Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 18 Gennaio 2021

Alta formazione nella provincia iblea. A Modica sta per arrivare il nuovo corso di Istruzione Tecnica Superiore (I.T.S.) dedicato al comparto agroalimentare e tra i partner dell’iniziativa c'è anche Avimed - Avicola Mediterranea. Promosso e organizzato dalla Fondazione Albatros di Messina, sede di Modica, il percorso di studi ITS si svolgerà nel prossimo biennio all’Istituto Alberghiero/Agrario Grimaldi di Modica. Offrirà ai partecipanti una preparazione specifica e completa nel settore agroalimentare, agevolando l’inserimento lavorativo in diverse aree della filiera. Si tratta di una formazione terziaria non universitaria al termine della quale sarà rilasciato un Diploma di Tecnico Superiore 5° livello EQF corredato dall’Europass “diploma Supplement” per la figura di "tecnico superiore responsabile delle produzioni e delle trasformazioni agrarie, agro-alimentari e agro-industriali". L’azienda Avimed - Avicola Mediterranea, tra i leader nel Distretto Avicolo Siciliano e tra le realtà avicole più rilevanti di tutto il Meridione, è tra i partner del progetto. Da sempre attenta alla formazione di qualità, Avimed ha da subito accolto l’iniziativa che permetterà ai giovani, ma anche ai meno giovani – non ci sarà limite di età per accedere al corso – di avvicinarsi al mondo del lavoro forti di una preparazione solida e completa, non solo teorica cioè, ma anche pratica. Il corso ITS infatti prevede oltre a lezioni in aula anche lo svolgimento di stage aziendali in modo da applicare sul campo quanto imparato, ma soprattutto prendere dimestichezza da subito con le realtà aziendali e le dinamiche lavorative che a esse sottendono. “Avimed è ben lieta e orgogliosa di aprire le sue porte agli studenti permettendo loro di svolgere lo stage nella sua struttura e a contatto con il suo personale, appositamente messo a disposizione degli stagisti – spiega Salvatore Giannone, responsabile area comunicazione Avimed - Un’opportunità importante di confronto e crescita che magari potrà anche trasformarsi in una collaborazione più duratura”.

Con cinque incontri informativi ricomincia l'attività di animazione territoriale del GAL Terra Barocca. Il mese di settembre sarà dedicato alla presentazione della sottomisura 6.2., ambito 1 e ambito 2, riguardanti gli aiuti all'avviamento di attività imprenditoriali per le attività extra agricole in zone rurali. Un ciclo d’incontri che si pongono l'obiettivo di comunicare e informare l’azione specifica che contribuisce a livello locale al miglioramento relativo al “turismo sostenibile” e allo “sviluppo e innovazione delle filiere e dei sistemi produttivi locali (agro-alimentari, forestali, artigianali e manifatturieri)”. 

La sottomisura 6.2. offre infatti diverse opportunità favorendo la creazione di start up e nuovi posti di lavoro, nonché l'erogazione di servizi finalizzati al miglioramento della qualità della vita delle comunità locali nei territori rurali. Gli incontri inizieranno il prossimo venerdì 11 settembre presso il chiostro di Palazzo San Domenico a Modica, alle ore 18:30. Gli altri appuntamenti saranno lunedì 14 settembre (ore 18:00) presso l’auditorium del Mercato di Donnalucata a Scicli, martedì 15 settembre (ore 18:00) al Palazzo Bruno di Ispica, giovedì 17 settembre (ore 17:00) presso la sala conferenze dell’Assessorato Sviluppo Economico alla Zona Artigianale di Ragusa e martedì 29 settembre (ore 18:30) alla Biblioteca Comunale Verga di Santa Croce Camerina. 

"Con i due bandi dedicati alla sottomisura 6.2 – spiega Ignazio Abbate, presidente del GAL Terra Barocca – si dà attuazione agli interventi previsti nel PAL 2014- 2020 per il tipo di azione “Aiuto all'avviamento di imprese extra agricole in zone rurali per il miglioramento dei servizi connessi all'attività turistica” e “Aiuto all'avviamento di imprese extra agricole in zone rurali”, facendo fede alla mission territoriale intrapresa durante questi anni”. 

Durante l'animazione territoriale prevista negli incontri si esplicheranno tutte le modalità d’accesso e partecipazione alla sottomisura 6.2. Il presente bando infatti è rivolto a diversi stakeholders del territorio: gli agricoltori o coadiuvanti familiari che diversificano la loro attività avviando interventi di tipo extra-agricolo, le persone fisiche, le microimprese di nuova costituzione. Per entrambi gli ambiti è stato previsto uno stanziamento complessivo di 480.000 € destinati all'erogazione di contributi al 100% a fondo perduto pari a 15.000 € per iniziativa. I termini per partecipare al bando sono già aperti e scadranno il 30 ottobre 2020 per l’ambito 1 e l’11 novembre 2020 per l’ambito 2.

 “In occasione dei festeggiamenti in onore a San Vito martire, patrono di questa città, la parrocchia Santa Maria La Nova e l’amministrazione comunale dedicano questo luogo alla memoria del sacerdote Salvatore Curatolo nel XX anniversario della sua morte e rettore di questa chiesa dal 1973 al 2000, per l’opera meritoria svolta nell’intero territorio”. E’ questo il testo della lapide che è stata scoperta domenica sera e che ha caratterizzato l’intitolazione dello spazio adiacente la chiesa di San Vito al sacerdote che ha reso testimonianza, con il suo impegno, di grande attenzione nei confronti dei devoti del patrono di Chiaramonte Gulfi. Ieri, le celebrazioni si sono concluse con uno speciale momento di partecipazione, reso ancora più prestigioso, oltre che dalla scopertura della lapide, dalla presenza del vescovo della diocesi di Caltanissetta, mons. Mario Russotto. E’ stato proprio mons. Russotto a presiedere la santa messa solenne che ha concluso i festeggiamenti in onore del martire giovinetto. Il vescovo e i parenti di padre Curatolo hanno tratteggiato le caratteristiche salienti di una figura molto apprezzata a Chiaramonte Gulfi, sempre disponibile con tutti. A margine dell’appuntamento, tutta una serie di ringraziamenti è arrivata dalla confraternita di San Vito: al vescovo di Ragusa, mons. Carmelo Cuttitta, per avere dato la possibilità di celebrare la messa nel piazzale antistante la chiesa; le comunità parrocchiali di San Nicola insieme con il parroco, don Graziano Martorana, e dell’Immacolata concezione della Bvm di Roccazzo-Sperlinga e Piano dell’Acqua insieme con il parroco don Giovanni Piccione; la comunità di Santa Maria di Gesù; il predicatore del triduo, don Fabio Randello, parroco della chiesa Madre di Licodia Eubea; le corali; il Rinnovamento nello spirito diocesano per avere animato l’incontro di preghiera di giovedì scorso; il sindaco on. Sebastiano Gurrieri e l’amministrazione comunale per il servizio e la sistemazione dell’area adiacente alla chiesa in occasione del XX anniversario della morte del sacerdote Salvatore Curatolo; la ditta Kefap di Gabriele Cugnata per la realizzazione della lapide; l’Arma dei carabinieri e i vigili urbani; la ditta di Rosario brullo per l’illuminazione artistica; la Protezione civile. Gli appuntamenti contenuti nel programma di San Vito sono stati diffusi sul piano mediatico grazie al supporto arrivato da Confcommercio provinciale con il presidente Gianluca Manenti e da Confcommercio sezionale con il presidente Danilo Scollo.

 

 

 

 

E’ stata una stagione ricca di soddisfazioni per l’orto sociale Proxima in via Grazia Deledda a Ragusa. All’insegna della solidarietà e della crescita. “Adesso – sottolinea il responsabile Marcello Firrincieli – siamo prossimi al cambio colture. E, proprio per questo motivo, possiamo tracciare un bilancio positivo. Bilancio che, tra l’altro, si caratterizza per le numerose donazioni che, nel pieno del periodo pandemico, abbiamo effettuato nei confronti di tante istituzioni benefiche che hanno avuto bisogno come l’Oasi Don Bosco e Mecca Melchita”. L’orto sociale è nato come una scommessa della cooperativa Proxima nell’ambito dei progetti portati avanti e finalizzati all’assistenza e all’integrazione sociale, contro la tratta e lo sfruttamento di esseri umani. “Nel corso della campagna agraria ormai conclusasi – continua Firrincieli – abbiamo prodotto meloni gialli, cantalupi, bietole, lattughe, melenzane, cetrioli, zucchine. E poi le tre varietà principali delle patate, la gialla, la rossa e la viola, con alcune di queste che, solitamente, non si trovano sul mercato”. Ma l’orto sociale si sta aprendo anche all’esterno. “Mentre siamo prossimi a organizzare la nuova stagione – spiega ancora il responsabile – abbiamo avviato nelle scorse settimane una piccola fornitura al mercato ortofrutticolo di Ragusa oltre ad alcuni esercizi di ortofrutta presenti in città che si sono serviti direttamente dal nostro appezzamento di terreno. In più, abbiamo garantito il servizio a domicilio. Abbiamo evitato gli spostamenti dei consumatori, andando direttamente nelle loro case. L’abbiamo fatto, anche, assicurando in alcuni casi le consegne direttamente a Marina. Diciamo che abbiamo cercato di ampliare la gamma dei nostri servizi. E tutto questo ci fornisce maggiore fiducia e incoraggiamento in fase di predisposizione delle nuove colture. Siamo molto contenti del lavoro fin qui svolto che, secondo noi, può ancora essere migliorato. Ci sono tutte le condizioni per fare ancora di più e meglio, favorendo il chilometro zero e attivando tutti questi percorsi che puntano alla creazione di concrete alternative percorribili per molte vittime di tratta. L’orto sociale punta anche a questo”.

 

L'estate continua a Scicli con Vira. Proseguirà per tutto agosto la rassegna estiva, promossa dai ristoratori e commercianti del centro storico e curata dalle associazioni culturali Ekos-Music Hub, SEM e Tecne99. Ogni giovedì del mese, dal tramonto in poi, la bellissima cittadina barocca accoglie musica, proiezioni, teatro, passeggiate culturali e molto altro, nel pieno rispetto del distanziamento sociale. Giovedì 6 agosto appuntamento con il progetto Collettiv-Art, con la musica dei Popolar Sound Music e con una passeggiata dedicata ai più piccoli.

Collettiv-Art è una estemporanea collettiva e prevede diversi momenti: in via Aleardi saranno posizionate delle tele bianche dove chi vuole potrà lasciare il proprio segno, riempiendo lo spazio usando pennelli, matite, biro e oggetti non convenzionali che avrà a disposizione. In diversi punti del centro storico poi alcuni artisti, scelti tra i partecipanti al progetto "Tiaso-99" promosso dall’associazione Tecne99 sui social durante il lockdown per stimolare la creatività e la produttività, creeranno delle opere estemporanee.

Sempre questo giovedì, 6 agosto, il centro storico ospiterà la musica dei Popolar Sound Music, una realtà di musica popolare e intrattenimento teatrale ad alto tasso di sicilianità, artisti di strada e musicanti avventurieri che animeranno la serata.

Con agosto la stagione di Vira si arricchisce anche delle passeggiate per il centro storico: questo giovedì i protagonisti saranno i più piccoli e le loro famiglie, guidati da Roberto Sammito di Visit Vigata. Doppio turno (18.00 – 20.00) per il percorso ludico “Scicli per grandi esploratori!” tra le vie della cittadina barocca alla fine del quale, dopo divertenti prove, i bambini riceveranno la patente per grandi esploratori. Informazioni: percorso adatto per età 8 - 11 anni, accessibile in carrozzina, durata 1 ora e mezza, ogni bambino deve essere accompagnato da un adulto. Occorrente: 1 penna, mascherina, acqua e scarpe comode (prenotazioni su https://rebrand.ly/scicli-grandi-esploratori - informazioni: 350 0959576).

Vira continua il 13 agosto con la performance di danza contemporanea Aroma, che inebrierà le vie del centro stimolando i 5 sensi; il 20 agosto con la jam session Variazioni d’estate in Piazza Italia, il ritorno di Collettiv-Art e la passeggiata culturale a cura dell’Associazione Tanit Scicli, e infine il 27 agosto grande chiusura con musica diffusa per le vie del centro, ancora Collettiv-Art e la passeggiata culturale a cura dell'associazione Esplorambiente.

La manifestazione “Vira” gode del patrocinio del Comune di Scicli e della ProLoco, ed è finanziata dalle attività ristorative e commerciali del centro storico. Tutti gli appuntamenti sono gratuiti e sarà garantito il distanziamento sociale. Attraverso i canali social è possibile accedere al programma completo e all'elenco dei locali partner.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI