Slideshow Image 1
Slideshow Image 2
Slideshow Image 3
Messaggio
Errore
  • XML Parsing Error at 2:14. Error 41: Attribute without value

Numero in edicola

Edizione N. 5

1 agosto 2015

primapaginaed5-2015

Libro in vetrina

Chi è online

 520 visitatori online

Crotone

Dalla Regione 659.580 euro per l'aeroporto

Crotone

Il Dipartimento regionale alle Infrastrutture – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta regionale - ha dato immediata esecuzione alla legge regionale di stabilità che prevede la sottoscrizione dell’aumento di capitale sociale della società “Aeroporto S. Anna” di Crotone, al fine di evitare l’interruzione dei voli in partenza ed in arrivo allo scalo crotonese. Oggi, infatti, il Dirigente generale Domenico Pallaria, ha firmato il decreto d’impegno di euro 659.580 euro a favore della società “aeroporto S.Anna” di Crotone.

Aeroporto, azionariato popolare: la chiesa assicura il suo impegno

Crotone

La vicenda dell'Aeroporto Sant'Anna rischia di risolversi in un nuova delusione per Crotone ed i territori limitrofi. La questione sta molto a cuore alla Chiesa del Crotonese, che riconosce nel diritto alla mobilità uno dei cardini dello sviluppo sociale, economico e spirituale. E per questo che interviene sull’argomento per invitare la comunità ad un maggiore impegno.

Le strutture aeroportuali sono apparati complessi che richiedono organizzazione ma anche supporto da parte di tutte le realtà, aziendali e non, che si rendono conto dell'importanza socio-economica del loro mantenimento in vita. Il deficit infrastrutturale del territorio crotonese e di tutta la fascia  ionica centro settentrionale (assenza di collegamenti ferroviari e stradali degni di questo nome) implica che una struttura, quale quella di un aeroporto, si è rivelata tra le poche in grado di tutelare le aspettative economiche e turistiche degli operatori e dei cittadini tutti. Senza la possibilità del mezzo aereo si va verso l'isolamento totale in quanto le alternative, sia pur meritorie, delle linee bus, scontano esse stesse una precarietà strutturale dolorosamente certificata da recenti luttuosi episodi.

Spetta a tutta la comunità crotonese impegnarsi nella difesa di quest'ultima porta di comunicazione e supportare il tentativo di tener in vita il Sant'Anna operato dal curatore fallimentare.

Se ci sarà questa volontà si potrà arrivare anche a forme di azionariato popolare, al quale la Chiesa  di Crotone assicurerà anche il proprio impegno di partecipazione.

Non esistono alternative praticabili: il destino di Crotone, venute meno le garanzie pubbliche, è tutto, come sempre, nelle mani dei cittadini, nessuno escluso.

Arcidiocesi di Crotone Santa Severina

Parte la raccolta differenziata a Le Castella

Crotone

L’Amministrazione Comunale, dopo un lungo e meticoloso lavoro, porta a conoscenza della cittadinanza che a breve avrà inizio la “Raccolta Differenziata”, su tutto il vasto territorio di Isola Capo Rizzuto. La prima località interessata da questo importante e storico atto, sarà la turistica Le Castella, infatti già dal 1° Maggio 2015 il nuovo servizio entrerà ufficialmente nelle case dei cittadini della frazione, per poi essere ampliato successivamente su tutto il territorio. La raccolta da parte del comune avverrà porta a porta, in questi giorni l’ente sta attuando una campagna di sensibilizzazione ed informazione del servizio. Già nella mattinata di Giovedì 23 Aprile il tutto è stato illustrato ai bambini delle Scuole di Le Castella dal Consigliere Manuela Parisi, che spiegato l’importanza della differenziata: “Differenziare è un’importante strumento di crescita in termini turistici, porterà benefici igienici e sanitari in quanto non ci saranno più cassonetti per le vie del paese e sulle zone costiere, oltre all’abbassamento dei costi di gestione da parte dell’ente. Abbiamo voluto iniziare l’argomento dalla scuole perché loro sono il futuro e sono quelli che da qui a qualche anno avranno i maggiori benefici con questo strumento. Ora sta a noi cittadini agire nel migliore dei modi per lasciare ai nostri figli un territorio più vivibile”. Il giorno successivo, 24 Aprile, si è tenuto l’incontro con i commercianti della stessa frazione. Mentre nella giornata di Lunedì 27 Aprile, nella Sala Parrocchiale “Rigon” con inizio alle ore 17.30, si terrà l’incontro con tutti i cittadini di Le Castella, alla quale verrà illustrato il servizio nei minimi dettagli.

“Si tratta di un ulteriore e importante risultato raggiunto grazie alla fiducia che avete accordato a questa amministrazione –afferma il capo gruppo PDL Maurizio Piscitelli- ,abbiamo ragione di ritenere che l’accelerazione data alla raccolta differenziata rappresenterà un’ evoluzione ed un miglioramento  del servizio, cosa che ci siamo da sempre preposti come obbiettivo”.

Nel suo intervento, oltre a ribadire quanto detto dal consigliere Piscitelli, il Sindaco Gianluca Bruno chiede il sostegno dei cittadini per far si che questo nuovo metodo porti i benefici citati: “Chiediamo ai cittadini un apporto partecipativo, una maggiore attenzione nella raccolta differenziata ed una diversa organizzazione del rifiuto organico e inorganico. L’amministrazione, pur con i limiti di un servizio ancora da iniziare e perfezionare, porge anticipatamente un ringraziamento a tutta la cittadinanza perché la sfida che ci approntiamo ad affrontare non è solo per chi amministra ma di tutta la comunità”.

 

Vallone vattene

Crotone

10897025_10205384062297896_3670095543804606659_n

Siamo soddisfatti della manifestazione di protesta che si è tenuta giovedì mattina a Crotone per chiedere le dimissioni della Giunta Vallone; si siamo soddisfatti poiché dopo troppo tempo finalmente Crotone ha dato segno di una reazione.

Non c’era il mare di gente che ci aspettavamo (siamo arrivati a circa un migliaio nel clou della manifestazione) ma la partecipazione è stata superiore sia alle aspettative che ad altre che l’hanno preceduta e questo è, per noi promotori, una luce di speranza.

Quella luce che nelle ultime ore servi ed inservienti di questa casta politica sta cercando di smorzare in vari modi sminuendone l’importanza anche coi mezzi di informazione che si confermano (non tutti) asserviti al padrone.

Quella luce che sia le forze politiche di maggioranza che quelle apparentemente opposte alla maggioranza rappresentata in consiglio comunale e ben 9 associazioni di categoria (Confcommercio, Confesercenti, Casartigiani, Cna, Confcooperative, Lega cooperative, Cia, Coldiretti e Confagricoltura) e gli ordini professionali, stan cercando di spegnere non solo con una campagna negazionista sull’evento ma addirittura su tutta la malapolitica che ha portato la nostra città a conquistarsi l’ultimo posto in classifica delle città italiane.

Questi che noi non indugiamo a definire i veri sciacalli e che stanno cercando per l’ennesima volta di gettare fumo negli occhi attraverso la promessa lanciata dal neo Governatore e da loro accolta a braccia aperta di altri 11 milioni di euro destinati a Crotone per il completamento di opere incompiute e strapagate che sono oramai diventate la “gallina dalle uova d’oro” dei “padroni” di Crotone.

A questi che offendono un popolo ritenendolo poco intelligente per il sol fatto che è un popolo che sta prendendo coscienza (e vi garantisco che il malcontento non è venuto fuori da una trasmissione televisiva ma, se solo fossero stati piu’ attenti alle proteste susseguitesi da tempo, è presente da anni) va tutto il disgusto dei crotonesi onesti!

Il messaggio lanciato dal popolo è stato chiaro e lapidario: “dovete andarvene!”

Non vogliamo trattare: hanno avuto 9 anni per farci ricredere ed ora il tempo è scaduto!

Le derisioni e la disistima in cui si cerca di canalizzare la protesta non è che la conferma che sia le associazioni che i partiti sono collusi con questa casta e che hanno sempre strumentalizzato la situazione di bisogno di un popolo per concludere i loro affari “loschi” sempre e soltanto a discapito dei deboli.

Le testimonianze di delusione di ex-elettori di questa classe amministrativa comunale sono piu’ eclatanti e convincenti di qualsivoglia comunicato diramato da questi servetti fedeli ad un padrone che crede di poter continuare a dirigere una commedia che sta per finire!

La soddisfazione alla quale si accennava sopra è per la rinascita della speranza di un popolo.

E’ solo l’inizio di una lotta civile che vedrà ingrossarsi le fila dei manifestanti fino a quando non otterremo, eventualmente, il commissariamento del Comune che, nonostante i pareri discordanti di alcuni competenti, non potra’ recare danni piu’ gravi di quanti già ne siano stati provocati: non ci fermerete!

 

Comitato promotore #ValloneVattene

Mostra di arte orafa del maestro Michele Affidato

Crotone

AFFIDATO VAZZANO E AVERSA

E’ stata presentata alla stampa mercoledì 22 aprile alle 11, presso il Museo Archeologico Nazionale di Crotone la mostra orafa che a partire da giovedì 28 aprile troverà spazio proprio tra le teche ed i reperti del museo di via Risorgimento. Intitolata “Percorsi di una storia preziosa - L’evoluzione del gioiello dalla Magna Grecia ai nostri giorni”, la mostra è frutto della collaborazione tra il maestro orafo Michele Affidato, il Museo Archeologico Nazionale di Crotone ed il Consorzio di cooperative Jobel. “Sono felice di aver offerto il mio contributo in questa collaborazione e sono soprattutto onorato di poter vedere le mie creazioni orafe esposte insieme ai preziosi reperti del Museo, tra cui lo splendido Diadema Aureo di Hera Lacinia, l’Askos, la Barchetta Nuragica, la Gorgone Alata e tanti altri ” è il commento del maestro orafo Michele Affidato che nella creazione dei pezzi unici che compongono la mostra afferma di essersi ispirato ad un'interpretazione personale della storia e dell’evoluzione del gioiello. “Quella che io esercito è un’arte antica, elaborata con sensibilità moderna, tenendo bene in mente insegnamenti e tradizioni lontane di secoli, arricchite da esperienze personali. E’ su questo legame tra antico e moderno, tra artigianato tradizionale e nuove interpretazioni, che ho incentrato la mia arte che viene esercitata in un processo creativo, con il quale coniugando il passato ed il presente e proiettandosi nel futuro, si realizzano gioielli in cui l’antica tradizione Magno-Greca e Bizantina si coniuga verso linee più moderne. Con questa iniziativa, coniugando arte ed archeologia, si intende contribuire alla valorizzazione e promozione del nostro territorio”. I gioielli che saranno esposti rappresentano diverse creazioni che nel corso degli anni l’orafo crotonese ha realizzato, arricchite da alcuni gioielli creati appositamente per questo evento, di cui tra i tanti, un collier con pendente ispirato alla tradizione delle donne più belle delle antichità cosi come rappresentate dal pittore Zeusi ed un collier pettorale da cerimoniale, realizzato in stile Bizantino. La mostra, inserita anche nel calendario delle feste Mariane che darà la possibilità a tanti visitatori, scolaresche, associazioni e privati di poterla visitare sarà inaugurata il 28 aprile, alle 17.30, e resterà aperta al pubblico per tutto il mese di maggio. Affidato, il Museo Archeologico Nazionale ed il Consorzio Jobel promuoveranno, inoltre, il prossimo 13 maggio, alle 17.00, sempre nelle sale del museo, un prestigioso convegno, dal titolo “Arte, storia e legalità” al quale parteciperà come relatore anche il magistrato Nicola Gratteri. Tra gli interventi in programma anche quelli di Gregorio Aversa, direttore del Museo Archeologico Nazionale, del maestro orafo Michele Affidato e di Santo Vazzano, presidente di Jobel. Valorizzare il nostro presente a partire dalla ricchezza del passato è uno degli obiettivi principali della mostra che promuoverà un'immagine positiva della nostra città, la sua storia e le sue tradizioni, tra cui quella orafa, partecipando, dal 26 al 28 giugno prossimi all'Expo di Milano con la Regione Calabria nello spazio espositivo “Dal Sapere al Fare”.

Slideshow Image 1
Banner
An error occured during parsing XML data. Please try again.