Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 28 Settembre 2020

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:585 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1295 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2031 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1562 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1540 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1507 Crotone

Cerrelli: Crotone campo p…

Lug 07, 2020 Hits:1785 Crotone

In risposta all’articolo pubblicato dal signor Valerio Caparelli sulla Gazzetta del Sud in data 10/03/2011, premesso che mai e poi mai avrei pensato minimamente che l’addetto all’ufficio di staff del sindaco, avrebbe portato ad una tale caduta di stile Palazzo “Santa Chiara”, utilizzando dei termini inappropriati e denigratori, per giunta rivolti ad un giovane che ha come unica colpa, quella di aver sollevato dei problemi interpellando in prima persona chi ora amministra in maggioranza il comune di San Marco Argentano.

A parte che come al solito non si risponde alle domande poste, che sono rivolte al sindaco e all’Amministrazione Comunale,  ribadisco sono:

la prima, perché non  si è scelto di inserire nello staff del sindaco un giovane sammarchese, considerato che sicuramente ce ne sono tanti con l’esperienza, la capacità organizzativa, le competenze  e i requisiti giusti?

La seconda: sono contento che si sia istituita la Consulta dei giovani e che le sia stato assegnato un modesto capitolo di spesa con fondi del bilancio comunale, ma perché, come proclamato in campagna elettorale, non è stato costituito un fondo da parte di quegli assessori che nei comizi si erano impegnati a devolvere la loro indennità per finanziare progetti realizzati da associazioni giovanili?

Sicuramente rispondere a questi quesiti è molto difficile perché evidentemente non c’è risposta, ma personalmente, visto che non mi batto per i diritti dei miei cittadini solo per smania di protagonismo, annuncio che questa sarà la mia ultima parola sui giornali, dopodiché farò parlare i fatti come ho sempre fatto.

Nell’articolo del signor Valerio Caparelli, inoltre, ho notato che per certa gente, ormai,  gli autoelogi sono il pane quotidiano,  così come anche la mancata conoscenza dei fatti.

Voglio ricordare che molte delle iniziative elencate nell’articolo mi hanno visto protagonista in prima persona, la consulta giovanile (richiesta dal Movimento Giovanile Sammarchese con data di protocollo del marzo 2007) e, specialmente, lo schiuma party che era il classico evento estivo (serata di discoteca) realizzato nella notte bianca, organizzato la prima volta quattro anni fa non da un’associazione ma da me in prima persona, coadiuvato da altre due persone, e che questa iniziativa non è mai stata finanziata da nessuna amministrazione comunale.

Con tutto ciò io non ho mai fatto di tutta l’erba un fascio, anzi apprezzo le iniziative personali di alcuni amministratori di questa attuale maggioranza, come la dottoressa Leonilda Artusi che, attraverso un apposito fondo,  dona la propria indennità di Presidente del Consiglio Comunale per la realizzazione di progetti da parte della commissione “Pari Opportunità”.

Perciò mi preme far risaltare che con la risposta al mio precedente articolo si cade un po’ in contraddizione, visto che da una parte è stato messo in risalto il mio ruolo di giovane impegnato sul territorio (forse ho anche più presenze da spettatore nei consigli comunali a discapito di chi è stato eletto).

Richiedo quindi un po’ di chiarezza:  o mi etichettate come un ragazzo che si impegna oppure come un bambino viziato e capriccioso.

Io certamente non mi autoelogerò come sono abituati a fare altri, lascio ai miei concittadini il diritto di giudicarmi.

 

Williams Verta

Membro del gruppo "Popolari e democratici"

 

Il centro diurno per diversamente abili preso di mira dai balordi. Ennesimo atto vandalico ai danni della struttura comunale. Tra Sabato 5 e Domenica 6 ignoti si sono introdotti nello stabile, forzando e rompendo i vetri della porta d’ingresso. Sono stati ritrovati, all’interno dei locali, mozziconi di sigarette e di spinelli. L’Assessore alle Politiche Sociali Filippo ASCIONE ai cittadini: denunciate.

“Non si contano quasi più –dichiara ASCIONE – le denuncie che, da un po’ di tempo a questa parte, l’Amministrazione Comunale continua a presentare nei confronti di chi, ormai sistematicamente, procura danni non solo alla struttura comunale, ma, in generale, alle attività portate avanti all’interno della stessa. Agli ospiti del centro diurno, infatti, vista la situazione, oggi, non è stato consentito di frequentare la struttura. Le forze dell’ordine, vista la denuncia presentata contro ignoti dal Comune, dovevano effettuare gli accertamenti di rito. E la porta dell’ingresso, così come l’insegna del centro diurno, mandate entrambe in frantumi, dovevano essere riparate. Per l’ennesima volta. La scoperta dell’ennesimo atto vandalico è stata fatta, questa mattina, dalle operatrici del servizio che hanno subito allertato amministratori e uffici competenti. L’appello – conclude ASCIONE - è ai cittadini: denunciare è un diritto prima che un dovere. Occorre fermare, insieme, questo fenomeno”.

 

100_2517

 

Nel segno dell’integrazione europea e dell’accoglienza. L’Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Castrovillari, Rosalia Vigna, ha incontrato, a nome e per conto dell’Amministrazione comunale,  nel Protoconvento francescano, portando il saluto della città e del sindaco, Franco Blaiotta, presente il consulente alla cultura Mario Vicino,  i ragazzi dell’Istituto scolastico spagnolo “Sagasta” di Logrogno , gemellati con il Liceo Scientifico “Mattei” del capoluogo del Pollino, grazie al progetto Socrates intitolato “ Europa Unida – Historia Unida”.

Durante la semplice, ma significativa cerimonia, a cui erano presenti i responsabili del progetto dei due istituti, Lucinio De Prado e Maria Clara Donato, oltre ad alcuni collaboratori dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione, l’amministratrice ha consegnato   ai 27 ragazzi ed ai 2 docenti iberici dei libri sulla storia della città di Castrovillari, esprimendo parole di soddisfazione e plauso per l’iniziativa didattico- educativa che queste scuole stanno portando avanti e volta a sviluppare l’integrazione culturale tra i popoli dell’Europa, una maggiore conoscenza della lingua straniera nella scuola e offrire una conoscenza del patrimonio artistico- linguistico- etnico delle realtà gemellate.

Obiettivi del programma internazionale, a cui il Liceo Scientifico non è nuovo, nel quale al centro vi sono l’acquisizione della lingua, la comunicazione, la conoscenza dei diversi ambiti europei ,la loro storia, l’arte e l’espressività.

Durante la manifestazione è stata consegnata, inoltre,  una targa da Lorena Martufi, in rappresentanza della Pro Loco di Castrovillari, al professore Oscar Hierro dell’istituto spagnolo anche per la partecipazione dei due istituti, con il gruppo mascherato “Roma Caput mundi”, alla 53^ edizione del Carnevale di Castrovillari.

“Iniziative del genere- è stato precisato durante l’incontro - , legate all’approfondimento delle lingue, delle tradizioni e delle culture, contribuiscono a creare in ciascun ragazzo consapevolezza delle proprie radici, allargando quegli orizzonti culturali che poi di fatto favoriscono il processo di crescita nel rispetto delle diversità.”

Interruzione alla pesca del bianchetto. Bene l’attenzione dell’Assessore TREMATERRA. La sensibilità istituzionale, però, non può porre rimedio al solito ritardo con il quale la Regione prende atto di provvedimenti normativi europei che, nel caso specifico, risalgono al 2006. Insufficiente il sostegno economico di soli mille e 350 mila euro a barca stabilito con decreto ministeriale. Occorre attivare l’osservatorio biologico economico e far partire i piani di gestione locale.

È quanto sostiene il Sindaco Filippo SERO alla luce dell’incontro tenutosi lo scorso Lunedì 1 Marzo a Catanzaro e indetto dall’Assessore regionale all’Agricoltura e Pesca On. Michele TREMATERRA,  per affrontare la crisi derivante dall’interruzione alla pesca del bianchetto imposta dalla normativa comunitaria.

 

Alla riunione ha preso parte anche l’Assessore provinciale alle Politiche del territorio Leonardo TRENTO.

 

«Viviamo – dichiara SERO – un momento particolarmente delicato per l’economia locale storicamente caratterizzata da una marineria commerciale che occupa numerose famiglie. Peraltro proprio la pesca del bianchetto rappresenta l’identità economica e di tradizione dei nostri uomini del mare. Sulla problematica registriamo con favore l’iniziativa dell’Assessore TREMATERRA che ha voluto incontrare, oltre alle associazioni di categoria anche le istituzioni locali, dimostrando, così, una forte attenzione su un settore strategico della nostra economia e una encomiabile sensibilità istituzionale. Ciò nonostante si deve rilevare che l’attenzione dell’Assessore regionale alla Pesca non può porre rimedio al solito ritardo con il quale la Regione prende atto di provvedimenti normativi europei che, nel caso specifico, risalgono al 2006. In questi anni certamente si sarebbero potute adottare misure che avrebbero messo il settore nelle migliori condizioni per affrontare questa crisi. Rispetto ai provvedimenti assunti, comunque, riteniamo del tutto insufficiente il sostegno economico di soli mille e 350 euro a barca stabilito con decreto ministeriale. Tale misura, per altro non da alcuna risposta ai lavoratori dipendenti. Riteniamo, quindi, necessario che la Regione dichiari lo stato di crisi che consentirebbe l’attivazione della cassa integrazione per quest’ultimi. Si dovrebbe inoltre attivare l’osservatorio biologico economico per far sì che si possano raccogliere quei dati scientifici ed economici che, adeguatamente immessi nel piano di gestione ministeriale, potrebbero consentire di ottenere l’autorizzazione da Bruxelles per il 2012. Infine bisogna far partire i piani di gestione locale».

Dopo essere stata istituita già pochi mesi dopo l’insediamento della nuova amministrazione comunale di San Marco Argentano, la Consulta dei Giovani si è finalmente dotata del suo primo Consiglio Direttivo. Attraverso una partecipata assemblea elettiva, presieduta dalla delegata consigliera comunale Alessandra Solamo, sono stati votati undici membri che costituiranno la vera anima di questo nuovo e importante organismo di rappresentanza giovanile. Fortemente voluta dall’amministrazione comunale e, in particolare, dall’assessore alle politiche giovanili Glauca Cristofaro, la Consulta dei Giovani consentirà ai suoi rappresentanti di partecipare attivamente alla vita politica della comunità, proiettandoli nella dimensione responsabile e sociale della pubblica amministrazione. La Consulta dei Giovani di San Marco Argentano non è solo una felice intuizione ma una reale opportunità per tanti giovani, visto che presto sarà inserita in quell’elenco di consulte giovanili che la Regione Calabria sta per istituzionalizzare. Sono stati eletti: Egidio Fasano (43  preferenze); Alessandro Di Cianni (40 preferenze); Gianluca Damaso (38 preferenze); Patrizia Rosanna Bruno (37 preferenze); William Aiello (34 preferenze); Marzia Di Scianni (32 preferenze); Cristian Tricanico (25 preferenze); Antonio Parise (22 preferenze); Luca Tudda (22 preferenze); Francesco Scarniglia (22 preferenze); William Verta (20 preferenze). L’assessore Glauca Cristofaro, nel formulare agli eletti i più sinceri auguri per l’affermazione ottenuta, esorta tutti gli iscritti a programmare presto le attività dell’organismo. “Tutti sanno – conclude la nota dell’assessore alle politiche giovanili – quanto sia importante per me la Consulta dei Giovani. Ho sempre creduto fortemente in questo sistema di rappresentanza giovanile, anche quando le cose sembravano prendere il verso sbagliato. Proprio questi momenti difficili mi hanno stimolato ad andare avanti, senza indugio. Perché capivo che è nella natura umana il bisogno froidiano di tentare di distruggere ciò che spesso, invece, costituisce una reale opportunità di crescita e di realizzazione delle attitudini dell’uomo. Oggi, prego solo i ragazzi di cogliere lo spirito autentico della Consulta, lasciando da parte egoismi e manie di protagonismo che alla fine non pagano ma, anzi, danneggiano ed isolano l’uomo, additandolo magari come tipo da evitare. A loro, nel rivolgere i miei auguri di buon lavoro, ricordo di operare con impegno e che i veri Grandi sono sempre le persone più modeste ed umili”. Alla prima occasione utile, l’assessore Glauca Cristofaro convocherà il Consiglio Direttivo affinché si provveda alla nomina degli organi interni.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI