Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 22 Settembre 2019

Un lavoro corale, non solo per il progetto di alternanza scuola-lavoro ma anche nella realizzazione del video che ha ottenuto il primo premio, a livello territoriale per la provincia di Matera, al Concorso Storie di Alternanza. A vincere questa prima fase del concorso è stata la classe V A del corso d’informatica dell’Istituto tecnico settore tecnologico Liceo scientifico opzione Scienze applicate “Giovanni Battista Pentasuglia” di Matera. Classe che parteciperà, come da bando, alla fase nazionale del Premio Storie di Alternanza.

Gli alunni della V A sono stati premiati, questa mattina all’IIS Pentasuglia, dal presidente della Camera di commercio di Matera Angelo Tortorelli e dalla presidente della commissione giudicante la docente Elvira Bianco.

Nel consegnare ai ragazzi gli attestati, il presidente Tortorelli ha sottolineato l’importanza dell’alleanza fra scuola e imprese: “Il premio Storie di Alternanza, promosso da Unioncamere e dalle Camere di commercio italiane, vuole valorizzare e dare visibilità ai racconti di progetti d’alternanza scuola-lavoro ideati, elaborati e realizzati dagli studenti e dai tutor degli Istituti scolastici italiani di secondo grado – ha detto Angelo Tortorelli, presidente della Camera di commercio di Matera – racconti che, come nel caso del video realizzato dalla V A dell’IIS Pentasuglia, mettono in risalto la positiva interazione che nasce fra scuola e imprese grazie ai percorsi di alternanza scuola – lavoro”.

Gli alunni del Pentasuglia di Matera, coordinati dal docente Franco Lascaro e con l’ausilio di tutto il corpo docente, hanno realizzato un video racconto di quasi sei minuti. Dalla sceneggiatura, alla ripresa e montaggio delle immagini, i ragazzi sono stati protagonisti del video. In pochi minuti hanno condensato il lavoro svolto in un’azienda di medie dimensioni di Gravina in Puglia: «Progettazione e realizzazione di un Database per la gestione del personale della società FEMA».

La Camera di commercio di Matera ha assegnato anche un secondo premio, nei giorni scorsi i docenti e gli studenti dell’Istituto d’istruzione superiore "Isabella Morra" di Matera hanno ricevuto gli attestati di merito.

Le contingenze della vita possono portare a contrarre debiti, è capitato anche a Maurizio Costanzo. A raccontarlo è stato lo stesso Costanzo in collegamento video da Roma con la sala convegni della Camera di Commercio di Matera dove, ieri mattina, si è svolto un incontro dibattito sul sovraindebitamento.

“Quando ero un ragazzo, ho fatto anch’io dei debiti – ha detto Costanzo - avevo 17 anni, mio padre era venuto a mancare a mia madre e mia zia si erano ammalate. Iniziavo allora a lavorare come giornalista e, per gli impegni lavorativi, non potevo accudirle. Ho contratto dei debiti per garantire ai miei familiari la necessaria assistenza. Per fortuna il lavoro è proseguito nel migliore dei modi e ho potuto estinguere i debiti”.

In un periodo storico ancora sotto lo scacco della crisi economica, i cui effetti si faranno sentire ancora a lungo come dichiarano gli economisti, riuscire a estinguere i debiti può risultare più complesso. Esistono degli strumenti di legge, come quello della Composizione delle crisi da sovraindebitamento: una seconda chance che può portare fino all’esdebitazione: il beneficio della liberazione dei debiti non onorati.  A gestire l’iter per il sovraindebitamento è l’Organismo Sovraindebitamento Unioncamere Basilicata, unico soggetto in Basilicata a essere iscritto (n.59 dal luglio 2016) al Registro tenuto dal Ministero della Giustizia. Ed è per divulgare sempre più questa possibilità, riservata a imprenditori e consumatori, che la Camera di Commercio di Matera ha organizzato il convegno Se potessi avere mille euro al mese. Perché le famiglie s’indebitano, rimedi per non essere travolti. All’incontro, con testimonial il giornalista Maurizio Costanzo, hanno partecipato due classi del Liceo scientifico Dante Alighieri e dell’Istituto tecnico commerciale Adriano Olivetti di Matera. Nutrito il parterre dei relatori, all’incontro hanno portato i saluti istituzionali il Prefetto Antonella Bellomo e il sindaco Raffaello De Ruggieri. seguirà I lavori, moderati dal giornalista Edmondo Soave, sono stati introdotti  dal presidente del Tribunale di Matera Giorgio Pica. A relazione sugli aspetti tecnici sono stati l’avvocato Paolo Porcari, la vice segretario generale Unioncamere Tiziana Pompei e la psicologa Caterina Rotondaro. Don Basilio Gavazzeni, della Fondazione lucana antiusura Mons. Vincenzo Cavalla, ha offerto una sua riflessione.

“Da ottobre 2016 l’Organismo Sovraindebitamento Unioncamere Basilicata ha offerto consulenza gratuita a quanti si sono rivolti per ottenere informazioni – ha spiegato il presidente della Camera di commercio di Matera, Angelo Tortorelli - delle tante richieste d’aiuto giunte, sono 32 le domande depositate e, per 17 di queste, è già stato avviato l’iter. Le altre 15 sono in fase d’istruttoria. Delle 17 pratiche istruite, 13 casi riguardano la provincia di Matera e 3 quella di Potenza. Riteniamo che ci siano ancora molte famiglie che potrebbero rivolgersi al nostro sportello, in via Lucana a Matera, o a quello aperto presso la Camera di commercio di Potenza. Un senso del pudore a rappresentare le situazioni di difficoltà, spesso, porta a non chiedere aiuto. Con il convegno di questa mattina abbiamo voluto trasmettere il messaggio che esiste una possibilità per liberarsi dei debiti e l’invito e a rivolgersi ai nostri uffici per valutare se si può accedere allo strumento del sovraindebitamento”.

Tutte le informazioni per conoscere chi può e quali requisiti deve avere per accedere a questo strumento di legge, quali documenti e in che tempistica presentarli, sono rintracciabili sul sito di Unioncamere Basilicata al link http://www.bas.camcom.it/P42A202C13S10/Crisi-da-sovraindebitamento--la-modulistica.htm

L’ufficio Mediazione della Camera di Commercio di Matera – in via Lucana, 82 - tel. 0835.338411 – è a disposizione per offrire informazioni e supporto.

Azioni sinergiche e di supporto alle imprese lucane e del materano in territorio spagnolo, eventi di promozione per Matera 2019 e la possibilità di realizzare progetti in ambito comunitario, sono stati questi i temi dell’incontro di mercoledì 25 ottobre fra la Camera di Commercio di Matera e la Camera di Commercio italiana di Barcellona.

Nella città catalana il presidente Angelo Tortorelli e il segretario Luigi Boldrin della Camera di Commercio di Matera hanno incontrato il presidente Igor Garzesi e il segretario Federica Falzetta della Camera di Commercio italiana di Barcellona.

“C’è grande interesse per la città di Matera e per l’imminente anno in cui sarà Capitale europea della Cultura. Interesse che abbiamo potuto riscontrare nei giorni scorsi a Verona e, adesso, anche a Barcellona. – afferma il presidente della Camera di Commercio di Matera Angelo Tortorelli – con il presidente Garzesi abbiamo avuto un positivo confronto su iniziative di promozione, destinate al pubblico catalano, per Matera 2019. Attività da realizzare tramite la Camera di Commercio di Matera e che ci vedranno impegnati nei prossimi mesi”.

Il tavolo di lavoro ha posto l’accento anche su possibili accordi fra alcune Camere di Commercio spagnole nel cui territorio insistono beni Unesco, come Terragona con l’Ensemble Archeologico di Tárraco. Non da ultimo si sono poste le basi per la realizzazione di progetti comuni in ambito europeo.

“Un incontro proficuo quello di giovedì pomeriggio alla Camera di Commercio di Matera che ha visto la partecipazione attenta e qualificata di dirigenti scolastici, associazioni di categoria e imprese sul tema dell’Alternanza scuola-lavoro”.

E’ quanto afferma il presidente della Camera di Commercio di Matera all’esito dell’appuntamento organizzato per divulgare le iniziative e i servizi messi in campo dal sistema camerale per dare ulteriore impulso all’alternanza scuola-lavoro e per presentare i bandi pubblici per contributi/voucher a imprese che partecipano a questi percorsi di professionalizzazione delle competenze acquisite a scuola. I contributi/voucher intendono favorire la progettazione di percorsi di qualità e concorrono coprire le spese che le imprese che ospitano gli studenti sostengono.

“A breve i bandi saranno pubblicati sul sito dell’ente camerale – prosegue il presidente Tortorelli – per accedervi è necessario che le imprese siano iscritte al Registro Nazionale per l’alternanza scuola-lavoro (RASL) istituito presso le Camere di commercio. Per effettuare tale iscrizione, che ricordo è  del tutto gratuita, è possibile chiedere assistenza alla Camerali di Commercio di Matera”.

I bandi emessi dalle Camere di commercio in ciascun territorio si possono consultare sulla pagina web di UNIONCAMERE:

http://www.unioncamere.gov.it/P42A0C3489S147/contributi-alle-imprese-per-l-alternanza.htm

Nel corso dell’incontro sono stati illustrati i risultati del Progetto Excelsior e il premio “Storie d’Alternanza”. Dedicato a tutti gli studenti che effettuano i percorsi di alternanza scuola-lavoro e che vorranno raccontare la propria esperienza con un breve video, il premio “Storie d’Alternanza” consentirà, dopo una selezione a livello provinciale, di concorrere a livello nazionale a un cospicuo premio in denaro.

Per partecipare al Premio è necessario inviare alla Segreteria organizzativa di Unioncamere all'indirizzo e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e alla Camera di Commercio di Matera : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. la seguente documentazione: 1) domanda di iscrizione;2) racconto in forma di video; 3) scheda di sintesi relativa ai risultati del progetto di Alternanza scuola-lavoro;4) liberatoria.

La documentazione deve pervenire entro: Sessione II semestre 2017 - dal 1 settembre al 27 ottobre 2017 e Sessione I semestre 2018 - dal 1 febbraio al 20 aprile 2018.

Musica sacra, quasi inedita per le moderne sonorità della fisarmonica, uno sguardo all’Europa nell’incontro tra due grandi virtuosi di Parigi e Mosca del mantice e la consueta attenzione ai giovani interpreti con i vincitori del Primo Premio Assoluto nella categoria di musica da camera per ensemble di fisarmoniche nel “41° Premio Internazionale di Fisarmonica - Città di Castelfidardo”.

Sono questi gli ingredienti dell’edizione 2017 del Fadiesis Accordion Festival. 
In programma a Matera dal 13 al 15 ottobre per poi proseguire dal 20 ottobre al 5 novembre in Friuli, il festival internazionale fisarmonicistico è organizzato dall’Associazione musicale Fadiesis. Giunta alla sesta edizione a Matera e alla settima a Pordenone, la rassegna per il 2017 si articolerà sul tema Sconfinamenti.

“Sconfinare è la motivazione prima del nostro progetto – spiega il direttore artistico del Fadiesis Accordion Festival Gianni Fassetta - che intende espandere le potenzialità della fisarmonica oltre la sfera folclorica entro la quale è stata relegata, per proiettarla in nuovi territori musicali e artistici: dalla musica classica a quella contemporanea, dalla musica sacra al jazz etnico”.

Ed è con il prezioso repertorio della musica sacra che si apre venerdì 13 ottobre a Matera la sesta edizione lucana del Fadiesis Accordion Festival: per la sezione Mantice Sacro la voce di Rita Ciccarone, sarà accompagnata dal clarinetto di Massimo Santaniello, dal violoncello di Francesco Ferraraini e dalla fisarmonica di Gianni Fassetta. Quattro interpreti di livello internazionale, per un concerto di musica sacra con l’inedita partecipazione della fisarmonica, qui denudata della sua popolare modernità, per accompagnare, con la purezza di un organo antico, un repertorio che attraversa cinque secoli.

“Con la disponibilità dell’Arcidiocesi di Matera – Irsina anche quest’anno apriamo il Fadiesis con un concerto a ingresso gratuito nella chiesa di San Francesco da Paola – afferma Gennaro Loperfido, referente per la Basilicata dell’associazione musicale friulana Fadiesis – rinnoviamo con il supporto di don David Mannarella quest’appuntamento risultato tanto gradito al pubblico lo scorso anno”.

La rassegna proseguirà, nelle serate di sabato 14 e domenica 15 ottobre all’auditorium Raffaele Gervasio, con due concerti d’eccezione. Alle 20,30 di sabato 14 si potrà ascoltare il duo Paris-Moscou, la fisarmonicista francese Dominique “Domi” Emorine, con l’affiatato compagno il fisarmonicista russo Romanov Jbanov. I due grandi virtuosi del mantice sapranno coinvolgere gli spettatori in un avvincente viaggio musicale tra due universi e due culture, dalla Russia alla Francia, con continue fermate in tanti Paesi d’Europa e del mondo e con irresistibili momenti di spettacolo.

Domenica 15, con inizio alle 18, l’auditorium di piazza del Sedile accoglierà i Lecce Accordion Project il trio di bayan composto da Michele Bianco, Giovanni Fanizza e Francesco Coluccia. Un trio di giovani talenti fra i vincitori del “41° Premio Internazionale di Fisarmonica - Città di Castelfidardo”. Per questi due concerti è previsto un biglietto d’ingresso di 10 euro.

“La sesta edizione del Fadiesis Accordion Festival – prosegue Gennaro Loperfido –  continuerà a Pordenone sabato 4 novembre con il laboratorio-concerto con gli Allievi del Conservatorio Egidio Romualdo Duni di Matera. Nell’ex Convento di San Francesco, in piazza della Motta a Pordenone, alle 20,45 si terrà un concerto per due fisarmoniche e orchestra d’archi a cura del Conservatorio di Matera. Si consolida così un rapporto di amicizia culturale tra il Friuli Venezia Giulia e la Basilicata che riaccoglie nell’edizione pordenonese del Festival l’Istituzione musicale della Capitale Europea della Cultura 2019”.

“L’edizione 2017 del Fadiesis Accordion Festival – conclude Gennaro Loperfido – è realizzata grazie al sostegno di sponsor privati. Sono ben dodici, in questo 2017, le aziende del settore della climatizzazione che ci offrono importanti contributi. Per loro abbiamo coniato un claim che descrive le caratteristiche della loro azione a sostegno della cultura: Il clima che fa cultura. Ed è indubbio che senza il loro sostegno sarebbe stato difficile offrire al pubblico concerti di questa qualità”.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI