Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 16 Febbraio 2020

Si terrà domani, dopo un necessario rinvio a causa di problemi logistici, la seconda edizione del Premio TOGA, un ambito riconoscimento per il mondo della magistratura, istituito dal prof. Franco Scorza, Procuratore Generale della Repubblica, on. Corte di Cassazione. Organizzato in collaborazione con la Biblioteca Nazionale "Emanuele Conti" di San Marco Argentano e patrocinato dalla locale amministrazione comunale, l’incontro si terrà sabato 09 aprile alle ore 10 presso la sala consiliare di palazzo Santa Chiara. Dopo i saluti del sindaco della cittadina normanna, Alberto Termine, e dell’assessore alla cultura, Anna Maria Di Cianni, seguirà l’introduzione del responsabile della Biblioteca Comunale di San Marco Argentano, Ivan Gaudio. Nell'invito si legge "L'amministrazione comunale è lieta di invitarvi all'eccezionale evento che rinnova ed esalta il tradizionale ruolo di promozione culturale della nostra città e la riconferma quale sensibile interprete del supremo valore della Giustizia". Il premio è dedicato alla memoria di Lyda Amodei Scorza, madre di Franco Scorza. La prima edizione ha visto assegnato il premio al giudice Maria Carmela Magarò di Rende. Per la seconda edizione il premio sarà assegnato al giovanissimo giudice (33 anni) Marco Bilotta di Cosenza, che interverrà all’interno della manifestazione con delle brevi considerazioni sull’importanza del riconoscimento ricevuto. La conclusione della manifestazione è riservata doverosamente all’ideatore del premio, il prof. Franco Scorza. Ricordiamo che il Premio TOGA viene affidato tra uno dei vincitori dei concorsi di magistratura, ogni qualvolta vengono banditi, con questa modalità di scelta: 1. viene assegnato ad uno dei vincitori, purché residente a San Marco Argentano; 2. mancando la prima eventualità, il premio viene assegnato ad uno dei vincitori, purché residente in uno dei comuni della provincia di Cosenza; 3. mancando le prime due eventualità, il premio viene assegnato ad uno dei vincitori, purché residente in uno dei comuni della regione Calabria.

Lungomare Cristoforo Colombo. Parte dal prossimo  SABATO 9 APRILE , il divieto di circolazione e sosta per i veicoli a motore. Sarà in vigore PER TUTTI I SABATO e i giorni vestivi a seguire e dovrà essere osservato DALLE ORE 17 ALLE ORE 21.

A darne notizia è il Comandante della Polizia Municipale Pietro DE LUCA.

 

L’ordinanza si rende necessaria per disciplinare il traffico ed evitare incidenti a cittadini e turisti che, visto l’inizio della stagione primaverile, cominciano a frequentare maggiormente il lungomare.

L’ordinanza, quindi, vieta di circolare e sostare con veicoli a motore di qualsiasi cilindrata e ordine per tutti i SABATI ed i giorni festivi a partire dal prossimo Sabato 9.

In data odierna, i Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Cosenza hanno proceduto al sequestro preventivo di beni patrimoniali, per un valore complessivo di mercato di circa mezzo milione di euro, nei confronti di PATITUCCI Francesco di Rende (CS), pluripregiudicato cosentino.

 

Il provvedimento di sequestro, emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Cosenza, dr.ssa Lucia Angela MARLETTA, su richiesta del Procuratore Capo, Cons. dr. Dario GRANIERI, e del Sostituto Procuratore, dr. Giuseppe CAVA, riguarda un fabbricato ed un terreno iscritti al catasto del comune di Rende (CS).

 

Si tratta di una speciale misura cautelare disposta ai sensi dell’articolo 30 della normativa antimafia, in base alla quale la situazione patrimoniale dei soggetti indiziati di appartenere ad associazioni mafiose o che vivono abitualmente con i proventi derivanti da attività delittuose viene costantemente monitorata, avendo tali soggetti, per dieci anni, l’obbligo di comunicare al Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza tutte le variazioni che intervengono nel proprio patrimonio di importo non inferiore a poco più di 10.000 euro.

 

Se ciò non avviene, scattano gravi sanzioni seguite dalla confisca dei beni non segnalati o del corrispettivo derivante dalla loro alienazione.

 

In questo senso, le complesse ed articolate indagini patrimoniali, disposte dai suddetti Magistrati e svolte con estrema perizia dalle Fiamme Gialle, hanno consentito di appurare che il PATITUCCI, già sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di P.S., nonché condannato in via definitiva per il delitto di associazione per delinquere di stampo mafioso (416bis) aveva omesso di comunicare le variazioni nella composizione del suo patrimonio.

 

Quella odierna è un’ulteriore importante operazione finalizzata all’aggressione dei patrimoni illecitamente accumulati dalla criminalità.

 

No alle stabilizzazioni “di massa”; sì all’accesso tramite concorso. Piace ad Otto Torri sullo Jonio la sentenza della Corte costituzionale verso la stabilizzazione dei lavoratori socialmente utili presso la Regione Calabria. Salvo il principio dell'accesso mediante concorso agli impieghi nella Pubbliche Amministrazioni. Stop alle mortificazioni per centinaia di migliaia di giovani disoccupati ignorati a beneficio di soggetti che sono stati selezionati senza arte né parte.

 

DICHIARAZIONE AVV. EDOARDO LO GIUDICE

 

“Esprimiamo soddisfazione per la recente sentenza della Corte costituzionale, con la quale ha dichiarato la illegittimità costituzionale di alcuni importanti articoli della legge della Regione Calabria 26/2/10 n. 8, volta a disporre la stabilizzazione senza concorso di LSU. La consulta con questa (ennesima) pronuncia riafferma il principio dell'accesso mediante concorso agli impieghi nella PA, sancito dall'articolo 97 della Costituzione, respingendo così l'ennesimo assalto alla diligenza da parte degli enti locali mediante leggine ispirate a logiche clientelari, varate in tutta fretta in prossimità di elezioni. A nostro avviso questi tentativi di stabilizzazioni "di massa", al di là degli aspetti giuridici, sono eticamente scorrette, perché rappresentano una mortificazione per le centinaia di migliaia di giovani disoccupati ignorati a beneficio di soggetti che sono stati selezionati senza concorso, in ossequio a logiche che non hanno nulla a che fare con il merito e l'intelligenza. Resta la frustrazione di assistere a questi continui tentativi che purtroppo sono destinati ad affossare moralmente, prima che economicamente il mezzogiorno. Tutto ciò mentre il Paese è chiamato ad affrontare grandi sacrifici per ridurre la spesa e bloccare la crescita del debito pubblico. Il nostro invito alle classi dirigenti è ad usare buon senso e sobrietà, per il bene di tutti, per il bene del Paese”.

 

L’istituto Comprensivo di Campora S. Giovanni  ha tributato ovazioni da stadio ai circa 70 ex compagni di studi che hanno vinto la prova quiz  a livello nazionale,  nell’ edizione  2009/2010 del  Concorso Playenergy.

A ricevere il riconoscimento per l’ottimo risultato raggiunto, sono stati infatti 70 ragazzi, ormai studenti nei vari licei della provincia, che oggi si sono ritrovati di nuovo insieme per  festeggiare con i loro  vecchi docenti e con la dirigenza dell’istituto.

La consegna del riconoscimento  ai ragazzi è avvenuta nell’ambito di una manifestazione più ampia dedicata ai temi del risparmio energetico e  della tutela dell’ambiente  organizzata dall’Architetto Sergio La Carbonara, docente nell’Istituto Comprensivo,  con il sostegno del dirigente e di tutti i suoi collaboratori.

Coordinata  da Manuele Fiore, Consulente didattico Campania/Calabria per La Fabbrica srl, la giornata è stata aperta dai saluti  e dall’intervento del padrone di casa, il  dirigente scolastico Tommaso Fazio.

Come  tenere dei comportamenti virtuosi, e quindi eco-compatibili è stato il fulcro  degli interventi dei giornalisti Rino Muoio e Antonio Cima, i quali hanno anche auspicato  che le nuove generazioni siano più   sagge e previdenti  nella gestione della loro presenza sulla terra  di quanto non lo siano state le generazioni che le hanno preceduto.

La discussione è stata impreziosita dall’amarcord  del Sindaco di Amantea, Francesco Tonnara, che si è soffermato soprattutto sul percorso di sviluppo che la comunità calabrese ha realizzato negli ultimi decenni illustrando anche gli impegni che l’amministrazione comunale ha assunto  per lo sviluppo e la diffusione degli impianti di produzione da fonte rinnovabile.

A sottolineare la considerazione nella quale  l’amministrazione comunale di Amantea  ha  tenuto la manifestazione organizzata dall’Istito Comprensivo di Campora S. Giovanni, anche la presenza del vicesindaco Luciano Cappelli.

Di particolare rilievo  l’intervento del  Coordinatore Regionale di Fare Ambiente, Antonio Iaconetti, che oltre a spiegare  la mission della sua organizzazione ha lodato l’iniziativa “ adotta un alberello lanciata da Enel che,  già da qualche tempo,  ha sostituito i gadget  aziendali (cappellini, magliette  ecc. ) con un kit ecologico, finalizzato a far nascere un nuovo albero.

Enel e L’Ufficio Scolastico Regionale,  diretto da  Francesco Mercurio,  hanno avviato all’inizio della nuova  edizione di Playenergy, la consegna  alle scuole che ne faranno richiesta del    kit per piantumare le aiuole del plesso di appartenenza  o una zona brulla della loro città.

 

QUALCHE NOTA SUL PROGETTO  PLAYENERGY

L’edizione 2010/2011 del progetto  è stata  presentata all’assemblea dei dirigenti scolastici della provincia di CS,  il 10 marzo 2011,  presso l’aula magna dell’    ITIS  Monaco di Cosenza.

Anche quest’anno Enel, con il concorso PLAYENERGY PREMIA LE IDEE VINCENTI, accompagna migliaia di studenti, in Italia e nel mondo,  alla scoperta del pianeta dell'energia e degli strumenti di tutela dell’ambiente,  promuovendo, d’intesa con le Istituzione Scolastiche, un concorso mediante il quale i ragazzi sono sollecitati a dar fondo al loro estro per proporre idee nuove dalle quali possa trarsi qualche soluzione ai problemi che affliggono il pianeta. L’ iniziativa  mira, sempre di più,    ad  aumentare  il grado di sensibilizzazione in tema di produzione e risparmio di energia e più in generale al rispetto per l’ambiente.

Così come nelle altre edizioni del concorso, bambini e ragazzi potranno scegliere di partecipare a una sola o a entrambe le prove previste:  potranno scegliere di cimentarsi con la sola Prova Quiz, cioè con le tante domande a risposta multipla, oppure impegnarsi con la nuovissima Prova Progetto " E tu di che energia sei?" che chiama  tutti a raccolta per trovare il giusto mix di energie.

Il  progetto  promosso da Enel,  è giunto alla sua ottava edizione, e come sempre  ha come scopo quello di portare nella scuola i temi dell’energia sostenibile.

In questa edizione gli studenti sono sollecitati a passare da scelte di carattere emozionale del tipo, “il sole è bello” a scelte più consapevoli, del tipo “ il sole è bello, ma da solo non basta a soddisfare il  nostro bisogno di energia, magari bisogna anche pensare a non sprecare”.

Play Energy è rivolto  alle scuole Primarie, Secondarie di 1° e 2° grado.

L’ iniziativa  mira,sempre di più,    ad  aumentare  il grado di sensibilizzazione in tema di produzione e risparmio di energia e più in generale al rispetto per l’ambiente.

Il progetto di Enel, prevede la distribuzione gratuita dei kit didattici differenziati a seconda delle classi, per offrire un percorso in cui è possibile coniugare teoria, esperimenti, dati aggiornati sulla situazione energetica, interviste ai protagonisti della scienza e scoperte all’avanguardia.

Ma non è finita, infatti PlayEnergy edizione 2010/2011 organizza eventi ed iniziative, 10 appuntamenti a livello nazionale con autorevoli ospiti del mondo scientifico, un Tour dell’Energia con installazioni interattive ed un master che si avvale di ricercatori universitari

Ed ancora, a Play Energy è affiancata la quinta edizione del Master PlayEnergy, dedicata  agli studenti delle classi 4a e 5a della scuola secondaria di secondo grado per approfondire alcune importanti tematiche scientifiche con l'ausilio di ricercatori universitari.


Insieme agli studenti italiani sono coinvolti in un viaggio unico, da percorrere con le lenti dello scienziato ma anche con lo spirito del gioco,
gli studenti di  Bulgaria, Cile, Costa Rica, Grecia, Guatemala, Panama, Romania, Russia, Slovacchia e Stati Uniti.

 

LE PROVE

 

PROVA PROGETTO

La prova progetto impegnerà gli studenti delle scuole primarie e le scuole  secondarie  di I e II grado, chiedendo loro, dai più piccoli ai più grandi,  di  scegliere il mix di energia che ritengono  utile per risolvere i problemi Ambientali, manifestando la  “simpatia ragionata  " per una fonte di produzione di energia.

Tutti potranno tirare fuori dal cassetto le loro idee per presentarle al pubblico con  piena libertà di scelta, con qualunque modalità  espressiva: tutte le idee possono  prendere la forma di disegni, fumetti, fotografie, video, scritti, plastici, collage, giochi in scatola, spettacoli teatrali, puzzle...
Le prove saranno valutate  da Giuria regionale: che selezionerà, per ogni Regione, il primo classificato per ciascuna categoria (Primaria, Secondaria di Primo e Secondo Grado) in base a criteri di attinenza al tema, creatività, coerenza, fattibilità.

La giuria regionale  potrà assegnare anche delle menzioni speciali che consentiranno l’accesso ala selezione nazionale.

Una Giuria Nazionale  valuterà i progetti selezionati a livello regionale e determinerà i primi tre classificati di ogni grado scolastico.

PROVA QUIZ.

La prova si svolge on-line  e sarà assegnato un simpatico premio a tutte le classi che raggiungeranno il punteggio massimo

Al concorso sono chiamate a partecipare anche le scuole di Bulgaria, Cile, Costa Rica, Grecia, Guatemala, Panama, Romania, Russia, Slovacchia e Stati Uniti.
Studenti e insegnanti hanno a disposizione, on e off line, lezioni ed esperimenti su scienza ed energia, curiosità dal mondo e attività da sviluppare in classe.

Playenergy è anche incontro con gli scienziati che gireranno le città italiane per portare i temi della scienza, della ricerca e delle nuove tecnologie agli  studenti delle scuole superiori.

Il  Master  è riservato a 15 classi che vi accederanno superando  un test di ammissione: una batteria di 15 domande a risposta multipla con cui si dovranno cimentare nell’area riservata del sito playenergy.enel.com dal 31 gennaio al 7 febbraio 2011.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI