Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 23 Giugno 2018

Cerrelli: "Antica Kr…

Giu 20, 2018 Hits:854 Crotone

Spettacoli di fine anno p…

Giu 20, 2018 Hits:152 Crotone

I nodi irrisolti dell'aer…

Giu 20, 2018 Hits:152 Crotone

I bikers di "onda d…

Giu 12, 2018 Hits:465 Crotone

Bibliocinescuola, una cer…

Giu 07, 2018 Hits:607 Crotone

Piovono premi per il lice…

Giu 04, 2018 Hits:576 Crotone

Domani la premiazione del…

Mag 30, 2018 Hits:769 Crotone

FOTO N. 10

 

Giornata conclusiva domenica 4 agosto 2013 per la quinta edizione della “rievocazione storica dello sbarco a Messina di don Giovanni d’Austria”, manifestazione promossa anche quest’anno dall’Associazione culturale “Aurora”, insieme alla “Marco Polo System” di Venezia, realizzata in collaborazione con i comuni di Messina, Lepanto e l'Unione Centrale dei Comuni della Grecia.

Alle 17.45, a piazza Duomo, spettacolo degli sbandieratori, formazione e partenza del corteo storico. Dietro la carrozza, a bordo della quale c’erano lo “Stratigò”, il “Vescovo Mons. Reitana”, “Francesco Maurolico” e il “Monaco Domenicano”, seguivano i “Senatori”, i medici della flotta “Giuseppe Fontana” e “Marcello Capra”, i nobili, i soldati e gli sbandieratori con trombe e tamburi e il Cavallo Bianco, dono del Senato a Don Giovanni. Il corteo ha seguito l’itinerario lungo la via Garibaldi (a Piazza “Unità d’Italia”, di fronte la Prefettura, si sono aggiunti i personaggi del “Clero Greco-Ortodosso”) fino al piazzale antistante il monumento alla “Batteria Masotto”, dove ha atteso l’arrivo di don Giovanni e della flotta.

Alle ore 18.15, dalla rada di Grotte, ha avuto inizio il Palio “Trofeo don Giovanni d'Austria - Città di Messina”, gara tra le contrade marinare di Pace, Paradiso e Ganzirri. Viva emozione nel vedere le tre imbarcazioni circondate dall’affetto delle proprie tifoserie, che le hanno seguite passo passo via mare. In coda alla flottiglia, il Caicco “Captan Ylmaz”, simboleggiante la Nave Reale, con a bordo Don Giovanni, la scorta, e “Maria Bailadora” (la ragazza che, secondo la tradizione, partecipò alla spedizione per seguire il suo amato), e due feluche messe a disposizione da Pippo Mancuso e Nino Arena. Alle 18.45, salutate da salve di cannone e dai giochi d’acqua del rimorchiatore “Città di Messina”, giunge la flotta nel porto di Messina (“Marina del Nettuno”) e sbarcano don Giovanni d'Austria e l'Armata. Il principe, scortato dai Capitani “Marcantonio Colonna”, “Sebastiano Venier”, “Giannandrea Doria” e Agostino Barbarigo, viene accolto dal Senato, che gli offre in dono un cavallo. Il corteo riprende, quindi, la sfilata in direzione della cittadella fieristica dove, dopo l’ingresso trionfale nell'arena, ha avuto luogo il momento scenico teatrale del “Saluto del Senato Messinese a don Giovanni d'Austria”.

Un plauso alle Associazioni che hanno fornito i figuranti in costumi d’epoca (“Compagnia d’Armi rinascimentale della Stella” di Messina, Gruppo siciliano rievocazioni storiche “La Corte di Aragona” di Catania, Gruppo Corteo Storico Comune di Nicosia), alla Corale S. Maria dei Miracoli (Sperone – Messina), che ha eseguito la colonna sonora “Sulle rotte di Lepanto”, il servizio d’ordine (Guardie Ambientali) e agli attori che hanno interpretato i vari personaggi storici: “don Giovanni d’Austria” (Mauro Failla), lo stratigò “conte di Landriano” (Pippo Luciano), l’Arcivescovo “Giovanni Reitana” (Pippo Castorina), “Francesco Maurolico” (Nunzio Barbera), il “Monaco Domenicano” (Mimmo Durante), i “Senatori” (Nino Corriera, Rosario Giacopello, Giuseppe Pizzuto, Tanino Frazzica, Lillo e Orazio Vinci), “Marcantonio Colonna” (Umberto Costa), “Sebastiano Venier” (Pippo Oliveri), “Giannandrea Doria” (Carmelo De Leo) e Agostino Barbarigo (Nino Prisa), la “scorta” (Giuseppe Caprì), e “Maria Bailadore” (Agnese Caruso). L’Associazione “Carrozze storiche” Molonia ha messo a disposizione una carrozza trainata da una pariglia di quattro cavalli neri che, nel corso della rievocazione, rappresentava quella senatoria.

FOTO N. 5

 

Magistrale la sceneggiatura che, anche quest’anno, è stata curata nei minimi dettagli dall’arch. Nino Principato. Momento finale, sul palco, con gli artefici e gli ospiti della quinta edizione mirabilmente presentati dalla valente giornalista Valeria Brancato: il dott. Fortunato Manti, Presidente dell’Associazione Culturale “Aurora”, il prof. Vincenzo Caruso, direttore artistico, la dott.ssa Stavrula Koniari (referente dell’Unione Centrale dei Comuni della Grecia), il dott. Daniele Sferra (Marco Polo System di Venezia), la dott.ssa Alba Spargarò (referente del Museo Marittimo di Barcelona in Spagna), la dott.ssa Magda Gassò (Capo diffusione e comunicazione del Museo di Storia della Catalogna in Spagna), il dott. Filippo Cucinotta (Assessore con delega alle “Risorse del Mare, Protezione Civile, Sicurezza sui Luoghi di Lavoro, Politiche Giovanili” del Comune di Messina) e il sig. Giuseppe Scarlata (Assessore con delega al “Turismo” del Comune di Nicosia). Di rilievo, inoltre, la presenza del C.V. Antonino Samiani, Comandante della Capitaneria di Porto AMS di Messina, del C.V. Santo Legrottaglie, Comandante del Distaccamento di Messina della Marina Militare, del dott. Antonino De Simone, Presidente dell’Autorità Portuale di Messina, dell’amm. Gianfrancesco Cremonini e di un nutrito pubblico di appassionati che ha seguito con entusiasmo l’intera manifestazione.

Al termine della serata, la premiazione degli equipaggi delle contrade di Paradiso, Pace e Ganzirri, organizzata e diretta dal dott. Carmelo Recupero, Presidente della Sezione di Messina della Lega Navale Italiana. All’equipaggio vincitore (Contrada di Paradiso) è stato consegnato lo stendardo del Palio con il compito di custodirlo fino alla prossima edizione.

FOTO N. 9

 

 

MareFestival Salina ricorda le vittime di Giampilieri: stasera alle 20 in piazza Santa Marina la proiezione di "Caldo grigio caldo nero", docu-fiction del regista e scenografo premio David di Donatello Marco Dentici, già presentata fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia e che ha riscosso notevole risonanza mediatica, data la denuncia sui fatti relativi alla tragica alluvione dell'ottobre 2009 e l'appello di noti personaggi messinesi come Maria Grazia Cucinotta, Nino Frassica e Ninni Bruschetta. La pellicola, prodotta da Diva ed Entr'Acte, alterna filmati e servizi televisivi di quei giorni con la commovente storia di persone coinvolte nell'evento che hanno perso parenti e amici, testimonianze, riflessioni e critiche nei confronti del governo locale, regionale e nazionale, dopo il blocco dei fondi per il dissesto idrogeologico, diffuso anche sul versante tirrenico con i disastri di San Fratello, Barcellona Pozzo di Gotto e Saponara.

Dentici riceverà il Premio MareFestival Salina 2013: una scultura realizzata dall'artista Sergio Santamarina che raffigura una donna in mezzo alle onde del mare. Insieme con lui sarà premiato il regista Nicola Palmeri, primo classificato nel concorso cinematografico nella sezione documentari con "Lo chiamavano Zecchinetta" sulla storia dell'attore Tano Cimarosa, raccontata attraverso le voci di Giuliano Gemma, Leo Gullotta e tanti nomi del cinema italiano; per la sezione corti, il premio va ad Alessandro Bardani (già nominato ai David) per "Ce l'hai un minuto?" prodotto da Marco e Matteo Morandini; miglior corto Scuola "L'unica soluzione" di Maurizio De Cola; proiezione speciale invece per "The Circle" di Fabio Schifilliti nell'ambito del laboratorio cinematografico del liceo Seguenza in collaborazione con DAMS, premiato con Marco Briguglio di Life Solution, comproduttore del thriller girato a Messina.
La serata sarò conclusa dallo spettacolo teatrale "Labbra serrate" scritto da Renato Giordano per la regia di Cesare Biondolillo: un thriller ironico in cui due killer, modello siciliano e americano (interpretati da Biondolillo e da Giuseppe Lombardo) sono pronti a contendersi una donna sensuale e provocante,  panni vestiti dall'attrice e deputato regionale Alice Anselmo. Nel pomeriggio spazio alla valorizzazione dei prodotti tipici con una gara di cucina eoliana al Club Rapanui, che vedrà protagonisti ospiti festivalieri, turisti e gente dell'isola: un modo per conoscere i trucchi delle ricette dell'arcipelago, grazie alla collaborazione dell'associazione agroalimentare Nonsolocibus.
In occasione del Festival è stato presentato il documentario "Il Carnevale Eoliano", prodotto da Alberto Bernava e diretto da Francesco Cannavà, le cui riprese partiranno a settembre: l'attrice colombiana Vanessa Zerda ha interpretato una maschera eoliana, che fa parte della tradizionale e antica manifestazione ancora poco conosciuta perché invernale, cui però specie i liparoti sono particolarmente legati. Nel Salone dei Convegni dove si sono svolte le proiezioni l'inaugurazione della mostra di pittura di Lucia Paguni dal titolo "Sentire il mare"; al Club Halgoduria la presentazione del giallo ambientato a Panarea "La Sindrome di Achille" di Francesco Scavino, che ha risposto alle domande della psico-criminologa Simonetta Longo e del consigliere del Comune di Messina Nino Interdonato.
MareFestival, kermesse di musica, cinema, moda e cultura giunto alla II edizione, è promosso dall'associazione Prima Sicilia, in particolare dal direttore artistico Massimiliano Cavaleri insieme con Francesco Cappello e Patrizia Casale, e patrocinato da Ministero dell'Ambiente, Assemblea Regionale Siciliana, Camera di Commercio di Messina e Comune di Santa Marina Salina. 

Grande successo di pubblico al  “Taormina Jazz Festival” che si è confermato un appuntamento da non perdere nel panorama degli spettacoli offerti dalla “Città del Centauro”. In tutto l’arco di questa raffinata carrellata di jazz , sono stati migliaia quanti non hanno voluto perdere nemmeno una nota degli artisti di fama internazionale che si sono esibiti. Sul palco del giardino pubblico cittadino sono saliti sul palco: venerdì 2 agosto Seamus Blake Quartet, quattro tra le più grandi personalità viventi del jazz in un collettivo di grande impatto emotivo e sonoro; sabato 3 agosto Bill Carrothers Trio, una band dotata di tocco sopraffino e propensione innata per un suono d’insieme, lirico e denso di swing; domenica 4 agosto Mario Raja Big Bang 25°" una formazione composta da 11 elementi, guidata da Mario Raja, che festeggia quest'anno il suo 25° anno di attività. Il Taormina Jazz Festival si conclude per quest’anno martedì 6 agosto con  Enrico Rava, uno dei jazzisti italiani più conosciuti ed apprezzati a livello internazionale. Da sempre impegnato nelle esperienze più diverse e più stimolanti, è uno dei più convincenti solisti del jazz europeo, al di fuori di ogni schema. Il suo Sicilia Project è una recente formazione che include Giuseppe Asero al sax contralto, Dino Rubino al piano, Nello Toscano al contrabbasso e Mimmo Cafiero alla batteria. Maggiori informazioni all'indirizzo www.taorminajazzfestival.it. Il Taormina Jazz Festival è un’iniziativa promossa dall’imprenditore Nino Scandurra, in collaborazione con: assessorato comunale al Turismo e al Verde Pubblico, Taormina Arte, Associazione Imprenditori, Associazione Albergatori e Centro Commerciale Naturale.  La manifestazione è inclusa nel calendario degli eventi promossi da Taormina Arte. L’ingresso ai concerti è gratuito, grazie al sostegno degli sponsor istituzionali Pinko, Piero Guidi, Roberto Del Carlo, Ottica Fiumara, Alberto Guardiani, Premier Tax Free e Heritage e grazie agli “amici del festival”: albergatori, ristoratori e commercianti che offrono ospitalità agli artisti. Durante i concerti è piacevolmente offerta una degustazione di vini etnei dall’azienda Cottanera ed è allestito uno stand di libri, DVD e CD jazz in collaborazione con la libreria Birdland di Milano.

 

 

 

 

FOTO N. 2

 

Proseguono gli eventi in scaletta per la quinta edizione della “rievocazione storica dello sbarco a Messina di don Giovanni d’Austria”, manifestazione promossa anche quest’anno dall’Associazione culturale “Aurora”, insieme alla “Marco Polo System” di Venezia, realizzata in collaborazione con i comuni di Messina, Lepanto e l'unione dei comuni della Grecia.

Il 2 agosto 2013, alle ore 18.30, nel Monastero Maria SS. della Valle a Badiazza, ha avuto luogo il convegno storico-interculturale sul tema “Tra Cristiani e Ottomani: interpretazioni di Lepanto”, organizzato in collaborazione con il dipartimento di “scienze cognitive, della formazione e degli studi culturali” dell'Università degli Studi di Messina e l'associazione “Il Centauro” ONLUS.

Alla presenza di un nutrito pubblico, hanno preso la parola il dott. Fortunato Manti, presidente dell’Associazione Culturale “Aurora”, per salutare e ringraziare tutti i partecipanti all’iniziativa, e il dott. Matteo Allone, presidente dell’Associazione “Il Centauro”, il quale ha presentato Mohamed Refhat, Imam della comunità islamica di Messina ed esecutore di un canto Coranico. A seguire, la dott.ssa Stavrula Koniari (referente dell’Unione Centrale dei Comuni della Grecia), la dott.ssa Alba Spargarò (referente del Museo Marittimo di Barcellona in Spagna) e l’arch. Lidia Signorino, in rappresentanza dell’arch. Salvatore Scuto (Sovrintendente BB.CC.AA. di Messina).

FOTO N. 7

 

Moderati dal dott. Enrico Casale, giornalista pubblicista, studioso di Storia Patria e Storia Militare, sono intervenuti il dott. Daniele Sferra (Marco Polo System – tema: “Venezia e Messina nelle storiche rotte di Lepanto”), la dott.ssa Elina Gugliuzzo (dottoressa di ricerca in storia dell'Europa mediterranea – tema: “Le interpretazioni di Lepanto nei Paesi del Mediterraneo”), l’avv. Carlo Marullo di Condojanni (presidente della fondazione “Donna Maria Marullo di Condojanni” - tema “La Sicilia tra Nobiltà e Cavalleria a difesa della Fede”), il prof. Giuseppe Restifo (docente di storia moderna all'Università di Messina – tema: “La propaganda dopo Lepanto”), e l’arch. Nino Principato (cultore di storia patria – tema: “Il ricordo di Lepanto a Messina”).

Gli interventi sono stati intervallati con momenti di animazione musicale altamente apprezzati dai presenti. Enzo Caruso, Matteo Brancato, Antonio Pizzi e Gabriele Furnari Falanga hanno presentato in anteprima alcuni brani dell’opera musicale “Il Soldato di Lepanto” (musiche di Caruso-Brancato e regia di Gianni Fortunato Pisani). Si sono esibiti, inoltre, Alessandro Ariosto alla chitarra classica, il “Jazz and Gospel Family” di Rosalba Lazzarotto, Sabrina e Simona Palazzolo alle arpe.

Sono stati presentati, infine, gli Atti del Convegno 2012 (“Messina sulle rotte dei mercanti e delle spedizioni militari al tempo di Lepanto”), editi dalla fondazione “Donna Maria Marullo di Condojanni”, nella sua collana “La presenza dei Cavalieri di S. Giovanni in Sicilia”. Relatori e contributi: dott. Enrico Casale (giornalista pubblicista, studioso di storia patria e storia militare – tema: “Messina, base di partenza per le spedizioni militari nel Mediterraneo del Cinquecento”), prof. Vincenzo Caruso (Scuola di Dottorato in “Turismo, Territorio e Ambiente” presso l’Università di Messina e Direttore della Collana “Lo Stretto di Messina nella Storia Militare” della EDAS – tema: “L’ingresso trionfale a Messina di Don Giovanni d’Austria e Marcantonio Colonna”), avv. Carlo Marullo di Condojanni (Presidente della Fondazione “Donna Maria Marullo di Condojanni” e ambasciatore del Sovrano Militare Ordine di Malta – tema: “Messina tra Nobiltà e Cavalleria a difesa della fede”), prof.ssa Daniela Pistorino (docente di Storia dell’Arte al Liceo Classico “Maurolico” – tema: “Le raffigurazioni della battaglia di Lepanto nell'arte italiana e siciliana”), architetto Nino Principato (cultore di Storia Patria – tema: “Miguel De Cervantes e il Grande Ospedale di Messina”).

FOTO N. 8

FOTO N. 3

 

Ha avuto inizio la quinta edizione della “rievocazione storica dello sbarco a Messina di don Giovanni d’Austria”, manifestazione promossa anche quest’anno dall’Associazione culturale “Aurora”, insieme alla “Marco Polo System” di Venezia, realizzata in collaborazione con i comuni di Messina, Lepanto e l'unione dei comuni della Grecia.

Primo degli eventi in calendario l’1 agosto 2013, a villa Cianciafara, con la presentazione della ristampa de “La Sicilia nella Battaglia di Lepanto”, volume di Giuseppe Arenaprimo, scritto nel 1892 e recentemente ristampato dalla EDAS a cura del prof. Vincenzo Caruso, in collaborazione con la Fondazione “Bonino-Pulejo” e l’associazione culturale “Tasca Filangeri di Cutò”. Alla presenza di Filippo Cucinotta, Assessore con delega alle “Risorse del Mare, Protezione Civile, Sicurezza sui Luoghi di Lavoro, Politiche Giovanili” del Comune di Messina, e di un nutrito pubblico, hanno preso la parola il dott. Fortunato Manti, presidente dell’Associazione Culturale “Aurora”, l’ing. Amedeo Mallandrino, presidente dell’Associazione culturale “Tasca Filangeri di Cutò”, e il dott. Angelo Caristi, presidente vicario dell’Associazione culturale “Tasca Filangeri di Cutò”. A seguire gli interventi del prof. Rosario Moscheo, del dott. Giovanni Molonia e del prof. Vincenzo Caruso. A fine serata un momento musicale con l'esibizione della corale Santa Maria dei Miracoli, diretta dal maestro Giacomo Arena.

Secondo appuntamento il 2 agosto 2013, alle ore 18.30, nel Monastero Maria SS. della Valle a Badiazza, dove si svolgerà il convegno storico-interculturale sul tema “Tra Cristiani e Ottomani: interpretazioni di Lepanto”, organizzato in collaborazione con il dipartimento di “scienze cognitive, della formazione e degli studi culturali” dell'Università degli Studi di Messina e l'associazione “Il Centauro” ONLUS. Durante l'incontro sono previsti gli interventi del dott. Daniele Sferra (Marco Polo System – tema: “Venezia e Messina nelle storiche rotte di Lepanto”), della dott.ssa Elina Gugliuzzo (ricercatrice in storia dell'Europa mediterranea – tema: “Le interpretazioni di Lepanto nei Paesi del Mediterraneo”), del giornalista Piero Orteca (consigliere culturale della Fondazione Bonino Pulejo - tema “Lepanto e l'espansione dell'Islam Ottomano”), dell’avv. Carlo Marullo di Condojanni (presidente della fondazione “Donna Maria Marullo di Condojanni” - tema “La Sicilia tra Nobiltà e Cavalleria a difesa della Fede”), del prof. Giuseppe Restifo (docente di storia moderna all'Università di Messina – tema: “La propaganda dopo Lepanto”), e dell’arch. Nino Principato (cultore di storia patria – tema: “Il ricordo di Lepanto a Messina”). I lavori saranno moderati dal dott. Enrico Casale, giornalista pubblicista, studioso di storia militare e storia Patria, e si concluderanno con momenti di animazione curati dal prof. Vincenzo Caruso, responsabile culturale dell’Associazione “Aurora”, e dall’Associazione “Il Centauro”. Saranno presentati, infine, gli Atti del Convegno 2012, editi dalla fondazione “Donna Maria Marullo di Condojanni”, nella sua collana “La presenza dei Cavalieri di S. Giovanni in Sicilia”.

Per ulteriori informazioni relative alle attività culturali poste in essere in questi anni dall’Associazione “Aurora” (“don Giovanni d’Austria a Messina per la battaglia di Lepanto”) è possibile consultare il sito internet www.sullerottedilepanto.it

FOTO N. 4

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI