Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 23 Febbraio 2020

Quarto successo stagionale per la Rainbow Catania, che nel pomeriggio ha battuto per 56-39 il Verga Palermo nel match valido per la settima giornata della Serie B femminile di Sicilia e Calabria.

Gara senza sorprese, per le catanesi, che devono rinunciare a Giuliana La Manna, ferma per uno stato influenzale. Al suo posto dentro Cocina, a rimpolpare il drappello di under a disposizione di coach Andrea Bianca.  L’inerzia della sfida è già chiara nel primo quarto, con la Rainbow che, peraltro, non accelera a tavoletta. Ileana Aleo e le sorelle Engeln scavano il primo vantaggio parziale sul 15-8. Nella seconda frazione lo score catanese è rimpolpato soprattutto dalle triple di Valentina Parisi, Ashley Engeln e Alice Spina per il 29-15 complessivo alla pausa lunga.

Al rientro in campo è la solita Lauren Engeln a trascinare le biancorossoblù con 11 punti di personale sui 19 di frazione delle padrone di casa. La penultima sirena vede la Rainbow avanti ed in pieno controllo del match sul 48-27. Negli ultimi dieci minuti i ritmi calano notevolmente con le ospiti più efficaci, grazie a Caliò e Nwachukwu, che permettono loro di aggiudicarsi il parziale (8-12) senza tuttavia poter cambiare volto alla gara.

A margine dell’incontro coach Andrea Bianca ha così commentato: “Buona anche questa. Siamo stati bravi a colmare l’improvvisa assenza di Giuliana La Manna. Un plauso ulteriore va a Lauren Engeln, che ha fatto reparto da sola pur non essendo di ruolo, facendo affidamento anche sull’esperienza di capitan Ferlito e sull’apporto di Salimata Diop. Abbiamo centrato il risultato al cospetto di una squadra giovanile che sicuramente ha un grande futuro davanti. Giocano con intensità e con fisicità. Su tutte Caliò, che mi ha bene impressionato. Noi ci godiamo le rotazioni ed il fatto che tutte le presenti abbiano giocato. Adesso testa alla prossima gara”.

TABELLINO

RAINBOW CATANIA BASKET – VERGA PALERMO 56-39

RAINBOW CATANIA: Diop 2, Guerri 2, Ferlito, Aleo 8, Parisi 3, Costi, A. Engeln 9, Spina 3, Licciardello 8, L. Engeln 19, Rasino, Cocina 2. Coach: Bianca

VERGA PALERMO: Abbate, Pepe, Caliò 8, Salamone 11, Nwachukwu 11, GIoè 5, Lipari 4. Coach: Perseu

PARZIALI: 15-8\ 29-15\ 48-27

Arbitri della sfida: Vittorio Migliorisi di Ragusa (1° Arbitro) e Matteo Filesi di Chiaramonte Gulfi –Rg (2° Arbitro).

Inizia subito con un successo il cammino dell’Ekipe Orizzonte nella nuova stagione di Coppa Campioni.

Smaltite le scorie del viaggio di rientro da Sabadell, dopo la conquista della Supercoppa Europea, le catanesi hanno infatti vinto la prima sfida del girone eliminatorio in corso di svolgimento alla Piscina “Francesco Scuderi” di via Zurria (CT).

Le rossazzurre hanno infatti battuto 14-7 le spagnole del Sant Andreu, portando a casa i primi tre punti del girone.

La partita è stata guidata sin dall’inizio dalle padrone di casa, che hanno vinto il primo tempo 2-1. L’Ekipe Orizzonte ha poi accelerato nel secondo parziale, dominato per 5-2, vincendo anche le ultime due frazioni, rispettivamente per 4-2 e 3-2.

Ben cinque gol per Claudia Marletta, miglior marcatrice assoluta del match, due reti a testa per Arianna Garibotti e Rosaria Aiello. Un goal  ciascuno per Carolina Ioannou, Joelle Bèkhazi, Giulia Emmolo ed Hayley McKelvey.

Al fischio finale il coach dell’Ekipe Orizzonte ha elogiato le proprie giocatrici per la bella risposta data solo tre giorni dopo la finalissima di Supercoppa Europea vinta in casa del Sabadell: “Sinceramente ero molto preoccupata – ha detto Martina Miceli – , perché in questi giorni ho visto le partite del Sant Andreu ed ho notato che, pur essendo molto giovani, le nostre avversarie nuotano tantissimo, non mollano mai e vanno a mille. Hanno qualche giovane davvero brava e non hanno nulla da perdere. Io avevo qualche timore anche perché sapevo che in noi c’era molta stanchezza e avevo paura potesse esserci qualche calo emotivo dopo Sabadell. Lo avevo detto anche alle ragazze, ne abbiamo parlato ed ho ribadito a tutte loro che per noi questa sarebbe stata la partita più importante. Devo dire che, anche se certe cose non mi sono piaciute, in fondo abbiamo portato la partita a casa nel migliore dei modi e quindi va bene così. Sono molto contenta ed ora ci prepariamo alla sfida di domani. Purtroppo non abbiamo avuto modo di preparare nessuna di queste tre partite. Noi probabilmente sulla carta siamo tatticamente più forti delle altre squadre, ma per esserlo davvero bisogna anche poterle preparare bene. Quella odierna era però davvero la prova della maturità, perché dopo essere state brave a Sabadell era importante esserlo pure oggi e così è stato in un momento in cui dovevamo dimostrare di essere consapevoli della nostra forza. Domani arriva la sfida contro l’Uralochka e credo sia la più tosta, perché loro sono un’ottima squadra ed hanno fatto anche dei buoni risultati nel girone preliminare. Le conosciamo già, nella scorsa stagione forse abbiamo giocato contro di loro una delle nostre migliori partite e sappiamo che per vincere con loro dobbiamo giocare bene. Quindi non basta essere attente come lo siamo state oggi, perché sono veramente forti, ma noi ci faremo trovare pronte”.

IL TABELLINO DEL MATCH:

Ekipe Orizzonte Catania-Cn Sant Andreu 14-7

Parziali: 2-1, 5-2, 4-2, 3-2.

Ekipe Orizzonte: Gorlero, Ioannou 1, Garibotti 2, Viacava, Aiello 2, Bèkhazi 1, Palmieri 1, Marletta 5, Emmolo 1, McKelvey 1, Riccioli, Santapaola, Condorelli. All. Martina Miceli.
Sant Andreu: Sanchez, Olive Marti 1, Mora Perez 1, Abellan Valle, Farre Colomina 1, Navarro Parera, Luque Callejo, Rubio Ortega 1, Prieto Hernandez 1, Palacio, Aznar 2, Terre Marti. All. Javier Fernandez Aznar.
Arbitri: Marcela Mauss (GER), Grigorios Spanoudis (GRE).

Note: circa 500 spettatori. Sup. numeriche: 4/6 Orizzonte, 0/8 Sant Andreu. Espulsa per tre falli Bekhazi nel terzo tempo. Nel quarto tempo Condorelli e Santapaola in campo.

Nell’altra sfida della prima giornata le russe dell’Uralochka hanno battuto 18-11 le ungheresi del BVSC Zuglo.

Domani alle 17:00 l’Ekipe Orizzonte affronterà l’Uralochka nel primo match della seconda giornata. A seguire Sant Andreu-BVSC Zuglo.

Anche nel pre-partita di domani chi vorrà potrà farsi immortalare con la Supercoppa Europea vinta in Spagna dall’Ekipe Orizzonte, che sarà a bordo vasca fino a poco prima del fischio d’inizio.

 

 


È tutto vero. L’Ekipe Orizzonte sale sul tetto d’Europa e conquista la seconda Supercoppa Europea della sua storia, undici anni dopo la prima.

Una serata gloriosa per le catanesi, che hanno battuto 13-11 il Sabadell, detentore della Coppa Campioni, sul campo delle spagnole.

Le rossazzurre coronano così un tris di vittorie stagionali iniziato sette mesi fa in Russia con la Coppa Len e seguito dallo Scudetto della seconda stella, conquistato a maggio proprio a Catania.

L’impresa di oggi assume però un sapore particolare, perché il successo è arrivato sul campo delle spagnole, con una prova magistrale studiata a menadito da Martina Miceli e dalle sue ragazze.

L’Ekipe Orizzonte è partita a razzo, ponendo le basi della vittoria nei primi due tempi, vinti rispettivamente 3-1 e 6-1. Terza e quarta frazione molto delicate, vinte da Sabadell 6-2 e 3-2, ma con le catanesi bravissime a domare il ritorno delle catalane.

Ben cinque le marcature di Arianna Garibotti, top scorer del match, mentre Valeria Palmieri e Claudia Marletta sono andate a segno due volte a testa. Un goal ciascuno anche per Giulia Viacava, Rosaria Aiello, Giulia Emmolo ed Hayley McKelvey.

Al fischio finale è arrivata la gioia del coach dell’Ekipe Orizzonte, raggiante per un successo dai tanti significati: È bellissimo vincere qui questa Supercoppa – ha detto Martina Miceli -, perché proprio a Sabadell ricordo bene di aver perso una Coppa Campioni da atleta che mi era rimasta dentro e tra l’altro coincide con la prima del grande ciclo del Sabadell. Noi da lì in poi abbiamo iniziato a vivere qualche problema ed oggi, grazie ad un ricordo apparso sul mio profilo Facebook, mi sono resa conto che sono passati appena quattro anni da quando tutti ci avevano dato per morti. Invece oggi siamo qui sul tetto d’Europa,  meritatamente. Una partita vinta due volte, contro tutto e tutti, ma è più bello così. Mi sono arrabbiata tantissimo, a tratti è stato un match assurdo ma le ragazze sono state bravissime e per due tempi abbiamo fatto la partita perfetta. Poi il Sabadell ha cambiato modo di giocare, gliel’hanno permesso, ma le ragazze sono state eccezionali a non demordere e a portare a casa la vittoria. Sono davvero orgogliosa di questo gruppo, dalle straniere, alle nuove arrivate, fino alle giocatrici che ho voluto che restassero. È una squadra che mi piace tantissimo e che sento veramente mia ed è un piacere lavorare con loro. Sembrava che tutto dovesse andarci storto, perché prima di questa partita abbiamo vissuto tantissime peripezie, compreso lo sciopero dei voli, che ci ha costrette a partire prima. Ci siamo dette però che avremmo dovuto pensare solo a fare bene in campo e nella partita di oggi, così è stato. Le ragazze sono state brave a mettere in pratica ciò che avevamo preparato e ad aggiungere anche qualcosa di personale, quindi mi sono divertita veramente moltissimo. Come sempre, in questi momenti mi piace ricordare da dove siamo partite e cosa c’è stato in mezzo, ben sapendo di essere state capaci di cadere e di rialzarci, avendo rischiato di cadere di nuovo. In soli quattro anni siamo tornate tra le squadre più luminose d’Europa e del mondo e per tutto questo dobbiamo sempre ringraziare i nostri angeli custodi”.

Stesso spunto iniziale per il Presidente dell’Ekipe Orizzonte, che celebra la vittoria guardando al passato: “Anch’io – ha detto Tania Di Mario – ricordo bene che il Sabadell ha iniziato il suo ciclo pazzesco contro di noi ed è bello pensare che lo abbia interrotto sempre contro di noi. Nella nostra squadra la scorsa estate ci sono stati tanti cambiamenti, ma c’è davvero molta armonia tra tutte e prima di questa partita ho visto Martina molto tranquilla. Poi naturalmente può sempre succedere di tutto e in passato mi è capitato di vedere un leggero aiuto per le squadre di casa, credo che stasera abbiamo superato anche quello. Però forse così è ancora più bello”.

Al termine del match, ognuna delle giocatrici dell’Ekipe Orizzonte ha manifestato un pensiero per la vittoria appena conquistata:

Giulia Gorlero – “Far vincere una squadra non è questione di quanto grande sia il giocatore, o i giocatori. Devono tutti essere disposti a sacrificarsi e a dare qualcosa di se stessi, pur di diventare campioni”;

Carolina Ioannou – “Vincere con questa squadra è una delle cose più esaltanti che mi siano capitate nella vita. Abbiamo imparato a compattarci nelle difficoltà e abbiamo vinto anche contro le nostre scaramanzie. Se restiamo così non ce n’è per nessuno”;

Arianna Garibotti – “Vincere è una droga e noi vogliamo continuare a drogarci di vittorie”;

Giulia Viacava – “È la prima volta che vinco la Supercoppa ed è la giornata più bella per me, anche perché l’ho vinta davanti ai miei genitori. Grazie a Tania, Martina e tutto lo staff!”;

Rosaria Aiello – “Se le formiche si mettono d’accordo possono spostare un elefante”;

Joelle Bèkhazi – “Venendo dall’estero e non avendo trascorso molto tempo con questa squadra, volevo assicurarmi di dare tutto ciò che potevo per loro perché meritavano davvero di vincere la Coppa. Questa è una squadra che non si arrende mai e combatterà sempre fino alla fine. Sono onorata di farne parte e sono grata che mi abbiano accolto a braccia aperte. È solo l’inizio!”;

Valeria Palmieri – “Siamo contentissime di portare a Catania questo trofeo così prestigioso. Sono onorata di far parte di questo gruppo, perché una squadra così non si trova da nessun’altra parte;

Claudia Marletta: – “Più difficile è la vittoria, più grande è la felicità nel vincere. È sempre bello!”;

Giulia Emmolo: – “Non aspettare l’occasione giusta, creala… e così oggi abbiamo fatto. Era la partita che aspettavamo, per la quale lavoravamo. Per giocare una finale come questa, devi aver vinto una coppa europea l’anno prima… e non è scontato! Quindi, dal momento che ci sei, giocatela e dai tutto!!! Ringrazio il mio club, le ragazze, Martina, Tania, tutti… anche chi da casa ci ha seguito e sostenuto con il cuore. Sono felice ed onorata di far parte di questa squadra”;

Hayley McKelvey – “Giocare in una squadra che ha accolto sia Joelle che me in un modo così straordinario è stato fantastico. Abbiamo trovato una nuova famiglia nel giro di pochi giorni ed è stata un’esperienza molto speciale lottare per vincere questa coppa con loro”;

Isabella Riccioli – “Vincere con la mia squadra è sempre un’emozione, che vale doppia per aver vinto in casa dei Campioni. Ringrazio tutte le mie compagne e tutta la famiglia dell’Ekipe Orizzonte”;

Roberta Santapaola – “La famiglia dell’Ekipe Orizzonte non smette e non smetterà mai di stupire”;

Aurora Condorelli: – “Il successo non viene solo con la vittoria, ma anche dal desiderio di vincere”.

IL TABELLINO DEL MATCH:

Sabadell- Ekipe Orizzonte 11-13

Parziali: 1-3, 1-6, 6-2, 3-2. 

Cn Sabadell: Ramos, Ortiz 1, Sohi 1, Arino 1, Morell, Perez, Cordobes 1, Garcia 2, Foca 2, Eggens 3, Tankeeva, Barzon, Farre. All. David Palma. 

Ekipe Orizzonte: Gorlero, Ioannou, Garibotti 5, Viacava 1, Aiello 1, Bekhazi, Palmieri 2, Marletta 2, Emmolo 1, McKelvey 1, Riccioli, Santapaola, Condorelli. All. Martina Miceli. 

Arbitri: Dutilh-Dumas (Ned) e Varkonyi (Hun).

Note: 500 spettatori. Sup. num: Orizzonte 3/6 + 1 rigore, Sabadell 4/13.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI