Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 18 Settembre 2019

Torna alla vittoria la Copral Muri Antichi e lo fa al termine di una partita entusiasmante e ricca di emozioni. Lo fa nel momento migliore vista la concomitante vittoria di Crotone, tutto quindi rimane invariato in vista del decisivo scontro diretto della prossima settimana. Partita gagliarda da parte dei ragazzi di Puliafito che con questi tre punti conquistati contro una squadra in piena lotta play-off, continuano a sperare e a lottare per la permanenza in serie A2.

LA PARTITA. La sblocca Zovko dopo quasi sei minuti in cui le difese hanno prevalso sugli attacchi. La Copral sembra in palla e raddoppia con Belfiore ottimamente servito da Nicolosi. Ruggieri chiude la porta in un paio di occasioni e l’attacco Muri prosegue il suo ottimo momento trovando il tris con Calarco a due minuti dall’inizio del secondo parziale. Vis Nova trova la prima marcatura con Ferraro dalla distanza per il momentaneo 1-3. I Muri Antichi dimostrano di esserci con la testa e trovano un’altra rete con l’uomo in più grazie a capitan Carchiolo. Parisi e Ferraro, su errore di disattenzione della Copral, accorciano ma si sblocca Gluhaic che realizza dalla distanza il 5-3. Nel terzo parziale ancora protagonista Belfiore che ristabilisce il +3 per la Copral su ottimo contropiede. Torna a segnare la Vis Nova con Parisi che sfrutta al meglio l’uomo in più dal centro. Botta e risposta immediato dei ragazzi di Puliafito anch’essi bravi a sfruttare l’uomo in più con Gluhaic. Segna anche Gobbi con i laziali abili a sfruttare la superiorità. Vis Nova raggiunge il pari con De Vena e Ferraro con ancora 5’34” da giocare e partita ampiamente riaperta. Rigore molto contestato in favore della Vis Nova ma Ruggieri oggi è in giornata super e riesce a parare. Sull’azione seguente, Gluahic in superiorità trova il nuovo vantaggio Copral. Altro rigore, stavolta per i Muri e altra parata in un finale incandescente. L’ultimo possesso per Vis Nova con l’uomo in più si spegne sulla traversa per il definitivo 8-7 in favore dei Muri Antichi.

LE INTERVISTE. “La mia soddisfazione più grande è vedere i ragazzi felici – dichiara Puliafito – ancora però non abbiamo fatto nulla, ma ci abbiamo messo il cuore. Abbiamo avuto un pizzico di fortuna in più, in una partita con una tensione non indifferente. Dopo tanto tempo era importante ritrovare la vittoria e così facendo ci siamo regalati un’altra chance per la salvezza”.

“Si è rivisto lo storico spirito Muri Antichi – ammette Spinnicchia – mancava da un po’. Abbiamo avuto spunti positivi e quella fortuna che ci è sempre mancata quest’anno. Questo però non toglie il merito dei ragazzi ad aver conquistato una vittoria contro tutto e tutti. Abbiamo risposto alla grande alla vittoria del Crotone, ci giocheremo il tutto per tutto sabato prossimo proprio contro di loro nella partita più importante dell’anno”.

 

COPRAL MURI ANTICHI-ROMA VIS NOVA PALLANUOTO 8-7

COPRAL MURI ANTICHI: P. Ruggieri, V. Carchiolo 1, V. Nicolosi, D. Zovko 1, M. Gluhaic 3, E. Aiello, G. Arancio, V. Belfiore 1, A. Leonardi 1, G. Paratore, L. Muscuso, F. Calarco 1, Lazzara P.. All. Puliafito.

ROMA VIS NOVA PALLANUOTO: M. Bonito, F. Carrozza, D. Murro, E. Ferraro 3, F. Rella, E. Gallo, A. Spinelli, M. Maras, M. Parisi 2, L. Gobbi 1, W. De Vena 1, M. Iocchi Gratta, F. Vitola. All. Calcaterra.

Arbitri: Cirillo e Fusco.

Note: Parziali: 2-0, 3-3, 2-2, 1-2. Espulso per proteste Parisi (R) nel quarto tempo. Usciti per limite di falli Calarco (M) e Nicolosi (M) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Pol. Muri Antichi 3/9 + 1 rig., Roma Vis Nova 4/11 +1 rig. Ruggieri para un rigore a Maras (R) nel quarto tempo. Bonito para un rigore a Gluhaic (M) nel quarto tempo. Spettatori 100 circa.

L'Ekipe Orizzonte chiude la regular season battendo 17-3 il CSS Verona nella diciottesima giornata di Serie A1 di pallanuoto femminile e rafforza ulteriormente la leadership in classifica in vista della Final Six, che si svolgerà dal 10 al 12 maggio alla Piscina della Plaia di Catania.

Oggi pomeriggio le catanesi hanno fatto le prove generali della fase conclusiva della stagione proprio nell'impianto che ospiterà le Finali Scudetto, disputando una buona prestazione e partendo subito in vantaggio, grazie al 3-1 del primo tempo. Le rossazzurre hanno poi conquistato anche le altre tre frazioni di gioco, rispettivamente per 4-0, 6-1 e 4-1. 

Roberta Bianconi è stata la miglior marcatrice del match con quattro reti, mentre Arianna Garibotti e Rosaria Aiello sono andate a segno tre volte ciascuno. Due gol a testa per Valeria Palmieri, Claudia Marletta ed Ilse Koolhaas, uno per Sabrina Van der Sloot.

Al termine della sfida è arrivato il pensiero del presidente dell'Ekipe Orizzonte, che ha espresso un desiderio particolare nel giorno del suo quarantesimo compleanno: "Siamo contente di aver potuto giocare questa partita qui alla Plaia - ha detto Tania Di Mario - , per cominciare ad ambientarci. Sicuramente è un campo bellissimo, ma in qualche modo anche ostico e speriamo che la prossima settimana le condizioni climatiche siano migliori di quelle di oggi. Devo ammettere di aver visto le ragazze già proiettate alla prossima settimana ed era giusto che fosse così. Ho chiesto loro di posticipare il regalo per il mio compleanno alla fine della prossima settimana, sarebbe bellissimo se ciò accadesse". 

 

IL TABELLINO DEL MATCH:

EKIPE ORIZZONTE-CSS VERONA 17-3

Parziali: 3-1; 4-0; 6-1; 4-1  

EKIPE ORIZZONTE: G. Gorlero, D. Spampinato, A. Garibotti 3, R. Bianconi 4, R. Aiello 3, Giuffrida, V. Palmieri 2, C. Marletta 2, C. Van Der Sloot 1, I. Koolhaas 2, I. Riccioli, R. Santapaola, G. Condorelli. All. Miceli

CSS VERONA: M. Sbarberi, G. Bartolini, G. Peroni, S. Russo, E. Borg, Alogbo 2, Braga, F. Cressoni, G. Carotenuto, G. Prandini, M. Verzini, E. Castagnini 1, Nigro. All. Zaccaria

Arbitri: Schiavo e Baretta

Note: Nel primo tempo, al minuto 7'34", Bianconi fallisce un rigore (parato da Sbarbieri). Nel quarto tempo, al minuto 5'39", Condorelli sostituisce Gorlero tra i pali de L'Ekipe. Uscite per limite di falli Koolhaas (Orizzonte) e Carotenuto (Verona) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: L'Ekipe 4/5 + 2 rigori e CSS Verona 1/5. Spettatori 150 circa

E’ stata una Gara 1 di semifinale play off all’insegna del grande equilibrio, quella giocata ieri pomeriggio al Palazzetto della Scuola di Polizia Penitenziaria di San Pietro Clarenza tra Rainbow Catania Basket e Jolly Acli Basket Livorno. Un bilanciamento di forze ben fotografato  dal 55-55 finale, reso possibile dalla valenza della differenza canestri nell’ambito della doppia sfida.

Partita subito intensa, con le due formazioni che non si danno tregua in un primo quarto conclusosi con il 12-13 in favore delle ospiti. Il duello nella seconda frazione prosegue serrato. Le toscane riescono a ricavare un vantaggio di 4 punti, inizialmente (13-17), ma le etnee agganciano e sorpassano nella seconda parte con i buoni passaggi dalla lunetta di Diaz, Licciardello e Chiarella per il 26-23 della “pausa lunga”.

Al rientro in campo le labroniche  sembrano riuscire ad inclinare la gara a proprio favore, trascinate  una Manetti scatenata, con un break  in favore di 2-13, ad inizio frazione, che porta la sfida sul 28-36. Le ospiti proteggono il vantaggio anche grazie ad una tripla di Castiglione, ma la Rainbow riesce a limare il gap con pazienza fino al 38-41 sancito dalla penultima sirena.  Nell’ultimo quarto le due squadre sono protagoniste di un botta e risposta da cardiopalma, che vede sugli scudi, tra le catanesi, soprattutto Diaz e Chiarella ed Ileana Aleo che accende l’entusiasmo sugli spalti con una tripla. Il pareggio finale spedisce le due formazioni a Gara 2 in perfetto equilibrio.

Nel post partita coach Deborah Bruni analizza il match a cominciare dal terzo quarto, in cui le etnee hanno subito un’evidente flessione: “Mi sono arrabbiata perché le ragazze  mentalmente stavano andando giù, quindi c’era bisogno di una scossa ed ho cercato di darla. Loro sono state meravigliose, mi hanno dato la risposta che cercavo. Ci sono mancati i punti di alcune giocatrici, ma sono fiduciosa che domenica prossima chi non ha dato ciò che ci aspettavamo in questa gara rimedierà. Sotto canestro siamo più forti, ma abbiamo sbagliato un sacco di liberi, ma può starci perché in una semifinale play off la mano può tremare. Sono contenta del gruppo, che è forte, unito e coeso. Come seconde classificate del girone siciliano siamo state accoppiate ad un’avversaria veramente forte, uno scontro molto duro perché nella B toscana ci sono squadre toste, fisicamente importanti, che ci mettono in difficoltà. Ma le ragazze hanno reagito bene. Adesso siamo 0-0. Domenica ci giochiamo tutta la stagione a Livorno”.

RAINBOW CATANIA: Diop; Nucera 2; Ferlito 2; Engeln 2; Aleo 5; Chiarella 19; Costi n.e.; La Manna 9; De Fraia; Spina n.e.; Diaz 13; Licciardello 3. Coach: Bruni

JOLLY ACLI BASKET LIVORNO: Bindelli 5; Dodoli; Ceccarini 9; Maffei 2; Zorzi; Simonetti; Castiglione 6; Tripalo 5; Puccini; Manetti 17; Collodi 11; Meriggi. Coach: Pistolesi

PARZIALI: 12-13; 26-23; 38-41

Arbitri: Stefano Pulina di Rivoli (To), 1° Arbitro  e Luca Negri di Valenza (Al), 2° Arbitro.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI