Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 20 Gennaio 2020

Nota congiunta del sindaco di San Marco Argentano, Alberto Termine, e dell’assessore al bilancio, Federico Bruno, per esprimere con orgogliosa soddisfazione il raggiungimento del patto di stabilità anche per l’anno 2010. Ennesima dimostrazione di serietà e di azione virtuosa dell’attività politica e amministrativa del comune normanno, in netto contrasto con quanti definivano questo obiettivo difficilmente raggiungibile. Sotto la direzione dell’assessore Bruno, tutta la struttura burocratica dell’Ente comunale si è impegnata con grande professionalità ad addivenire a quanto stabilito dalla legge, garantendo così il raggiungimento dell’obiettivo. Risultato perseguito tenacemente dai dirigenti di settore, nonostante l’impossibilità di inserire nella stesura del bilancio 2010 alcune opportunità come la realizzazione del parco eolico e la vendita del bosco comunale. Il venir meno di queste iniziative, per cause non imputabili all’amministrazione ma che avrebbero fruttato una rendita determinante per le casse comunali, ha richiesto un incremento d’impegno al già attento lavoro del Servizio Finanziario dell’Ente. Con grande professionalità ed efficacia, l’ufficio addetto al continuo monitoraggio del Patto di Stabilità è riuscito a porre in essere tutto quanto necessario al contenimento dello sforamento. Da segnalare come la sfavorevole eventualità avrebbe prodotto un taglio nei trasferimenti erariali che sarebbero risultati dannosi e pregiudicanti per l’azione amministrativa dell’Ente. Fondamentale, quindi, l’opera dei responsabili di settore che si sono prodigati per reperire e recuperare ulteriori entrate utili al rispetto del Patto di Stabilità, riuscendo anche ad individuare delle iniziative sensibili che hanno portato ad economie di spesa. Allo stesso tempo, tante iniziative programmate non hanno potuto trovare momentaneamente realizzazione, costringendo gli uffici a sospendere anche i pagamenti in favore delle ditte affidatarie di lavori. Scelta comunque condivisa dai creditori. A questi operatori economici, non tutti di San Marco Argentano, l’amministrazione comunale rivolge tutta la propria riconoscenza per aver contribuito al raggiungimento dell’obiettivo e per aver acconsentito a sacrificare i propri interessi per salvaguardare un Comune che, grazie a loro, potrà continuare a dare nuove occasioni di lavoro. Uno spirito di cooperazione e di sacrificio, in questo particolare momento di crisi economica, condiviso a tutti i livelli. “Ringraziamo quanti hanno collaborato a confermare San Marco Argentano come amministrazione virtuosa – si legge nella nota di Termine e Bruno –. Quello che auspichiamo, però, è che la nostra oculatezza, di cui andiamo fieri, serva a differenziarci dagli altri Comuni e ad avvantaggiarci nei prossimi obiettivi programmatici del Patto. Anche con trasferimenti erariali più consistenti e favorevoli al nostro programma, perché è giusto che un Comune che si sacrifica, per non incorrere in violazioni della legge e in conseguenti sanzioni, non subisca lo stesso trattamento di chi non è stato virtuoso.  Ci riferiamo, in particolare, al fatto che per il 2011 il nostro Comune ha subito, come tutti gli altri, un taglio nei trasferimenti erariali dell’11%, pari a ben 270mila euro. Quindi, nonostante tutto, siamo stati paradossalmente danneggiati. Questo evidenzia un’iniquità sostanziale della normativa, che crea una disparità di trattamento, penalizzando lo stesso anche quegli Enti che si sono comportati conformemente alla legge”.

«Le decisioni assunte dal direttivo sezionale, sostenute senza incertezze anche dalla presidenza provinciale, devono essere sovrane. Resta comunque irrinunciabile un principio: l’estremo senso di responsabilità dimostrato dal partito non può diventare oggetto di scambio».

Lo afferma il consigliere regionale Gianluca Gallo, in merito all’evoluzione della crisi amministrativa che interessa la maggioranza di centrodestra che dal 2007 regge le sorti della città del Pollino. «Al riguardo – afferma Gallo – l’Udc castrovillarese, nell’esercizio dei propri poteri statutari e politici, ha adottato una scelta chiara e legittima, al termine di un confronto lungo ed articolato, condiviso con il gruppo consiliare e la presidenza provinciale». Aggiunge Gallo: «Non giudico, nel merito, i contenuti di quella decisione. Conosco ed apprezzo, da Sindaco, il valore e l’importanza della stabilità amministrativa, ma da un punto di vista politico auspico che il senso di responsabilità mostrato non diventi ora elemento per privare di dignità quel progetto politico di grande spessore cui l’Udc castrovillarese ha dato vita negli ultimi anni».

Conclude il consigliere regionale centrista: «L’Udc, da tempo continuo bersaglio delle recriminazioni di gran parte del centrodestra castrovillarese, ha il dovere di prescindere da un mero confronto sulla composizione della giunta civica, per rimanere invece fedele agli impegni elettorali assunti nel 2007 e, in virtù di ciò, individuare soluzioni utili alla città e lavorare alla costruzione di un’alleanza politica e programmatica seria per il futuro, a sopperire il cui vuoto non basterebbero eventualmente, come la storia insegna, dei posti al sole».

Il Cosenza Calcio 1914 comunica che gli allenamenti di domani, mercoledì 09 febbraio, riprenderanno alla guida del nuovo allenatore Luigi De Rosa. I lavori della squadra si svolgeranno presso il campo “Ciccio Del Morgine”, sito all’interno dello stadio San Vito, nella canonica doppia seduta del mercoledì (ore 9.30 e ore 15 al campo).

1 milione e 300 mila euro per il mercato ittico ed i servizi sul molo di sopraflutto (commerciale) del Porto. Ad inizio prossima settimana il Sindaco firmerà la convenzione con la Regione Calabria. Altro che crisi, disorganizzazione e situazioni ingarbugliate! Chi si ostina a sollevare polemiche sul nulla, dovrebbe ricordarsi dell’inerzia e dell’incapacità proprie di quando ricopriva il ruolo di assessore al ramo. Alle parole ed alle polemiche strumentali di certa opposizione continuiamo a preferire fatti e risultati.

FURTI. – Per entrare nel merito dell’intervento del consigliere di minoranza Mario SERO, c’è da precisare che abbiamo registrato in due anni un solo presunto furto. Sull’episodio, infatti, si sono ravvisate diverse ipotesi, per cui confidiamo nella buona azione della magistratura inquirente. – Sebbene l’area portuale sia ancora nella fase di avvio delle attività, l’Amministrazione Comunale che cerca di garantire alcuni servizi, tra i quali quelli di sorveglianza e di manutenzione, sta comunque lavorando ad una gara pubblica per l’affidamento della gestione dell’area portuale.

SOSPENSIONE SERVIZIO EROGAZIONE CARBURANTE. - Il consigliere di minoranza Mario SERO, evidentemente, descrive così bene il servizio di rifornimento del carburante tramite cisterna, perché era lo stesso metodo utilizzato quando era egli stesso assessore ai lavori pubblici.

 

Oggi, Amministrazione Comunale e uffici competenti, hanno affidato il servizio di rifornimento ad un privato che, dal 2005, ha dovuto subire l’inerzia dei precedenti esecutivi. Si sta lavorando, adesso, ad accelerare l’iter per il rilascio dei nulla osta e dei pareri utili a continuare il servizio.

È noto l’impegno di questo Esecutivo che, a prescindere dal finanziamento per la parte turistica, ha portato servizi che la categoria dei pescatori aspettava da sempre. – Nella prossima settimana, inoltre, si completerà, con la firma della convenzione l’azione di intervento su quella che consideravamo e continuiamo a considerare una delle strutture più importanti dal punto di vista dell’economia della nostra città e del nostro territorio. Dopo la parte turistica, infatti, questa Giunta ha ottenuto il finanziamento regionale per la realizzazione del mercato ittico ed i servizi sul molo di sopraflutto sul quale, come è noto, si era già intervenuti portando acqua e corrente.

Discipline grafiche, pittoriche, geometriche, plastiche e scultoree, chimica dei materiali, laboratorio della figurazione audiovisivo e multimediale. Saranno, queste, insieme alle tradizionali, alcune delle nuove materie dell'offerta formativa del nuovo Liceo Artistico. Grazie al piano di dimensionamento scolastico regionale, il Liceo Classico “San Nilo” conserva la sua invocata autonomia, ottenendo come sezione staccata il nuovo Liceo Artistico.

 

Tutti i dettagli dell'offerta formativa del nuovo Liceo Artistico, e anche del Classico, saranno illustrati in occasione dell'OPEN DA, in programma per MERCOLEDÍ 9 dalle ORE 17 alle ORE 19 al Liceo Classico “San Nilo”.

 

Nella stessa occasione-evento, si presenterà il programma dei due Licei, il Piano dell’offerta formativa, si farà una visita alle strutture scolastiche (aule, laboratori, palestra e spazi comuni) e per finire un incontro con i genitori. I docenti, alcuni degli studenti e il Dirigente Scolastico resteranno a completa disposizione per rispondere a tutte le curiosità o alle eventuali richieste di informazioni.

 

LICEO ARTISTICO. – Dura cinque anni ed è suddiviso in due bienni e in un quinto, al termine del quale gli studenti sostengono l'esame di stato e conseguono il diploma di istruzione liceale.

 

Il primo biennio, comune a tutti gli indirizzi, è rivolto prevalentemente alla conoscenza e all'uso del materiale, delle tecniche e degli strumenti tradizionali utilizzati nella produzione grafica e pittorica. In questa disciplina, lo studente affronta i principi fondanti del disegno sia come linguaggio sia come strumento progettuale.

 

Durante il secondo biennio si amplia invece la conoscenza e l'uso dei metodi proiettivi del aule, disegno tecnico orientandolo verso lo studio e la rappresentazione dell'architettura del contesto ambientale. Lo studente analizzerà e applicherà le procedure necessarie alla realizzazione di opere architettoniche esistenti o ideate su tema assegnato attraverso elaborati grafici e rappresentazione con ausili del disegno bidimensionale o tridimensionale. Al termine del quinto anno, lo studente dovrà essere in grado di approfondire e gestire autonomamente le fondamentali procedure progettuali.

 

 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI