
da un dottore allora lo sceriffo salì in groppa a un cavallo con
Matty e galoppò fino a quando il cavallo non morì stremato dalla
stanchezza. Il cavallo era stremato, ma non era arrivato ancora
alla casa del dottore allora si caricò Matty sulle spalle e la portò
fino alla casa del dottore dove si salvò lui e salvò anche Matty.
Quando Matty crebbe cercò lo sceriffo che andò ad esibirsi in un
circo, ma quando andò in quel circo gli dissero che era morto solo
pochi giorni prima. Lei decise di far seppellire il corpo del Grinta
nel cimitero di famiglia perché l'amicizia fra lo sceriffo e lei era
così grande che era come se fosse come un membro della
famiglia . Il film è ambientato nel Far West: un paesaggio in
alcune zone arido e secco in altre ricco di foreste. Secondo me
vivere nel Far West doveva essere emozionante e allo stesso
tempo pericoloso per le malattie e per le frequenti sparatorie tra
banditi rivali.

Mattia La Greca I E Anna Frank


A me ha colpito molto il coraggio di Matty pur essendo
una ragazzina ha saputo affrontare molte sfide per
vendicare la morte del padre, che era stato ucciso da un
bandito. L'amicizia tra lo sceriffo e Matty alla parte finale
del film è stata molto toccante perché lo sceriffo ha
percorso chilometri e chilometri con il cavallo e a piedi
per portare Matty da un medico visto che era caduta in
una fossa e nello stesso momento morsa da un serpente.
Nel paesaggio del farwest erano presenti boschi
attraversati da fiumi, c'era il "deserto" con qualche
montagna, le città avevano varie locande e negozi.
Secondo me questo film era molto bello perché era ricco
di avventura e anche perché c'erano sempre colpi di
scena. Un'altra cosa che mi è piaciuta di questo film sono
gli scontri all'ultimo sangue. Nella parte finale del film si
vede Matty andare a trovare lo sceriffo che dopo
quell'awentura era andato a lavorare in una "fiera".
Matty va a chiedere dello sceriffo ma le rispondono che
era morto da tre giorni, allora Matty porta a casa sua la
bara dello sceriffo e la seppellisce vicino alla tomba di suo
padre perché lei considerava lo sceriffo un membro della
famiglia.

Alessandro Pantisano I E Anna Frank


Nel film "il grinta si intravedono tre grandi fattori:
l'amicizia, il coraggio e la sicurezza. La protagonista di
questo film Mattie è una ragazzina di soli 14 anni che
vuole vendicare la morte del padre. Chiede aiuto ad
uno sceriffo che viene soprannominato Il GRINTA. Tra
questi nascerà una grande amicizia che dapprima è
distaccata ma successivamente più unita. Si
preoccuperanno l'un dell'altro e si aiuteranno a
vicenda. La cosa che mi ha colpito di più di Mattie è: il
suo grande coraggio, sicura di se e non si arrende
mai. Lei vuole vincere a tutti i costi questa battaglia
contro Tom Chaney, il bandito che uccise il padre. In
questa avventura si aggiungerà un Texas ranger
Leboeuf con un ciuffo ribelle. Anche lui molto
coraggioso che si preoccupa di Mattie. Il Far West è
un territorio situato nel Texas. Mi affascina molto
parlare del Texas perché esistono "le grandi pianure"
dove vivevano molte tribù comunemente chiamate
"indiane" che avevano improntato la loro economia
sulla caccia al bisonte e cavalli. Terra di conquista per
pionieri, cercatori d'oro, pellegrini di chiese,
movimenti religiosi come i mormoni e naturalmente
gli indiani. Alla fine del film si vede la scena dove
Mattie, ormai diventata grande, prende il corpo del
grinta e lo seppellisce nel cimitero di famiglia. Questo
gesto tende a significare che Mattie voleva molto
bene allo sceriffo in quanto la aiutò nel momento del
pericolo e che in un certo senso faceva parte della
sua famiglia.

Davide Principe I E Anna Frank

 

 

 


Il film il Grinta è un film molto istruttivo, secondo me.Ci insegna che non dobbiamo perdere la speranza e la fiducia in noi stessi. Il personaggio che simboleggia questi due valori è Matty , una ragazzina di quattordici anni che voleva vendicare la morte del padre. Matty era anche molto determinata e colta e sapeva fare affari con i più grandi. Per la ricerca del!' assassino del padre, Matty ingaggiò due sceriffi: il signor Labeuf con un simpatico ciuffo ribelle, ed il Grinta, con il quale si sviluppò una grande amicizia. Ali' inizio Matty non andava molto d'accordo con il Grinta, anzi, gli dava perfino del!' ignorante in italiano, ma con il passare dei giorni i due diventarono molto amici. Il paesaggio dove viveva Matty era il paesaggio Farwest. Questo tipo di paesaggio non mi piace, perché, secondo me,la legge non era giusta ed anche perché gli sceriffi erano aridi cattivi, giravano per la città con pistole e fucili, facendo perdere la vita a molte persone ed animali. Matty, essendosi vendicata per la morte del padre, quando diventò grande non viveva più nel paesaggio Farwest. Provava un grande riconoscimento verso il suo amico Grinta, perché l'aveva salvata dal morso di una vipera,anche se ciò le è costato un braccio. Matty venne a sapere da alcuni signori che il Grinta era morto. Ciò le provocò un enorme dispiacere, e tale fu il riconoscimento, che lo fece seppellire nel cimitero della
sua famiglia.

Alessia Strigaro I E Anna Frank

 


 


 


                         

La storia: "il Grinta" parla di
una ragazza cresciuta col desiderio di vendicare il padre
che è stato ucciso da Tom Chaney un bandito. La ragazza
era molto bella con occhi azzurri e capelli lunghi e
castani e fisicamente magra. Lei era una ragazza con un
carattere, deciso e coraggioso. La scena che mi divertiva
era quando il Grinta usava parole volgari. La scena che mi
ha fatto dispiaciere è stato quando il Grinta è morto e, quando
alla ragazza gli hanno tolto metà braccio. La scena che mi
ha fatto arrabbiare è stato quando Tom Chaney aveva
ammazzato il padre. Questa ragazza veniva giudicata da
tutti coraggiosa e per questo aveva ammirazioni da tutti.
Questa ragazza mi ha fatto capire che bisogna avere
coraggio e decisione per lottare l'ingiustizia.

FRANCESCO NICOTERA I C Anna Frank

 


Quello che mi ha colpito del personaggio di Mattie è la grande forza di volontà nel raggiungere ciò che voleva . Questo lato del suo carattere, l’avvicina molto di più alle ragazze di oggi, che alle coetanee dell’epoca , le quali dovevano stare in casa a giocare con le bambole. A soli quattordici anni trova il coraggio di mettersi in viaggio in luoghi poco sicuri e selvaggi del vecchio West, al confine con lo sterminato territorio indiano, per assicurare alla giustizia l’assassino del padre che in cambio di due pezzi d’oro era stato ucciso barbaramente. Mattie è, quindi, una ragazza audace, temeraria, cocciuta, ma intelligente e saggia anche se cerca la vendetta. Un sentimento che non è certo nobile, ma per lei nonostante sia molto religiosa, vale la regola che chi fa del male a questo mondo deve pagare. Con la sua caparbietà, riesce a conquistare la simpatia di uno spietato sceriffo chiamato “Il grinta” che accetta di aiutarla a cercare l’assassino del padre, portandola con sé. Il Grinta è un uomo rude, ma con Mattie diventa tenero e la loro amicizia sfocia in qualcosa di più grande paragonarla all’amore di un padre per la figlia. Tale legame si manifesta verso la fine quando Mattie , sparando all’assassino del padre, cade in fosso e viene morsa ad un braccio da un serpente. Il Grinta non ci pensa due volte a salvarla portandola in braccio per un lungo cammino e fortunatamente ci riesce, anche se alla ragazza le viene amputato un braccio. Dopo tanti anni Il Grinta muore e per Mattie è una seconda e dolorosa perdita, e la bara del suo sceriffo merita di essere posta vicina a quella del padre. Da adulta Mattie riflette su quanto accaduto: lei aveva sparato per vendicarsi, ma è arrivato il serpente a prendersi quel braccio e quella mano. Il vecchio sceriffo l’aveva salvata dal veleno e alla fine era morto, come dire che tutto in questo mondo si paga, in un modo o nell’altro.

 

Giulia Coppola

I E Anna Frank



Il libro Il Grinta di Charles Portis è molto bello e ha suscitato in me diverse emozioni. Parla di Matty una ragazzina che a soli quattordici anni trova il coraggio di partire in luoghi poco sicuri, per vendicare la morte del padre. Vende così i suoi cavalli a 350 dollari e parte con lui e il signor Labeuf in cerca dell’assassino. La storia è ambientata nel far West un ambiente caldo e arido. Il viaggio fu molto faticoso e per questo il Grinta non voleva che Matty partisse con loro perché pensava fosse troppo piccola, ma nonostante la sua età Matty era una ragazza forte, coraggiosa e intelligente. Quando i tre riuscirono a trovare l’uomo che cercavano, tentarono di ucciderlo Matty cadde in un fosso dove venne morsa da vipere . Il grinta preoccupate.  Scese subito nel fosso per prenderla e appena la portò fuori si accorse che sarebbe potuta morire così la mette sul cavallo e cominciò a correre in cerca di un ospedale. Il cavallo esausto per la corsa comiciò a rallentare, ma il Grinta lo picchiò per farlo ricominciare a correre. Così facendo lo ferì e dopo pochi chilometri il cavalo cadde a terra e per non farlo soffrire lo sparò. Arrivati dal dottore a Matty venne amputato il braccio destro, e da quel giorno non ebbe più notizie del Grinta. Quando Matty tornò nel suo paese venne a sapere che il Grinta partecipava a un circo così andò a trovarlo, ma le dissero che era morto da ormai tre giorni. Matty ci rimase molto male perché in quel viaggio si era creata una grande amicizia tra la bambina e lo sceriffo così fece portare la bara nel cimitero di famiglia.

 

Martina Ferrucci

I E Anna Frank




Il diciannove marzo siamo andati al Leggifilm e abbiamo visto il film de “Il Grinta”. La protagonista di questo film è una ragazzina che aveva solo 14 anni e si chiamava Matty e, il padre di questa ragazzina era morto. A me di questa ragazzina, Matty, mi ha colpito quando lei voleva avere la vendetta della morte del padre contro un delinquente. Lei per sconfiggere questo sceriffo doveva scegliere un uomo forte e coraggioso, e lei fra tutti quegli sceriffi scelse il Grinta. Fra lo sceriffo e Matty nasce un’amicizia, è molto interessante perché quando la ragazzina era caduta in una fossa, lo sceriffo l’aveva salvata e quando il Grinta doveva salvare Matty dal morso del serpente, lo sceriffo gli aveva dato un colpo di pistola per non farlo morire direttamente. Il Farwest è un paesaggio dove gli sceriffi combattono, questo paesaggio non è molto bello perché fa tanto caldo ed è molto pericoloso per i bambini. Quando lo sceriffo morì, Matty diventata ormai grande, fece sotterrare lo sceriffo nel suo terreno dove c’erano i suoi familiari, perché per lei anche se era morto c’era sempre.

 

Marta Schirripa

I E Anna Frank





Il Grinta è un film molto bello, entusiasmante, pieno di emozioni e con protagonisti molto forti e coraggiosi. Tra di essi troviamo la bella Matty Damon. Di lei mi ha colpito molto la sua bravura e il suo coraggio nell’affrontare gli ostacoli, e pur avendo solo quattordici anni vuole vendicare la morte del padre ucciso da un bandito. Un altro protagonista molto importante è lo sceriffo ubriaco, che viene soprannominato il “Grinta”. Il Grinta crede di essere fortissimo, infatti, certe volte si è messo in rivalità con il texas ranger, Labeouf. Questo film è stato ambientato nel far west. Il far west è un luogo costituito da tanti territori dove ci sono tante cose, tanti negozi di commercianti e una grande strada dove passano carri e persone. Per me da una parte è bello perché invece di esserci le macchine che inquinano il pianeta ci sono i carri con i cavalli, ma da una parte è brutto perché non c’è l’elettricità. Alla fine del film Matty sta per morire, ma lo sceriffo la salva. Tanti anni dopo Matty va a trovare lo sceriffo, ma scopre che è morto, così porta la sua bara al cimitero di famiglia come gratitudine di averla salvata dal pericolo.

 

 

Giorgia Trocini

I E Anna Frank




Il film Grinta parla di una ragazza di nome Matty, che voleva vendicare la vendetta del padre. Così Matty chiese allora aiuto a uno sceriffo che veniva soprannominato il Grinta, un vecchio ubriacone, ma con un gran cuore buono. Quando Matty chiese aiuto al Grinta, rispose subito di si, quindi nacque una nuova amicizia. Il Grinta aiutò Matty quando finì in quella buca e fu morsa dalle vipere portandola da un dottore. Il Farwest è un posto caldo dove si rifugiavano gli indiani e dove si facevano le guerre. Matty divenne una donna e volle rincontrare il Grinta, ma seppe della sua morte. Così decise di seppellirlo nel suo cimitero di famiglia perché lei lo considerava come un suo familiare, ma anche una persona che gli sta a cuore.

 

Maria Pili Carmela

I E Anna Frank


Il film Il Grinta racconta di una quattordicenne di nome Matty che va alla ricerca dell’uomo che ha ucciso suo padre, e dell’amicizia tra la ragazzina e il Grinta. Dopo varie situazioni riusciranno a trovare Tom Chaney, l’assassino di suo padre, che a sua volta morirà ucciso. Dopo questo incontro i due non si vedranno più. Matty diventata adulta, riceverà un giorno, un volantino con la pubblicità di un circo nel quale lavorava il Grinta. Matty, curiosa, decide di andare a trovarlo, ma lì scopre che è morto già da giorni e così chiede ai proprietari del circo che gli venga data la sua salma, che Matty seppellirà nel cimitero di famiglia. Questo film mi ha suscitato tristezza nel vedere morire le persone in modo crudele, ma mi ha suscitato anche coraggio nel vedere Matty affrontare situazioni pericolose e difficili . L’autore infatti, ha messo in evidenza il coraggio, la forza d’animo, la sfrontatezza e la determinazione di Matty nell’affrontare quelle avventure. La scenografia è povera perché è ambientata nel deserto. Secondo me lo scopo del regista è quello di farci capire che nelle situazioni più difficili e strane può nascere un legame di amicizia, come quello tra Matty e il Grinta, pur avendo caratteri diversi. Infatti Matty era giovane, colta e decisa, mentre il Grinta era ubriaco e senza scrupoli. Questo film mi ha insegnato che bisogna sempre portare a termine il proprio scopo anche se questo richiede sacrificio.

 

Classe I E Anna Frank

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI