Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 20 Settembre 2019

Il Sindaco Pasquale Delli Paoli ha intenzione di cambiare le fontane presenti sul territorio cittadino in aiuole perché mantenerle costa troppi soldi e manutenzione. È questo la sintesi della delibera di Giunta municipale nr. 88/2012, con la quale inizia a cambiare la fontana situata in Piazza della Pace. Sulla stessa falsariga in un futuro molto prossimo vedremo altre fontane trasformarsi in tanti “giardini dell’Eden”. Ad esempio, come abbiamo denunziato molti mesi orsono dalle pagine della Gazzetta di Caserta, nel piazzale intitolato a Matilde Serao (posta di fronte al Reggia Palace sul Viale Carlo III^), da tanti e tanti mesi, fa bella mostra di se un rudere che prima ospitava una bella fontana pubblica con acqua (in ricircolo) che zampillava ad ogni ora del giorno, ora, invece, fa semplicemente “ribrezzo”. La stessa sorte potrebbe capitare alla fontana di via Cairoli, senza dimenticare le fontane poste nelle villette comunali. Nella predetta delibera, l’esecutivo cittadino sottolinea che è troppo onerosa la manutenzione e la gestione della fontana di Piazza della Pace, per cui l’Amministrazione comunale ha intenzione far riempire la vasca della fontana di cui trattasi con materiale inerte al fine di trasformare la stessa in aiuola. Tale decisione si basa essenzialmente su due motivi: ) economico, atteso, che l’impianto ha costi di gestione troppo elevati; ) l’intervento si rende necessario in quanto gli erogatori e le bacchette spuntano pericolosamente dal pavimento della vasca, con pericolo che qualcuno, specialmente i bambini più piccoli, possa farsi male. Sul problema della manutenzione delle fontane e del verde pubblico si è espresso in più di un’occasione il Comitato Cittadino San Nicola La Strada – Città Partecipata che ha denunciato la scarsa manutenzione da parte dell’Amministrazione di centrodestra, proponendo alla stessa di mettere in cantiere per il Bilancio di Previsione del 2013 un capitolo di spesa più consistente.

“Nella Circolare 28 marzo 2013, n. 48, l'Inps ha illustrato le novità previste dalla riforma del mercato del lavoro in merito alla corresponsione di voucher per l'acquisto di servizi di baby-sitting, ovvero per fare fronte agli oneri della rete pubblica dei servizi per l'infanzia o dei servizi privati accreditati”. È quanto ha affermato Luciano Caiazza, delegato zonale del Sindacato Cisas guidato da Mario De Florio. “Il contributo” – ha aggiunto – “è elargito per un periodo massimo di sei mesi, divisibile solo per frazioni mensili intere, in alternativa alla fruizione del congedo parentale, comportando conseguentemente la rinuncia dello stesso da parte della lavoratrice. Le lavoratrici part-time potranno fruire del contributo in misura riproporzionata in ragione della ridotta entità della prestazione lavorativa. Le lavoratrici iscritte alla gestione separata” – ha sottolineato il sindacalista – “possono usufruire del contributo per un periodo massimo di tre mesi. Mentre il contributo per la fruizione della rete pubblica dei servizi per l’infanzia o dei servizi privati accreditati verrà erogato attraverso pagamento diretto alla struttura prescelta dietro esibizione, da parte della struttura stessa, della documentazione attestante l’effettiva fruizione del servizio, fino a concorrenza dell’importo di 300 euro mensili, per ogni mese di congedo parentale cui la lavoratrice rinuncia. Diversamente il contributo concesso per pagamento dei servizi di baby sitting viene erogato attraverso il sistema di buoni lavoro ex art. 72 del D.Lgs. 10 settembre 2003, n. 276 e successive modifiche ed integrazioni. L’Istituto” – ha concluso – “pertanto erogherà 300 euro in voucher, per ogni mese di congedo parentale cui la lavoratrice rinuncia”.

Nonostante il cattivo tempo, tantissimi turisti e vacanzieri hanno trascorso la giornata di Pasquetta sulle varie e numerose spiagge del litorale domitio, lasciando anche solide tracce della loro massiccia presenza. Il dato positivo è che – evidenzia la Segreteria Provinciale della Confederazione Cisas, unitamente alle delegazioni zonali Cisas di Castel Volturno, Mondragone e Sessa Aurunca – le persone vogliono frequentare il litorale, particolarmente la zona di Baia Domitia, pur ritenendo del tutto negativa la nuova tassa sui villeggianti, imposta in questi giorni dal Comune di Sessa Aurunca, tassa che va a colpire la zona turistica proprio in un periodo di particolare crisi. La Cisas invita, anche a nome dei gestori dei lidi balneari, le varie Amministrazioni Comunali – atteso i fondi regionali appositamente stanziati – ad iniziare al più presto i lavori di pulizia del territorio e delle spiagge, al fine di provvedere al rilancio del turismo balneare, che dovrebbe essere certo, considerate le previsioni del tempo, che prevedono un estate torrida. Bisogna preparare il tutto per l’inizio della stagione turistica di Maggio, come avviene regolarmente in tutta l’Italia. Gli operatori turistici e balneari del litorale domitiano si stanno già preparando, ma necessita che, nella zona di Baia Domitia Sud, almeno nei fine settimana, incomincino ad aprirsi negozi e pubblici esercizi, in modo che i residenti o turisti possano essere incentivati a frequentare ed a restare nella zona, ora deserta. Necessita anche una maggiore vigilanza e presenza delle varie Forze dell’Ordine, visto i numerosi furti e danni agli immobili. Con l’occasione, la Cisas – anche a nome di tanti residenti – invita tutte le Associazioni ed i residenti a collaborare con le Amministrazioni di Cellole e di Sessa Aurunca, affinché il desiderato rilancio della zona possa veramente verificarsi.

La Segreteria della Cisas, per il tramite di Vincenzo Fontana, recentemente nominato delegato zonale per il Comune di Mondragone, ha reso noto un’importante provvedimento a carattere nazionale, attuato, finalmente, a favore dei contribuenti, a norma della Legge di Stabilità 2013. “Il provvedimento” – ha fatto sapere il sindacalista – “scatterà automaticamente a partire dal prossimo 1° Luglio 2013 e riguarderà la rottamazione di tutte le cartelle esattoriali, emesse con un importo sino a 2.000 euro ed iscritte nei ruoli fino al 1999. Dunque, tutte le cartelle esattoriali iscritte nei ruoli fino al 1999 e di importo sino a 2.000 non si dovranno più pagare perché nulle. Al fine di evitare abusi od errori da parte dell’Equitalia e delle varie Società esattoriali, la Segreteria della Cisas” – ha aggiunto Fontana – “invita i cittadini contribuenti a verificare l’esatto adempimento della Legge, anche se si tratta di importi non rilevanti, ma importanti a causa della grave crisi economica attuale, sempre crescente e che penalizza tutti i cittadini. Il Signor Vincenzo Fontana, già dipendente del Ministero del Tesoro, è un esperto e qualificato Sindacalista che ha ricoperto, in passato ed in provincia di Sondrio, l’importante incarico di dirigente delle Federazioni Statali, Parastatali, Poste ed Anas della Cgil. Successivamente, sempre in provincia di Sondrio, è stato Segretario Confederale della Uil ed in seguito anche Responsabile Provinciale delle Federazioni Metalmeccanici ed Agroalimentari della stessa Uil. Il sindacalista Fontana ha anche ricoperto incarichi pubblici di notevole importanza, come quello di Presidente del Comitato Provinciale dell’Inail di Sondrio, prima di trasferirsi in provincia di Caserta e di aderire alla Confederazione Cisas. La nomina del sindacalista Fontana a Dirigente della delegazione Cisas di Mondragone segue quella già attuata – nei mesi scorsi – per la zona di Capua,   Castel Volturno e Pietravairano, di cui sono dirigenti i sindacalisti Caruso Claudio, Vincenzo De Simone ed Antonio Caduto. Il Segretario Regionale della Cisas, Mario De Florio, si è vivamente congratulato col sindacalista Fontana per l’importante incarico, che lo porterà ad operare all’interno della Confederazione Cisas.

La Segreteria della Confederazione Cisas di Caserta, di cui è Segretario Mario De Florio, ritiene del tutto positiva la iniziativa, intrapresa in questi giorni dal Comune di Caserta, cioè di mettere gratuitamente a disposizione dei cittadini i bus in alcune ore della mattinata, anche al fine di ridurre il traffico di auto, oltre che dare un servizio utile alla cittadinanza. La iniziativa dell’Amministrazione Comunale, al momento, non è stata del tutto recepita dalla cittadinanza, anche perché è mancata – come è capitato spesso in passato – una preventiva e fattiva comunicazione, che non può essere affidata ad un sito web, ma va data con continui comunicati alla Stampa. La Cisas ritiene che l’iniziativa positiva del Comune, debba essere riscontrata dalla cittadinanza casertana, che – anche in passato – non ha utilizzato i pullman, sia per la poco affidabilità del servizio che per i tempi occorrenti per il raggiungimento della zona preferita. La Segreteria della Cisas invita, quindi, tutti i cittadini ad incominciare ad aver maggior fiducia nel Trasporto urbano e di utilizzare i bus disponibili, che devono avere però un percorso certo, un orario certo, con fermate altrettanto certe. È avvilente, evidenzia la Cisas, constatare che i bus girino a vuoto per la città, solo perché i casertani amano l’utilizzo dell’auto anche per l’acquisto del giornale o per sorbire una tazza di caffè, senza pensare che i bus disponibili hanno un costo per tutta la cittadinanza. La stessa Cisas chiede al Sindaco ed all’Assessore del ramo di voler ampliare, anche se di poco, l’orario del servizio in modo da renderlo più compatibile alle esigenze dei cittadini, specie degli anziani pensionati, offrendo loro un servizio più ampio, magari dalle ore 7.00 alle ore 12.00, cioè una sola ora in più. La iniziativa positiva del Comune deve essere portata a conoscenza della cittadinanza, con maggiore diffusione. A questo darà la sua piena e fattiva collaborazione lo Sportello del Cittadino della Cisas.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI