Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 22 Ottobre 2019

La storia infinita, un messaggio di speranza

La speranza

 

Ti rende felice fino a sognare

e con il pensiero ti fa volare.

Rende sognante ogni uomo che esiste

dal bimbo più contento a quello più triste.

Non è una cosa materiale,

non è un dono di Natale,

non è roba da mangiare,

è una sensazione da incoraggiare.

Ogni giorno trascorso i tuoi sogni alimenta

fino a renderti grintosa e contenta.

Se non c’è quella, non c’è il sorriso

che splende ogni giorno sul tuo viso.

Se non c’è lei si cade nella scontentezza,

un buco nero che porta all’ amarezza

che si vede in tutte le cose:

le più grandi, piccole e briose.

È importante per tutti noi,

sappiate capirlo anche voi!

Il suo nome dovete imparare

è la SPERANZA, per precisare

 

Francesca De Biasi

I A I.C. Don Milani

 

Negli uomini ce n’è in abbondanza

è sempre nei cuori, LEI avanza.

Nasce quasi sempre in noi

con il senno di poi.

Quando un dolore che affligge il cuore

ecco che arriva LEI con tutto il suo tepore.

Mi abbraccia con tanto amore

e risolva i problemi che affliggono il cuore.

                         Giorgia Martino, Stella Spina I.C. I A Don Milani





La storia scritta da Michael Ende, “La storia infinita”, narra di un bambino di nome Bastian. Egli era orfano e i suoi compagni bulli lo perseguitavano e molto spesso lo picchiavano.  Un giorno inseguito dai bulli, per nascondersi da loro entrò in una vecchia libreria ; qui c’era un vecchio seduto alla scrivania che fumava la pipa e leggeva un libro. Il vecchio disse a Bastian ripetute volte di andare via perché non era fatto per i libri, ma Bastian elencò al vecchio tutti i titoli dei libri che aveva letto. Il vecchio rimase sconvolto e i due iniziarono a parlare della loro vita. Bastian poi chiese del libro che il vecchio stava leggendo, ma egli gli rispose che quello per lui non andava bene. Il vecchio si allontanò e Bastian “rubò” il libro e se ne andò, ma sulla scrivania lasciò un biglietto con su scritto che avrebbe riportato il libro al più presto. Trovato un posto tranquillo incominciò a leggere.  La storia narra che in questo regno il buio stava prendendo il sopravvento, stava diventando più forte. Il portavoce della regina disse che lei stava morendo e solo una persona era in grado di salvarla. Egli, allora, chiamò uno dei più valorosi cavalieri, il cui nome era Atreiu.  Atreiu venne incaricato di trovare questa persona e, colta subito la sfida, partì con il suo fedelissimo cavallo Artax.          Però prima di partire, il portavoce della reggina gli consegnò un amuleto, l’Aurin, che gli doveva servire come portafortuna.  I due arrivarono nella palude della tristezza e se ci si faceva sopraffare da questa si sprofondava nelle sabbie mobili. Sfortunatamente Artax lo fece e morì.  Ma proprio lì Atreiu trovò la tartaruga centenaria ; il suo nome era Morla. Egli poteva dire ad Atreiu chi era la persona che poteva salvare la regina, ma Morla lo mandò all’Oracolo del Sud che distava più di 100.000 miglia da dove era lui. Nello stesso momento una belva incominciava la sua missione doveva trovare e uccidere Atreiu.  Dopo molto tempo, Atreiu stava ancora camminando, incrociò la belva che subito cercò di ucciderlo, ma Atreiu fu salvato da un drago ; poi Atreiu si addormentò. Svegliatosi, si ritrovò su un pianeta dove, in una grotta, vivevano due stregoni. Atreiu chiese loro dell’Oracolo del Sud, ma uno dei due rivelò ad Atreiu che per raggiungerlo,doveva passare tre porte ma, alla prima morirono tutti. Per superare la porta, bisognava avere fiducia in sé stessi. Atreiu ci volle provare ; andò lì e passò la prima porta, poi egli non trovò la risposta.Ritornò a casa sconfitto ; il buio aveva distrutto tutto, ma lì una ragazza aveva rivelato che lui in realtà aveva salvato la regina ; entrarono nel castello e salvarono la regina. Alla fine della storia, Bastian immaginò di essere in groppa al drago e di picchiare i bulli che lo tormentavano. La cosa che mi ha colpito di più è stato sicuramente il momento in cui Atreiu oltrepassa la porta, perché ha dimostrato di avere fiducia in se stesso.

 

Giuseppe Muscò

I A I.C. Don Milani







Un granello magico di sabbia

Può cambiare una vita infelice.

Scegli il tuo destino

Proprio come Bastian scelse da bambino

Entrando nel mondo di Fantasia

Cambiò il suo destino.

Quando scegli di non

Rimanere chiuso nel tuo mondo

Apri il tuo cuore dal più profondo

Non far vincere il “nulla”

Perché se ti arrendi

Rimarrebbe solo tristezza,

solitudine e malinconia,

ma se attivi tutte le speranze

i sogni non moriranno mai,

solo così veramente vivrai!!!

 

V B I. C. Vittorio Alfieri




Un bambino di nome Bastian non riusciva ad accettare la scomparsa della madre. Ogni giorno vagava triste per la strada che conduceva a scuola, dove incontrava tre bulli che lo perseguitavano, arrivando persino a buttarlo nel cassonetto dell’immondizia. Un giorno si rifugiò in una biblioteca dove c’era uno strano signore che leggeva un libro. Il bambino che amava leggere, gli chiese che cosa stava leggendo e gli fu risposto: «Questo è il libro della Storia infinita e non è adatto ai bambini.» Bastian ci rimase male, così appena il bibliotecario si girò, prese il libro e scappò via lasciandogli un biglietto con su scritto che lo avrebbe restituito al più presto e corse a rifugiarsi in soffitta per leggere il libro. Lo aprì e… Bastian, apre il libro ed entrò immediatamente in un mondo fantastico, totalmente, diverso dal suo ed inizia la storia.. Entrò nel mondo, chiamato Fantasia dove vi abitavano personaggi strani, che parlano del “Nulla”, una creatura capace di distruggere tutta Fantasia. La principessa di Fantasia era in fin di vita, e venne accolta da un popolo di persone bizzarre che sembravano molto preoccupate. Un profeta, chiede ad Atreiu di affrontare un lungo viaggio per salvare Fantasia; gli consegna un meraviglioso medaglione e gli dice che dovrà trovare un ragazzo per dare un nuovo nome alla principessa morente. Atreiu parte con il suo cavallo Artax e arriva alla “palude della tristezza”, dove Artax viene sopraffatto dalla malinconia e dallo sconforto, così affonda nella palude. Atreiu sconfitto raggiunge una gigantesca tartaruga di nome Morla che spiega ad Atreiu che deve riuscire a trovare il “Nulla” e sconfiggerlo. Ad un tratto arriva un Fortuna Drago, che lo prende in volo e lo porta in una caverna dove c’erano due folletti. Atreiu riuscì ad attraversare velocemente il laser delle sfingi che bruciava chiunque vi passava. Quando Atreiu lo oltrepassò, le sfingi si frantumarono. Da questi frantumi apparve uno specchio. Così, si ritrovò di fronte alla caverna del lupo di nome Mork che assalì Atreiu e lo ferì ad un braccio. Atreiu a questo punto salì sulla schiena del Fortuna Drago e andò dalla principessa dicendole che non aveva trovato nessuno che le poteva dare un nuovo nome. La principessa allora gli disse che aveva invece trovato la persona ed era Bastian. Bastian dapprima incredulo e un po’ titubante ascoltò finalmente il suo cuore che credeva nei sogni e quindi nella speranza di un mondo diverso. Diede il nome alla principessa Fiore di Luna e tornò felice nel mondo reale. Questa storia insegna a credere di più nei sogni, per non farsi sopraffare dalla disperazione e dalla tristezza.

 

 

Menida Anania, Sara Montesanti, Carmine Muraca, Elisa Nisticò, Simone Sellaro e Salvatore Squeo
V A I. C. Vittorio Alfieri








La storia infinita è un regno dove tutto possibile. Dove solo noi possiamo entrare, è come un rifugio. Quando siamo tristi, oppure non sappiamo cosa fare, possiamo andare lì; e ci sentiamo subito bene. Questo mondo è tutto nostro perché l’abbiamo creato noi con la nostra fantasia. La fantasia non ha limiti e nessuno ci può fermare perché ognuno ha la propria di fantasia.

Valentina Crugliano, Sara Ierardi, Ludovica Riolo e Barbara Scavelli

V A I.C. Vittorio Alfieri E. Codignola

 




  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI