Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 19 Gennaio 2019

Open Day al Nautico

Gen 16, 2019 Hits:269 Crotone

Sanremo: i premi di Miche…

Gen 14, 2019 Hits:843 Crotone

La Beethoven tra Santa Se…

Gen 08, 2019 Hits:1074 Crotone

La befana fa visita al Re…

Gen 08, 2019 Hits:1061 Crotone

Una originale lettura di …

Gen 07, 2019 Hits:1079 Crotone

Maria Taglioni dance proj…

Gen 04, 2019 Hits:1355 Crotone

Rotary club Crotone e coo…

Dic 21, 2018 Hits:1480 Crotone

Si è concluso nella prima settimana di dicembre il progetto ‘Digital in EU’, l’esperienza di job shadowing in Danimarca, promossa dall’USR Calabria, nell’ambito della mobilità Erasmus+, prevista per la formazione degli animatori digitali, i docenti cui è affidato il compito di suggerire idee e nuove strade da percorrere per l’innovazione didattica delle scuole italiane.

Il progetto Erasmus+ che vede coinvolti gli animatori digitali, ha portato in mobilità a Copenaghen ben quattro gruppi di docenti animatori digitali di 34 scuole calabresi. Si è iniziato con la seconda settimana di novembre per concludere con l’ultimo gruppo, nel quale erano compresi gli animatori delle scuole della costa, in particolare per l’IIS di Praia a Mare la prof. Iannone, per l’IC Lomonaco l’insegnante Castiglioni, e per l’IC ”Caloprese”di  Scalea l’insegnante Garreffa e per il Liceo Metastasio le docenti Barbieri e Romano, il tutto si è concluso a cavallo con i primi due giorni di dicembre, in concomitanza con l’inizio dei preparativi di Natale.

Gli animatori digitali hanno avuto l’opportunità di confrontarsi con una realtà scolastica di eccellenza, quale l’Ørestad Gymnasium di Copenaghen, un Liceo che sta esportando il suo modello didattico innovativo in tutto il mondo, pur operando in un difficile contesto, caratterizzato da un alto tasso di immigrazione.

La vision dell’Istituto si basa su una digitalizzazione completa del processo formativo, avviata tramite l'utilizzo di una piattaforma, Lectio, integrata alle GoogleApps che consente a docenti, studenti ed amministrazione di interagire costantemente in tempo reale. L’uso della tecnologia non allontana dalla consapevolezza delle origini e si accompagna allo studio della storia, al rispetto delle tradizioni e della propria identità europea, tanto che risulta obbligatorio al liceo danese lo studio del latino e della civiltà classica. La Digital Bildung degli studenti si intreccia inoltre con una rinnovata concezione degli spazi che prevede l’armoniosa alternanza di ambienti aperti e ambienti chiusi, da adattare alla tipologia di lezione che si intende proporre: le attività laboratoriali, ad esempio, si svolgono negli spazi aperti, in quanto gli studenti possono collaborare piú facilmente utilizzando banchi flessibili, da adattare alle esigenze del gruppo classe. L’ambiente deve favorire la creazione di un setting apprenditivo il più sereno possibile ed è per questo motivo che studenti e docenti hanno a disposizione zone per lo studio individuale e per il riposo, dotate di coloratissimi divani ed angolo cottura.

L’architettura delle scuole danesi (i docenti calabresi hanno visitato anche il liceo i Borupgaard) dà la misura della centralità dello studente nel sistema scolastico: i ragazzi sono sereni, partecipativi e molto responsabili del loro comportamento, al punto che non sono previsti al liceo incontri con i genitori. Altissimo il livello della didattica: nel corso delle lezioni di matematica, di chimica, di storia, di musica, la lingua danese si alterna all’inglese con la massima disinvoltura e si concede molto spazio alle esperienze laboratoriali ed all’approccio critico nei confronti degli argomenti proposti. I docenti danesi hanno la possibilità di preparare con cura le loro lezioni, perché nell’attribuzione del monte ore di lezione si tiene conto anche della necessità della formazione didattica e della correzione delle prove scritte, per cui non esiste in Danimarca il cosiddetto ‘lavoro sommerso’ dei docenti.

Il sogno degli animatori digitali italiani è quello di portare nelle realtà scolastiche calabresi non solo la digitalizzazione di Ørestad o di Borupgaard, ma anche quello di contribuire a diffondere nell’ambiente scolastico quella serenità forse contaminata dall’hygge, la dimensione spirituale tipicamente danese, l’arte di creare un’atmosfera accogliente ed intima. È proprio questa, infatti, la chiave del successo formativo danese: un setting apprenditivo flessibile e funzionale, un'organizzazione impeccabile, la proiezione nel futuro senza dimenticare le tradizioni e la propria storia. I Danesi con umiltà, equilibrio, determinazione stanno dimostrando di essere in grado di affrontare le sfide del nuovo millennio. Ora spetta ai docenti italiani incoraggiare i loro studenti, spesso brillanti e intraprendenti, ma a volte penalizzati da stereotipi di insegnamento poco coinvolgenti e non in linea con i continui mutamenti della tecnologia e della società che caratterizzano il nostro tempo. La solida tradizione del sistema scolastico italiano, insieme alla preparazione ed alla tenacia dei nostri professionisti della formazione, potrebbe senz’altro consentire di raggiungere questi obiettivi, ma è necessaria anche una politica lungimirante che sappia ascoltare ed abbia il coraggio di investire per proporre innovazione.

Si è svolta il 13 ottobre, presso l'aula magna 'A. Moro' dell'attuale sede centrale del Liceo classico Archita a Taranto una riunione di una folta rappresentanza di compagni di classe della 3a D, maturatisi nell'estate del 1967: un cinquantenario, quindi, che si è voluto festeggiare non solo con un ritrovarsi simbolicamente presso la propria scuola di provenienza, ma anche un evento che, lungi dall'essere solo commemorativo, ha inteso anche essere di stimolo alle autorità competenti per la soluzione dell'annoso problema del  ripristino e riutilizzo del Palazzo degli Uffici, storica ed indimenticata sede del liceo Archita.

Con i ragazzi del '67, era presente una delegazione di ragazzi della classe 5a C del '17, con relativi docenti, le prof.sse Bruni, Rochira, Villani e M.P. Dell'Aglio ed un ragazzo del '72, Giuseppe Mazzarino, giornalista e scrittore 'architino' doc, che ha narrato agli uni e agli altri, la storia del Ginnasio comunale Archita poi Regio Liceo Ginnasio Archita eccetera, eccetera..Il preside Pasquale Castellaneta, ospite dell'evento, ha introdotto l'evento, lodando l'iniziativa che ha messo a confronto generazioni lontane ma accomunate dallo stesso catalizzatore, l'Archita...

Un altro preside, Gennaro Esposito, egli stesso ragazzo del '67, ha condotto l'incontro, conclusosi con un ping pong fra studenti di ieri e studenti di oggi, con qualche intervento anche delle citate docenti  Lo spirito dell'Archita eterno, prima scuola di Taranto, aleggiava nell'incontro, insieme con quello del Palazzo degli Uffici, la grande incompiuta della città bimare,  sede storica del Liceo dal 1876 al 2013.

Con l'auspicio finale di poter festeggiare prossimi anniversari e confronti nella vera sede dell'Archita, Gianfranco Nitti, promotore dell'evento, ha consegnato al preside ed ai ragazzi del 1967 presenti un simpatico attestato di partecipazione, una pergamena contenente una breve strofa creata per l'occasione dal sensibile poeta e scrittore valtellinese, Carlo Pini:

                                                          

 

                                                                    LICEANDO

 

Riavvolgendo il filo dei ricordi

ho rivissuto ideali

che avevamo cuciti addosso.

Cinquant’anni dopo

mi emoziona rivederli

sotto rughe sorridenti.

 

 

I ragazzi del '67 hanno poi concluso la giornata con una cena sociale in un noto locale cittadino.

 

Un concorso su Aristotele che ha coinvolto gli studenti di tre licei classici romani e alla fine porterà i vincitori a Stagira, la città natale di Aristotele in Calcidica, si è concluso ieri con la cerimonia di premiazione. Il concorso "In viaggio con Aristotele" è stato organizzato dall’Ambasciata di Grecia, in occasione dell'Anno di Aristotele, in collaborazione con il Centro Interdisciplinare di Studi Aristotelici dell'Università di Salonicco ed i Licei Classici "E.Q. Visconti", "Giulio Cesare" e "Virgilio". 

Gli studenti dei tre licei romani sono stati chiamati a scegliere una citazione di Aristotele ed evidenziarne l'attualità per il mondo contemporaneo, attraverso testi, immagini, poesie, video ecc. Quaranta tre studenti hanno consegnato elaborati per rilevare la risonanza diacronica degli insegnamenti del grande filosofo. I loro elaborati sono stati votati online e valutati da una giuria composta dall’Ambasciatore di Grecia in Italia Themistoklis Demiris, dal Professore Louis Godart, Consigliere del Presidente della Repubblica Italiana S. Mattarella, e dal Presidente del Centro di Studi Aristotelici di Salonicco, Prof.ssa Dimitra Sfendoni-Mentzou. 

La cerimonia di premiazione si è tenuta ieri presso l’Aula Magna del Liceo Visconti, alla presenza degli studenti partecipanti, docenti e genitori. Il premio, un viaggio a Stagira, la città natale di Aristotele, finanziato dall’Ente di Turismo della Calcidica, è andato a due studenti del Liceo Visconti. I vincitori hanno realizzato un video ispirato alla citazione aristotelica "Senza amici, nessuno potrebbe desiderare di vivere, pur avendo in possesso tutti i beni". Adesso, i due studenti avranno l’opportunità di andare in Grecia e scoprire la terra natale di uno dei padri del pensiero occidentale. Perché, come ha sottolineato l’Ambasciatore Demiris consegnando il premio, “in qualche modo siamo tutti figli di Aristotele”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI