Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 17 Gennaio 2019

Open Day al Nautico

Gen 16, 2019 Hits:158 Crotone

Sanremo: i premi di Miche…

Gen 14, 2019 Hits:741 Crotone

La Beethoven tra Santa Se…

Gen 08, 2019 Hits:992 Crotone

La befana fa visita al Re…

Gen 08, 2019 Hits:980 Crotone

Una originale lettura di …

Gen 07, 2019 Hits:1001 Crotone

Maria Taglioni dance proj…

Gen 04, 2019 Hits:1275 Crotone

Rotary club Crotone e coo…

Dic 21, 2018 Hits:1398 Crotone

Concerto per Telethon del…

Dic 18, 2018 Hits:1712 Crotone

La collezione di Antonio Zingali in mostra nella splendida location del Castello Aragonese di Taranto

DSCF3641

 

A settembre dello scorso anno, a Livorno, raccolse il lusinghiero giudizio dall’ammiraglio di divisione Pierluigi Rosati, comandante dell’Accademia navale. Quest’anno la prospettiva di una nuova mostra dei suoi crest a Taranto è per Antonio Zingali un ulteriore motivo d’orgoglio. Zingali, sottufficiale di Marina in congedo e presidente dei sindaci revisori del Gruppo ‘Cap. G.N. Eugenio Corradino Amatruda’ dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia di Crotone, fino a pochi anni fa non pensava affatto che la sua collezione potesse varcare un giorno l’uscio di casa. Era un ragazzino quando un amico di famiglia gli regalò il crest della portaeromobili Giuseppe Garibaldi, unità sulla quale era imbarcato. Quel gesto accese in lui l’interesse per i crest delle navi della Marina italiana e rafforzò la passione per il mare trasmessagli dai racconti di uno zio, sommergibilista decorato di due croci di guerra al valor militare durante il secondo conflitto mondiale. Collezionati pazientemente nel tempo, oggi i suoi crest superano i 150 pezzi. La maggior parte dei crest li ha reperiti durante il servizio militare. Spesso comprava i crest a bordo delle stesse navi, in occasione di missioni e di visite nei porti; altri gli venivano regalati da colleghi venuti a conoscenza della sua passione. Il primo debutto in pubblico fu a settembre 2009, nel castello di Crotone, in occasione dei festeggiamenti per il 60° anniversario della costituzione del Gruppo ‘Amatruda’. La mostra fu replicata nel 2010 presso il Circolo Sottufficiali della Marina Militare di La Spezia e lo scorso anno presso l’Accademia navale di Livorno. A Taranto, nei giorni 29 e 30 prossimi, la nuova esperienza espositiva di Zingali avrà come suggestiva cornice il castello aragonese. Anche in questa occasione, come è avvenuto a La Spezia e Livorno, la mostra dei crest verrà allestita nell’ambito del raduno degli Amici di Nave Ardito, una manifestazione che con cadenza annuale fa incontrare quanti, tra Comandanti, Ufficiali, Sottufficiali e Comuni, hanno costituito gli equipaggi avvicendatisi negli anni a bordo dell’unità, un cacciatorpediniere lanciamissili in disarmo ormeggiato, col gemello Audace, nell’Arsenale di La Spezia. Il collezionista Antonio Zingali deve tanto al primo Maresciallo Luogotenente Alfonso Zampaglione, in servizio presso il Centro Comunicazioni ed Informatica della Marina Militare di Roma e dinamico coordinatore del Comitato Amici di Nave Ardito. Infatti, sul sito www.naveardito.it, curato dallo stesso Zampaglione, ai crest del collezionista crotonese è dedicata un’apposita sezione. D’altra parte, la formula espositiva si è rivelata un elemento capace di suscitare interesse e riscuotere unanimi apprezzamenti nell’ambito degli annuali raduni degli ‘Amici di nave Ardito A Taranto le mostre fotografica e dei crest saranno il piatto forte per i visitatori alla ricerca di emozioni, ricordi e informazioni. Nella mostra di Zingali ai vari pezzi, molti dei quali pregevoli per fattura e creatività, saranno affiancate schede sui motti delle navi, sulle classi d’appartenenza e sulle loro caratteristiche costruttive e operative. Non mancheranno riferimenti a personaggi leggendari, a imprese sospese fra storia e mito ed a quant’altro ogni crest riesce ad evocare.

Giulio Grilletta

foto pat 089

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI