Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 31 Marzo 2020

La biblioteca Pier Giorgi…

Mar 09, 2020 Hits:876 Crotone

Recital della violoncelli…

Feb 18, 2020 Hits:1348 Crotone

I gazebo della Lega sul l…

Feb 14, 2020 Hits:1560 Crotone

Al Lucifero celebrata la …

Feb 11, 2020 Hits:1166 Crotone

I premi di Affidato al 70…

Feb 10, 2020 Hits:1232 Crotone

Cerrelli: con la Lega Cro…

Feb 08, 2020 Hits:1258 Crotone

AI Tecnici dell’AKC Greco…

Gen 31, 2020 Hits:1507 Crotone

Barbuto e Corrado (M5S): …

Gen 21, 2020 Hits:1640 Crotone

La diocesi di Caltagirone da il via agli eventi natalizi 2019/2020 del Progetto diocesano MAB, che coinvolge il Museo, l’Archivio e la Biblioteca diocesani in un lavoro integrato a servizio della cultura. La cura del progetto è stata affidata a don Fabio Raimondi e a Francesco Failla.

All’interno del Museo sono allestite tre mostre per raccontare gli eventi straordinari che hanno caratterizzato la vita religiosa e la cultura della nostra terra di Sicilia. 

La prima mostra dal titolo Stupor firmamenti è dedicata al Presepe allestito attraverso un concept del tutto innovativo. Le statuette in terracotta del Bongiovanni Vaccaro, infatti, sono allestite all’interno della suggestiva cornice della Cappella neogotica. Un percorso in cui l'annuncio degli angeli ai pastori ci spinge a destarci per osservare il cielo. Sarà la luce delle stelle a condurci nella ricerca del Dio-Bambino attraverso un’esperienza visiva, in cui si alternano opportunità di ascolto, di silenzio e introspezione. All’inaugurazione sarà presente il Vescovo di Caltagirone Mons. Calogero Peri, l’Assessore alla Cultura Antonino Navanzino e Giacomo Vaccaro, uno degli eredi della famiglia degli artisti calatini autori di molte delle opere presenti nel nostro territorio. 

Dopo le esposizioni realizzate nelle diocesi di Agrigento e di Acireale, la mostra Dialogo. Le Porte del Mediterraneodell’artista Lucia Stefanetti approda a Caltagirone il 14 dicembre alle ore 19:00 presso la Quadreria del Museo diocesano. La mostra si colloca come esperienza di ecumenismo in cui le tre religioni monoteiste si pongono come opportunità di approfondimento e riflessione, proponendo una possibile alternativa di dialogo affidata alle donne. All’inaugurazione sarà presente l’artista, autrice dell’opera.

Chiude la carrellata delle esposizioni temporanee la mostra Oltre di Salvatore Piluso a cura di Federica Alba, che così afferma: "La fotografia di Salvatore Piluso, dal 21 Dicembre per la prima volta in una personale al Museo Diocesano di Caltagirone, dopo le capillari e recenti esperienze allestite nella sua giovanile Bologna, possiede il magnetismo della Geografia e la deflagrazione della Storia: attraverso il suo obiettivo ci restituisce la misura della Contemporaneità". 

Le mostre seguiranno gli orari adottati dal Museo:

Tutti i giorni dalle 10:00 alle 18:00

25 Dicembre e 1 Gennaio dalle 17:00 alle 20:00

Ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura.

«Se il legame tra architettura contemporanea e centri storici fosse stato considerato una stortura o una minaccia, come invece succede spesso ai giorni nostri, Catania non avrebbe mai avuto la bellezza del barocco. Per questo il nostro Ordine s’impegna a sensibilizzare la comunità e le istituzioni verso una nuova stagione di architettura moderna nella città etnea, chiaramente in armonia con il patrimonio esistente. Insistere in una rigida ottica di conservazione e vietare l’innesto del contemporaneo significa privare la Catania del futuro di quel valore storico e culturale che possiedono per noi oggi il barocco e gli altri stili che nei secoli hanno disegnato il volto alla città». L’Ordine degli Architetti PPC – attraverso le parole del suo presidente Alessandro Amaro – rilancia il proprio appello in occasione dell’incontro formativo sul tema che si è svolto ieri pomeriggio (3 dicembre) nella sede istituzionale.

Una questione annosa quella del connubio tra architettura contemporanea ed edilizia storica della città, eppure «quanto mai attuale perché noi professionisti, chiamati a progettare il nuovo, dobbiamo confrontarci costantemente con il tessuto esistente, in centro e nelle altre porzioni urbane» ha aggiunto Veronica Leone, presidente della Fondazione dell’Ordine.

Come promuovere quindi la relazione tra le nuove espressioni architettoniche e quelle del passato? «Attraverso la formazione professionale, e quindi eventi come quello odierno, i nostri iscritti studiano il giusto approccio tecnico per coniugare le due esigenze architettoniche – ha continuato il presidente Alessandro Amaro – Ecco perché riteniamo logico che l’analisi dei progetti, nelle sedi dove questi devono essere verificati e autorizzati, sia condotta da architetti e non da altre professionalità, anche in casi di ruoli di dirigenza. Allo stesso modo in cui il medico è la figura preposta a curarsi della nostra salute, così l’architetto è l’unica figura competente a valutare progetti che possono recuperare, tutelare e valorizzare la città, la sua parte storica e i suoi quartieri».

Dalle relazioni tenutesi durante l’incontro – a cura dei docenti universitari Matteo Ieva (Politecnico di Bari), Antonello Russo e Giuseppe Arcidiacono (Università di Reggio Calabria) – è emerso quanto sia necessario arginare la perdita degli elementi d’identità del centro storico, affinché esso torni a essere una componente fondamentale per il recupero della coscienza sociale e della qualità urbana. Un processo di riqualificazione urbana possibile attraverso contaminazioni innovative, come illustrato nei casi studio presentati. Tra essi anche quello per la Piazza Santo Spirito a Catania, esempio di convivenza “irrisolta” tra patrimonio antico e contesto moderno. «Occorre concepire l’antico non come un lascito ma come un elemento che di fatto è presente nella città contemporanea – ha concluso il prof. Arcidiacono – D’altronde noi guardiamo al passato con gli occhi del presente, è il nuovo che dà un senso all’antico. I centri storici possono custodire il loro valore e la loro bellezza solo se hanno un futuro davanti».

Sabato prossimo, giorno 7 dicembre, dalle 9,30 alle 21, il Parco Commerciale Le Zagare (Via Alessandro Manzoni, San Giovanni La Punta, CT) ospiterà una raccolta alimentare destinata alle due mense della Caritas Diocesana di Catania: “Help Center” della Stazione Centrale e “Beato Dusmet” di Librino. Per l’intera giornata di sabato, sarà possibile donare dei prodotti alimentari direttamente alle postazioni dell’organismo pastorale che verranno allestite nei punti di ingresso dell’Ipermercato. I volontari consegneranno ai cittadini interessati una busta col logo Caritas per la raccolta di pasta, riso, sughi, pelati, scatolame (tonno e carne), legumi, olio extra-vergine, latte e alimenti per l’infanzia.

Le due mense costituiscono dei riferimenti fondamentali per gli ultimi della Città. La mensa dell'Help Center, dove ogni giorno vengono preparati circa 500 pasti, è aperta tutti i giorni della settimana: da lunedì a sabato colazione alle ore 9:30 e cena alle ore 18:30, domenica e i festivi il pranzo è alle 13:00. La mensa “Beato Dusmet” si trova a Librino, nei locali della Parrocchia “Resurrezione del Signore” (Viale Castagnola 4), ed è aperta per quattro giorni alla settimana: lunedì, mercoledì, venerdì e sabato, ore 12:30.

Nel corso del 2018, secondo i dati registrati dall'Osservatorio delle Povertà e delle Risorse dell'organismo diocesano, le due mense della Caritas Diocesana di Catania hanno preparato e servito oltre 200 mila pasti. Una media di circa 500 pasti quotidiani all'Help Center, considerando anche la quota riservata all'Unità di Strada, e circa 200 per ogni pranzo preparato nei quattro giorni a settimana alla “Beato Dusmet”. Un servizio che non si ferma nel corso dell'anno nemmeno per le feste e che è consentito dalle generose donazioni di privati cittadini e di aziende e dagli oltre 600 volontari.

 

Medici e specialisti otorinolaringoiatri si sono dati appuntamento ieri (30 novembre 2019) al 4spa Resort Hotel di Aci Castello per Oto meeting 2019, il seminario formativo che quest'anno ha avuto al centro dell'approfondimento la Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno (Osas). L'evento è stato organizzato dalla Casa di Cura GibiinoMedeste health and beauty con il patrocinio dell'Assessorato alla Salute della Regione Siciliana, del Comune di Catania, dell'Università degli studi di Catania, dell'Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Catania, dell'Istituto Auxologico Italiano e Artemisia, Accademia del sapere medico.

«I più recenti dati epidemiologici riferiti alla popolazione adulta – ha spiegato il dott. Carmelo Federico responsabile scientifico del corso - indicano una prevalenza del 49,7% nei maschi e del 23,4% nelle femmine. La mancata diagnosi è stimata per circa l'80% dei pazienti affetti che dunque non hanno ricevuto indicazione e quindi non hanno intrapreso un corretto percorso di cura». I lavori si sono articolati in due sessioni moderate dal giornalista Nuccio Sciacca, dal prof. Antonio Licata e dal prof Giuseppe Condorelli, mentre al tavolo dei relatori si sono alternati: il prof. Carmelo Zappone, il dott. Antonio Naso, il dott. Carmelo Federico, il dott. Alessio Fallica, la dott.ssa Antonella Ballacchino, il dott. Agatino Galletta, la dott.ssa Susanna Pluchino, il dott. Giovanni Albani, il dott. Francesco Nicosia, la dott.ssa Chiara Spatola e il dott. Antonio Rizzo.

«L’Osas, che vede l’obesità come suo maggiore fattore di rischio, è associata alle più frequenti cause di morte del mondo occidentale – ha commentato il dott. Francesco Nicosia dell'Istituto Auxologico Italiano – e quindi alle patologie come l'ipertensione arteriosa sistemica, malattia coronarica, lo scompenso cardiaco, la fibrillazione atriale, l'infarto, il diabete mellito, ed è per questo che le visite specialistiche rimangono lo strumento più importante per la diagnosi e la prevenzione». Ed è su quest'ultimo aspetto che, in conclusione della giornata di studio, sono emerse le esigenze strategiche di una stretta collaborazione tra sanità pubblica e privata finalizzata a dare risposte immediate e concrete alle esigenze di cura delle persone:«In un momento in cui i finanziamenti alla sanità pubblica non aumentano significativamente e il bisogno di cure aumenta sempre di più anche a causa delle liste d'attesa – ha commentato il prof. Carmelo Zappone - l'esistenza di strutture sanitarie private altamente specializzate può rappresentare una valida alternativa per andare incontro a questa esigenza.La prossima finanziaria infatti prevede un 2% in più della spesa per l'acquisto di prestazioni da privati». «Pubblico e privato devono fare sistema per assolvere alla funzione di cura e prevenzione – ha commentato la dottoressa Paola Pesce, direttore sanitario della Casa di Cura Gibiino, che insieme all'amministratore delegato Dario Pagano, in occasione del seminario, hanno annunciato l'apertura della nuova Unità funzionale di Otorinolaringoiatria – e in quest'ottica la nostra struttura si è dotata di un'unità operativa dedicata alle attività di “piccola chirurgia”, erogate prevalentemente in regime ambulatoriale e di day surgery». «Ma l'arma fondamentale a nostra disposizione rimane la diagnosi – ha commentato ancora il dott. Carmelo Federico che dirige la nuova unità operativa - e crediamo che la cultura della prevenzione vada sostenuta e incentivata, per questo abbiamo programmato degli Open day dedicati con la possibilità di effettuare degli screening gratuiti che si terranno il 7 e il 21 dicembre 2019, l'11 gennaio e il 15 febbraio 2020».

"Un appuntamento con le festività natalizie a cui arriviamo puntuali, forse anche in anticipo rispetto al passato, frutto di una programmazione mirata che coinvolge sponsor privati e associazioni per rendere ancora più attrattivo il nostro centro storico con costi limitati per il Comune e importanti ritorni per i commercianti". Lo ha detto il sindaco Salvo Pogliese annunciando l'accensione del grande albero di Natale in piazza Università e delle luminarie in via Etnea, viale XX Settembre, Corso Italia, via Umberto, ma anche in via Gabriele D' Annunzio e viale Vittorio Veneto, queste ultime due strade per la prima volta con le luci di Natale installate dall'Amministrazione Comunale.

Oltre ai tradizionali mercatini natalizi di via Minoriti e via Montesano,  quest'anno si registra l'iniziativa del "Villaggio di Natale" in piazza Università, un'organizzazione di stand uniformi di casette in legno con ben 87 artigiani espositori di prodotti e animazioni varie, che rimarrà aperto fino al 26 dicembre: "Inauguriamo una nuova tradizione che siamo sicuri avrà successo -ha spiegato Pogliese- che è quella dei mercatini natalizi nelle principali piazze del centro cittadini, come avviene in tutta Europa e che già nelle prime ore di apertura registra un grande successo di pubblico. Ringrazio l'assessorato alle attività produttive retto da Ludovico Balsamo perché si è riusciti a svolgere le procedure di assegnazione degli spazi di suolo pubblico nei tempi giusti e nella massima trasparenza. Stiamo lavorando anche per installare la pista di pattinaggio alla villa Bellini e promuovere l'artigianato anche nel nostro grande giardino pubblico".

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI