Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 19 Giugno 2019

L'appuntamento di domenica 12 maggio ha chiuso la III Edizione de "La Domenica Favorita", la manifestazione che attraverso attività culturali, ludiche e sportive ha permesso, nell'arco di cinque appuntamenti da marzo a maggio 2019, di far conoscere e apprezzare tutte le bellezze, architettoniche e naturali, presenti all'interno del Parco Reale della Favorita, chiuso al traffico.

Tra le tantissime attività che hanno coinvolto un vastissimo pubblico molto partecipata, nella ricorrenza della Festa della Mamma, è stata la “Palermo in Rosa”, manifestazione podistica a passo libero, non competitiva, organizzata dalla Now Team ASD, lungo i viali della Favorita così come la "Street Workout Green", l'attività di Workout su base walking dinamico, a cura di Street Eventi Palermo.

Ad aprire questa domenica è stata l’esibizione della Banda del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, corpo civile presente anche con Pompieropoli, attività ludico-formative rivolte ai bambini sulle principali tecniche di prevenzione, proposte attraverso giochi e simulazioni.

Protagonista della giornata è stata la musica con le esibizioni del Coro di Voci Bianche e del Coro Arcobaleno del Teatro Massimo, che si sono esibiti nell’atrio interno di Villa Niscemi, mentre il Coro di Voci Bianche dell’Orchestra Sinfonica Siciliana, presso la Palazzina Cinese. Al Museo Pitrè, invece, si è tenuto il concerto dei Tre Terzi che hanno intrattenuto, in un'atmosfera di grande giovialità, il pubblico presente.

Tra le attività culturali presenti anche "Laboratorio Favorita", a cura di Alessandra Vizzini, Silvia Urbano, Dario De Benedictis, Claudio Gulli, che hanno chiuso la loro attività di passeggiate, quest'ultima dedicata alla vegetazione, come strumento di indagine collettiva, fondamenta di un processo partecipato, utile a rivelare le qualità storiche e paesaggistiche del Parco nella visione di un progetto amplificatore di ciò che è già presente.

All’interno della struttura equestre della Favorita, infine, gli amanti degli amici a quattro zampe hanno assistito alla 68esima Esposizione Internazionale Canina. Organizzata dal “Kennel Club Palermo", la manifestazione, promossa con il patrocinio del Comune di Palermo che quest’anno ha fatto registrare il record di iscritti, oltre 1.300 in rappresentanza di 140 razze provenienti da tutta Italia e da diversi Paesi europei, che hanno sfilato davanti ad una qualificata giuria internazionale.

Nonostante le instabili e insolite condizioni meteorologiche che hanno caratterizzato queste domeniche di attività il bilancio della III edizione de "La Domenica Favorita" risulta assolutamente positivo considerando le 60.000 presenze registrate nella cinque giornate della manifestazione.

DICHIARAZIONI:

Si conclude il ciclo de La Domenica Favorita 2019, migliaia di cittadini, di palermitani, di turisti hanno vissuto il Parco della Favorita e hanno conosciuto le diverse realtà di questa nostra città. Dai Vigili del Fuoco, al Brass Group, dal Teatro Massimo all’Esercito, dalla Polizia di Stato  ai Carabinieri, alla Croce Rossa, dal Comune di Palermo e la Polizia Municipale a tutte le Associazioni e Istituzioni, insieme a confermare che Palermo è una comunità e La Domenica Favorita dimostra che Palermo sa essere comunità superando le logiche dell’individualismo e dell’egoismo e superando le logiche della sterile appartenenza di gruppo siamo una comunità, una grande comunità che rispetta le persone, e il Parco della Favorita con questa straordinaria iniziativa è la conferma di quello che ogni giorno è e deve essere sempre di più la nostra città, una comunità di persone libere, una comunità di persone diverse ma di persone anche uguali”. Leoluca Orlando Sindaco di Palermo 

“Oggi si conclude La Domenica Favorita con le sue  domeniche di attività. L’obiettivo dell’Amministrazione Comunale è quello di restituire alla città non soltanto 5 domeniche ma più giorni durante l’anno, quindi contiamo a brevissimo di istituire un tavolo tecnico per cercare di capire, con tutte le Associazioni che vorranno condividere questa iniziativa, come rendere fruibile questo spazio 365 giorni all’anno. Credo che sia una iniziativa molto importante e abbiamo constatato essere sempre partecipata da tantissimi cittadini, grandi e piccini, che hanno avuto la possibilità di vivere delle domeniche fantastiche”Fabio Giambrone Assessore al Decoro Urbano 

“Si è conclusa la III edizione de La Domenica Favorita. Giornata interamente dedicata al tema della Festa della mamma quella di oggi. Tutte le manifestazioni sportive culturali e ludiche sono state dedicate alla mamma. Il momento più eclatante e più atteso quello della Palermo in Rosa organizzato da Now Team ASD che ha visto la partecipazione di più di 600 iscritti che hanno percorso 5 km all’interno del Parco. Evento clou è stato quello del concerto dei Tre Terzi che spaziando dai Beatles a Pino Daniele hanno fatto cantare e ballare tutti i presenti. Possiamo dire che siamo felici di aver fatto conoscere e aver reso fruibile ai palermitani e non il Parco della Favorita, attraverso la corsa, la bicicletta, le passeggiate per i viali di Monte Pellegrino, attraverso la cultura e la musica, l’arte e lo sport. Di averli fatti cantare nella giornata conclusiva, con la passione e con la gioia della libertà che queste giornate hanno dato a tutti. Speriamo di poter ripetere negli anni a venire con una organizzazione sempre più attenta, e ringraziamo tutti i partecipanti per l’entusiasmo”. Nicola Fabio Corsini, Marco Lampasona, Nicola Tricomi Fondatori de "La Domenica Favorita".

 

L’Evento Inaugurale di stamani ha aperto ufficialmente la III edizione de “La Domenica Favorita”.

Migliaia le presenze registrate in questa giornata. Famiglie e sportivi hanno riempito le strade cittadine, vie di accesso all’area Villa Niscemi-Palazzina Cinese, sin dalle ore che hanno preceduto la funzione religiosa, che si è svolta all’interno della Cappella del Museo Pitrè, aperta in via eccezionale per l’occasione. Suggestiva e partecipatissima l’esecuzione dell’Inno Nazionale da parte della Banda Meccanizzata Brigata Aosta, così come quella della Fanfara dei Bersaglieri.

42 le attività tra quelle ludiche, culturali e sportive proposte, tra le altre i Figli d’Arte Cuticchio con una esibizione di pupi, la Mongolfiera di Aeropanorami trasformata in teatro mobile e in spazio gioco per i più piccoli, la Fondazione The Brass Group Brass Marching Band Orchestra Jazz Siciliana con la trascinante jazz street parade tra le vie alberate del parco. 

In centinaia in coda per visitare Villa Niscemi e la Palazzina Cinese accompagnati dalle guide specializzate presenti.  

DICHIARAZIONI:

"Splendida presentazione, un'anticipazione della Domenica Favorita in questo appuntamento inaugurale partecipatissimo. Migliaia di persone a conferma di questa dimensione circolare, orizzontale e partecipata della città che ha al centro un magnifico monumento che è il Parco della Favorita con il Monte Pellegrino che costituisce l’alto Teatro Massimo della nostra città. Siamo d’accordo con i promotori di questa iniziativa, che non mi stancherò di ringraziare, che ci vedremo il 19 maggio, la domenica successiva a quella in cui si conclude questa edizione, per mettere in sicurezza e dare continuità a questa esperienza perché Domenica in Favorita diventi più domeniche in Favorita” - Leoluca Orlando Sindaco di Palermo

"È una bellissima giornata che si inserisce in un ciclo di domeniche che contiamo di far diventare di più. Prevediamo infatti di far rivivere il Parco della Favorita e a maggio presenteremo un progetto che possa realizzare l'idea, questo è solo l’inizio. Questa esperienza che sta funzionando così bene ci sta conducendo naturalmente a questa conclusione” - Fabio Giambrone Assessore al Decoro Urbano 

“Si è conclusa la prima giornata di questa Domenica Favorita che ha visto la partecipazione di numerosissimi palermitani e di tanta gente proveniente dalle province, facendo registrare tantissimo entusiasmo. C’è stata la partecipazione di tanti ma soprattutto di tantissime associazioni che hanno centrato il loro obiettivo, quello di promuovere e coinvolgere i cittadini avvicinandoli alle attività culturali, sportive, allo spettacolo e, perché no, attorniati da una bellissima atmosfera musicale prodotta dalle più importanti e prestigiose istituzioni culturali cittadine. Crediamo che il bilancio sia più che positivo e questo ci spinge ad andare avanti e far si che anche le successive domeniche siano altrettanto fitte di appuntamenti da poter lasciare sempre più sbalorditi palermitani e non”. Comitato fondatori La Domenica Favorita Nicola Tricomi, Marco Lampasona, Nicola Fabio Corsini

I prossimi appuntamenti in programma: 7 e 14 aprile, 5 e 12 maggio, nei quali le attività si svolgeranno nell’intera area del Parco che verrà chiuso al traffico. 

 

 

 

 

Questa mattina il sindaco Leoluca Orlando,  insieme all’assessore alla Culture, Adham Darawsha, ha partecipato all’intitolazione dell’anfiteatro che si trova all’interno del giardino Rosa Balistreri, viale Campania, alle ventuno madri costituenti, alle quali va il riconoscimento di aver fissato nella Costituzione italiana i principi della non discriminazione delle donne davanti alla legge (art.3) e nelle attività lavorative (art.37), il loro diritto al voto (art 48), l’accesso alle cariche pubbliche e la parità di condizione fra donna e uomo (art. 51).  La cerimonia è stata organizzata da ANDE Palermo e Associazione Toponomastica Femminile.
Le 21 donne  sono: Maria Agamben Federici, Angelina Merlin, Leonilde Iotti, Teresa Noce, Ottavia Penna Buscemi, Angela Guidi Cingolani, Teresa Mattei, Adele Bei, Bianca Bianchi, Laura Bianchini, Elisabetta Conci, Filomena Delli Castelli, Maria De Unterrichter Jervolino, Nadia Gallico Spano, Angela Gotelli, Angiola Minella, Rita Montagnana, Maria Nicotra, Elettra Pollastrini, Maria Maddalena Rossi e Vittoria Titomanlio.

Presenti, oltre ad altri rappresentanti delle Istituzioni e del Dirigente del Settore Toponomastica del Comune, Michelangelo Salamone, anche gli alunni e le alunne dell’Istituto Magistrale Statale “Regina Margherita”  che hanno letto alcuni articoli della Carta Costituzionale ed il coro del Liceo Classico Statale “Giovanni Meli”, diretto dal Maestro Roberto Agrestini,  che hanno eseguito l’Inno nazionale.

Per il Sindaco Leoluca Orlando, “Continua il percorso della toponomastica come strumento di costruzione della memoria nella nostra città.

Dopo aver dedicato il roseto a Rosa Balistreri, oggi l’intitolazione dell’anfiteatro alle 21 donne della Costituente – ha detto il sindaco Orlando - conferma il nostro attaccamento all’Italia e alla Costituzione che ripudia la guerra e afferma la pace e che ci ricorda come persone e comunità devono essere mantenere uno straordinario equilibrio per il rispetto di tutti e di ciascuno, senza differenza di sesso, di razza, di lingua e di religione.

Una visione, nella quale la bandiera tricolore deve sempre di più rappresentare l'espressioen dei valori costituzionali, la vera alternativa all’egoismo individualista e alla logica soffocante dell’appartenenza di gruppo”.

“Oggi – ha sottolineato l’assessore Darawsha - ricordiamo doverosamente le 21 donne della Costituente, e il loro fondamentale ruolo in un periodo nel quale la presenza delle donne nella società, e ancor più nella politica, era certamente difficile.

E' anche grazie al loro impegno se oggi tutti possiamo godere di alcuni diritti fondamentali, primi fra tutti quelli ispirtati all'uguaglianza di tutti e tutte nel rapporto con lo Stato."

La giornata si è conclusa con un convegno presso l’Aula Chiazzese del Dipartimento di Giurisprudenza in Via Maqueda, dal titolo “ Le 21 Madri Costituenti della Repubblica Italiana: profili, contesto storico, eredità”, sempre organizzato da ANDE Palermo e Associazione Toponomastica Femminile.

Il duello alcomico va in scena per le scuole nella Sala ONU del Teatro Massimo da venerdì 15 marzo a martedì 26, con alcune recite aperte al pubblico di famiglie e turisti sabato 16, domenica 17, sabato 23 e domenica 24 marzo. Il duello alcomico è liberamente tratto dalla commedia per musica in un atto Il duello comico di Giovanni Paisiello, con musica originale e adattamenti musicali di Alberto Maniaci, che dirigerà l’Orchestra del Teatro Massimo, e soggetto, drammaturgia e testi di Alberto Cavallotti, che cura anche la regia dello spettacolo, mentre le scene sono di Roberto Lo Sciuto.

L’azione si svolge nel nuovo locale che Totò (Francesco Vultaggio), uno chef che ha fatto carriera a Parigi, ha aperto da poco a Palermo e che è la nuova attrazione della movida cittadina. È appunto da "Chez Totò" che Tancredi (Alfonso Ciulla), giovane rampollo della Palermo bene, accompagna Solange, detta Chérie (Emanuela Sgarlata e Federica Guida), una giovane stilista parigina trasferitasi in città e di cui è innamorato. Giunti al locale,vengono accolti da Totò che è un vecchio amico di Tancredi ma anche di Calogero (Roberto De Gennaro), altro spasimante di Chérie, che giunge anch'egli per bere qualcosa. Inizia quindi un intreccio di situazioni divertenti, di malintesi e di gags gestite da Totò, dai  suoi due camerieri Simone (Giuseppe Toia) e Rosalia (Chiara Fiorani) e da Cettina (Irene Savignano), fidanzata abbandonata da Calogero. Un gioco di coppie in cui Totò, un po’ istrione e un po’ deus ex machina, disfa e riannoda nuovi amori e vecchie amicizie.

Alberto Maniaci, palermitano, allievo di Piero Bellugi e di Ennio Nicotra per la direzione d’orchestra e di Marco Betta per la composizione, nel 2016 è stato l’unico direttore allievo italiano di Riccardo Muti per la seconda edizione della “Riccardo Muti Music Academy”. Nel 2018 per il Teatro Massimo ha diretto Don Pasquale e L’elisir di Danisinni, da lui adattato da L’elisir d’amore di Donizetti. Nella stagione 2019 del Teatro Massimo di Palermo dirigerà La traviata.

Alberto Cavallotti consegue il diploma in Regia teatrale alla Scuola del Piccolo Teatro di Milano diretta da Giorgio Strehler e vince poi la borsa di studio per la specializzazione in regia lirica al Teatro alla Scala, dove rimane come aiuto regista fino al 1985. Dal 1987 ad oggi è Regista collaboratore del Teatro Massimo di Palermo, dove cura le regie di diversi spettacoli, tra i quali Oh! che armonico fracasso e Minuscolo. Joan Miró.

Recite sabato 16 marzo alle ore 11.30 e alle 16.00, domenica 17 marzo alle ore 11.00, sabato 23 marzo alle ore 16.00 e domenica 24 marzo alle ore 11.00.

Progetto realizzato in collaborazione con il Conservatorio “A. Scarlatti” di Palermo.

Biglietti 10 euro, ridotto 4 euro. La biglietteria è aperta dal martedì alla domenica dalle ore 9.30 alle ore 18.00 e nei giorni di spettacolo a partire da un’ora prima e fino a mezz’ora dopo l’inizio.

A partire da ieri e sino al 16 marzo la Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della funzione Pubblica organizza a livello nazionale la “Settimana dell’Amministrazione aperta” con l’obiettivo di promuovere la cultura e la pratica della trasparenza, della partecipazione e della accountability nelle amministrazioni pubbliche e nella società e accrescere la fiducia dei cittadini nelle istituzioni.

Il Sistema Bibliotecario Cittadino di Palermo ha aderito alla Settimana con un’iniziativa che si svolgerà mercoledì 13 marzo alle ore 9,30 presso la Biblioteca Comunale, dal titolo “Biblioteche e bene comune digitale”, per illustrare i progetti di digitalizzazione (Teca digitale), i servizi on line all’utenza (app libr@rsi) e la diffusione on line del patrimonio (pubblicazione delle immagini del fondo Di Benedetto sul social network Flickr).

A fine mattina, due passeggiate culturali, offerte dalle Associazioni di guide turistiche abilitate AGT e GTA di Palermo, seguiranno - tra strade e monumenti cittadini - un percorso ideale fra le immagini storiche di Palermo tratte dal fondo Enrico Di Benedetto in possesso della Biblioteca comunale.

Programma:

Ore 9.30 Biblioteca comunale in Casa Professa – Incontro sul tema “Biblioteche e bene comune digitale “

Interventi di:

Eliana Calandra, Dirigente del Sistema Bibliotecario, Spazi Etnoantropologici e Archivio Cittadino

Gabriele Marchese, Dirigente del Servizio Innovazione e Responsabile della transizione al digitale del Comune di Palermo

Salvatore Morreale, Dirigente Sispi (Sistemi Informativi del Comune di Palermo)

Ciro Spataro, Servizio Innovazione del Comune di Palermo

Giuseppe Macaluso, Sispi – Referente applicativo del Sistema bibliotecario cittadino e di Polo

Giuseppe Meli, Webmaster del Comune di Palermo

Marina Coniglio, Guida Turistica

Marina Di Gristina, Guida Turistica

 

Ore 11.30 Passeggiate Culturali a cura delle Associazioni di Guide Turistiche AGT e GTA di Palermo

Primo Itinerario:

Ore 11:30 - Partendo dalla Biblioteca Comunale si attraverserà il quartiere ebraico, percorrendo la via Calderai, l'antica rua Firraria, fino a via Lattarini, si proseguirà per via Lungarini, quartiere della Kalsa, fino a piazza Marina, corso Vittorio Emanuele, piazza Santo Spirito, Porta Felice e Foro Italico, rivolgendo lo sguardo al fronte mare che della collezione è grande protagonista.

 

Secondo Itinerario:

Ore 11.30 Partendo dalla Biblioteca Comunale si attraverseranno via Ponticello, Piazza Pretoria, Discesa dei Giudici, Lattarini, via Roma, Teatro Biondo, San Domenico, Vucciria, Piazza del Garraffo, Piazza del Garraffello, Piazza Marina.

La durata delle passeggiate è di 1 ora e 30 minuti e sono adatte ai diversamente abili.

Lunghezza dei percorsi circa 2 km.

 

Il Fondo Di Benedetto

Enrico di Benedetto fu un collezionista vissuto tra l'Ottocento e il Novecento.

Collezionava immagini – in prevalenza cartoline e fotografie, ma anche cartine geografiche, piante di città, ritagli di giornale.

Con gesto generoso, volle donare l’intera sua collezione – oltre 20.000 illustrazioni, raccolte in 62 volumi – alla Biblioteca comunale. Molti album sono dedicati alla Città, dentro e fuori le mura. Di Benedetto era mosso per l’appunto dall’intento di divulgare per immagini la storia della Sicilia, e di Palermo in particolare.

Immagini che sono l’ideale complemento di quel “monumento di carta” costituito dai volumi della Biblioteca, perché raccontano questa storia con immediatezza e leggerezza, grazie all’impatto visivo, ma anche con profondità, mostrando una Città dai mille volti e dalle mille contraddizioni: dai vicoli popolari, brulicanti di anziani e bambini malvestiti, alle immagini sfavillanti della Palermo dei Florio e di Villa Igiea, frequentata da sovrani e dall’alta società; dalle lavandaie alla sorgente dei Danisinni alle magnifiche “sfilate dei fiori”; dalle immagini dei pescatori di tonno a quelle degli eleganti padiglioni dell’Esposizione Nazionale del 1891-92; e poi ancora le bellezze naturali, come il porto e Monte Pellegrino.

Si possono sfogliare on line diversi album tematici, che seguono la suddivisione originaria: dalla Cala (il porto di Palermo) ai Teatri cittadini, dalle Ville e dimore storiche alle Piazze etc.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI