Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 20 Giugno 2019

Proseguono gli eventi del Circuito del Mito, "Sulle orme del Sacro", la manifestazione organizzata dall'assessorato regionale al Turismo, Sport e Spettacolo con la direzione artistica di Giancarlo Zanetti.

DomaniAggiungi un nuovo appuntamento per domani, 28 gennaio, a Racalmuto (Ag) va in scena "La Favola del poeta" con la giovane attrice romana Noemi Smorra - gia' interprete del personaggio di Lucia Mondella ne I Promessi Sposi Opera moderna di Michele Guardi' - al secondo di una serie di appuntamenti che iniziano stasera a Palagonia (Ct). Gli altri spettacoli sono previsti il 29 a Canicatti' (Ag) e il 30 a Pace del Mela (Me). Diplomata all'Accademia di arte drammatica Silvio D'Amico, Noemi Smorra grazie alla sua versatilita', e' stata protagonista di numerosi progetti di musica e teatro. Nel 2008 ha interpretato Pia de' Tolomei nel musical La Divina Commedia.

Attualmente, fa parte del cast Domenica in - 7 giorni condotto da Pippo Baudo.

"La Favola del poeta", scritto da Ilenia Costanza e' uno spettacolo di prosa e musica, con movimenti coreografici e canzoni dal vivo, tratto dalle opere "I Giganti della Montagna", "La Favola del Figlio Cambiato", "Cia'ula scopre la Luna" di Luigi Pirandello. L'attrice protagonista Noemi Smorra, e' affiancata da un cast di tutto rispetto: Toto' Costanza, Ilaria Bordenca, Giovanni Sgarito, Lia Rocco, Alessia Licata, Ilenia Costanza, Graziano Mossuto. L'Opera racconta l'immortalita' della poesia rispetto alla caducita' del poeta: egli muore, ma la sua arte rimane eterna. Gli attori cercano un luogo, uno spazio magico dove rappresentare la loro opera e, nella ricerca di esso, si imbatteranno in strani personaggi che sveleranno loro i segreti dell'arte e addolciranno il loro cuore, ormai abbrutito dai compromessi, conquistando la Luna, esattamente come Cia'ula la conquisto', scoprendola.

Musiche composte ed eseguite dal vivo da Graziano Mossuto, aiuto regia di Shamanta Pirrera, scene e costumi di Ilenia Costanza, responsabile del Progetto Salvo Bona.

Produzione Real Management per "Il Circuito del Mito".

Location: Racalmuto (Ag), Teatro Comunale Regina Margherita, ore 21.

Sono solamente 40 gli enti locali siciliani, sui 117 obbligati per legge, ad avere istituito l'ufficio stampa. Il dato e' stato comunicato stamattina dall'assessore regionale per le Autonomie locali e la Funzione pubblica, Caterina Chinnici, in occasione del suo intervento al Festival della Comunicazione, organizzato dal Comune di Bagheria e in corso fino a venerdi' prossimo. Il risultato, ancora provvisorio (hanno risposto solo 68 amministrazioni sulle 117 obbligate), viene dall'esito del monitoraggio, avviato dal dipartimento regionale delle Autonomie locali sull'istituzione degli uffici stampa in Sicilia, a distanza di quasi 6 anni dalla legge che ne imponeva la creazione per le Province e i Comuni superiori a diecimila abitanti.

"Sono convinta - ha detto l'assessore Chinnici - che dare visibilita' all'attivita' della pubblica amministrazione serva a garantire correttezza e trasparenza, trasformando i "palazzi" in case di vetro, nelle quali al centro ci siano gli interessi dei cittadini. Siamo consapevoli che, in questo momento, la normativa sugli uffici stampa negli enti locali non e' applicata in maniera uniforme, anche a seguito di una sentenza della Corte costituzionale che nel 2007 ha dichiarato l'illegittimita' di alcune norme, complicando la regolamentazione contrattuale dei profili professionali e il conseguente trattamento giuridico-economico. Proprio per questo abbiamo avviato il monitoraggio e, nel contempo, stiamo facendo un approfondimento normativo di tutta legislazione in materia".

Per quanto riguarda la comunicazione, l'assessore Chinnici ha annunciato anche l'esito definitivo di un altro monitoraggio avviato, in precedenza, sull'istituzione degli Urp. Su 390, sono 23 i Comuni siciliani che non hanno ancora istituito e attivato, a distanza di 17 anni dalla legge che ne prevedeva la creazione, l'Ufficio per le relazioni con il pubblico. Per gli enti inadempienti, sono gia' stati nominati i commissari ad acta che a breve si insedieranno.

Nel suo intervento, l'assessore Chinnici ha ricordato anche la figura di Mario Francese, il cronista del Giornale di Sicilia, ucciso dalla mafia il 26 gennaio del 1979, per le sue inchieste su Cosa Nostra. "Francese - ha detto l'assessore - non si limitava a raccontare i fatti, ma cercava di andare veramente a fondo, con coraggio, forza e determinazione ed e' per questo che ha pagato, con la propria vita, il suo impegno per la giustizia e la verita'".

Il coordinatore regionale di Confcommercio, Marino Julo Cosentino, ha chiesto all’assessore regionale alle Attività Produttive, Marco Venturi, una proroga dello status di città d’arte per i Comuni. “Com’è noto il 31 gennaio prossimo -  spiega Cosentino -  scadrà la proroga dei Comuni ad economia prevalentemente turistica e città d’arte, concessa con l’ultimo decreto assessoriale. Poiché ad oggi non è ancora iniziato il dibattito parlamentare sulla Riforma degli orari degli esercizi commerciali, in attesa dell’approvazione della legge, riteniamo necessario che l’assessore con apposito decreto,  conceda un’ulteriore proroga dello status di città d’arte”. Sindaci e commercianti attendono dunque una risposta dall'assessore, che dovrà pronunciarsi al più presto, considerato il poco tempo rimasto fino alla scadenza del termine.

L'assessore regionale all'Istruzione e alla Formazione professionale, Mario Centorrino, ha firmato un bando per la formazione di una lista di esperti che saranno coinvolti nella selezione di progetti finanziati con risorse a valere su fondi PO FSE. Il bando, proposto dall'Autorita' di gestione del PO FSE e concordato con il Dipartimento della Famiglia e delle politiche sociali e con l'Agenzia per l'impiego, l'orientamento, i servizi e le attivita' formative, risponde alla prescrizione del capitolo 5 del PO FSE, in base alla quale la Regione siciliana intende ricorrere a procedure aperte (avvisi e bandi pubblici) per la selezione dei progetti da attuare a valere sul Fondo o su altri fondi comunitari, nazionali e/o regionali.

Il requisito necessario per accedere alla lista, riservato agli esterni, e' la laurea vecchio ordinamento o laurea specialistica.

Tuttavia, la scheda di autovalutazione prevista dal bando, che sara' predisposta dal candidato e successivamente sottoposta a verifica da parte di una commissione interna, prevede la valorizzazione di coloro che possiedono titoli accademici post laurea (dottorato, scuole di specializzazioni post laurea e master di secondo livello). Saranno valorizzati i possessori di pubblicazioni, titoli professionali; acquisita esperienza di valutazione, selezione, coordinamento e gestione di programmi complessi, finanzianti con fondi aggiuntivi comunitari e nazionali, che comprovi la conoscenza acquisita in tali ambiti.

Infine, saranno valorizzate le esperienze maturate su attivita' di valutazione svolta a favore di enti pubblici.

"Per la prima volta la pubblica amministrazione riconosce valore al punteggio del voto di laurea - ha detto Centorrino- e al titolo di dottorato di ricerca, provando cosi' a premiare il merito".

Saranno ammessi alla lista, dopo la verifica di un'apposita commissione, coloro che avranno acquisito un punteggio minimo.

Il bando sara' pubblicato sulla GURS mercoledi' 28 gennaio, e sul sito istituzionale www.sicilia.fse.it.

Il Maas, Mercati agro alimentari Sicilia e' gia' realta'. Questa mattina, la piattaforma di contrada Jungetto, a Catania, e' stata presentata alle delegazioni straniere partecipanti al Forum per la pesca del Mediterraneo.

"Questa imponente struttura - ha detto il presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, presente questa mattina a Catania - da cattedrale nel deserto si trasformera' in vera e propria piattaforma logistica del Mediterraneo, consentendo a un vasto comprensorio di esprimere la propria vocazione commerciale supportando l'export di prodotti tipici siciliani. In questa fase di start up non lasceremo soli gli operatori, fin quando il Maas non entrera' a regime. Il nuovo centro per gli scambi commerciali consentira' di valorizzare le nostre eccellenze: e' qui infatti che presto si potranno organizzare anche fiere internazionali.

Piuttosto che andare a Bologna o Berlino con la valigia in mano, i nostri operatori potranno finalmente trovare a Catania, in un luogo facilmente raggiungibile e logisticamente strategico, tutto cio' che offre il mercato, grazie anche al network che l'assessore Elio D'Antrassi sta costruendo intorno alle filiere".

Le delegazioni presenti hanno potuto toccare con mano le potenzialita' del Maas, attraverso una visita guidata. Hanno partecipato i diplomatici di numerosi Paesi che si affacciano sul Mediterraneo: Libia, Marocco, Algeria, Turchia, Egitto, Albania, Mauritania, Guinea Equatoriale e Costa D'Avorio. Il ruolo strategico del Maas e' stato anche sottolineato dal sindaco di Catania, Raffaele Stancanelli: "In un momento di crisi globale, il Maas rappresenta una spinta propulsiva per aprire il mercato estero alle produzioni isolane". 

Da luogo virtuale a splendida realta': al termine di un iter piuttosto lungo, questa mattina, il presidente del Maas, Mario Luciano Brancato, ha annunciato la data di apertura del grande polo di interscambio commerciale che ospitera' al suo interno il mercato ortofrutticolo, il mercato ittico e florovivaistico, le piattaforme di distribuzione e le celle frigo: "Alzeremo le saracinesche sabato 2 aprile 2011 - ha detto Brancato - su una superficie di 110 ettari, di cui 39 edificati, saranno ospitati 84 box dell'ortofrutta e 20 dell'ittico. Gli operatori, circa 150, rappresenteranno il tassello fondamentale di questa operazione, che consentira' al nostro territorio di sviluppare rapporti con l'estero e rilanciare l'economia ".

Per l'assessore regionale all'Agricoltura, Elio D'Antrassi "il Maas e' il coronamento di un progetto che consentira' di concentrare l'offerta delle filiere siciliane e quindi di rappresentarle nel migliore dei modi nel mercato interno ed estero, oltre a costituire un riferimento certo le produzione dell'area del Mediterraneo".

All'incontro hanno preso parte, fra gli altri, il direttore regionale dipartimento regionale di Bruxelles e degli affari extraregionali, Francesco Attaguille, il direttore generale del dipartimento delle Pesca, Salvatore Barbagallo, e anche Giovanni Tumbiolo, presidente del Distretto produttivo della pesca. Il Maas e' una societa' a partecipazione pubblica e privata, il cui socio di maggioranza e' la Regione siciliana. La societa', infine, fa parte di due organizzazioni nazionali: "Associazione mercati agro-alimentari all'ingrosso" e "Infomercati" a cui aderiscono tutte le societa' che usufruiscono delle agevolazioni della legge nazionale 41/86.

Scheda riepilogativa Maas Societa' a partecipazione pubblica e privata. Capitale sociale sottoscritto pari a 20.151.040,09 euro.

I Mercati agro-alimentari Sicilia si sviluppano su una superficie di 110 ettari.

Il mercato ortofrutticolo si sviluppa su un'area di 136.000 mq - 84 box modulari

Il mercato florovivaistico si sviluppa su un'area di 25.000 mq, dei quali 5200 mq per l'edificio mercato suddiviso in 3 zone: a) commercializzazione piante in vaso 1.600 mq; b)commercializzazione dei fiori, degli accessori e oggetti per fiorai, 1.300 mq, suddivisa in 6 box con la possibilita' di essere attrezzati con soppalchi; c) alcuni locali su due piani a servizio del mercato dei fiori.

Il mercato ittico si estende su un'area di circa 25.000 mq; i 20 box predisposti occupano una superficie di 5.270 mq. ed e' percorso da una galleria centrale di commercializzazione Celle frigo: area di 6000 mq, di cui 4200 mq da magazzini Piattaforme di distribuzione su una superficie di 20.000 mq Il Maas si raggiunge percorrendo l'asse dei Servizi, due km dopo il centro commerciale all'ingrosso.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI