Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 28 Marzo 2020

La biblioteca Pier Giorgi…

Mar 09, 2020 Hits:771 Crotone

Recital della violoncelli…

Feb 18, 2020 Hits:1299 Crotone

I gazebo della Lega sul l…

Feb 14, 2020 Hits:1499 Crotone

Al Lucifero celebrata la …

Feb 11, 2020 Hits:1123 Crotone

I premi di Affidato al 70…

Feb 10, 2020 Hits:1186 Crotone

Cerrelli: con la Lega Cro…

Feb 08, 2020 Hits:1212 Crotone

AI Tecnici dell’AKC Greco…

Gen 31, 2020 Hits:1462 Crotone

Barbuto e Corrado (M5S): …

Gen 21, 2020 Hits:1597 Crotone

Il Mezzogiorno arranca e a stento riesce a mantenere il motore di crescita al minimo; il Nord-Est viaggia spedito ai livelli del resto d’Europa, il Centro e il Nord-Ovest si muovono con qualche difficoltà. La ripresa del Meridione ferma a + 0,4% contro + 0,9% della media nazionale e +1,4% di Veneto ed Emilia Romagna. E’ questa la fotografia, scattata dall’Istat, dell’andamento del Pil 2018, nell’Italia ripartita per grandi zone geografiche. A questo punto, noi diciamo, senza mezzi termini, che il Mezzogiorno sconta un gap enorme con il resto del Paese Italia. Pertanto, è necessario che la Politica nazionale crei un sistema di connessione, ovvero, un vero piano per le infrastrutture, dell’Italia, materiali ed immateriali, per ridurre i divari rilevati dall’Istat, creando le basi di uno sviluppo inclusivo. Ad esempio, l’alta velocità deve caratterizzare il Sud, come caratterizza il Nord del Paese. Purtroppo, per il Mezzogiorno si è fatto poco sulle infrastrutture, è stata un’occasione persa. In conclusione, ci auguriamo che la Politica nazionale incerta, su una possibile crescita del Mezzogiorno, si adoperi con decisioni specifiche per risollevare il Sud che cresce meno del resto del Paese.

A nostro modesto avviso, in primis, quello che la politica nazionale deve fare è andare a rovesciare il triste paradigma comune che vede il Mezzogiorno del Paese Italia, un peso e andare invece, nella direzione di considerare il nostro Sud, come una risorsa ineguagliabile, in termini, ad esempio, di turismo, ma, anche, e soprattutto, in ragione delle numerose eccellenze agroalimentari che esso esprime e che sono, anche, un vero e proprio vanto del Made in Italy, in Europa e nel mondo. Purtroppo, dobbiamo dire, senza mezzi termini, che c’è un a questione strutturale che riguarda le regioni meridionali e che non è più accettabile: occorre, invece, agire su queste criticità territoriali che finora non hanno consentito di sfruttare tutte le sue risorse agroalimentari, turistiche e culturali.  Ancora, il “Piano per il Sud” previsto dalla Politica nazionale non può prescindere da misure che favoriscano l’accesso al credito delle aziende agricole e il supporto all’internazionalizzazione. In conclusione, diciamo che un appello, di alta rilevanza, alla politica nazionale, per un concreto rilancio del Mezzogiorno, è stato lanciato dai sindacati Cgil, Cisl e Uil, il 22 giugno scorso, con la marcia di oltre 3mila pugliesi, a Reggio Calabria.

 

A nostro modesto avviso, da un lato, vanno evidenziati i numeri, degli aspetti critici dell’economia del Mezzogiorno, dall’altro lato, va messa sotto osservazione, da parte della Politica nazionale, un’azione straordinaria per far ripartire il Mezzogiorno. In primis, diciamo che l’ultimo Rapporto SVIMEZ ci dà una fotografia economica drammatica del Mezzogiorno, soprattutto, con riferimento all’aumento delle emigrazioni dei giovani intellettuali. Pertanto, vanno via dal Sud giovani istruiti che  trasferiscono  il loro potenziale produttivo in altre regioni (non solo al Nord ma, anche, all’estero). L’inversione di rotta, come peraltro suggerito dalla SVIMEZ- richiederebbe ingenti investimenti pubblici da parte della Politica nazionale, nelle aree meridionali. A questo punto, va detto, senza mezzi termini, che a fronte di un’economia, in caduta libera, l’idea di riproporre un intervento straordinario che richiami l’esperienza della “Cassa per il Mezzogiorno” dovrebbe trovare posto nell’agenda dell’attuale Politica nazionale. Peraltro, va detto, pure, che la riproposizione dell’intervento straordinario nel Mezzogiorno, non è impossibile per ragioni di bilancio: ogni copertura di spesa rinvia ad una scelta, in ordina alle priorità del Governo, così, da essere una questione prevalentemente della Politica nazionale.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI