Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 18 Settembre 2019

Martina Casaccio: un sogn…

Set 13, 2019 Hits:152 Crotone

Ad Hannam il progetto I l…

Set 04, 2019 Hits:366 Crotone

La Madonna di Czestokowa …

Ago 30, 2019 Hits:503 Crotone

Magna Grecia film Festiva…

Ago 23, 2019 Hits:675 Crotone

Prestigioso incarico all’…

Lug 24, 2019 Hits:1541 Crotone

La Biblioteca Frassati co…

Lug 24, 2019 Hits:1420 Crotone

Taormina Film Fest: il ma…

Lug 08, 2019 Hits:5164 Crotone

A Nicole Kidman il "…

Lug 02, 2019 Hits:1811 Crotone

Locandina - Presentazione libro Male Capitale

Ha inferto un durissimo colpo alla Camorra, trascorre la vita sotto scorta e ha scritto due libri sull'ascesa e il patrimonio dei clan malavitosi e la vita dei boss in latitanza.

Venerdì 8 aprile alle ore 19,30 Catello MARESCA, magistrato della Direzione Antimafia di Napoli che il 7 dicembre 2011, stanandolo da un bunker a Casapesenna, non molto lontano da Casal di Principe (Caserta), catturò il boss del clan dei casalesi Michele ZAGARIA, presenterà IN ESCLUSIVA presso la Taberna Libraria di Latiano, come UNICA TAPPA IN PUGLIA il suo nuovo originalissimo libro “Male Capitale – La misera ricchezza del clan dei Casalesi” (editore Giapeto)

Siamo a Napoli, in una terra brutalizzata anche nell'ambiente, una terra dove per "affari", per denaro, si violentano le proprie radici, l'aria che si respira, si uccide il futuro. Il magistrato, nella sua opera, racconta la mafia campana attraverso la parodia, mostrandola per quello che è: falsità e idolatria, un impero costruito su emblemi falsi, contornati da un lusso volgare, che testimonia una grandezza inesistente e inutile. Debole di contenuti di fronte all’avanzare delle indagini, alle manette e ai sequestri patrimoniali.

Per esorcizzare il clan decapitato dall'arresto di Zagaria, Maresca nel libro cambia il nome del clan dei Casalesi con “il clan dei Caponesi”. Il suo fondatore Antonio Bardellino diventa “Antonio Porcellino”. Il boss Francesco Schiavone detto Sandokan, diventa Francesco Liberone detto “la Perla di Labuan”; lo stesso Michele Zagaria diventa “Bagaria”. La città di Marcianise “Puccianise” e Casapesenna è “Casapennata”. Nomi falsi che però descrivono fatti veri, precisi e puntuali, vicende che hanno riempito la cronaca giudiziaria.

Catello MARESCA è anche autore del libro “L'ultimo bunker” pubblicato quattro anni fa, un'opera che ha analizzato con minuzia di particolari e dettagli sconosciuti le fasi investigative della cattura di Zagaria, utilizzando un linguaggio a metà tra la cronaca giornalistica e il romanzo e mettendo a nudo il ragionamento dei boss, il loro modo di difendersi e dove si nascondono. I rifugi sotterranei che hanno raggiunto una sofisticazione e un confort sorprendenti, bunker dove i capiclan si rintanavano come topi, ricavati nelle terre devastate dall’inquinamento prodotto dallo smaltimento scellerato dei rifiuti

In merito a questa vittoria dell’antimafia rispetto all’intricato sistema di criminalità organizzata, lo stesso Magistrato Catello MARESCA dichiarò “I tre anni della caccia a Zagaria sono stati intensi e istruttivi: auguro a ogni collega di avere la fortuna di vivere un’esperienza del genere. È stato un insieme di sentimenti e sensazioni unici, spesso contrastanti: esaltazione ed euforia quando capti indicazioni positive, delusione e rammarico quando i risultati non arrivano.”

Dopo la pausa Pasquale, la rassegna "Cultura spettacolo e ..." organizzata dalla Taberna Libraria di Latiano, in collaborazione con Chez Vous di Piero FUMAROLA e Centro Studi Meridiani di Latiano, patrocinata dell'Amministrazione Comunale di Latiano e di Francavilla Fontana, riprende quindi con un appartamento davvero imperdibile.

catello Maresca

Mercato Novoli

Il mercato di Francavilla Fontana (Br) diventa pulito e sostenibile grazie all’Ecomercato, un intervento strutturato che sarà avviato sabato 12 marzo, ideato e realizzato dall’associazione EMS – Ente Modelli Sostenibili, una delle realtà del network CulturAmbiente Group e con il sostegno dalla Monteco srl, gestore del servizio di raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani della città. Il progetto è realizzato su proposta dell’ANTA – Associazione Nazionale per la Tutela dell’Ambiente coordinamento provincia di Brindisi, partner del progetto, e grazie al patrocinio dall’Amministrazione Comunale. Dopo gli interventi già avviati a Mesagne (Br) e Novoli (Le), il modello di riduzione dell’impatto ambientale sarà sperimentato in uno dei mercati più estesi del Salento, con una presenza di circa 240 ambulanti in un’area di 47mila mq nel quartiere Pescheria. Grande novità di questa nuova applicazione del modello dell’Ecomercato è la collaborazione attiva della ditta Monteco che, oltre a sostenere economicamente il progetto, ha offerto supporto tecnico-organizzativo e formazione tecnica agli informatori impiegati sul campo.

L’iniziativa per rendere pulita e accessibile l’area mercatale urbana che in occasione del mercato settimanale si riempie di rifiuti abbandonati. Il progetto prevede il monitoraggio dei punti di raccolta per differenziare lo scarto umido negli appositi bidoni e la distribuzione di buste per la raccolta di carta e plastica grazie all’intervento di un team di informatori ecologici formati dagli esperti ambientali di E.M.S. e Monteco. Gli informatori accompagneranno i cittadini e operatori commerciali nel corretto conferimento dei rifiuti ogni sabato mattina fino a settembre 2016 per dare nuova vita a vetro, plastica, carta, metalli e rifiuto umido, gestire la raccolta di imballaggi e cartoni e lasciare l’area pulita. La quantità prodotta durante il mercato, infatti, incide in maniera significativa nel computo complessivo del totale prodotto per ogni Comune con un impegno economico per i costi di conferimento che interessa sia l’Amministrazione che i cittadini.

«Abbiamo accolto la sfida di adattare il modello dell’Ecomercato – spiega Ilaria Calò, presidente di E.M.S. – Ente Modelli Sostenibili – a Francavilla Fontana, uno dei mercati più estesi e frequentati del Salento e ringraziamo la Monteco per la preziosa alleanza: questo ci permette di affinare il servizio, lavorando in sinergia con chi gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti in città». Il primo Ecomercato in Puglia è stato avviato a Novoli nell’autunno del 2014 con ottimi risultati: dal monitoraggio semestrale è stato riscontrato un incremento in media del 15% della raccolta differenziata di carta e plastica dei giorni successivi al giorno del mercato.

CulturAmbiente group è un network di tre realtà non profit unite da una storia decennale di impegno a tutela dell’ambiente ed è costituita dall’omonima organizzazione di volontariato, dall’associazione di promozione sociale E.M.S. – Ente Modelli Sostenibili e dalla neonata cooperativa di lavoro InnovAction. Tra le esperienze più significative del network, l’ideazione di Ecofesta Puglia, vincitrice nel 2012 del bando del Miur sulla Social Innovation e l’introduzione della prima compostiera elettromeccanica di comunità in Puglia.

Mercato novoli 2

gonfalone-ostuni1

Come di consueto anche quest’anno l'Amministrazione Comunale ha provveduto ad organizzare un nutrito cartellone di manifestazioni di carattere culturale, ricreativo, sportivo e di intrattenimento in generale. Le iniziative sono state coordinate e organizzate con la preziosa collaborazione delle locali associazioni culturali e sportive, uniti nel comune intento di attrarre a coinvolgere sempre di più oltre che il turista tutti i cittadini.
Riteniamo utile segnalare alcuni degli eventi più importanti che nel corso dei prossimi mesi estivi saranno molto apprezzati da tutti coloro che avranno la possibilità di parteciparvi: il 27 luglio, la 2° edizione del Gran Galà dell’Unitalsi - I Talenti della Fraternità con la partecipazione straordinaria di Giusy Versace, Fabrizio Frizzi e Marco Santin; il 1° agosto, la 6^ edizione del premio: “Pagine di vita”, programma G. Quartulli e M. Palmisano, evento in onore di “personaggi illustri” ostunesi di ieri e di oggi; il 6 agosto, la 5^ edizione del premio internazionale “Tito Schipa” con premio al baritono, Claudio Sgura; il 9 agosto, sulla scalinata “Antelmi”, la kermesse d’alta moda “Fashion Puglia”; il 13 agosto, in piazza Libertà, la kermesse musicale “Ostuni in Musica”; il 15, si festeggerà il Ferragosto con la 40° edizione della sagra popolare “Sagra Vecchi Tempi Ostuni Animata” a cura del gruppo folk La Stella; il 16 agosto e il 17 Massimo Ranieri in concerto; il 19 si terrà il concerto dei “Negrita”; il 21,22 e 23 agosto, il “Festival dei Sensi”.

Come da tradizione oramai secolare dal 25 al 27 agosto si svolgeranno le feste patronali in onore del Patrono di Ostuni, Santo Oronzo, caratterizzata dalla famosa “Cavalcata dei devoti” e la processione con la statua argentea del Santo.
Le tre giornate di festa patronale saranno allietate da vari concerti bandistici mentre il 25, al foro boario Uccio De Santis proporrà: “Ti racconto 15 anni di Mudù” seguito il 27, sempre al foro boario e precisiamo rigoroso ingresso gratuito, il concerto dei “Matia Bazar”.

Altrettanto ricco di eventi anche il mese di settembre : il 4, 5, e 6 settembre si terrà l’”Apulia Land Art Festival 2015”; il 12 settembre si svolgerà il Festival Internazionale degli Artisti di Strada:“Arrivano dal mare” a cura dell’Arci Circolo “P. Neruda”; dal 17 al 20 settembre, la 2° edizione del raduno nazionale estivo della Protezione Civile e infine il 20 settembre il Raduno Nazionale delle Alfa Romeo.

Un notevole sforzo economico e organizzativo rappresentato da tante manifestazioni culturali, sportive, musicali, folkloristiche e artistiche di grande spessore rivolte ai turisti e villeggianti presenti nella località turistica di Ostuni, con l’intento di una forte fidelizzazione a questa stupenda parte della Puglia.

 

festa patronale

“Olio, vino e mandorla, paesaggi e sapori della Dieta Mediterranea e Grandi Feste di tradizione”, questo l’itinerario alla scoperta dei colori autunnali e degli antichi sapori di Villa Castelli. Il Sindaco Vitantonio Caliandro è un vulcano di idee e di iniziative, «sul territorio c’è un “mare verde” - egli dice - fatto di alberi di ulivo, di vigneti a filari e frutteti, che invitano al relax e alla meditazione, in sintonia con i ritmi della terra». La cittadina salentina si estende in una zona collinare e buona parte del centro abitato poggia su un orlo di una scarpata, tra i colli: Fellone, Scotano e Castello. Il corso d'acqua più importante, nasce dalla sorgente del Canale Reale sita in contrada Antoglia, detta Fonte Strabone, ma nota nella documentazione antica come Fonte dei Grani. La vegetazione si compone di oliveti e querceti alternati a tratti di macchia mediterranea. La gravina, facente parte del parco naturale regionale “Terra delle Gravine”, costituisce il giardino botanico comunale. Negli anni Trenta la gravina venne superata da un ponte a nove arcate in pietra, realizzato da maestranze locali con l'obiettivo di aprire un nuovo fronte di urbanizzazione alla città. Il sito archeologico più studiato è quello in località Pezza Petrosa, corrispondente al toponimo di Pezza Le Monache, dove è stata rinvenuta a seguito di lavori di trasformazione agraria, una necropoli con oltre trenta tombe, datata al IV-III secolo a.C., con corredi funerari, costituiti da 200 reperti di ceramica decorata, statuette della dea dell'agricoltura Demetra, oggetti in bronzo, che sono collocati presso il museo civico comunale. Gli scavi hanno identificato nei pressi del sito, resti di un abitato, con possibili tracce di mura difensive in blocchi, datati a dopo la metà del IV secolo a.C. che potrebbe riferirsi ad un villaggio dei Messapi divenuto, dopo la conquista da parte di Taranto, un avamposto militare. È in età normanna che compare per la prima volta negli atti notarili il nome di “Castellum Caeje”, indicante un territorio fortificato tra Oria e Ostuni, l'attuale Ceglie Messapica, che comprendeva anche gran parte di Villa Castelli. Fu nel diciassettesimo secolo che emerge il toponimo Monte Castelli e poi nel diciottesimo secolo Castelli, a cui si è aggiunta la parola Villa, nel senso di borgo, già prima dell'indipendenza da Francavilla Fontana. L'economia del borgo si fondava in quegli anni prevalentemente sulla pastorizia e sull'agricoltura e ruotava intorno a masserie fortificate. Fenomeno importante per le attività commerciali era la transumanza, con lo spostamento di greggi e mandrie dalla Valle d'Itria al Salento attraverso le Murge. In occasione del passaggio dei mandriani si organizzavano fiere annuali e nel territorio sono ancora presenti una serie di antichi tratturi.

Siamo in una terra che reca impressi i segni di importanti presenze, in un continuo alternarsi di domini e popolazioni che con le loro culture, le espressioni artistiche ed architettoniche hanno arricchito i luoghi di un patrimonio di incommensurabile valore, segnando lo spirito e il carattere degli abitanti, custodi di culture e tradizioni.

la lavorazione della pasta di mandorla

Sulla scia della tradizione contadina si organizzano anche oggi varie fiere. La Festa Grande di Villa Castelli, istituita come Comune nel 1926 con la consegna dello stemma araldico, ha avuto luogo tra il primo e il 4 ottobre in onore della Madonna della Fontana e il Cuore di Gesù, tra bande, luminarie, fuochi d’artificio e dolci tipici. La Festa (detta “ La festa Bona”) segna la fine della vendemmia e l’inizio della raccolta delle olive. Bancarelle colorate si sono snodate ai lati delle vie del paese, presentando le ultime novità degli attrezzi agricoli, ma anche abbigliamento, oggetti per la casa. In serata largo alle luminarie tra la piazza e il corso principale e si è ballata la pizzica, mentre agli angoli dei bar e dei ristoranti si accendevano i tipici fornelli per arrostire sulla legna: salsicce, agnello, bombette (gustosi involtini di carne di maiale e fegatini), chiamati anche in altre zone del Salento turcinieddhi o gnomarieddhi, preparati con le interiora di agnello, condite con prezzemolo e limone. A Villa Castelli si possono degustare pietanze e prodotti tipici, che fanno della località salentina, il cuore della Dieta Mediterranea. Nella pasticceria “La Sfornata” di Anna Sarcinella viene prodotta la pasta reale e la cupeta, il torrone salentino. La giornata “clou” della Festa Grande si è svolta il 2 ottobre con la tradizionale processione. Accompagnati dalla banda per tutte le vie del paese gli abitanti di Villa Castelli e di alcuni paesi limitrofi, con i propri sindaci, hanno seguito in processione le statue dei protettori della cittadina: la Madonna della Fontana e il Cuore di Gesù. Con una cerimonia, carica di significato, il Sindaco Caliandro ha consegnato, come è consuetudine, alla fine della processione, le chiavi della Città ai protettori. Per la terza sera di scena è stato il grande concerto di Edoardo Bennato, che si è esibito davanti a una piazza gremita. La scelta non a caso è caduta sul cantante napoletano quasi in ricordo del Regno di Napoli quando la parte più consistente dell'odierna Villa Castelli era territorio di pertinenza di Francavilla Fontana, mentre Monte Fellone restava frazione di Martina Franca e Monte Scotano di Ceglie Messapica. La storia è fatta anche di coraggio e fu il 12 gennaio 1818 proprio nel territorio dei "Castelli" che il prete brigante Ciro Annicchiarico, anche noto come Papa Ciro, fu promotore di una "Repubblica Salentina" e fondatore della "setta dei decisi", una società armata in veste repubblicana e massonica, che disarmò i fucilieri reali che si recavano ad Ostuni. A Villa Castelli c’è anche l’associazione “Settimana dei Briganti - l’altrastoria”, presieduta da Rocco Biondi, con sede nella strada privata intitolata al brigante Pasquale Romano, che ha inteso essere un luogo di dibattiti mirati alla rivalutazione storico-politica del brigantaggio nell’Italia meridionale. Era questo un fenomeno di massa, che soprattutto nel decennio 1860/1870 ha coinvolto la stragrande maggioranza degli abitanti dei territori appartenuti all'ex Regno delle Due Sicilie. I briganti di quell'epoca, uomini e donne hanno lottato in difesa della loro terra, delle loro famiglie, della loro dignità. Le forze militari messe in campo contro di loro li condannarono alla sconfitta.

Vitantonio Caliandro e Carmen Mancarella

Per restare in tema di dieta mediterranea una passeggiata tra le campagne, tra ulivi millenari e vigneti, è stata organizzata da Carmen Mancarella, direttore della rivista “Spiagge”. Alla ricerca delle tipicità troviamo l’Azienda Melillo, che si sta sempre più affermando nel settore enologico con i vini Tagliavanti e Licabetto sui mercati nazionali e internazionali. Da Rocco Caliandro, esperto agronomo, si potrà scoprire l’iter di produzione dell’olio extravergine di oliva, Prima Pietra (dal gusto deciso) e Filo di Seta (dal sapore più delicato), prodotto dall’azienda Tratturi Reali, insieme al vino prodotto con il vitigno susumaniello coltivato tra i loro vigneti. L’oleificio Giovanni Cassese dal canto suo è ben posizionato sui mercati esteri con il suo olio extravergine di oliva, lavorato con macchinari ultramoderni, che garantiscono l’estrazione a freddo. Rappresenta un fiore all’occhiello in Italia per tecnologia e qualità dell’olio prodotto anche l’azienda Domenico Cassese, che si è dotata da poco più di un anno di macchinari di ultima generazione per la lavorazione delle olive, che grazie al sistema di computerizzazione permettono al frantoio di gestire con estrema accuratezza tutte le fasi della lavorazione. All’insegna della Dieta Mediterranea, inserita nel 2010 dall'Unesco nella lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell'Umanità, operano i ristoranti locali: Il Parco degli Ulivi, Nero a metà, La Pizzeria Belvedere, La Locanda Montefolle, gli Antichi Sapori di Ciro Schiena. Nel territorio si trovano numerose masserie, alcune delle quali fortificate: "Antoglia", torre medievale del XIV secolo; "Fallacchia", che conserva tracce delle originarie strutture difensive, qui venne ambientata l'opera teatrale Niccu Furcedda dello scrittore settecentesco Girolamo Bax; "Sciaiani Piccola", risalente al XVIII secolo e trasformata in agriturismo da Lorenzo Marco Elia, che ha dato vita anche alla Fattoria didattica, vero cuore pulsante del territorio rurale che riassume la storia della gente di Puglia. Nella masseria vi sono alcuni trulli che raccontano il duro lavoro dei contadini, che può essere un modello da seguire per riscoprire l’importanza delle tradizioni. Inserite nell’ambiente sono anche la piscina “BioNoca”, che ha la funzione di un lago naturale, dal momento che in un laghetto accanto sono state messe a dimora delle piante che aiutano la purificazione dell’acqua che viene effettuata in vasche di rigenerazione separata.

basilio-timpanaro-rossella-policardo_a

Appuntamento dopo appuntamento il Barocco Festival “Leonardo Leo” continua ad ottenere consensi e apprezzamenti, circa 2500 le presenze di pubblico non stimate ma certe. Ora l'attenzione si sposta sul settimo e penultimo concerto che si terrà martedì 2 settembre a S. Vito dei Normanni. Protagonista della serata sarà il clavicembalo. Nell'atrio del Chiostro dei Domenicani si esibirà il duo Basilio Timpanaro e Rossella Policardo con le musiche di Leo, Soler e Mozart per due clavicembali o for twenty fingers come recita il titolo del concerto.

Fu proprio il grande Mozart, a coniare la formula della sonata “a quattro mani”, la pratica che vede due esecutori suonare insieme sulla stessa tastiera ma esempi eccellenti di composizioni per due tastiere si erano già avuti vedi i concerti per due clavicembali di J.S. Bach e le composizioni del catalano Padre Antonio Soler per citarne alcuni.

Il programma di questo concerto presenta il “duo tastieristico” nelle sue diverse declinazioni: i due strumenti dialoganti su un piano di parità; due strumenti di cui uno svolge la funzione “melodica”, comparabile a quella dello strumento solistico ad arco o a fiato, mentre l’altro svolge la funzione di accompagnamento e infine il cosiddetto duo “a quattro mani”. Al primo di questi casi appartengono i Conciertos de dos Organos Obligados di Antonio Soler, compositore spagnolo che raccoglie nella sua vasta produzione di musica per cembalo l’eredità di Domenico Scarlatti, di cui fu allievo, enfatizzandone il carattere virtuosistico e il colore strumentale spagnolo, evidente nell’uso di ritmi di danza, nelle armonie, nella scintillante ornamentazione. Proprio il virtuosismo, a tratti scatenato, e il carattere sensuale della sua musica (famosissimo per queste sue caratteristiche il Fandango per clavicembalo) valsero a Soler, già alla sua epoca, il soprannome di El diablo vestido de frai.

Si passa poi alle musiche di Leonardo Leo, capostipite della celebre Scuola napoletana e sommo compositore di musica vocale. Tutta la sua musica, anche quella strumentale, ha un carattere di nobile e appassionata cantabilità, come i cosiddetti Solfeggi. Si tratta di composizioni che presentano un carattere così vario e articolato, con figurazioni ritmiche complesse e arditi salti melodici, con passaggi di tipo virtuosistico e arricchiti da abbondante ornamentazione, da andare sicuramente ben al di là del semplice “esercizio” didattico; insomma una scrittura di tipo “strumentale”, tale da poter anche essere efficacemente eseguita da uno strumento melodico e basso continuo o come sonata di cembalo.

Il concerto si conclude con un illustre esempio di sonata per duo “a quattro mani”: la sonata in Si bem, KV 358, di Mozart.

 

 

PROGRAMMA

Antonio Soler (1729-1783)

Concerto n. 3 in Sol min.

Andantino, Minué

 

Leonardo Leo (1694 – 1744)

dai “50 Solfeggi” (Ms. Mus.A 313xpa, Db 4 Königliche Privat-Musikaliensammlung - Dresden)

Solfeggi n.11 (alla francese) e n. 12 (allegro) in Do min.

Solfeggi n. 3 (cantabile) e n. 4 (allegro) in Do min.

Solfeggi n.18 (Larghetto e cantabile) e n. 19 (allegro) in Mi min.

 

Antonio Soler

Concerto n. 2, in La min.

Andante, Allegro, Tempo de Minué

 

Concerto n. 1, in Do min.

Andante, minué.

 

Leonardo Leo

Solfeggi n. 46 (senza.ind. di tempo), n. 47 (allegro), in Fa magg.

Solfeggi n. 5 (cantabile) e n. 6 (allegro) in Do min

 

Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791)

Sonata in Si bem magg. KV 358

Allegro, adagio, molto presto.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Scheda Concerto

Martedì 2 settembre - S. Vito dei Normanni, ore 21.00- Chiostro dei Domenicani

Leo, Soler e Mozart for twenty fingers.

musiche per cembalo a quattro mani.

DUO

Basilio Timpanaro cembalo - Rossella Policardo cembalo

 

 

Biografia Basilio Timpanaro


Dopo essersi diplomato con lode in pianoforte e in direzione di coro, ha studiato clavicembalo e organo antico al Conservatorio di Rotterdam sotto la guida di David Collyer; vincitore di una borsa di studio biennale del Governo Olandese, si è poi perfezionato con Siebe Henstra presso il Conservatorio di Utrecht, dove ha conseguito il Diploma concertistico di clavicembalo. Ha inoltre partecipato a seminari e master classes di clavicembalo e organo tenute da T. Koopman, G. Leonhardt, J.B. Christensen, H. Vogel, L. F. Tagliavini, e di fortepiano da M. Bilson.

È tra i fondatori e principali animatori di importanti ensembles di musica antica quali lo Studio di musica antica “Antonio Il Verso” e Les Eléments. Ha inoltre svolto attività concertistica con diversi gruppi e orchestre (tra cui l’Ensemble “Elyma” di Ginevra, Cantica Symphonia di Torino, Het Hollands Kamerorkest, European Community Chamber Orchestra) e ha frequentemente collaborato con alcuni fra i cantanti e gli strumentisti più affermati nel campo della musica barocca (fra i quali G. Banditelli, M.C. Kiehr, C. Ansermet, A. Bernardini, A. Grazzi, R. Minasi, E. Onofri – ha anche suonato in duo con A. Staier, eseguendo concerti a due cembali di J.S. Bach).

Ha suonato nell'ambito di alcuni tra i più importanti festivals europei di musica antica (come l'Holland Festival Oude Muziek di Utrecht, la Settimana Internazionale di Musica Medievale e Rinascimentale di Erice, i Festivals d’Ambronay, de La Chaise Dieu e di Beaune in Francia, la Settimana di Musica Sacra di Monreale, le stagioni di musica antica della Fondação Calouste Gulbenkian di Lisbona e dell’Ateneo Navarro di Pamplona) e ha collaborato alla produzione di opere barocche con enti lirici quali il Teatro Massimo di Palermo, il Maggio Musicale Fiorentino e il Festival Monteverdi di Cremona. Si è esibito in recital solistici, in Italia e all'estero, per importanti rassegne di musica antica e stagioni concertistiche: tra queste la stagione serale dell'associazione Amici della Musica di Palermo, la stagione di Piemonte in Musica, il festival Suona Francese e i concerti del Museo de Historia di Tenerife. Ha partecipato, anche con esecuzioni dal vivo, a trasmissioni radiofoniche su RadioRai3. Da clavicembalista e organista ha preso parte a diverse incisioni discografiche, alcune delle quali hanno ottenuto prestigiosi riconoscimenti dalla critica internazionale (Diapason d’Or, Premio Vivaldi, Gran Prix du Disque): La Dafne di Marco da Gagliano, il Combattimento di Tancredi e Clorinda, il Vespro della Beata Vergine e l'integrale delle Opere di Monteverdi sotto la direzione di Gabriel Garrido (per L’incoronazione di Poppea ha anche composto degli accompagnamenti concertati con violini), la Passione di N.S. Gesù Cristo di Jommelli con la Berliner Barock Akademie diretta da A. De Marchi, Il Secolo d'oro nel Nuovo Mondo ('600 latino-americano), e inoltre lavori di Corteccia, Rubino, Perez e Aliotti per le etichette Tactus, Symphonia, K617 e Butterfly Records-Teatro Massimo Palermo. Con Les Eléments, diretto da Piero Cartosio, ha recentemente inciso Venere, Amore e Ragione, Serenata di Alessandro Scarlatti, pubblicata, insieme al Concerto X dalle Dodici Sinfonie di Concerto Grosso, dall'etichetta La BottegaDiscantica. Laureato con lode in Musicologia presso l’Università di Bologna con una tesi sul basso continuo nella musica italiana del Seicento, ha curato per l’editore Alfieri&Ranieri l’edizione moderna delle cantate di A. Scarlatti custodite presso il Fondo Altieri di Noto. Ha tenuto vari corsi di perfezionamento di clavicembalo e basso continuo e seminari sulla prassi esecutiva e la trattatistica della musica antica. Vincitore di concorso nazionale, è titolare della cattedra di clavicembalo e tastiere storiche presso il Conservatorio “V. Bellini” di Palermo.

 


Biografia Rosella Policardo


Nata a Palermo nel 1990, ha studiato pianoforte presso il Conservatorio di Musica della sua città sotto la guida del M° Marzia Manno, conseguendo il Diploma accademico di I livello con lode e menzione. Nel 2013 con la stessa docente ha conseguito il Diploma accademico di II livello in pianoforte con lode e menzione. Si è poi perfezionata, in qualità di studente Erasmus, presso l’Accademia di Musica di Cracovia (Polonia). Ha frequentato diverse Master Classes per pianisti e formazioni di Musica da Camera tenute dai Maestri Canino, Marvulli, Pastorino e An Li Pang.

Come pianista ha partecipato a diversi Concorsi Musicali, ottenendo sempre prestigiosi riconoscimenti e si è esibita sia da solista che in formazioni cameristiche in numerose Stagioni e Rassegne di musica di importanti Associazioni ed Enti musicali.

Ha successivamente intrapreso gli studi di clavicembalo e di basso continuo sotto la guida del M° Basilio Timpanaro, conseguendo il diploma con lode e menzione. La sua straordinaria attitudine e talento dimostrati per questo strumento l’hanno rapidamente portata a esibirsi in concerto in Italia e all’estero (Polonia, Francia, Germania), sia da solista che in gruppo. Nel Maggio 2011 si è esibita da solista (concerti per cembalo e orchestra di Mozart e di W. Fr. Bach), con l’Orchestra Harmonices Mundi, al 60° Mozartfestival di Augsburg (Germania). Ha preso parte a importanti festival di musica antica, tra cui “Associazione per la Musica antica Antonio il Verso” di Palermo, “Settimane Barocche” di Brescia, Settimana di Musica Sacra di Monreale, “Musica antica a Villa Reale" di Monza, "Pavia Barocca" e Fondazione Royaumont (Francia). Si è esibita in concerto con alcuni degli strumentisti e cantanti barocchi più affermati, tra cui Enrico Onofri,Sonia Prina, Maria Grazia Schiavo, Luca Dordolo. Vincitrice di una Borsa di studio, da tre anni è Maestro al cembalo delle classi del Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio di Palermo.

Ha seguito Master Classes di Clavicembalo e Fortepiano tenute dai Maestri Mark Kroll, Claudio Astronio, Emilia Fadini, Antonio Florio.

E' risultata vincitrice in diversi concorsi, tra cui il Concorso europeo di Clavicembalo e Basso Continuo “Gianni Gambi” (Pesaro, marzo 2011 - tra i membri della giuria, Emilia Fadini e Blandine Rannou; oltre ad essere premiata sia nella sezione Clavicembalo solista che nella sezione Basso Continuo, si è qui aggiudicata i due Premi Speciali in palio, uno per la migliore esecuzione di un brano del Seicento e l’altro di un brano del Settecento italiano) e recentemente - marzo 2013 - il Concorso "Amelia Bianchi" di La Spezia, presieduto da Bob van Asperen.

E’ stata membro dell’Orchestra Barocca Europea (EUBO), per il tour 2011, con concerti in Francia, Germania, Belgio, Ungheria, Spagna, Lussemburgo, Italia, diretti dal M° Enrico Onofri ed è stata nuovamente chiamata a farne parte per il tour 2013 diretto dal M° Stefano Montanari, con concerti in Polonia, Lussemburgo, Gran Bretagna, Italia.

Inoltre recentemente è stata l’unica selezionata, tra cembalisti di tutta Italia, per la formazione di un’orchestra barocca giovanile presso la Cappella della Pietà dei Turchini di Napoli.


Il Barocco Festival ‘Leonardo Leo’ è patrocinato da Unione Europea, Regione Puglia (assessorato dalla Cultura, Turismo e Mediterraneo), Città di San Vito dei Normanni (assessorato alla Cultura), Città di Brindisi, Provincia di Brindisi, con la fattiva collaborazione del Comune di Mesagne (assessorato alla Cultura). Sponsor: Enel Green Power, Ance Brindisi, Autorità Portuale di Brindisi, Stp Brindisi, BancApulia, Giobet.it.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI