Giorno 20 dicembre 2010 il Dirigente del Servizio provinciale di Catanzaro dell’A.Fo.R. (Azienda Forestale Regionale della Calabria), ing. Francesco Antonio Faga', ha dato accoglienza al neo gruppo di Sorveglianti Idraulici insieme all’ing. Felice Meta, responsabile tecnico del suddetto servizio per il territorio della provincia di Catanzaro. L’AFOR, a cui è demandata la gestione del demanio boschivo regionale, oltre a concorrere alla valorizzazione delle attività agro-silvo-pastorali e turistiche nelle aree interne (collinari e montane) coopera al miglioramento delle condizioni di vita e di sicurezza delle popolazioni interessate; da oggi, il Servizio di Sorveglianza idraulica dei bacini idrografici concorrerà ad aumentare l’attività di prevenzione del rischio idraulico. La nuova attività sarà espletata da circa ottanta nuovi assunti distinti fra Ufficiali Idraulici, Sorveglianti e digitalizzatori dei dati pervenuti. “Obiettivo dell’ AFOR” ha detto l’ing. Fagà “è quello di rendere efficiente ed efficace il Servizio di Sorveglianza Idraulica appena attivato per cui, la qualità dei dati raccolti sul territorio dovrà essere corretta e dettagliata poiché, sulla base di questi ultimi potranno elaborarsi progetti tecnici che mirino a ridurre il rischio sia idraulico che idrogeologico del territorio catanzarese”. Registrata come novità del Servizio Provinciale AFOR di Catanzaro Ente, la presenza delle donne nella proprio compagine di forza lavoro, istituita dunque dal Dirigente Fagà la Commissione ‘Quote Rosa’ che affronterà la problematica delle Pari Opportunità.
Per l’AFOR, oggi amministrata dal Commissario ing. Pierluigi Mancuso e diretta dal giovane Direttore Generale ing. Francesco Tarsia si auspicano buone prospettive a favore dell’inserimento lavorativo dei Sorveglianti Idraulici che – aggiunge Fagà - “può essere possibile solo se concepito come servizio efficace e non come ammortizzatore sociale”.

afor