Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 15 Dicembre 2019

Dopo essere stata istituita già pochi mesi dopo l’insediamento della nuova amministrazione comunale di San Marco Argentano, la Consulta dei Giovani si è finalmente dotata del suo primo Consiglio Direttivo. Attraverso una partecipata assemblea elettiva, presieduta dalla delegata consigliera comunale Alessandra Solamo, sono stati votati undici membri che costituiranno la vera anima di questo nuovo e importante organismo di rappresentanza giovanile. Fortemente voluta dall’amministrazione comunale e, in particolare, dall’assessore alle politiche giovanili Glauca Cristofaro, la Consulta dei Giovani consentirà ai suoi rappresentanti di partecipare attivamente alla vita politica della comunità, proiettandoli nella dimensione responsabile e sociale della pubblica amministrazione. La Consulta dei Giovani di San Marco Argentano non è solo una felice intuizione ma una reale opportunità per tanti giovani, visto che presto sarà inserita in quell’elenco di consulte giovanili che la Regione Calabria sta per istituzionalizzare. Sono stati eletti: Egidio Fasano (43  preferenze); Alessandro Di Cianni (40 preferenze); Gianluca Damaso (38 preferenze); Patrizia Rosanna Bruno (37 preferenze); William Aiello (34 preferenze); Marzia Di Scianni (32 preferenze); Cristian Tricanico (25 preferenze); Antonio Parise (22 preferenze); Luca Tudda (22 preferenze); Francesco Scarniglia (22 preferenze); William Verta (20 preferenze). L’assessore Glauca Cristofaro, nel formulare agli eletti i più sinceri auguri per l’affermazione ottenuta, esorta tutti gli iscritti a programmare presto le attività dell’organismo. “Tutti sanno – conclude la nota dell’assessore alle politiche giovanili – quanto sia importante per me la Consulta dei Giovani. Ho sempre creduto fortemente in questo sistema di rappresentanza giovanile, anche quando le cose sembravano prendere il verso sbagliato. Proprio questi momenti difficili mi hanno stimolato ad andare avanti, senza indugio. Perché capivo che è nella natura umana il bisogno froidiano di tentare di distruggere ciò che spesso, invece, costituisce una reale opportunità di crescita e di realizzazione delle attitudini dell’uomo. Oggi, prego solo i ragazzi di cogliere lo spirito autentico della Consulta, lasciando da parte egoismi e manie di protagonismo che alla fine non pagano ma, anzi, danneggiano ed isolano l’uomo, additandolo magari come tipo da evitare. A loro, nel rivolgere i miei auguri di buon lavoro, ricordo di operare con impegno e che i veri Grandi sono sempre le persone più modeste ed umili”. Alla prima occasione utile, l’assessore Glauca Cristofaro convocherà il Consiglio Direttivo affinché si provveda alla nomina degli organi interni.

Questo il tema del seminario di approfondimento sulle novità introdotte dalla Legge 136/2010,organizzato da ANCE Cosenza, che si svolgerà domani giovedì 3 marzo con inizio per le ore 10,30 presso la Sala Conferenze di Confindustria di Cosenza.

I lavori, aperti dal Presidente di ANCE Cosenza Natale Mazzuca, prevedono la relazione di Franca Cappelli, Dirigente dell’Area Legislazione Opere Pubbliche dell’Associazione Nazionale Costruttori Edili, che illustrerà gli aspetti relativi agli obblighi di tracciabilità, alle particolari tipologie di pagamento, all'ambito di applicazione della normativa, alle clausole contrattuali ed alle sanzioni. Seguirà il dibattito, moderato dal Direttore di Confindustria Cosenza Rosario Branda. Le conclusioni saranno affidate al Presidente di ANCE Calabria Francesco Cava.

“ANCE Cosenza – afferma il Presidente dei costruttori cosentini Mazzuca - è da sempre un convinto assertore della legalità quale  precondizione affinché le imprese possano operare nella massima trasparenza e con una concorrenza non alterata, particolarmente nel settore degli appalti pubblici. Siamo consapevoli che la tracciabilità dei flussi finanziari assume una grande importanza nel quadro delineato dal legislatore per fronteggiare la peculiare capacità della criminalità organizzata di infiltrarsi nei meccanismi di affidamento degli appalti pubblici al fine di riciclare il denaro proveniente da attività illecite. Ma è indubbio che la complessità del provvedimento abbia  causato seri problemi applicativi, con il conseguente blocco dei pagamenti da parte della Pubblica Amministrazione alle imprese e il rinvio della stipula di nuovi contratti di appalto per lavori, servizi e forniture. Proprio per questo il provvedimento, senza dubbio condivisibile, va capito e interpretato dalle aziende e dalle stazioni appaltanti per esplicare tutta la sua reale efficacia. Da qui il taglio tecnico, che abbiamo scelto di dare al seminario, per cercare di contribuire a sviscerare le novità introdotte dalla legge 136 del 2010 e a dipanare gli eventuali dubbi interpretativi.”

 

 

 

500 mila euro per la realizzazione di un impianto sportivo per il tiro al piattello. Nero su bianco, la firma della convenzione. Il Sindaco, giovedì scorso a Cosenza, per il finanziamento che consentirà a tutto il territorio, di praticare la disciplina sportiva. Attenzione costante, a 360 gradi, da parte dell’ente sovracomunale per il basso jonio cosentino. Il Primo Cittadino ringrazia la Giunta Provinciale.

La firma dell’intesa è avvenuta, presso gli uffici della Presidenza, alla presenza del Presidente Mario OLIVERIO, dell’Assessore allo Sport e all’Impiantistica sportiva Pietro LECCE e dell’Assessore all’Urbanistica e Governo del territorio, Leonardo TRENTO.

 

“Si tratta – ha dichiarato il Sindaco – di un ulteriore momento che giunge a conferma, giorno dopo giorno, dell’attenzione costante che l’Amministrazione Provinciale, presieduta dall’On.Mario OLIVERIO, destina alla nostra comunità, attraverso l’interessamento puntuale ed evidentemente proficuo dell’Assessore Trento. Ad entrambi non possono che andare i ringraziamenti del Comune di Cariati e, sicuramente, dell’intero territorio. La nuova opera, infatti, consentirà a tutto il territorio, di poter praticare questa nuova disciplina sportiva”.

 

3 MILIONI DI EURO. – A tanto ammontano i finanziamenti che, ad oggi, hanno interessato il territorio cariatese per la realizzazione di impianti sportivi. Dal campo del Varco, all’edilizia sportiva scolastica.

SLEDDOGONTHESNOW-NOVACCO-240211 (1)


Alla presenza del Presidente della Provincia Mario OLIVERIO, gli alunni dell’Istituto comprensivo Primo Levi di Saracena, sono stati stamani protagonisti a Novacco per l’ultimo giorno dedicato alla tappa sul Pollino dell’evento itinerante “SLEDDOG ON THE SNOW”, partito nei giorni scorsi dalla SILA.

 

Ha espresso soddisfazione il Presidente OLIVERIO, insieme al Sindaco della Città del Moscato Passito Mario Albino GAGLIARDI, per l’ottima riuscita dell’iniziativa che, da quest’anno, è stata estesa anche al Pollino. Un’esperienza, sportiva, naturalistica e di promozione della montagna e del turismo – ha detto OLIVERIO – che va sostenuta in futuro perché impreziosisce quell’idea di sviluppo sostenibile sulla quale come Provincia di Cosenza stiamo investendo da anni.

 

Diversi equipaggi formati da 5 istruttori e da 25 cani da slitta, hanno dato la possibilità ai giovani studenti del posto, insieme ai tanti turisti, di vivere, nello sport, questo immenso patrimonio montano. Oltre alla natura, i bimbi si sono dovuti mostrare amanti e rispettosi dei 25 siberian husky, che per ore hanno trainato le slitte sui circuiti innevati.

 

A scrutare gli alunni della Primo Levi, nei loro giochi e nelle loro gare, c’erano anche le telecamere di SKY e della RAI che hanno potuto realizzare diversi servizi sull’originale evento, ed immortalare e promuovere, quindi, uno dei luoghi più belli del Parco del Pollino (dal pianoro di NOVACCO a quello di MASISTRO), l’identità e le tradizioni enogastronomiche (presso il ristorante-rifugio “Il Monarca”), così come le escursioni con le trespole e con gli sci, organizzate dall’Associazione cittadina Sci Club Leone VIOLA.

 

SLEDDOGONTHESNOW-NOVACCO-240211

 

Ieri, mercoledì 23, è stata la volta di 47 bambini, delle 3 classi, due quarte ed una quinta, dell’istituto primario Primo Levi.

 

Oggi Giovedì 25, a giocare con gli slittini e a rotolarsi sulla neve, sono stati 67 studenti dello stesso istituto comprensivo secondario.

 

Molte famiglie provenienti da altri comuni calabresi, ma anche da altre regioni limitrofe, attratte dall'evento, hanno portato i propri bimbi ad assistere e a giocare sulla neve con gli slittini, con le trespole e con gli sci.

 

Si sono conclusi gli incontri con la popolazione sammarchese sul Piano Strutturale Comunale, voluti fortemente dall’attuale amministrazione comunale, nel solco di quella partecipazione democratica dei propri cittadini alla vita amministrativa e programmatica del Comune di San Marco Argentano. Elaborato nel rispetto della legge regionale n. 19 del 2002 e secondo le relative linee guida della normativa nazionale pertinente, il PSC ha validità giuridica a tempo indefinito e, sulla base degli indirizzi espressi dalla popolazione locale, traccia l’assetto e lo sviluppo del territorio. La volontà del sindaco Alberto Termine e della sua giunta, in controtendenza con quanto avvenuto sino ad ora, di far partecipare alla discussione programmatica del Piano l’intera comunità sammarchese ha sortito effetti benefici sulla redazione dello stesso, raccogliendo i favori e i complimenti di molte parti politiche. Adesso, nell’arco di un paio di mesi, si passerà all’approvazione del Piano, congiuntamente al Regolamento Edilizio Urbanistico (REU), che costituisce parte integrante dello stesso PSC. Un atto dovuto che comporta automaticamente l’abrogazione e la sostituzione del Programma di Fabbricazione e le sue varianti, nonché del Regolamento Edilizio comunale vigente. “Questo Piano – ha affermato il primo cittadino di San Marco Argentano – nasce, nella sua preparazione, sotto l’egida di principi basilari e condivisibili per una comunità avanzata come quella di San Marco Argentano. Tra le sue componenti principali abbiamo tenuto ben presente il fondamento della sostenibilità dell’azione, della sua sussidiarietà e della più ampia partecipazione dei cittadini. Come finalità, i nostri validi tecnici comunali, insieme a quelli esterni, hanno tenuto conto della promozione dello sviluppo locale inseguendo il miglioramento della qualità della vita di chi vi risiede o frequenta quotidianamente la nostra cittadina. Non abbiamo tralasciato, ovviamente, le bellissime risorse naturali e antropiche di cui siamo dotati, così come sono stati utili nel tracciare le linee del nostro Piano tutte le caratteristiche socio-economiche e le attività produttive presenti e attive sul nostro territorio. Ringrazio tutti i cittadini per aver contribuito al nostro lavoro di raccolta di idee e i nostri tecnici per aver accolto le nostre sollecitazioni politiche, consentendo a questa amministrazione di lasciare un’impronta importante nella storia urbanistica di questa città”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI