Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 30 Settembre 2016

Taranto, 50% di tumori in più

Nel primo semestre del 2012 si registra un drastico aumento di ricoveri per patologie tumorali su tutto il territorio della Asl di Taranto, pari a un +50% rispetto al primo semestre del 2011. Questi i dati resi noti dalla responsabile controllo spesa farmaceutica della Asl, Rossella Moscogiuri. Nel corso del congresso della Federazione italiana medici di medicina generale (Fimmg) a Villasimius la funzionaria Asl di Taranto ha anche rilevato che in oncologia si registra inoltre un aumento del 60% di day hospital e del 40% di accessi ambulatoriali.  Gli operai dell'Ilva che da otto giorni protestavano sul Camino E312 e sull'Altoforno 5, a sessanta metri di altezza, hanno sospeso l'agitazione dopo un incontro con il prefetto di Taranto, Claudio Sammartino, avvenuto ai piedi del Camino. "E' stato un incontro molto proficuo - ha detto ai Giornalisti delle Agenzie stampa uno di loro Michelangelo Campo - e il prefetto ha detto che si farà portavoce delle nostre istanze con gli altri organi istituzionali".All'incontro ha partecipato anche il presidente dell'Ilva, Bruno Ferrante. "Il prefetto ci ha detto - ha aggiunto Campo - che si sta facendo di tutto per tutelare sia il diritto alla salute che i livelli occupazionali. La nostra protesta simbolica è stata apprezzata dal prefetto, che ci ha chiamati eroi. Ora possiamo tornare dalle nostre famiglie e speriamo che i problemi si risolvano nel migliore dei modi". "La speranza - ha concluso - è che il nostro gesto serva a sensibilizzare tutti e si abbandonino le divisioni. I soggetti in campo devono sedersi intorno ad un tavolo per trovare la giusta soluzione". Il Senato, con 247 sì e 20 no, approva in via definitiva il decreto sull' Ilva. Il provvedimento che reca disposizioni urgenti per il risanamento ambientale e la riqualificazione del territorio di Taranto, è convertito definitivamente in legge. Solo la Lega vota contro.  Una "cosa scandalosa. Se dovesse accadere che un atto amministrativo fa chiudere la più grande industria siderurgica d'Europa sarebbe come una bomba atomica", commenta il leader Uil, Luigi Angeletti. "Nel mondo, dove già ci considerano come un posto dove forse venire solo in vacanza, diranno che da noi l'attività imprenditoriale non si può fare. Al massimo possono venire qui, comprare le nostre aziende e produrre altrove. E' il peggior spot - dice - che un Paese come il nostro possa fare".  Sulla vicenda dell'Ilva di Taranto, il cardinale Angelo Bagnasco si augura "una soluzione equa". "Seguiamo le cose con attenzione ed auspichiamo veramente la soluzione equa di tutti i problemi" ha detto oggi l'arcivescovo di Genova e presidente della Cei rispondendo a una domanda al termine della visita al Porto Petroli.

Video Promo

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie.

LEGGI