Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 19 Settembre 2019

Si parte GIOVEDì 20 settembre con la presentazione alle 18:00 del Bando Regionale Principi Attivi che premia “giovani idee per una Puglia migliore” alla presenza di rappresentanti della regione Puglia, del Consigliere alle politiche giovanili Francesco Falco e di testimonianze di vincitori dello scorso bando come l’associazione SEYF. Alle 20:00 in Piazza dei Fiori lo Spettacolo Comico del Clown LACOSTE e alle 21:00 l’incontro con NANDO POPU, voce dei Sud Sound System che presenta il suo primo libro “Salento Fuoco e Fumo”. Chiude la serata il Dj set di STREAKER di BALLAROCK.

VENERDì 21 nel pomeriggio lo spettacolo di MARIONETTE e laboratori creativi per bambini e in serata sarà la volta del reggae e della sua storia. Alle ore 21:00 si proietta ROCKMAN il film, un documentario sulle origini di questo movimento che ha cambiato il mondo musicale salentino e pugliese. Modera l’incontro Federico Capone e intervengono Treble Lu Professore e GGD, due colonne della storia reggae salentina e italiana. A seguire gli stessi TREBLE e GGD in consolle.

SABATO 22 è la giornata dell’Arte e di tutte le sue sfumature: Pittura, Artigianato, Fotografia, Musica e tanto altro. Si parte nel pomeriggio con i Laboratori di Fumetto e la mostra. Si continua in serata con la Fiera dell’Artigianato e dell’arte di Strada. Spettacoli di pittura e arte live accompagneranno un eccezionale Live: gli INSINTESI DUB e DEMA batterista degli SteelA.

DOMENICA 23 CulturArte durerà tutto il giorno. In mattinata e nel pomeriggio tantissimi writers coloreranno il Campo Sportivo Comunale, accompagnati da Street Art, Break Dance, musica, MUAY THAI, tornei.

In serata in piazza Vittoria ancora Arte e Mostre, lo spettacolo LIVE PAINTING della PUPAZZA, laboratori di tamburello, esibizione di Zumba e il concerto di pizzica dei giovanissimi TA KORASSIA

“L’arte non insegna nulla, tranne il senso della vita”. Prendendo spunto da questa famosa frase, la Consulta Giovanile di Caprarica di Lecce si è messa al lavoro per organizzare “CulturArte”, una rassegna d’arte e cultura ricca di eventi e manifestazioni che si terrà da metà settembre in questa vivace cittadina.“CulturArte” sarà una manifestazione destinata ai giovani e ai ragazzi, una manifestazione che tramite laboratori, incontri, workshop, contest, dj set, proiezioni, spazi di creatività giovanile e momenti di aggregazione lancerà un messaggio ben preciso: scoprite l’arte e la cultura!

Scoprirla attraverso i suoi tanti canali come la musica, la pittura, la letteratura, la street art e scoprirla coinvolgendo le scuole, i giovani e i meno giovani che per l’occasione verranno a contatto con mondi molte volte sconosciuti, magari scoprendo nuovi hobby, nuove passione e nuovi interessi che un giorno svilupperanno al servizio della comunità.

Tutto questo nella speranza che queste giornate invitino sempre più giovani ad occuparsi di arte e di cultura, che sono cose che non insegnano nulla “… tranne il senso della vita”.

Sui luoghi della storia , della geologia , della nostra storia . E’ ancora possibile incontrare i dinosauri nelle loro dimensioni reali ?  E’ ancora possibile vedere le loro orme ? C’è un posto ,in Italia , nel cuore del Parco Nazionale del Gargano dove è stato ricostruito l’habitat naturale così come era ben 120 milioni di anni fa . Questo posto è un borgo , quello di Celano frazione di San Marco in Lamis in provincia di Foggia . Lì  tra piante locali e specchi d’acqua, fra tracce e impronte, ci si può imbattere in creature (in dimensioni reali) vissute proprio su questo territorio 120 milioni di anni fa. Questo parco paleontologico di grande interesse , dove sono state ritrovate orme di dinosauri , sarà palcoscenico della Settimana del Pianeta Terra dal 14 al 21 Ottobre ideata ed organizzata dalla Federazione Italiana Scienze della Terra con ben 129 eventi in tutta Italia . “ Abbiamo scelto i borghi ed i parchi naturali – ha affermato Rodolfo Coccioni , Vice Presidente della Federazione Italiana Scienze della Terra e coordinatore nazionale dell’evento – perché rappresentano un grande patrimonio storico e geologico . L’Italia è al primo posto in Europa per numero di geoparchi ed è al secondo nel Mondo solo dietro alla Cina . Inoltre proprio nel nostro Paese ci sono molti borghi che rientrano nel patrimonio Unisco ”. A Borgo Celano, frazione di San Marco in Lamis, c’è un luogo dove immergersi nel passato attraverso strutture e tecnologie attuali del Parco Nazionale del Gargano; un percorso interattivo interno al museo, per tuffarsi in un tempo e in uno spazio lontani milioni  di anni .
Alla luce degli eccezionali ritrovamenti di orme di dinosauri rinvenute nel territorio di San Marco in Lamis, il museo propone pannelli illustrativi, filmati, diorami e ricostruzioni di luoghi basati su studi scientifici, al fine di preparare il visitatore al percorso esterno.
Intanto sarà Torino ad ospitare il congresso nazionale della Società  Italiana di Geologia Ambientale dedicato alla Geologia Urbana , nell’ambito degli eventi della Settimana del Pianeta Terra organizzata su tutto il territorio nazionale dalla Federazione Italiana di Scienze della Terra ed in programma dal 14 al 21 Ottobre . La conferenza  che si svolgerà nel capoluogo piemontese è organizzata dalla SIGEA , dal  Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università degli Studi di Torino e dall'Ordine Regionale dei Geologi del Piemonte .“ A Torino arriveranno geologi, ingegneri, architetti , agronomi, forestali  - ha affermato Rodolfo Coccioni, Vice Presidente della Federazione Italiana di Scienze della Terra e coordinatore dell’evento nazionale - interessati alla problematica del rapporto tra Torino e l’ambiente geologico (suolo, sottosuolo, risorse minerarie, acque superficiali, acque sotterranee) per fornire un quadro aggiornato sulla gestione del territorio torinese. A tal fine, si vogliono coinvolgere i “decisori” (politici e amministratori pubblici), il personale tecnico delle istituzioni pubbliche competenti nonché le imprese di settore. Dopo un inquadramento geologico generale, il convegno si concentrerà sulle risorse e sui pericoli geologici relativi al territorio torinese, sulla pianificazione territoriale, sulle principali opere ingegneristiche realizzate negli ultimi anni e sul loro impatto sull’ambiente geologico. Una parte del convegno sarà dedicata alle iniziative che la Città di Torino opera per la divulgazione delle Scienze della Terra”.

TERRA DI LEUCA: verso un modello di Garanzia e Responsabilità Reciproca in tempi di Crisi

Venerdì 22 giugno 2012 alle ore 18.30

presso la Sala Conferenze Comunale – Palazzo Ramirez

P.zza Concordia - SALVE

Giuseppe Negro modererà la Tavola Rotonda

 

Nessun esperto sa immaginare il futuro e ci troviamo in una situazione nuova ed unica: ogni crisi mette l’uomo di fronte ad un grande pericolo oppure di fronte ad una grande opportunità.

 

Per la prima volta, i cittadini e i loro rappresentanti potranno sperimentare un nuovo modello di dialogo pubblico basato sull'ascolto reciproco per costruire insieme un futuro migliore.

La soluzione è “Insieme” con il consenso e la comprensione reciproca.

Contribuisci con la tua partecipazione!

 

PROGRAMMA

 

  • ore 18,30 – Saluto del Presidente dell’Unione, Giuseppe Picci, Sindaco di Morciano di Leuca;
  • ore 18,40 – Inizio Tavola Rotonda moderata dal Dr. Giuseppe Negro, medico, con la partecipazione di:
    • Giuseppe Picci – Presidente dell'Unione – Sindaco di Morciano di Leuca
    • Vincenzo Passaseo – Sindaco di Salve
    • Osvaldo Stendardo – Sindaco di Alessano
    • Antonio Buccarello – Sindaco di Gagliano del Capo
    • Francesco De Nuccio – Sindaco di Patù
    • Ippazio Antonio Morciano – Sindaco di Tiggiano
    • Biagio Palumbo – Vicesindaco di Corsano
    • Maria Giaccari – Rappresentante Movimento NOI

 

  • ore 19,30Il pubblico interviene: domande e risposte.

 

 

  • Ore 20,00 – Tavole Rotonde con il Pubblico

 

 

  • Chiusura dei Lavori

 

L’Evento è aperto a tutti   –   ingresso libero

Al termine delle due Feste provinciali disputate il 28 ed il 30 maggio presso il Campo Scuola “L. Montefusco” di Lecce, sono stati rispettivamente gli alunni dell’Istituto comprensivo Polo 2 Borgo di Gallipoli e dell’I.C. “Macchi” di Minervino a sollevare al cielo la coppa che attesta la vittoria nei Giochi della Gioventù 2012. Con loro, però, hanno festeggiato anche tutti gli altri 1500 partecipanti che hanno dato vita a due sane, divertenti ed indimenticabili mattinate dedicate allo sport, secondo il motto “Tutti protagonisti, nessuno escluso”. Da quando i Nuovi Giochi della Gioventù sono tornati nel programma didattico della scuola, in base al rinnovato accordo tra CONI e MIUR, il Comitato provinciale di Lecce ha infatti premiato solo i primi classificati (in base ai punteggi ottenuti nelle varie prove proposte dallo Staff tecnico) considerando tutti gli altri secondi a pari merito, in linea con lo spirito puramente formativo, educativo e divulgativo dello sport che da sempre anima questa manifestazione.

Anche nel 2012 la Festa finale dei Giochi – che arriva a coronamento della fase d’Istituto, durante la quale gli insegnanti referenti selezionano una prima, una seconda ed una terza media che rappresenta la scuola nella tappa conclusiva -, la manifestazione si è svolta in due giornate, per un totale di 28 Istituti di Lecce e provincia presenti. Entrambe le Feste si sono aperte con la sfilata di tutti i partecipanti lungo la pista di atletica, l’accensione del tripode e la cerimonia dell’alzabandiera, seguite da un minuto di silenzio in memoria delle vittime del terremoto in Emilia di questi giorni. Oltre al presidente Antonio Pascali ed ai componenti della Giunta del Coni di Lecce, al taglio del nastro dell’edizione 2012 erano presenti anche l’assessore comunale uscente allo sport di Lecce Nunzia Brandi ed il consigliere provinciale alla pubblica istruzione e politiche educative Antonio Del Vino.

«Porto i saluti del sindaco Perrone a tutti i ragazzi che oggi saranno impegnati in una bella giornata di sport, nonostante stiamo attraversando un momento particolare e molto difficile – ha esordito l’assessore Brandi - . Mi auguro che le nuove generazioni portino con loro tanti progetti e speranze per il futuro. E invito tutti a divertirsi, convinta che il risultato finale è importante, ma la loro partecipazione oggi è già una vittoria per lo sport».

«Da delegato all’istruzione e alle politiche educative non potrei trovarmi in un posto più appropriato - ha proseguito Del Vino -. Lo sport è l’anello di congiunzione tra la scuola e il mondo esterno, perchè educa a prepararsi alla vita, se si rispettano alcuni valori importanti. A scuola i ragazzi vengono infatti istruiti al rispetto, alla lealtà, alla solidarietà e alla socializzazione: valori che lo sport ancora insegna, a dispetto dell’amarezza che suscitano le notizie che leggiamo in questi giorni sui giornali. Dobbiamo recuperare il significato nobile dello sport e praticare con amore anche l’educazione fisica, che non deve essere più considerata come la Cenerentola delle materie scolastiche, ma come lo strumento per arrivare preparati agli appuntamenti della vita quotidiana».

«Ringrazio i dirigenti scolastici, gli insegnanti referenti e tutti i ragazzi che sono presenti ai Giochi – ha concluso il presidente Pascali prima di dare il via alla manifestazione -, perché il loro lavoro, il loro impegno e la loro soddisfazione danno un senso a quello che facciamo noi. Riproporre i Giochi della Gioventù nonostante il contesto di acceso agonismo che caratterizza ormai tutto lo sport, anche quello dilettantistico, ha ancora un senso proprio perché c’è collaborazione con le famiglie e la scuola, che ci aiutano a combattere tanti problemi dell’età adolescenziale, primi tra tutti la sedentarietà e l’obesità infantile».

Alle ore 10.00 il via delle gare: in programma quest’anno la corsa sulla distanza di 30 metri con partenza in piedi, il salto in lungo con battuta libera, il lancio del vortex ed il getto del peso da 3 chilogrammi (a seconda dell’età), nell’ambito delle abilità atletiche; un percorso ginnastico scandito da 6 prove da affrontare consecutivamente nell’ambito delle abilità ginnico-espressive; il bowling nell’ambito dei giochi di squadra. Alle prove partecipava l'intera classe, compresi gli alunni disabili, che per l’occasione costituiva la squadra.

Le prove sportive, così come avviene anche per “Giocosport” (l’altro progetto istituzionale del CONI che porta l’attività motoria nelle scuole primarie) sono state studiate e scelte dallo staff tecnico del Coni, coordinato da Carlotta Stasi e composto da: Lucia Cazzato, Margherita Di Natale, Andrea Conte, Marco Leo, Gaetano Martiriggiano, Francesco Negro, Michela Palombella, Silvia Rizzo, Mirko Vitali, Antonio Zaminga e Luigi Zezza. Hanno collaborato Tatiana Alemanno, Federico Buttazzo, Alessio e Chiara Marchello, Erik Marotta, Stefano De Nigris, Lucio Luceri ed Eugenio Vantaggiato.

 

Istituti partecipanti:

28 Maggio: Polo 3 di Casarano; “G. Strafella” di Copertino; Polo 2 Borgo di Gallipoli; “Stomeo Zimbalo” di Lecce (via Siracusa e via Roma); “A. Galateo” di Lecce; “C. De Giorgi” di Lizzanello; “S. Pertini” di Lequile; “D. Aligheri” di Matino; “G. Carducci” di Squinzano; “Elisa Springer” di Surbo; “Don Innocenzo Negro” di Veglie; “E. De Carlo” di Vernole; “I. Silone” di Ugento.

30 Maggio Scuola Media di Aradeo; “E. De Amicis” di Bagnolo e Cursi; I.C. di Botrugno; “G. Galilei” di Castrignano del Capo e Patù; “S. Quasimodo” di Cerfignano e “Macchi” di Minervino; “S. Panareo” di Maglie; I.C. di Spongano; “Frascaro” di Supersano; 1° Polo di Tricase, Polo 2 “D. Aligheri” di Tricase e Polo 3 “G. Pascoli” di Tricase.

 

In Italia -rivela l’Ocse- lavora solo il 56,8% delle persone tra i 15 e 64 anni; ma la situazione più critica la soffrono i giovani fra i 15 e i 24 anni. In questa fascia di età lavora solo un giovane su cinque, anche se bisogna tenere conto di due situazioni: da un lato, che nel nostro Paese l’età della scuola dell’obbligo si prolunga fino a 16 anni e molti decidono di proseguire gli studi, oltre la scuola dell’obbligo; dall’altro, giovani scoraggiati che non hanno lavoro e non lo cercano. Queste situazioni, purtroppo, non sembra siano destinate a migliorare, nell’immediato. Ma c’è di più. In questo scenario, l’economia sommersa svolge una importante funzione di “ammortizzatore sociale”, prevalentemente(ma, non solo) nel Mezzogiorno. Studi recenti hanno dimostrato che i giovani meridionali sono, in media disposti a lavorare per un salario superiore, (anche se non regolarmente registrato), a quello richiesto dai colleghi del Centro- Nord. A questo punto, a nostro avviso, una spinta all’apprendistato, ai mestieri artigiani e alla formazione professionale da parte delle istituzioni locali, soprattutto, potrebbe interessare quella fascia sempre più ampia di giovani che non studiano, ma non sono nemmeno inseriti nel mondo del lavoro e non partecipano ad attività di formazione, anche, con incentivi all’assunzione. Peraltro, in tema di apprendistato e mestieri artigiani il Governo ha stanziato 50miloni di euro; in tema di formazione professionale i relativi percorsi di I. F. T. S.(Istruzione e Formazione Tecnica Superiore) istituiti con la legge n. 144, del.17 maggio 1999, attuano un sistema articolato e condiviso di integrazione fra i sistemi dell’istruzione scolastica e universitaria, della formazione professionale e del lavoro, al fine di promuovere l’orientamento permanente dei giovani verso le professioni tecniche, tramite l’acquisizione di competenze tecniche superiori, pertinenti con i fabbisogni del mondo del lavoro, al fine di accelerare un loro inserimento occupazionale. E qui, un esempio per tutti, è venuto dalla Provincia di Lecce, a partire da novembre 2011. Questo ente locale ha individuato specifiche aree, con determinate figure da formare, in linea con i fabbisogni formativi del territorio salentino. Tali aree e figure sono: Agricoltura- Tecnico superiore della trasformazione dei prodotti agroindustriali; Industria e Artigianato- Tecnico superiore per l’ambiente, l’energia e la sicurezza in azienda- I.C.T. Tecnico superiore per sistemi e tecnologie informatiche: Turismo- Tecnico superiore per l’organizzazione ed il marketing del turismo integrato; Tecnico superiore per la ristorazione e la valorizzazione dei prodotti territoriali e delle produzioni tipiche; Ambiente-Tecnico superiore per il monitoraggio e la gestione del territorio e dell’ambiente. I percorsi di durata compresa tra le 800 e le 1.000 ore, prevedono, anche uno stage aziendale(Cfr.Ufficio Stampa della Provincia di Lecce del 14 maggio 2012).E dulcis in fundo diciamo che questa importante funzione della Formazione Professionale da parte delle Province, su delega delle Regioni, (avente come grande obiettivo di dare un futuro certo ai giovani in attesa di occupazione, specie in questo periodo di crisi economico-occupazionale), costituisce, per le stesse, una valida motivazione per ricorrere alla Corte Costituzionale, contro il Decreto “Salva Italia” che, di fatto, svuota le attuali funzioni delle Province.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI