Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 07 Dicembre 2019

Tom Waits in jazz

Tom Waits strumentale. E in jazz. E’ l’impresa realizzata dal pianista Glauco Venier nell’ultimo cd realizzato per i tipi di Artesuono. E senza scalare cime improvvisative tempestose né invalicate vette armoniche. Il tutto fatto in raffinata scioltezza, come se il mitico cantore della strada e degli ultimi, che ha reso la raucedine immaginifica poesia sonora, fosse di casa nella musica afroamericana con waltz (San Diego Serenade), 2/4 (Tango till they are sore), ballad (Lonely), swing (Just the right bulletts) e a quant’altro i songwriter più accreditati ci hanno abituato nel tempo ad apprezzare.

Millesimale, nel 4et a nome del jazzista, il contrabbasso di Alessandro Turchet in sinergia con la batteria di Luca Colussi. Alla tromba e al flicorno di Flavio Davanzo è affidato il ruolo dell’alter ego del pianoforte in un affiancamento dosato, mai prevaricante, quasi a restituire alla musica una sorta di parlato che la scelta stilistica effettuata a monte aveva giocoforza messo da parte puntando essenzialmente, il progetto, a riscoprire il Waits compositore.

Parallelo e distinto l’album Dodicilune di Serena Spredicato, una vocalist da tenere d’occhio e a tiro … d’orecchio fra le novità che la Puglia va sfornando a getto quasi continuo.

C’è il testo, cambia il contesto in My Waits. Tom Waits Songbook, disco che rispetta l’unità voce-suono della produzione artistica waitsiana ma ne offre una rilettura inedita data anzitutto dalla voce femminile tutta jazzy della Spredicato; fanno il resto i pregnanti colori timbrici del bandoneon di Gianni Iorio, la naturale percussività del drummer Pierluigi Villani, i giochi melodici della chitarra di Antonio Tosques a dar concretezza agli arrangiamenti “affrescati” con nitore dal bassista Pierluigi Balducci. Nel selezionato Songbook, al di là del dato musicale in senso stretto, ciò che rimarca è il rimando di quelle note al microuniverso di Waits. Un tributo, questo, dopo quelli di Scarlett Johansson e Vinicio Capossela, che non ne stravolge la visionarietà, né appanna la marginalità di quel mondo di figli di un dio minore cantato dall’autore californiano.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI