Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 14 Dicembre 2019

«Pochi giorni ancora, poi un risultato storico sarà colto, anche a dimostrazione del fatto che volere è potere: dare voce ad un territorio che non ne ha è possibile, come è possibile tagliare traguardi che si pensava fossero irraggiungibili».

È il commento col quale il presidente del Comitato regionale di controllo contabile, Gianluca Gallo, accoglie l’annuncio ufficiale dell’Anas in merito all’apertura al traffico delle due gallerie che preserveranno il centro abitato di Montegiordano dall’attraversamento di camion ed automobili in transito sulla strada statale 106. Un’opera attesa da oltre un decennio, sulla quale il consigliere regionale dell’Udc, nei mesi passati, aveva acceso i riflettori della politica e dell’opinione pubblica, con un’interpellanza presentata in Consiglio regionale, seguita da un sopralluogo coi tecnici Anas e da continue sollecitazioni al mantenimento degli impegni assunti. «La mia attenzione al problema – commenta Gallo - non è mai venuta meno. Agli scettici, a quanti in queste settimane hanno sollevato polveroni attorno alla sincerità ed all’efficacia del mio impegno, offrono risposta i fatti ed il frutto di una concertazione istituzionale nell’ambito della quale l’Anas, ad onor del vero, ha mantenuto fino in fondo gli impegni assunti».

Le gallerie montegiordanesi saranno inaugurate, conferma proprio l’Anas, il 28 febbraio prossimo. Attesi il presidente della società, Pietro Ciucci; il ministro alle infrastrutture, Altero Matteoli, ed il presidente della giunta regionale calabrese, Giuseppe Scopelliti.

TalaricoBit2011

 

“E’ stata realizzata una presenza importante e accattivante, che da’ una visibilità senza precedenti non solo all’intera offerta turistica calabrese, ma anche al nostro patrimonio artistico, architettonico, naturale, paesaggistico ed enogastronomico”. Lo ha dichiarato ieri a Milano il presidente del Consiglio regionale, Francesco Talarico dopo aver visitato il “Villaggio Calabria” allestito alla Bit, la Borsa internazionale del turismo, nei padiglioni di Fieramilano.

Talarico si è intrattenuto a lungo, alla Bit, con operatori del settore di tutte e cinque le province calabresi ed ha espresso i suoi complimenti al Governatore, Giuseppe Scopelliti, al direttore generale del dipartimento, Raffaele Rio e al dirigente dell’assessorato, Pasquale Anastasi.

Il presidente dell’Assemblea, che ieri pomeriggio ha partecipato alla presentazione dell’11° Rapporto sul turismo calabrese accompagnato dal capogruppo del Pdl, onorevole Luigi Fedele e dai consiglieri Mario Magno e Giulio Serra, ha presenziato anche, insieme all’assessore alle attività Produttive, Antonio Caridi,  alla inaugurazione del portale denominato “Botteghe d’arte nell’area della Magna Grecia” e “Archivio dei saperi”, che ha registrato anche la presenza del Maestro orafo Gerardo Sacco.

“Ho apprezzato molto pure il nuovo ‘brand’, elegante ed evocativo, che caratterizza da quest’anno la Calabria del turismo - ha affermato Talarico - perchè rende riconoscibile la nostra immagine e ha contribuito a renderci molto visibili in una manifestazione come la Bit che conta oltre 5 mila espositori, in rappresentanza di 130 paesi del mondo.”

 

“La nuova classe politica che governa la regione - ha aggiunto Talarico - punta molto sulla crescita del turismo che rappresenta in qualche modo la sintesi e la verifica di tutto quanto si sta facendo per riposizionare l’immagine della Calabria e per restituire alla regione quel ruolo di meta affascinante di viaggiatori di tutta Europa come è avvenuto nei secoli passati”. “Ora - ha concluso il presidente dell’Assemblea - il testimone passa agli operatori del settore che dovranno impegnare tutte le loro capacità e il loro dinamismo per intercettare flussi turistici e creare nuove opportunità”.

“In Calabria non si può pensare esclusivamente a tagliare i presidi ospedalieri, senza introdurre servizi alternativi di qualità”. E’ quanto ha sostenuto il segretario regionale della Cgil Sergio Genco che questa mattina - accompagnato dal consigliere regionale del Pd Demetrio Battaglia -  a conclusione delle sette manifestazioni sulla sanità che la Cgil ha organizzato su tutto il territorio calabrese,  è stato ricevuto, assieme ad una delegazione di dirigenti sindacali,    dal presidente del Consiglio regionale Francesco Talarico.

Genco ha ringraziato il presidente Talarico per la sensibilità dimostrata ed ha  illustrato le  problematiche salienti del settore “che preoccupano  la Cgil”. Ha sostenuto: “I costi del  Piano di rientro non possono gravare sulle categorie sociali più deboli. Pertanto, è urgente una revisione del decreto sui ticket.  Un’azione radicale, se si vuole essere coerenti, deve mirare ad eliminare gli sprechi, le commistioni affaristiche ed il proliferare dei clientelismi. In questo senso, abbiamo constato come la Stazione unica appaltante, sostenuta fin dal suo nascere dal sindacato, ha prodotto 70 milioni di risparmi, esercitando una funzione di controllo e  selezione  a favore della  qualità della spesa.  Questo è il modello  - ha aggiunto -  che secondo la Cgil deve guidare  ogni scelta che si compie nella sanità”.  Il segretario della Cgil  ha chiesto, inoltre “la modifica del sistema di accreditamento che con il numero abnorme (772), i  soggetti che si occupano di santità e servizi sociali, sta privatizzando il settore svuotando di  significato il pubblico”.

Il presidente Talarico ha affermato che “Nella sanità abbiamo ereditato una situazione molto difficile che, com’è noto, ha portato all’attuale fase di commissariamento. Tuttavia – ha puntualizzato – stiamo affrontando con determinazione e coraggio, assieme al presidente Scopelliti, tutte le criticità del settore per invertire la rotta e assicurare ai calabresi prestazioni di qualità e servizi dignitosi. E’ stato avviato, fin dall’insediamento di questa legislatura regionale,  un percorso di razionalizzazione che deve coinvolgere tutti, nessuno escluso, evitando le strumentalizzazioni politiche e le critiche sterili”.

“Sicuramente,  quanto prima – ha concluso il Presidente del Consiglio regionale -  dopo la seduta sulla legalità programmata per il 22 febbraio e quella che sarà incentrata sui fondi comunitari, d’accordo con i capigruppo consiliari, il Consiglio regionale dedicherà un’intera seduta alla questione socio-sanitaria. Il nostro impegno deve essere rivolto ai cittadini ed ai loro bisogni, sapendo che occorre difendere il diritto alla salute costituzionalmente garantito e che per farlo occorre un cambio di passo da parte di tutti”.

 

 

La salute dei ragazzi e l’educazione all’attività fisica stanno alla base del progetto “Alfabetizzazione motoria per la scuola primaria” che da domani, lunedì 14 febbraio, prenderà il via in 72 scuole calabresi. Il progetto, promosso grazie alla sinergia tra il Coni, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e la Presidenza del Consiglio dei Ministri, è nato in risposta ai crescenti allarmi della comunità scientifica e delle istituzioni internazionali sulle conseguenze della sedentarietà e dei non corretti stili alimentari e di vita tra la popolazione giovanile. L’insegnante titolare sarà affiancato da un “consulente esperto” con l’obiettivo di supportare gli alunni nel raggiungimento dei traguardi per lo sviluppo delle competenze motorie. Il Coni è intervenuto, sostenendo il costo di buona parte del progetto pilota, stanziando 5 milioni di euro attraverso gli accantonamenti resi disponibili dal Ministero dell’Economia.

In Calabria, si è tenuto all’Istituto scolastico “Enrico Fermi”, di Vibo Valentia, il corso di formazione per i “consulenti esperti”, laureati in Scienze Motorie e nominati dai dirigenti scolastici dei plessi coinvolti. Moderato dal coordinatore tecnico-scientifico della Scuola dello Sport Coni Calabria, Demetrio Albino, al corso erano presenti il vicepresidente della Scuola Regionale dello Sport della Calabria, Rocco Cantafio (presidente provinciale del Coni di Vibo Valentia), in rappresentanza del presidente Mimmo Praticò, il coordinatore dell’Ufficio Scolastico Regionale, Rosario Mercurio, in rappresentanza del direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale, Francesco Mercurio, il dirigente scolastico dell’istituto “Fermi”, Giovanna Pileggi, e il coordinatore dell’Ufficio Scolastico provinciale vibonese, Sabina Nardo. Il presidente del Coni Calabria e della Scuola dello Sport calabrese, Mimmo Praticò, impossibilitato a presenziare, ha inviato un saluto a tutti i presenti, ringraziandoli dell’impegno che stanno dimostrando in favore dello sport e per la salute dei ragazzi. “In una terra – si legge nel messaggio del presidente Praticò – che sente maggiormente il bisogno di educare le nuove generazioni, la giornata di oggi  rappresenta una pietra miliare nel rapporto tra scuola e sport al servizio del prossimo. Un legame che dovrà essere sempre più sinergico nell’interesse di dare un futuro migliore alla nostra società. Ancora una volta – afferma Praticò – lo sport viene coinvolto per svolgere il suo ruolo nell’attività motoria nel sociale e nel mondo civile. Ed ancora una volta lo sport, da soldato umile, silenzioso, al servizio delle Istituzioni, senza chiedere mai e ricevendo l’indispensabile per esistere, risponde: Obbedisco”. “Il bisogno concreto di introdurre lo sport nella scuola l’hanno avvertito molti genitori”, ha detto il coordinatore tecnico-scientifico della Scuola dello Sport Coni Calabria, Demetrio Albino, illustrando i passaggi istituzionali che, negli anni, hanno condotto, dalle prime proposte di attività sportiva nella scuola, alla firma del Protocollo d’Intesa tra Ministero della Pubblica Istruzione e Coni, nel 2005. Un impegno, quest’ultimo, attraverso le strutture territoriali, per offrire supporto al sistema scolastico, grazie anche al contributo economico degli Enti Locali. Il presidente Rocco Cantafio, ha dichiarato che lo sport aiuta a sviluppare la personalità dei ragazzi, educa alla formazione della vita e, nel praticarlo, consente di “agire pensando”. “Voi esperti – ha detto Cantafio – siete la linfa vitale dello sport e vi preparate ad agire nella scuola primaria con un modulo unico ed eccezionale. Non perdete l’entusiasmo perché ne perderà il progetto in qualità”. Sabina Nardo ha dichiarato, infine, che il Miur troverà sempre più intesa con il Coni sulla base di iniziare insieme a seminare questi valori, proprio dalla scuola dell’infanzia. “L’entusiasmo – ha detto – dimostrato dai consulenti esperti, mi fa pensare che arriveremo presto a quel processo educativo che tanto ci sta a cuore, emerso dagli incontri tra Coni e Miur”.

Il corso si è aperto con la relazione della docente universitaria Teresa Iona, la quale ha illustrato i tre ambiti operativi del progetto: salutistico, cognitivo e motorio sportivo. “L’idea – ha detto – non nasce dall’esigenza di coltivare futuri campioni bensì per fronteggiare i problemi di salute (di obesità, innanzitutto) che sono sempre più in aumento tra i giovani, a causa della poca attività fisica svolta. L’inattività conduce ad un circolo vizioso che complica sempre più la salute dei ragazzi”. Ma come cambiare gli stili di vita inattivi? “Facendo praticare – ha continuato la professoressa Iona – più attività fisica, è semplice ma, ovviamente, qualsiasi tipo di intervento dovrà improntarsi su basi scientifiche. Il concetto di benessere è astratto ma, nello stesso tempo, reale: è tutto ciò che dalla salute fisica porta alla salute mentale. I giovani sono abili con il PC (attività oculo-manuali) ma trovano difficoltà nelle attività coordinative in genere, come l’equilibrio e il ritmo, incontrano problemi motori e sono meno fluidi nei movimenti. I ragazzi moderni, inoltre, mangiano di più e male e si muovono di meno. Il nostro cervello apprende sempre nel corso della vita, maggiormente nell’infanzia. Se i ragazzi alterneranno la staticità al movimento fisico, aumenterà anche il livello di apprendimento”. A conclusione del suo intervento, la professoressa Iona ha illustrato l’importanza dell’approccio euristico da adottare e cioè quello di organizzare l’attività motoria partendo dall’esame dei gesti spontanei dei ragazzi.

Il docente di Educazione Fisica, Alberto Capria, secondo relatore, ha fatto un excursus tra le normative sull’educazione motoria nelle scuole, approfondendo alcuni aspetti della recente riforma Gelmini. Ha spiegato l’atto di indirizzo del progetto che dovrà “porre al centro l’alunno e il suo itinerario di formazione personale e di apprendimento, mantenere in primo piano l’obiettivo di formare i cittadini di oggi e di domani, operare per una scuola dell’inclusione, fissare i traguardi e le tappe del percorso formativo secondo parametri europei e verificare, con sistematicità, i progressi individuali dell’alunno. “Il ragazzo – ha concluso il professor Capria – dovrà essere valutato nella complessità del suo operato e perciò mi auguro che, presto, venga prevista la presenza degli esperti nell’attività motoria anche nel corso degli scrutini e dei consigli di interclasse.

Con la relazione del professor Pietro Lammirato si è entrato nel vivo di quello che sarà l’operato dei futuri consulenti esperti, partendo dal dato che “l’Italia si trova indietro nell’attuazione di tali progetti rispetto ad altre nazioni europee, perché qui manca la cultura dell’educazione al movimento”. Lammirato ha, poi, approfondito gli obiettivi di apprendimento dichiarando che, ormai, “alla base della piramide alimentare c’è il movimento, l’attività fisica, e viene prima di ogni altro nutrimento. “L’esperienza corporea – ha puntualizzato – si trova al centro di un percorso che sviluppa la percezione motoria, la cognizione, la relazione con il mondo esterno, la memoria e le associazioni mentali che conducono, tutte, ad un’accettazione di sé stessi. Lo studente è posto al centro dell’azione educativa in tutti i suoi aspetti. Particolare cura sarà necessario dedicare alla formazione della classe, per farla crescere come gruppo, perché se ci sarà empatia nel lavoro tutto quanto produrrà risultati migliori.

A seguire, la professoressa Miriam Scarpino ha illustrato quello che sarà l’operato che i consulenti esperti, durante i quattro mesi, dovranno rispettare e tutelare al fine di permettere la migliore riuscita del progetto. Anch’egli ha evidenziato quanto l’attività motoria sia alla base dello sviluppo dell’intelligenza e quanto sia importante variare il tipo di attività fisica svolta. “Non solo i bambini – ha detto – ma anche gli adulti apprendono nuove nozioni e percezioni nel corso della loro esistenza. Il prefissarsi sempre nuovi obiettivi, nella vita, stimola ed “allena” i neuroni migliorando la qualità intellettiva”. È importante “abituare i bambini a costruirsi da soli i propri percorsi utili al raggiungimento degli obiettivi; il formatore deve risultare come un compagno di giochi”.

Più tecnici, invece, sono stati gli interventi del professor Carlo Minganti, il quale ha spiegato il metodo, i tempi e la finalità della raccolta dei dati che gli esperti devono raccogliere durante il progetto, e dell’esperto informatico Antonio Fulciniti, che ha presentato la piattaforma on-line del sito del progetto simulando l’inserimento dei dati di una valutazione.

I consulenti esperti, infine, sono stati condotti nella palestra dell’istituto per assistere all’istallazione del percorso studiato appositamente per questo progetto. Un circuito che sintetizza le funzioni motorie di base e permette di individuare eventuali difficoltà riportate dai ragazzi.



Si è svolto a Reggio Calabria il terzo dei cinque laboratori urbani organizzati dal Dipartimento regionale Urbanistica e Governo, in collaborazione con i Comuni capoluogo della provincia reggina.

Nella Sala Conferenze della Provincia – informa una nota dell’ufficio stampa della giunta regionale - si sono riuniti, per una intera giornata di studio e approfondimento, molti amministratori e tecnici degli Enti locali del reggino interessati ad esporre le molteplici problematiche che stanno emergendo nella redazione dei nuovi strumenti (PSC /PSA).

“Mancano appena quattro mesi  - ha precisato il Dirigente Generale del dipartimento regionale Urbanistica Saverio Putortì - alla scadenza prevista per l’approvazione dei piani e, constatato il ritardo accumulato da molti Comuni, il Dipartimento regionale si è attivato mediante una serie di iniziative che vanno dall’ascolto all’accompagnamento degli Enti per facilitare la comprensione della nuova normativa urbanistica, e consentirne la più corretta attuazione”.

Durante il suo intervento, Putortì ha anche posto l’accento sulla preminente funzione conoscitiva che i nuovi piani devono avere sottolineando la loro natura prevalentemente politica e demandando ai piani attuativi (POT, PAU, RIURB) la specificazione progettuale e di dettaglio.

All’incontro sono intervenuti tra gli altri la Dirigente Generale del settore urbanistica del Comune di Reggio Calabria Adriana Taglieri e l’Assessore all’Urbanistica del Comune di Reggio Calabria Demetrio Porcino che ha sottolineato l’importanza dei laboratori urbani ai fine della diffusione della conoscenza della normativa.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI