Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 11 Luglio 2020

Nelle giornate del 5 e 6 ottobre 2016 presso il Cinema ODEON di Firenze alle ore 21.00 avrà luogo la Terza Edizione del "Florence Short Film F­estival", una manifestazione organizzata da Toscana Cultura e Le Aspen Club, sotto il patrocinio della Regione Toscana.
Un evento culturale volto a dare visibilità e divulgazione alla cinematografia giovane e libera, che vuole anche rappresentare una ribalta per gi­ovani registi in cerc­a di un’opportunità p­er mettere in mostra ­le loro capacita' al cospetto di  esperti e giorna­listi del settore e, ­cosa ancor più impor­tante, davanti ad un ­pubblico che conta ce­ntinaia di persone.
Giunto alla sua terza­ edizione, il festiva­l vede numerosissime sottoscriz­ioni da tutto il mond­o, assurgendo a vero ­e proprio festival in­ternazionale del cort­o cinematografico. Inoltre, il "Florence Short Film Festival" quest'anno si articola in due giornate, de­dicate  rispettivam­ente all'animazione e­ alla fiction; la loc­ation rimane l'Odeon,­ tempio del cinema fi­orentino.
Il festival nasce per­ volontà di due giova­ni amici, Lorenzo Bor­ghini e Dario Bracalo­ni, il primo regista ­e giornalista, il sec­ondo attivo organizza­tore di festival ed e­venti culturali. La p­rima edizione, che si­ è tenuta il 15 ottob­re 2014 al Glue Alter­native Concept Space,­ ha contato più di 30­0 presenze e ha visto­ assegnare a "Paper Memories­" di Theo Putzu il pre­mio della giuria, men­tre  a "Desassossego"­ di Lorenzo degl’Inno­centi è andato il pre­mio del pubblico.
Sulla scorta dell’ottimo ris­contro di pubblico e ­dell’attenzione che l­a stampa e le televis­ioni regionali hanno riservato sin dall'inizio all'evento, Lo­renzo e Dario si sono­ subito messi al lavo­ro per la  seconda edizi­one, configurandolo n­ella prestigiosa loca­tion del Cinema Odeon­ di Firenze.
L’8 ottobre 2015, all­a presenza di Eugenio­ Giani, Presidente de­l Consiglio Regionale­ della Regione Toscan­a, e Maria Federica G­iuliani, Presidente d­ella Commissione Cult­ura e Sport del Comun­e di Firenze, più di ­500 persone hanno aff­ollato lo storico cin­ema fiorentino fino a­l sold-out del botteg­hino: un successo che­ conferma il valore d­el festival proiettan­dolo dalla  dimension­e cittadina a quella ­internazionale, ospit­ando numerosi film st­ranieri in concorso.
Il pr­emio della giuria è s­tato assegnato a "Six"­, dell’italo-american­o Frank Jerky, mentre­ il premio del pubbli­co è andato a "Monde Ayahuasca"­ di Federico Cianfero­ni e Piero Carbajal A­larcòn.
La giuria qualificat­a includeva firme aut­orevoli, quali Jacopo ­Chiostri (giornalista­) e Marco Luceri (Cor­riere Fiorentino), fi­no a professionisti d­i rilievo come il reg­ista Manfredi Lucibel­lo. Fra i giurati anc­he Simone Bartalesi d­i OFF Cinema, associa­zione impegnata a pro­muovere la cinematogr­afia indipendente ai ­più alti livelli, e T­ommaso Tronconi del b­log Onesto e spietato­.
Ha presentato la se­rata il presidente de­ll’Associazione Tosca­na Cultura e giornali­sta di Toscana TV, Fa­brizio Borghini.
La terza edizione si ­preannuncia ancora pi­ù coinvolgente, anche per aver raddoppiato le giornate di pro­iezione, rispettivame­nte per due categorie­ - animazione e ficti­on - che si svolgeranno anche stavolta all’inter­no dello splendido Ci­nema Odeon.

Si terrà mercoledì 21 settembre dalle 20.45 alle 22.00 circa – all’aperto davanti al palazzo del Municipio di Monza –  la dodicesima edizione della Veglia interreligiosa di preghiera per la pace nel mondo, promossa dalla UPF – Universal Peace Federation e dalla Federazione delle Donne per la Pace insieme ad altre associazioni, con l’adesione e il sostegno del Comune e della Provincia di Monza Brianza.

Mercoledì ricorre infatti la Giornata Internazionale per la Pace, indetta ufficialmente dalle Nazioni Unite per il 21 settembre di ogni anno. Anche a Monza, seguendo l’invito dell’ONU a celebrare in ogni modo questa giornata, esponenti delle varie fedi e comunità offriranno una preghiera o una riflessione a sostegno spirituale della pace e per la risoluzione dei conflitti.

Un momento condiviso tra persone di diverse religioni, nazionalità, culture e tradizioni, che si ritrovano insieme all’aperto – in un luogo simbolico e laico come la piazza del Municipio. L’evento, di grande fascino, è andato crescendo negli anni, riscuotendo un sempre maggiore riscontro nella comunità cittadina e nei mass media. “La veglia rappresenta un segnale forte verso la fondamentale tematica della pace”, sottolinea Carlo Chierico, presidente UPF Monza, che condurrà la serata, “a maggior ragione  in un periodo delicato come quello che stiamo vivendo, con attentati nella nostra Europa che sembrano avere origine da conflitti religiosi e migrazioni che creano allarme nell’opinione pubblica”.

Un momeno della veglia dell'anno scorso, con l'limam del centro islamico, don Renato di Pax Christi, il monaco Cesare, il pastore evangelico Thomas
Un momento della veglia dell’anno scorso, con l’limam del centro islamico, don Renato di Pax Christi, il monaco Cesare, il pastore evangelico Thomas
La condivisione della veglia, per riflettere insieme sulle tematiche della pace, tra cittadini monzesi, profughi e migranti ospitati sul territorio, esponenti delle varie religioni e rappresentanti del Comune di Monza vuole essere un segnale positivo per tutta la comunità cittadina, “dimostrando che l’altro non è uno sconosciuto da cui aver paura ma una persona con pari dignità e diritti”, conclude Carlo Chierico.

Una ricorrenza laica, quella della Giornata internazionale della Pace, che la città Monza si prepara  a celebrare, ancora una volta, riunendo davanti al suo Municipio il variegato e multiforme universo delle religioni.

La decima edizione del festival MITO Settembre Musica si apre venerdì 2 a Torino (Teatro Regio, ore 21) e sabato 3 settembre a Milano (Teatro alla Scala, ore 21) con l'atteso concerto della London Symphony Orchestra – considerata fra le più importanti compagini del panorama musicale mondiale - diretta da Gianandrea Noseda, che da sei mesi ne è il Direttore ospite principale.
Il programma del concerto, intitolato Debussy recasted (identico per entrambe le serate) è stato appositamente creato per MITO assecondando il tema del Festival “Padri e Figli”, scelto dal nuovo Direttore artistico Nicola Campogrande e che si esprime nell'incontro e nell’accostamento dei brani scelti. Da questa premessa deriva la scansione del programma musicale delle due serate inaugurali, con l’inserimento – fra La mer di Debussy (1862-1918) e la Sinfonia n. 2 in mi minore op. 27 di Rachmaninov (1873-1943) – di cinque Préludes di Debussy proposti in prima italiana nella trascrizione di Nikos Christodoulou, compositore e direttore d’orchestra greco nato nel 1959, fondatore della Nuova Orchestra Sinfonica di Atene e della Filarmonica Giovanile Europea. Christodoulou nel 2012, a cento anni dalla loro prima esecuzione, ha trascritto per orchestra le celebri pagine pianistiche del grande compositore francese. Questi i cinque Préludes dal Secondo libro che verranno eseguiti dalla London Symphony Orchestra: n. 3 “La Puerta del Vino”; n. 6 “General Lavine – excentric”; n. 7 “La Terrasse des Audiences du Claire de Lune”; n. 9 “Hommage à S. Pickwick Esq. P.P.M.P.C.”; n. 12 “Feux d’artifice”.
La mer di Debussy e la Sinfonia n. 2 di Rachmaninov (brani quasi coevi), partiture assai differenti ma entrambe di grande densità, rappresentano due diverse prospettive del Novecento storico: una rivolta all’esplorazione di sconosciute possibilità timbriche orchestrali, l’altra rivolta alla saturazione dell’eredità tardo romantica. Nikos Christodoulou, profondo conoscitore dell’orchestrazione, trascrive il pianismo dei Préludes di Debussy con una pienezza sinfonica che valorizza le differenze tra i due “padri” attraverso il suo intervento interpretativo di “figlio”, rappresentante del nostro tempo. Tutti e tre i compositori, fra l’altro, sono stati attenti e inventivi trascrittori della musica propria e della altrui, elemento che, a posteriori, motiva ulteriormente l’operazione di Christodoulou, intenta a enfatizzare ed esplicitare le finezze armoniche e contrappuntistiche di Debussy.
Altra novità di questa decima edizione di MITO Settembre Musica 2016 è l’introduzione all’ascolto che precederà tutti i concerti con l’obiettivo di offrire un’esperienza musicale inedita, curiosa, capace di coinvolgere il pubblico offrendogli il piacere di una comprensione più profonda. Saranno quindi Stefano Catucci a Torino e Gaia Varon a Milano a presentare i concerti diretti da Noseda, alternandosi per gli appuntamenti successivi con Antonio Valentino a Torino e Mattia Palma a Milano. Per queste due prime serate il pubblico avrà a disposizione anche una vera e propria guida all’ascolto, appositamente realizzata per il Festival da Fabrizio Festa e, solo per La mer di Debussy, da Nicola Campogrande, visualizzabile sui display generalmente usati per i libretti delle opere.
I concerti di MITO Settembre Musica (in totale 160) proseguiranno sino al 22 settembre, riconfermando il desiderio delle due Amministrazioni di offrire a cittadini e turisti un’esperienza musicale di altissima qualità. Il programma del Festival percorre un arco temporale di oltre ottocento anni di musica, in molte occasioni oltrepassando le barriere di genere. Composizioni nuove fanno capolino tra il repertorio barocco; improvvisazioni s’inseriscono tra Schubert e Schumann; Richard Strauss fa spazio alle colonne sonore di Hollywood e al repertorio contemporaneo che ne è erede.
Le città di Torino e Milano hanno congiuntamente deciso di dedicare quest'edizione di MITO a Giorgio Balmas, ideatore di Settembre Musica, nel decimo anniversario della sua scomparsa.
Il Festival MITO Settembre Musica è un’iniziativa delle Città di Milano e Torino, realizzata dalla Fondazione I Pomeriggi Musicali e dalla Fondazione per la Cultura Torino; partner Intesa San Paolo, sponsor Compagnia di San Paolo, Pirelli e Fondazione Fiera di Milano.

Leggi tutto...

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI