Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 07 Luglio 2020

La_rivoluzione_Cantagalli

Alessandra Cavaterra

La rivoluzione culturale di Giovanni Gentile

La nascita dell'Enciclopedia italiana

Cantagalli

pp. 224, €. 15,00

Quando Giovanni Gentile e Giovanni Treccani presentarono il progetto di una Enciclopedia italiana il governo fascista si avviava verso la costruzione di un sistema politico di tipo autoritario. La coincidenza ha fatto dire che l'opera sia stata fin dall'inizio condizionata dal regime. Ma le riflessioni dei promotori sulla natura della prima enciclopedia italiana impostata scientificamente, sul coinvolgimento dei collaboratori, sulle denominazioni delle sezioni disciplinari, sulla scelta delle voci dimostrano l'autonomia in cui l'Istituto creato per l'attuazione del progetto si mosse. Il risultato fu ed è un'opera riconosciuta a livello mondiale di grande autorevolezza oltreché riferimento obbligato nello studio della cultura italiana tra le due guerre.

la_nave_ilmulino

Markus Rediker

La nave negriera

Il Mulino

pp. 463 €. 36,00

Rediker si concentra sul momento-chiave del trasporto dall'Africa all'America mettendo sotto la lente d'ingrandimento la nave quale microcosmo che riassume l'intero mondo della tratta. Con una sequenza di storie esemplari, dedotte da fonti d'epoca, il libro racconta com'era fatta la nave, cosa vi accadeva, chi e come la popolava gli schiavi, il capitano, la ciurma, gli ospiti eventuali, i mercanti. Così il libro evoca il mondo di quelle terribili "prigioni galleggianti" che solcando l'Atlantico produssero insieme enorme ricchezza e altrettanta desolazione e dolore.

LDF 2014

Tutti i fatti principali del 2013 e quelli dei primi mesi del 2014 sono raccolti nella 24а edizione del Libro dei Fatti, già disponibile in libreria e in autogrill con una serie di novità di forma e contenuti. La pubblicazione di adnkronos, consolidato bestseller dell’informazione per lettori, giornalisti e collezionisti, si presenta al pubblico nella versione cartacea e sarà presto disponibile anche nelle diverse forme digitali, app, mobile e web, per essere sempre al passo coi tempi e vicino alle esigenze di chi vuole rimanere aggiornato.

Il Libro dei fatti 2014 raccoglie la sfida al rinnovamento e alla crescita, quella stessa sfida che si accinge ad affrontare l’Italia col semestre italiano di presidenza dell’Unione Europea e con l’Expo Milano 2015. Un rinnovamento che Matteo Renzi, presidente del Consiglio dei Ministri ha voluto testimoniare ai lettori de Il Libro dei fatti:“Sentiamo tutti la necessità di un’Europa diversa, più politica, più semplice, più chiara. Un’Europa alleata delle nostre famiglie e delle nostre imprese. Siamo uno dei Paesi fondatori dell’Unione ed è nostro dovere, tanto più oggi davanti alle crescenti pulsioni antieuropeiste, fare in modo che nessuno se ne senta penalizzato e distante”.

Oltre al presidente del Consiglio, lo Speciale dedicato al semestre di Presidenza UE vede tra l’altro protagonisti il Ministro degli Affari Esteri Federica Mogherini, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega agli Affari Europei Sandro Gozi e il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.

Nato nel 1991 su ispirazione del World Almanac and Book of Facts, il Libro dei fatti vanta una diffusione di oltre 4 milioni di copie. Nel 2013 è stato l’ebook più scaricato in Italia con circa 15.000 download. Queste caratteristiche ne fanno da oramai 24 anni un insostituibile archivio annuale della storia italiana e mondiale, raccontata come pura cronaca.

Il Libro dei Fatti continua a risucotere successo - commenta Giuseppe Pasquale Marra presidente del Gruppo adnkronos - perché si rinnova ogni anno, rivolgendosi ad un pubblico sempre più ampio e diversificato. E’ un testo che si può leggere in qualsiasi occasione e contesto, alla scrivania di lavoro, in viaggio o sotto l’ombrellone. Si può sfogliare o consultare su tablet o smartphone. Questa sua duttilità lo ha proiettato nel futuro dell’editoria, senza fargli perdere l’originale identità, che ne fa una pubblicazione sempre giovane e attuale anche dopo 24 anni.

L’esposizione Universale, che aprirà i battenti a maggio del prossimo anno, ha un tema ambizioso: Nutrire il Pianeta, Energia per la vita. Il Libro dei fatti dedica all’evento diverse pagine con gli interventi, tra gli altri, di Maurizio Martina, Ministro delle Politiche Agricole, Roberto Maroni, presidente della Regione Lombardia, Guido Podestà e Giuliano Pisapia, rispettivamente presidente della Provincia e Sindaco di Milano, Diana Bracco, presidente di Expo 2015 Spa e Commissario Generale per Padiglione Italia, e Giuseppe Sala, Commissario Unico delegato dal Governo per Expo 2015. “L’Expo 2015, e il Padiglione Italia in particolare, hanno una grande ambizione: restituire fiducia e orgoglio nell’Italia ai cittadini, a cominciare dai più giovani. La Grande Bellezza dell’Italia non è solo il suo patrimonio: è anche nei tanti giovani di talento che costruiscono il nostro futuro. Per questo abbiamo scelto il concept del “Vivaio”. Il nostro Padiglione sarà un vivaio di idee, proposte, soluzioni che l’Italia offre alla comunità internazionale”, ha dichiarato Diana Bracco ai lettori de Il Libro dei fatti.

Design, alta moda, arredamento, oreficeria, agroalimentare: sono solo alcuni dei “gioielli” del Made in Italy al quale è dedicato il terzo Speciale del Libro dei Fatti, con gli interventi dei vertici di istituzioni, associazioni e imprese che rappresentano molte delle principali eccellenze del nostro Paese nel mondo. Il recente rapporto del Centro Studi Confindustria e Prometeia rileva che nel 2018 le importazioni di prodotti italiani “belli e ben fatti” nei 30 principali mercati emergenti supereranno i 169 miliardi di euro, 54 in più rispetto al 2012 per un incremento del 47% in sei anni.

 

I numeri e la storia

Il Libro dei Fatti vanta una diffusione di oltre 4 milioni di copie, contenenti più di 20.000 notizie e protagonisti della politica, dello spettacolo e dello sport. Il tutto arricchito da migliaia di foto, quiz, tabelle e statistiche. Nel 2013 il Libro dei fatti è stato l’ebook più scaricato in Italia con circa 15.000 download.

Il Libro dei fatti è nato nel 1991 su ispirazione del World Almanac and Book of Facts, di cui è la versione italiana. Contiene le informazioni sugli avvenimenti più importanti dell’anno precedente e offre al lettore una ricostruzione ragionata dell’attualità. La sua puntuale cronologia racconta l’intero anno di riferimento al microscopio: i grandi eventi politici e di cronaca, cultura, religione e sport. Tutti gli avvenimenti mondiali e nazionali con informazioni, dati e statistiche utili per studiare, lavorare, viaggiare.

Un volume utile per il mondo dell’informazione e per il mondo accademico, ma al tempo stesso un modo per il pubblico di apprendere gli eventi principali dell’ultimo anno, di conoscerne di nuovi e di singolari o di ricordarli mettendosi alla prova. Al suo interno infatti, il Libro contiene alcuni quiz per tenere allenata la memoria e l’ormai consueta antologia del buonumore, che offre una simpatica selezione dei fatti più curiosi dell'anno.

Già dallo scorso anno la pubblicazione cartacea è certificata Fsc (forest stewardship council) per rispettare rigorosi standard ambientali, sociali ed economici, e ad essa si è affiancata una diffusione digitale, sotto forma di e-book e di app. Per informazioni: www.adnkronos.com.

IL LIBRO DEI FATTI 2014

Un milione di notizie viaggia con voi 

960 pagine, Euro 12.50, adnkronos libri 

Copertina_Dal_banditismo_al_Brigantaggio

Francesco Pappalardo

Dal banditismo al brigantaggio

La resistenza allo Stato moderno nel Mezzogiorno d’Italia

D’Ettoris Editori

Collana: Magna Europa. Panorama e voci

pp. 210, €. 17,90

ISBN: 978-88-89341-80-3

Che cosa hanno in comune il bandito Marco Sciarra, l’insorgente Fra Diavolo o il brigante Crocco? Apparentemente niente, ma in realtà li lega un filo rosso, quello della resistenza, più o meno consapevole, da essi opposta in tempi diversi allo Stato moderno nascente o in via di affermazione. A metà strada fra l’opposizione passiva e la sollevazione popolare, il banditismo raccoglie fra i secoli XVI e XVII soldati disoccupati, disobbedienti fiscali, fuorusciti, protagonisti di conflitti tra fazioni e nobili impoveriti o preoccupati per l’invadenza statale. Vera sollevazione popolare è invece l’Insorgenza (1792-1814), cioè l’insieme delle resistenze contro la Rivoluzione e contro il regime di Napoleone Bonaparte in Italia e in Europa. Anche il brigantaggio postunitario è una realtà complessa, in cui rientrano la fedeltà dinastica e la resistenza all’invasore, l’opposizione alle caratteristiche più invadenti del nuovo Stato unitario – innanzitutto la coscrizione obbligatoria e la pesante fiscalità –, antiche tensioni sociali e l’inevitabile delinquenza comune. In questo libro Francesco Pappalardo descrive in maniera capillare, utilizzando una ricca documentazione, il panorama storico in cui nascono e si sviluppano queste realtà, soffermandosi su tanti personaggi non sempre presenti nei libri di storia: da Alfonso Piccolomini a Giulio Pezzola, dagli insorgenti meridionali – «Sciabolone», «Francatrippa», «Panedigrano», «Sciarpa» – fino a briganti come «Centrillo», il sergente Romano, Ninco Nanco.

insegnamenti.2-213x325

 

Sono stati pubblicati dalla Libreria Editrice Vaticana gli ultimi due volumi degli “Insegnamenti di Benedetto XVI”.

Il primo dei due tomi (VIII, 2 2012, 950 pagine, 70 euro) copre il periodo che va da luglio a dicembre 2012. Ha inizio con le parole pronunciate in occasione dell’Angelus di domenica 1° luglio 2012 e si conclude con l’omelia per la celebrazione dei primi vespri del 31 dicembre 2012. Tra i vari documenti riportati, oltre le omelie, le catechesi, i messaggi, i discorsi e le lettere, anche tutti gli interventi relativi al viaggio apostolico in Libano (14-16 settembre 2012) e l’omelia della Messa in occasione della visita pastorale a Loreto (4 ottobre 2012).

Il secondo volume (IX, 2013, 336 pagine, 40 euro) ha inizio con l’omelia della Messa nella solennità di Maria Madre di Dio (1° gennaio 2013) e ha termine con il saluto dalla loggia centrale del Palazzo apostolico di Castel Gandolfo, nel pomeriggio del 28 febbraio 2013. “Sono semplicemente un pellegrino che inizia l’ultima tappa del suo pellegrinaggio in questa terra” affermava Benedetto XVI in quella circostanza, poche ore prima che avesse termine il suo pontificato e si aprisse la Sede Vacante. Tra i documenti contenuti nel volume, anche la declaratio dell’11 febbraio 2013, con la quale il Papa annunciava in latino ai cardinali riuniti nella Sala del Concistoro del Palazzo apostolico, in occasione del Concistoro ordinario pubblico per la Canonizzazione di alcuni Beati, la sua rinuncia al ministero petrino.

I volumi sono corredati da una serie di indici: l’indice degli atti pontifici, l’indice analitico (suddiviso in persone, materie e argomenti, luoghi), l’indice dei riferimenti (Sacra Scrittura, documenti della Chiesa e insegnamenti pontifici, altri autori ed opere).

insegnamenti.1-211x325

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI