Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 26 Giugno 2019

Una significativa esperienza comune di conoscenza e solidarietà ha portato a Roma, per una settimana di lavoro solidale e conoscenza reciproca, alcune classi, una ventina di componenti in tutto, di due licei posti ai confini opposti d’Europa: quello dell’Ivalon Lukio, il liceo di Ivalo, Lapponia finlandese, e quello del liceo Regina Margherita di Palermo. I due istituti collaborano da una decina d’anni, in varie fasi, a progetti Erasmus, il più recente dei quali, avviato nel 2016 per concludersi nel 2018, è denominato Migrations: Broadcasting a New Outlook ovvero “Migrazioni: trasmettere una nuova prospettiva”, Erasmus plus KA2, un percorso di scoperta, ricerca e solidarietà verso quei popoli che sono alla ricerca di un “nuovo modo” di convivere, in Europa, con realtà diverse dalle loro.

Le due scuole rappresentano i due poli estremi della Unione Europea non soltanto per la distanza geografica significativa ma soprattutto per realtà scolastiche diverse, sia nella dimensione che nel sistema scolastico; tuttavia esse trovano un punto di incontro in un tema importante e più che mai attuale che riguarda tutta l’Europa, le migrazioni, appunto. 

Le classi partecipanti si sono confrontate  sul tema delle migrazioni e il loro lavoro viene divulgato attraverso trasmissioni radio, In Italia e Finlandia, anche via Web. La lingua di scambio è stata l’inglese.

Il gruppo di lavoro ha inteso acquisire consapevolezza della propria storia come popolo migrante confrontandosi con le realtà dei nuovi popoli che cercano su suolo europeo una nuova vita e una nuova identità. Gli studenti hanno avuto elementi per capire come queste migrazioni influiscono sulle loro stesse vite e quali possano le cause e le conseguenze dei flussi migratori.

Lo scambio di idee e di informazioni tra i due gruppi di studenti è il primo obiettivo del progetto, nel tentativo di eliminare le barriere culturali e sociali, scambiare opinioni e contribuire al dibattito sulle politiche delle migrazioni. Le conferenze, i dibattiti, le interviste, le ricerche svolte sono strumenti tutti riportati in trasmissioni radio con podcast dando così a tanti l’opportunità di avvicinarsi e condividere le tematiche. 

Non sono mancati all’interno del programma momenti di intrattenimento e di servizio sociale, come la settimana trascorsa a Roma, miranti a d affrontare il tema della migrazione anche da punti di vista diversi, puntando al confronto di diverse realtà culturali che coesistono e si integrano nei rispettivi territori: interventi musicali (Orchestra di piazza Vittorio), artistici, letterari ed anche sportivi.

Il metodo utilizzato è quello della partecipazione e peer-education, “educazione tra pari”, della ricerca, dell’apprendere attraverso il fare e del confronto. Gli alunni fanno poi le loro relazioni anche attraverso il mezzo digitale del podcast.

Un’iniziativa dunque di grande spessore educativo, umano e culturale, ben guidata da docenti sensibili e preparati che ne hanno reso i contenuti assimilabili e formativi.

La settimana romana ha visto i ragazzi impegnati anche in ruoli di servizio sociale, quando hanno partecipato alla preparazione ed offerta dei pasti ai disagiati ed agli immigrati presso la mensa diurna della Caritas, Giovanni Paolo II a Colle Oppio, un modo concreto d0’avvicinarsi alla realtà dell’emigrazione più sofferta e causata da guerre e fame nei paesi d’origine.

 

Alternanza Scuola-Lavoro all’estero durante l’estate e Vacanze Studio per le lingue con Effatà Tour

«È giusto, anzitutto, pensare ai giovani al fine di renderli i migliori possibile, come è naturale che un buon agricoltore si prenda cura anzitutto delle piante giovani e poi anche delle altre». Così Socrate spiegava a Eutifrone quanto sia importante cercare di educare i giovani portandoli ad amare la verità, la giustizia e la bellezza.

Durante l’estate, quando i ragazzi sono in vacanza,i genitori cercano di fare in modo che il tempo del riposo dagli impegni scolastici possa contribuire alla formazione dei loro figli e propongono loro varie attività per la crescita e lo sviluppo della personalità.

Fra queste, s’inseriscono le proposte di Effatà Tour, tour operator situato in provincia di Torino collegato alla casa editrice Effatà, specializzata nella pubblicazione di libri per l’educazione e la formazione della persona. Proprio per il suo impegno educativo, Effatà organizza Vacanze Studio rivolte ai giovani dagli 11 ai 19 anni, che vogliono migliorare le competenze linguistiche nell'inglese e provare a vivere in un contesto stimolante e differente da quello d'origine. Inoltre, in risposta all'esigenza di una maggior relazione tra la formazione e il mondo del lavoro, Effatà si sta impegnando ad orientare i ragazzi dai 16 ai 18 anni, offrendo la possibilità di fare brevi esperienze di lavoro all’estero, adatte alle loro attitudini, inserite nel lavoro reale, in cui mettere a frutto i propri talenti. Tali esperienze sono certificabili per l'Alternanza Scuola Lavoro.

Le Vacanze Studio, con partenza di gruppo e accompagnatore, sono previste in Inghilterra (Londra e Brighton), Dublino, New York, Malta e Francia (Lione). In generale, la giornata è suddivisa nel seguente modo: al mattino, corsi di lingua tenuti da insegnanti madrelingua; al pomeriggio, attività sportive e culturali; alla sera, attività ricreative per terminare la giornata in allegria.
Gli Stage Lavorativi si tengono in Inghilterra (Londra, Brighton), Dublino, Malta: preparano i ragazzi alle prime esperienze di lavoro in un contesto internazionale e a sviluppare la capacità di parlare la lingua inglese, che diventa sempre più importante nel mercato globale del lavoro.

Sono esperienze di vita che possono contribuire a dar senso, significato e direzione alla vita dei ragazzi nel mondo che li circonda: per orientarsi e imparare ad abitarlo anziché subirlo.

 

Dall’unione tra viaggio e studio, cultura e divertimento, socializzazione e spirito di squadra nasce “Travel Game”, il progetto didattico innovativo organizzato da Planet Multimedia e Grimaldi Lines Tour Operator giunto alla VII edizione. Nei mesi di Marzo e Aprile circa 11.000 studenti di oltre 150 Istituti scolastici italiani viaggeranno alla volta di Barcellona, con partenza da Civitavecchia, e alla volta di Atene, in partenza da Ancona. Ad ogni Travel Game partecipano contemporaneamente più scuole provenienti da tutte le Regioni d’Italia e questo aiuta la socializzazione e il confronto delle diverse esperienze culturali. Le attività si svolgono sia in nave che a terra in condizioni di massima sicurezza e questo comporta un grande vantaggio anche per i docenti, che, dovendo gestire i propri studenti, potranno sempre contare sul supporto dello staff a loro disposizione.
La formula didattico-ricreativa di Travel Game è molto ricca di stimoli all’apprendimento e alla socializzazione. Nel corso della navigazione gli studenti possono mettersi alla prova con un quiz personalizzato dai docenti relativo ai programmi scolastici e confrontarsi anche su temi di grande rilevanza sociale come: cyberbullismo, sicurezza stradale e educazione ambientale. Ogni studente parteciperà individualmente ma rappresenterà il proprio istituto. Al termine del viaggio, prima di rientrare in Italia, si disputerà una gara finale e verranno proclamati l’alunno e la scuola vincitrice del torneo. Molti i premi messi in palio per gli studenti: una targa realizzata a mano dal maestro orafo Michele Affidato, libri di Rubbettino Editore, gadget offerti da Grimaldi Lines e per i piu' golosi le caramelle di Guglielmo e i cioccolatini di Monardo e le liquirizie di Amarelli. Durante la tratta di ritorno è previsto uno spettacolo in cui i ragazzi di tutti gli istituti presenti si metteranno alla prova simulando ruoli e professioni nell'ambito dei progetti di alternanza scuola lavoro.
Travel Game è la risposta creativa ed efficace alla crisi del vecchio modello di “gita scolastica” o “viaggio di istruzione”. Le scuole hanno, infatti, bisogno di un viaggio altamente culturale ma che sappia coniugare l’ evoluzione della didattica all’uso di nuove tecnologie. Per questo Planet Multimedia ha ideato all’interno di Travel Game il “ Work on Board, una serie di attività che consente agli studenti di partecipare a lezioni di approfondimento e ricevere un attestato di partecipazione alle attività formative in Alternanza Scuola Lavoro, come previsto dalla legge 107/2015. E' prevista, infatti, in differenti partenze la presenza a bordo di illustri relatori: esponenti di Confindustria come il noto editore Florindo Rubbettino, presidente della Rubbettino editore e della Rubbettino industrie grafiche, docente di Editing nel Corso di Laurea di Scienze della Comunicazione all’Università del Molise. L’azienda ha ottenuto quest'anno il Bollino per l'Alternanza di Qualità, conferito da Confindustria. Il BAQ è il riconoscimento conferito alle imprese che si distinguono per la realizzazione di percorsi di alternanza scuola-lavoro di elevata qualità, attraverso collaborazioni virtuose con scuole secondarie di secondo grado e centri di formazione professionale. Si tratta della prima azienda in Calabria che ottiene tale riconoscimento. Tra i principali requisiti che hanno consentito il conferimento alla Rubbettino vi sono il numero delle collaborazioni attivate con le scuole; l’eccellenza dei progetti sviluppati; la co-progettazione dei percorsi di alternanza; le ore trascorse in azienda dagli studenti. I progetti di alternanza scuola lavoro proposti dalla Rubbettino spaziano dall’approfondimento della filiera del libro, alla grafica e alla creatività, dall’uso delle tecnologie per la stampa e il packaging, all’informatica e alla logistica.Il 14 aprile sara’ presente Daniele Rossi, attuale presidente della Camera di Commercio di Catanzaro, presidente di Confindustria Catanzaro e vice presidente di Unindustria Calabria.  Da imprenditore, racconterà dell'esperienza della storica Caffè Gugliemo e di  Movital Hotel Spa. Nonostante la giovane età, Rossi vanta una lunga e corposa esperienza nel sistema imprenditoriale calabrese e nelle associazioni di categoria, che lo rendono uno dei principali attori del panorama produttivo calabrese. Sempre nella stessa data sarà a bordo Roberto Carcangiu, presidente dell'Associazione professionale Cuochi Italiani.

Sara’ presente a fine aprile Marella Burza, presidente Giovani imprenditori Unindustria Calabria, imprenditrice del settore edile. Gli studenti potranno, inoltre, partecipare in alcune date a lezioni sul giornalismo tenute da Giuseppe Mazzei, già docente all’Università La Sapienza e alla Luiss Guido Carli e vice direttore del Tg1, autore di numerosi manuali di giornalismo, e Lorenzo De Boca, tre volte presidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti (il primo eletto per tre mandati consecutivi, dal 2001 al 2010), già presidente della Federazione nazionale stampa italiana, una lunga carriera giornalistica iniziata a La Stampa, storico e saggista, autore di numerosi libri – editi da Utet e Piemme – tesi a smascherare le menzogne della storia (non a caso, l’ultimo saggio di Del Boca s’intitola “Il maledetto libro di storia che la tua scuola non ti farebbe mai leggere”).

Di grande interesse saranno gli approfondimenti sulle professioni della nave illustrate delle varie figure professionali dell’equipaggio di Grimaldi Lines, le spiegazioni sulla ristorazione di bordo a cura dell'azienda Ligabue e i preziosi interventi sul marketing turistico da parte di Fausto Di Niro, direttore del Tour Operator di Grimaldi Lines. Tra gli Atenei partner dell'iniziativa, l'Università della Calabria, la Lumsa e Laba che cureranno sessioni di orientamento agli studi accademici.
Accanto alla ricca parte formativa e didattica, Travel Game offre agli studenti un ampio programma ricreativo e turistico, con visite delle città, dei musei e dei palazzi e dei luoghi di particolare interesse storico e culturale con il supporto di guide esperte e rigorosamente selezionate. Gli istituti ad indirizzo turistico potranno confrontarsi con gli operatori del settore e apprendere dalla loro diretta esperienza le tecniche di questo importante servizio.
Alla fine del viaggio gli studenti dovranno scrivere degli articoli giornalistici: i migliori saranno inviati alla stampa e pubblicati sui social e i siti ufficiali.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI