Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 04 Aprile 2020

La Rainbow Catania Basket passa al “PalaMinardi” di Ragusa imponendosi per 43-54 sulla Virtus Eirene, cogliendo la quinta vittoria su sei gare sin qui disputate, al termine di un match combattuto.

Il parquet ibleo si conferma “ostile” alle etnee, che già lo scorso anno faticarono non poco per aver ragione delle giovani ragusane. La sfida si mantiene in equilibrio sin dalle prime battute, come dimostra il 15-14 del primo parziale. Tante le sbavature, da ambo le parti. Nel secondo quarto meglio la Rainbow, che può beneficiare della spinta di Diop e Guerri, che la trascinano al vantaggio della “pausa lunga” (28-31).

Al rientro in campo, però, le etnee calano i giri. La tripla di Aleo ed il centro di La Manna sono gli unici lampi di una frazione da archiviare in fretta, che consente il controsorpasso delle padrone di casa, per il 37-36 della penultima sirena. Nell’ultimo quarto coach Bianca, che ha dovuto fare a meno di Lauren Engeln, scuote le sue ragazze. L’effetto si nota subito in campo, con Aleo ed Ashley Engeln che colpiscono dall’arco, ed una risposta complessivamente migliore da parte di tutta la squadra. Il 6-18 di frazione consegna la vittoria alle catanesi.

Capitan Marzia Ferlito commenta così il confronto: “E’stata una partita vera, tirata che fa sempre piacere giocare. Quando siamo state “punto a punto” eravamo molto stanche e la gara è diventata ancora più dura dal punto di vista fisico. Siamo riuscite a fare quadrato ed a ricavare lo stacco decisivo con belle giocate difensive e rimbalzi da parte di Ashley e tanta quantità da parte di Aleo, Guerri e La Manna. Abbiamo avuto una buona intensità, siamo soddisfatte per  questi due punti che non erano per nulla scontati. Adesso pensiamo alla prossima gara, sperando di recuperare Lauren, che oggi c’è mancata e la sua assenza s’è sentita”.

TABELLINO

VIRTUS EIRENE RAGUSA – RAINBOW CATANIA BASKET 43-54

VIRTUS EIRENE RAGUSA: Cardillo; Guastella 2; Gatti 11; Olodo 7; Baglieri 6; S. Sammartino; Occhipinti; Bucchieri 5; Guerrieri; Di Fine; L. Sammartino 10; Tumeo 2. Coach: Baglieri.

RAINBOW CATANIA BASKET: Diop 11; Guerri 11; Ferlito 3; Aleo 9; Parisi; Costi; A. Engeln 7; Spina; Licciardello 3; Cocina; La Manna 10. Coach: Bianca.

PARZIALI:  15-14; 28-31; 37-36

ARBITRI: Giuseppe Midulla (1° Arbitro) e Calogero Cappello (2° Arbitro) di Porto Empedocle.

L’Ekipe Orizzonte conquista la medaglia d’argento nella Coppa Italia di pallanuoto femminile, cedendo con onore al Plebiscito Padova per 8-10.

Le catanesi, seppur stanche e provate dalla mole di impegni ravvicinati, hanno provato comunque a compiere il colpaccio portandosi addirittura in vantaggio di tre reti poco prima di metà partita, ma il corso della gara ha portato ad un esito diverso. 
Il primo tempo è stato vinto 1-0 dalle rossazzurre, mentre il secondo si è chiuso sul 2-2. Le venete hanno poi conquistato il terzo parziale per 5-3 e il quarto per 3-1.

Claudia Marletta è stata la miglior marcatrice dell’Ekipe Orizzonte con tre goal, mentre Rosaria Aiello è andata a segno due volte. Una rete a testa per Carolina Ioannou, Arianna Garibotti e Giulia Viacava.

Al fischio finale il coach dell’Ekipe Orizzonte ha commentato l’esito della partita, sottolineando di non gradire il tipo di pallanuoto che si è vista in questi giorni e complimentandosi con le avversarie per il successo: “Credo che tutti abbiano visto che già sul 3-0 per noi la partita sembrava un incontro di boxe – ha detto Martina Miceli – e questo è un qualcosa che si è verificato non solo oggi e non solo nelle nostre partite, ma in tutte quelle che si sono giocate anche tra le altre squadre. Se è questa la pallanuoto che piace dovremo attrezzarci per farla pure noi, anche se a me non piace affatto. Oggi l’ho detto pure durante un time out, a me fa schifo questo tipo di pallanuoto, perché è boxe, è simulazione continua. Poi, per carità, non avevamo le forze fisiche e la lucidità mentale per giocare un’altra finale. Brave le giocatrici del Padova che ci hanno creduto più di noi e va bene comunque. Mi piace veder gioire le nostre avversarie, mi piace che anche le nostre ragazze le vedano gioire e faccio i complimenti al Padova per la vittoria. Le statistiche dicono che abbiamo sfruttato parecchio l’uomo in più, ma ormai la pallanuoto di oggi è questa anche se non lo abbiamo fatto bene nei momenti importanti e non sono assolutamente soddisfatta di questo aspetto. Non dimentichiamo però che ci mancavano due pedine fondamentali come le giocatrici canadesi, soprattutto una che nel nostro schieramento sull’uomo in più è determinante. Avremmo sicuramente potuto fare meglio, abbiamo sbagliato qualche tiro che non abbiamo neanche fatto e qualcun altro a mezza altezza che con maggiore lucidità di solito mettiamo dentro. Non mi è piaciuto il nostro atteggiamento difensivo nell’ultimo tempo e mezzo, perché il Padova ripartiva e noi eravamo sempre in affanno, dimostrandoci molto meno aggressive delle nostre avversarie. Però ci può stare, mi arrabbio com’è giusto che sia, ma ribadisco che Padova ci ha creduto più di noi”.

IL TABELLINO DEL MATCH:

Plebiscito Padova-Ekipe Orizzonte 10-8
Plebiscito Padova: Teani, Martina Savioli, Ilaria Savioli, Gottardo, Queirolo 1, Casson 1, Millo 2, Dario 1, Cocchiere, Ranalli 3 (2 rig.), Meggiato, Centanni 2, Giacon. All. Posterivo.

Ekipe Orizzonte: Gorlero, Ioannou 1, Garibotti 1, Viacava 1, Aiello 2, Spampinato, Palmieri, Marletta 3, Emmolo, Leone, Riccioli, Santapaola. All. Miceli
Arbitri: Colombo e Calabro’
Note: parziali 0-1, 2-2, 5-3, 3-1. Superiorità numeriche: Plebiscito Padova 2/8 + 3 rigori, Ekipe Orizzonte 8/15. Gorlero (C) para un rigore a Queirolo a 1’30 del primo tempo, sullo 0-0. Uscite per limite di falli Ioannou (C) a 5’10 del terzo tempo, Dario (P) a 3’49 e Ilaria Savioli (P) a 5’37 del quarto tempo. Espulso per proteste il tecnico Posterivo (P) a 3’47 del quarto tempo. Ekipe Orizzonte con 12 giocatrici a referto. In tribuna, tra gli altri, il coordinatore del settore Fabio Conti, il cittì del Setterosa Paolo Zizza, il tecnico delle nazionali giovanili Giacomo Grassi, il dirigente Gianfranco De Ferrari e il presidente del comitato regionale Lazio Gianpiero Mauretti. 

 

Comincia bene il cammino dell’Ekipe Orizzonte nella Final Six di Coppa Italia in corso di svolgimento ad Ostia.

Stasera le catanesi hanno infatti battuto 13-5 la RN Florentia ai quarti di finale, conquistando il pass per la semifinale di domani.

Prova determinata delle rossazzurre, avanti 4-2 nel primo tempo. L’Ekipe Orizzonte ha poi dilagato, vincendo anche il secondo e il terzo parziale, rispettivamente per 2-0 e 5-1, e chiudendo l’ultima frazione sul 2-2.

Tre goal a testa per Arianna Garibotti e Claudia Marletta, due per Isabella Riccioli. Una rete ciascuno per Carolina Ioannou, Rosaria Aiello, Valeria Palmieri e Giulia Emmolo.

C’è soddisfazione a fine partita nelle parole del coach dell’Ekipe Orizzonte, che rivolge il pensiero anche alla semifinale contro la Sis Roma in programma domani alle 20:30: “Quella di stasera è stata per noi una discreta prestazione – ha detto Martina Miceli -. Abbiamo fatto qualcosa di carino e sono molto contenta per le giocatrici più giovani, perché hanno giocato tutte ed anche tanto. Abbiamo provato pure un po’ di cose diverse e siamo sicuri che quella di domani sarà un’altra partita tosta, com’è giusto che sia. Vediamo quante energie ci rimangono dopo un tour de force come quello che abbiamo vissuto noi nelle ultime settimane. Certamente la cattiveria agonistica non ci mancherà, anche se magari saremo meno brillanti fisicamente. Lo abbiamo dimostrato pure oggi, perché abbiamo preso troppi contropiede rispetto alla nostra idea di gioco. Però sappiamo bene che la nostra condizione fisica in questo momento non è al top. In ogni caso domani, mi aspetto un atteggiamento mentale molto cattivo che possa sopperire proprio alla nostra condizione”.

IL TABELLINO DEL MATCH:

EKIPE ORIZZONTE-FLORENTIA 13-5 (4-2, 2-0, 5-1, 2-2) 

Ekipe Orizzonte: Gorlero, Ioannou 1, Garibotti 3 (2 rig.), Viacava, R. Aiello 1, Spampinato, Palmieri 1, Marletta 3, Emmolo 1, Leone, Riccioli 2, Santapaola, Condorelli. All. Miceli 

RN Florentia: Perego, Rorandelli, Mandelli, Cordovani 1, Ten Broek, Vittori 1, Nesti 1, Francini, Giachi 2, Nencha, Marioni, Amedeo, Banchelli. All. Cotti

Arbitri: Colombo e Guarracino

Note: Banchelli in porta per la Florentia nel secondo e quarto tempo. Condorelli al posto di Gorlero dall’inizio del quarto tempo. Banchelli  para un rigore a Garibotti a 3’04 del secondo tempo. Uscita per limite di falli Amedeo (F) a 2’27 del terzo tempo. Superiorità numeriche: Ekipe Orizzonte 5/6 + 3 rigori; RN Florentia 2/8.

IL CALENDARIO DELLA FINAL SIX:

Giovedì 5 dicembre
Quarto di finale 1
L’Ekipe Orizzonte-RN Florentia 13-5 live su Waterpolo Channel
Quarto di finale 2
Rapallo-Kally Milano 7-10 live su Waterpolo Channel

Venerdì 6 dicembre
Finale 5° posto
RN Florentia-Rapallo alle 17:30
Semifinale 1
Plebiscito Padova-Kally Milano alle 19:00 in diretta su Waterpolo Channel
Semifinale 2
Lifebrain SIS Roma-L’Ekipe Orizzonte alle 20:30 in diretta su Waterpolo Channel

Sabato 7 dicembre
Finale 3° posto alle 15:00
Finale 1° posto alle 16:45 in diretta su Rai Sport + HD

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI