Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 12 Dicembre 2019

La Guardia di Finanza di Corigliano Calabro, da tempo impegnata nel contrasto agli illeciti ambientali, ha effettuato una serie di controlli  mirati alla prevenzione ed alla repressione della pesca di specie ittiche protette.

 

I finanzieri della locale Tenenza, notata la commercializzazione di novellame da parte di pescherie ed ambulanti, hanno eseguito una serie di servizi per stroncare a monte il fenomeno della pesca di tale prodotto ittico, ormai definitivamente messa al bando dalla Comunità Europea.

 

In particolare, all’alba di ogni mattina, per diversi giorni, i finanzieri hanno costantemente perlustrato il litorale di  Schiavonea al fine di prevenire e reprimere le forme di pesca abusiva.

 

I controlli delle Fiamme Gialle hanno permesso di cogliere in flagranza due persone del luogo, mentre effettuavano la pesca di novellame, della specie “sardella”, con reti a sciabica, il cui utilizzo è vietato.

Altri due soggetti  sono  stati fermati  mentre trasportavano, a bordo dei  propri  autoveicoli, cassette di novellame appena pescato.

 

L’attività di polizia giudiziaria si è conclusa con il sequestro di  kg. 130 circa  di novellame di sarda e di alici, della  rete utilizzata per la pesca di frodo e la conseguente denuncia all’autorità giudiziaria di quattro responsabili.

 

Prosegue incessante l’opera della Guardia di Finanza a garanzia del patrimonio ittico dei nostri mari, spesso sfruttati oltremisura con conseguenti danni  ambientali  ed economici.

Continua  l’attività  di contrasto alla pesca di frodo lungo tutto il litorale jonico, affinchè  vi sia il rispetto delle norme che regolano la pesca e per attuare un costante dispositivo di vigilanza dei confini costieri del territorio, ciò nell’ambito della missione di polizia doganale che vede il Corpo impegnato in prima linea.

E’ sempre molto alta l’attenzione della Guardia di Finanza per scoprire reati inerenti la cattiva produzione e conservazione di alimenti.

A tal proposito, i finanzieri del Nucleo Mobile della Tenenza di Scalea, nell'ambito dei servizi, tesi a garantire l'immissione in commercio di prodotti alimentari idonei al consumo umano, hanno effettuato una serie di controlli presso varie attività commerciali dell’alto tirreno cosentino.

Durante questi controlli, effettuati in collaborazione con tecnici della prevenzione dell'Azienda Sanitaria locale di Cosenza, macro area di Paola, è stato accertato che un'industria conserviera del cedro sita nel comune di Santa Maria del Cedro, conosciuta sull’intero territorio nazionale, era interessata da gravi carenze igienico-sanitarie e strutturali.

L’intera struttura non era assolutamente idonea a garantire la salubrità dei prodotti posti in commercio, pertanto ne e’ stata immediatamente sospesa l’attivita’ produttiva.

Sono stati, inoltre, prelevati da fusti di plastica, posti all’esterno della struttura, non al riparo, quindi, dagli agenti atmosferici, campioni di cedro in salamoia, che saranno analizzati presso i laboratori chimici dell’Arpacal di Cosenza, per i relativi esami microbiologici, al fine di constatarne la bontà, nonché la genuinità degli stessi.

Durante tale operazione di servizio, finalizzata anche a prevenire e reprimere illeciti ambientali, è stata rinvenuta, sul terreno della stessa attivita’ commerciale, una discarica abusiva a cielo aperto, composta da scorie putrefatte maleodoranti quali scarti della lavorazione del cedro, riversate sulla nuda terra, acqua stagnante, frutto di tale sversamento sul suolo, nonché numerosi fusti in plastica in cattivo stato di conservazione, pneumatici dismessi, ed infine altro materiale vario in disuso.

La situazione riscontrata ha consentito, quindi, l'adozione di un provvedimento di sequestro penale relativamente alla discarica rinvenuta, estesa su un’area di circa 3.000 mq. e di tutto il materiale su di essa depositato, mentre l’ASP di Paola ha disposto l'immediata sospensione dell'attività, per carenze igienico-sanitarie.

Carnevale, al via le iscrizioni per il laboratorio di costruzione di maschere in cartapesta. Il corso si terrà fino a GIOVEDÌ 17 FEBBRAIO 2011 ed è rivolto a ragazzi e bambini.

A darne notizia è Stefano GRAZIANO - Assessore allo spettacolo, tempo libero e attività culturali e ricreative del Comune di Paludi.

Creare occasioni di socializzazione ed educare all’arte ed al riciclo. Sono, questi, gli obiettivi dell’iniziativa pensata e realizzata per i piccoli concittadini di Paludi.

L’iniziativa è stata organizzata in collaborazione con “Il sasso nello stagno” di Rossano. Lo staff della cooperativa riceverà i piccoli artisti tra i 6 ed i 14 anni, presso l’oratorio parrocchiale di via Giovanni XXIII, nel pomeriggio, dalle Ore 17.30 alle Ore 19.30 dei giorni 15, 16 e 17 Febbraio 2011.

 

Ritagli di giornale, carta, acqua, colla, colori, supporti e materiale di qualsiasi genere e,  soprattutto, tanta fantasia.

 

È ciò di cui necessiteranno i piccoli artisti che, una volta terminata l’esperienza ludo-ricreativa ed artistica, sfileranno, nei giorni di Carnevale, per le strade di Paludi, indossando le mascherine realizzate con le proprie mani.

 

 

Patrimonio boschivo. L’utilizzo strategico delle proprie risorse come fonte di guadagno, in una sana ottica federalista. Il taglio oculato del materiale legnoso presente nei boschi del territorio comunale può servire per portare benefici economici alla comunità. Allo stesso tempo, si disbosca in modo mirato per il potenziamento delle aree interessate.

 

È con questo duplice obiettivo che l’esecutivo guidato dal Sindaco Angelo DONNICI ha pensato ed indetto un bando di gara pubblicato sul sito web comunale www.comunedimandatoriccio.eu, per la vendita della legna in esubero di località “Montagnella”.

 

All’asta pubblica, indetta per MARTEDÌ 15 MARZO ALLE ORE 10, sono stati invitati a partecipare tutti coloro che o per l’attività svolta o per ulteriori ragioni, possono direttamente o indirettamente trarre vantaggio dall’acquisizione del materiale boschivo.

 

Il materiale legnoso che verrà acquisito all’esito dell’asta pubblica con procedura aperta, è composto per l’85% da fustaia transitoria di farnetto mista a cerro nella percentuale del 5% e a leccio nella percentuale del 10%.

 

Si tratta dunque, di querceti di origine naturale. La superficie interessata dal taglio, ricoprirà il perimetro di 721.114mila mq.

 

L’importo della vendita, è stato fissato in Euro 74 mila più iva oltre le spese di progettazione che ammontano a 15 mila Euro, più gli oneri e le spese per la registrazione del contratto

Promozione della cultura dell’olio, Saracena parteciperà alle Fiera di Rimini che si svolgerà da SABATO 19 a MARTEDÍ 22. Co la Città del Moscato Passito, anche Cerchiara di Calabria, Terranova da Sibari, Zagarise e Frascineto, membri calabresi dell'associazione nazionale “Città dell'Olio”. I cinque comuni calabresi parteciperanno all’evento “Sapore” che racchiude diversi segmenti del food. Oltre 400 buyer internazionali provenienti da tutti i continenti incontreranno le aziende espositrici.

 

SAPORE” sarà articolata sul “food” (catering, biocatering e gluten free, specialità regionali italiane ed estere, logistica; e poi “Frigus” l'expo dei prodotti surgelati e delle tecnologie per il ciclo del freddo); sul “beverage” (con “Selezione Birra” sulle birre speciali e artigianali italiane ed estere; “Divino Lounge” con vini, spumanti, champagne, grappe e distillati); sul “seafood e processing” (MSE, unico appuntamento b2b del mediterraneo che incorpora tutta la filiera ittica). – E poi “Oro giallo”, affiancato da una nuova, grande area organizzata dall'associazione nazionale “Città dell'Olio” e CMF. E “Cooking pasta”, esposizione e degustazione della pasta italiana.

 

Per il Comune di Saracena, saranno presenti numerose aziende: AgribioLa goccia Pura di Bloise Francesco, azienda agricola Diana di Diana, azienda agricola Linardi di Linardi Pasqualina ed E.F. Cosmesi della Dott.ssa Elisabetta Ferrara.

 

Da Cerchiara di Calabria ci saranno l'azienda agricola di Palazzo Lucia, Frantonio Oleario "Rovitti".

Mentre da Terranova da Sibari andranno a Rimini l'azienda agricola “Fontana di Pietra” di F.lli Santopaolo e “Fattoria” di Baffa Domenico.

Infine per la città di Zagarise, parteciperanno l'azienda agricola “San Carlo”, l’azienda agricola “Colosimo”, l’azienda agricola “Castellaci”, la famiglia Lucà, Oiland s.a.s di Pietro Catizzone, l’azienda agricola “Luciano Guercio” ed il Frantoio “Talarico”.

 

Obiettivo perseguito dalla delegazione calabrese: valorizzare il territorio con il coinvolgimento della filiera della ristorazione. Sarà veicolato l’evento ed a cui gli espositori potranno inviare il proprio olio che sarà promosso attraverso la carta degli oli che conterrà indicazioni degli oli extravergini e/o Dop degli espositori che vorranno aderire all’iniziativa. Il progetto coinvolgerà sia i bar e i locali del centro di Rimini per l’happy hour in cui si realizzeranno gli aperitivi utilizzando le olive da tavola e gli oli degli espositori presenti in Fiera, sia i negozi del centro della città le cui vetrine saranno addobbate con i motivi dell’olivo e dell’olio ed in cui sarà pubblicizzata l’iniziativa.

 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI